Facebook pixel

Asportazione Calazio

Asportazione Calazio

Un calazio è una piccola cisti, o nodulo, che si sviluppa sulla palpebra.

Di solito è il risultato di un blocco nelle ghiandole di Meibomio. Questo fa arrossare e gonfiare la palpebra. Alla fine, può svilupparsi un nodulo visibile.

I calazi in genere non sono dolorosi e spesso vanno via da soli entro 2-8 settimane. Ma se ne hai uno da diversi mesi o sta iniziando a interferire con la tua vista, il medico potrebbe raccomandare la rimozione chirurgica.

Continua a leggere per saperne di più su come asportare un calazio chirurgicamente.

Asportazione Calazio | Cosa bisogna fare?

Per prima cosa, se sospetti di avere un calazio, o noti un’infiammazione vicino all’occhio o alla palpebra è necessario rivolgersi ad uno specialista in oftamologia. L’oculista può essere ulteriormente specializzato in oculoplastica ossia la chirurgia plastica, ricostruttiva ed estetica, delle palpebre, delle vie lacrimali, dell’orbita e del viso.

  • Richiedi una Consulenza Oculistica

  • Cerca il Chirurgo Oculoplastico più vicino a te

La chirurgia del calazio non è considerata un intervento chirurgico importante, ma comporta l’anestesia.

A seconda delle tue esigenze di salute, dell’età e della storia clinica, potresti ricevere un anestetico locale che colpisce solo la zona degli occhi o un anestetico generale che ti addormenta completamente per la procedura.

Prima dell’Intervento

Prima dell’intervento, assicurati di informare il tuo medico o l’anestesista di eventuali farmaci che stai assumendo, tra cui:

  • farmaci da banco
  • farmaci da prescrizione
  • vitamine e integratori
  • rimedi alle erbe

Assicurati di menzionare anche eventuali condizioni di salute che hai, specialmente se russi o soffri di apnea notturna. Entrambi questi problemi possono aumentare il rischio di alcuni effetti collaterali dell’anestesia.

Anche l’uso di alcol e droghe potrebbe influenzare la tua risposta all’anestesia, quindi è importante essere onesti con il chirurgo riguardo a qualsiasi uso recente di sostanze. Se fumi, si consiglia di evitare di fumare il più possibile prima dell’intervento chirurgico.

Dopo L’Intervento

Dal momento che avrai bisogno di una sorta di anestesia durante la procedura, prendi accordi in anticipo per farti portare a casa da qualcuno. La procedura è un rapido intervento ambulatoriale, quindi nella maggior parte dei casi sarai in grado di tornare a casa lo stesso giorno.

Rimozione Chirurgica del Calazio | Come Funziona?

La chirurgia può essere eseguita in un ospedale, ma alcune cliniche potrebbero eseguirla direttamente in sede. Prima dell’intervento ti verrà somministrata l’anestesia, quindi non sentirai nulla durante la procedura.

Una volta che l’anestesia ha avuto effetto, il chirurgo esegue questi passaggi:

  1. usa un apposito strumento per tenere gli occhi aperti
  2. fa una piccola incisione sulla palpebra esterna (nel caso di un calazio di grandi dimensioni) o sulla palpebra interna (se è più piccolo)
  3. raschia il contenuto del calazio
  4. chiude l’incisione con punti dissolvibili

Se il calazio compare in modo frequente e ripetitivo potrebbe essere indicata una biopsia sul contenuto del calazio per verificare le potenziali cause sottostanti.

Quanto Dura l’Intervento di Rimozione di un Calazio?

La procedura effettiva richiede circa 10 minuti, ma l’intero processo, compresa la preparazione e l’anestesia, richiede circa 45 minuti.

Asportazione del Calazio | Cosa Succede Dopo L’Invervento?

Dopo l’intervento chirurgico, ti verranno prescritti antibiotici. In alcuni casi, potresti anche ricevere una pomata steroidea.

Assicurati di prendere i farmaci prescritti. Gli antibiotici aiuteranno a impedire che il sito venga infettato e gli steroidi possono aiutare a trattare qualsiasi infiammazione che potrebbe comparire dopo l’intervento.

Potresti anche indossare dei cuscinetti per gli occhi o una benda per proteggere l’occhio.

Non allarmarti se noti gonfiore o lividi intorno agli occhi. Il sito chirurgico può anche perdere un liquido rossastro per alcuni giorni. Tutti questo è normale.

Puoi applicare un impacco freddo sugli occhi poche ore dopo l’intervento per ridurre il gonfiore.

Dopo l’intervento chirurgico, ti consigliamo di evitare:

  • strofinare o toccare gli occhi
  • indossare lenti a contatto per una settimana
  • far entrare acqua negli occhi durante la doccia
  • nuotare
  • usare il trucco sugli occhi per un mese

Quanto tempo richiede il recupero?

L’incisione chirurgica dovrebbe guarire in circa 7-10 giorni. Ma è una buona idea evitare qualsiasi attività che potrebbe potenzialmente ferire l’occhio per almeno due settimane.

Mentre ti riprendi, applica calore umido sugli occhi tre volte al giorno per 10 minuti alla volta. Continua a farlo per cinque giorni dopo l’intervento.

Dovrai anche evitare di indossare le lenti a contatto per circa una settimana ed evita di applicare trucco sugli occhi fino a un mese dopo l’intervento.

Ci sono potenziali rischi?

La chirurgia del calazio è una procedura a basso rischio, ma comporta ancora alcuni rischi.

La procedura potrebbe danneggiare le ghiandole responsabili del mantenimento del film lacrimale. Questo è uno dei motivi per cui il medico potrebbe consigliarti di aspettare per vedere se il calazio va via da solo prima di rimuoverlo chirurgicamente.

Altri potenziali rischi includono:

  • lividi
  • sanguinamento
  • infezione

C’è anche una possibilità che il calazio possa riapparire, ma seguire il piano di assistenza post-trattamento consigliato dal tuo medico può ridurre il rischio.

Inoltre, ci sono alcuni rischi associati all’anestesia. Ma gli effetti collaterali comuni, come nausea e mal di gola, sono minori.

Quando ti riprendi, chiama il tuo medico se si verifica uno dei seguenti sintomi:

  • arrossamento e gonfiore che non diminuisce
  • lividi
  • scarica gialla o densa (una scarica leggera e sanguinolenta è normale)
  • aumento del dolore o dolore che non migliora con i farmaci da banco
  • problemi di vista diversi dalla sfocatura temporanea
  • una febbre superiore a 38 ° C
  • Richiedi una Consulenza Oculistica

  • Cerca il Chirurgo Oculoplastico più vicino a te

 

 

Fonti:

Vuoi collaborare all'articolo?

Vuoi apportare il tuo importante contributo all'articolo? Sentiti libero di scrivere il tuo pensiero e ne faremo tesoro.

Diventa uno 'Specialist
Articoli correlati