Che cosa è esattamente il disagio psicologico?

Come si diagnostica un disturbo psicologico?

Definire esattamente cosa costituisce un disturbo psicologico può essere complicato e le definizioni sono cambiate nel tempo.

Il primo problema è che un professionista della salute mentale deve prima decidere esattamente come definire il “disordine”. Come si determina se c’è qualcosa di psicologicamente sbagliato o malsano in una persona? Come decidi cosa è normale e cosa è anormale?

Se dovessi definire il disordine come qualcosa che si trova al di fuori della norma statistica, allora le persone che sono considerate eccezionalmente talentuose o dotate in una particolare area sarebbero considerate anormali. Quindi, piuttosto che concentrarsi su azioni considerate al di fuori del normale statisticamente parlando, gli psicologi tendono a concentrarsi sui risultati di quei comportamenti.

I comportamenti considerati disadattivi e che causano un significativo disagio personale e interrompono il funzionamento quotidiano hanno maggiori probabilità di essere etichettati come disturbi.

Che cos’è un disturbo psicologico?

Un disturbo psicologico è una designazione spesso usata in modo intercambiabile con i termini disturbo mentale, disturbo psichiatrico o malattia mentale.

Il termine “ufficiale” è disturbo mentale, definito nell’ultima edizione del manuale diagnostico dell’American Psychiatric Association , il DSM-5. Definisce un disturbo mentale come:

… una sindrome caratterizzata da un disturbo clinicamente significativo nella regolazione cognitiva, emotiva o comportamentale di un individuo che riflette una disfunzione nel processo psicologico, biologico o di sviluppo sottostante al funzionamento mentale. I disturbi mentali sono solitamente associati a un disagio significativo nel sociale , lavorative o altre attività importanti.

Il DSM-5 rileva inoltre che le risposte attese a un fattore di stress comune come la morte di una persona cara non sono considerate disturbi mentali. Il manuale diagnostico suggerisce anche che i comportamenti spesso considerati in contrasto con le norme sociali non sono considerati disturbi a meno che queste azioni non siano il risultato di qualche disfunzione.

Come vengono diagnosticati i disturbi psicologici?

La classificazione e la diagnosi sono una preoccupazione importante sia per gli operatori di salute mentale che per i clienti della salute mentale. Sebbene non esista una definizione univoca e definitiva dei disturbi mentali, sono emerse alcune diverse classificazioni e criteri diagnostici.

I medici utilizzano il Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali , pubblicato dall’American Psychiatric Association, per determinare se un insieme di sintomi o comportamenti soddisfa i criteri per la diagnosi come disturbo mentale. Viene spesso utilizzata anche la Classificazione internazionale delle malattie, pubblicata dall’Organizzazione mondiale della sanità.

Scopo di ottenere una diagnosi

Mentre alcune persone possono evitare di cercare una diagnosi per paura dello stigma sociale, ottenere una diagnosi è una parte essenziale per trovare un piano di trattamento efficace. Una diagnosi non riguarda l’applicazione di un’etichetta a un problema: si tratta di scoprire soluzioni, cure e informazioni relative al problema.

Chi fa diagnosi | Gli Specialisti

  • psichiatra
  • psicologo
  • neuropsichiatra infantile

Fonti: Verywellmind,

  1. Associazione Psichiatrica Americana. Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali  ( DSM-5 ) .
  2. Istituto Nazionale di Salute Mentale. Malattia Mentale . Aggiornato a febbraio 2019.
  3. Kessler RC, Mcgonagle KA, Zhao S, et al. Prevalenza a vita ea 12 mesi dei disturbi psichiatrici del DSM-III-R negli Stati Uniti. Risultati del National Comorbidity Survey . Arch Gen Psychiatry . 1994;51(1):8-19. doi:10.1001/archpsyc.1994.03950010008002
  4. Kessler RC, Chiu WT, Demler O, Merikangas KR, Walters EE. Prevalenza, gravità e comorbilità dei disturbi del DSM-IV a 12 mesi nella replica del National Comorbidity Survey . Psichiatria Arch Gen. 2005;62(6):617-627. doi:10.1001/archpsyc.62.6.617