Facebook pixel

Curare il Linfoma di Hodgkin con L’Immunoterapia | Videointerviste ai Top Specialist

Curare il Linfoma di Hodgkin con L’Immunoterapia |  Videointerviste ai Top Specialist

L’attore americano Michael C. Hall, celebre per il suo ruolo nella serie televisiva Dexter e’ riuscito a sconfiggere il Linfoma di Hodgkin, con il quale e’ stato diagnosticato nel 2010 e da allora e’ diventato un importante portavoce della Leukaemia and Lymphoma Society e una fonte di ispirazione per altre persone affette da questa malattia. Come tanti altri, anche Nanni Moretti ha vinto la sua battaglia contro questo tumore del sistema linfatico.

Oggi, per fortuna, il Linfoma di Hodgkin puo’ essere curato, soprattuto se viene diagnosticato negli stadi piu’ precoci della malattia. Questo anche grazie ai nuovi progressi della medicina e allo sviluppo di tecniche quali l’immunoterapia e farmaci biologici.

In questo articolo abbiamo scelto i migliori video di alcuni eminenti specialisti di ematologia e immunologia, che ci spiegano i recenti sviluppi della medicina in questo campo.

Ma prima cerchiamo di capire meglio cos’e’ il Linfoma di Hodgkin, quali sono i sintomi e gli esami necessari per una corretta diagnosi.

Cos’e’ il Linfoma di Hodgkin

Il Linfoma di Hodgkin è un tipo di linfoma, ossia un cancro del sangue che inizia nel sistema linfatico.

La Malattia di Hodgkin ha origine nei globuli bianchi, detti anche linfociti, che iniziano a crescere in modo anomalo e si diffondono oltre il sistema linfatico. Mentre la malattia progredisce, per l’organismo diventa sempre piu’ difficile combattere le infezioni e innescare un’adeguata risposta immunitaria Pubmed.

Se vuoi saperne di piu’ su cos’e’ il Linfoma, ti consigliamo questa utile Guida per il Paziente, realizzata dall’ Associazione di Volontariato SANES ONLUS:

Quali sono i sintomi del Linfoma di Hodgkin?

In questo video il Prof. Robin Foà, Direttore della Scuola di Specializzazione in Ematologia dell’Università “Sapienza” di Roma, spiega cosa e’ importante segnalare al proprio medico per ottenere una diagnosi precoce:

La Diagnosi Tardiva di Nanni Moretti

Un giorno cominciai ad avere prurito soprattutto la notte, io la chiamavo orticaria, ma l’orticaria non c’entrava niente

Nel suo film autobiografico “Caro DiarioMedici”, Nanni Moretti racconta del lungo percorso di visite mediche, analisi e prescrizioni errate, che lo ha condotto, alla fine,  alla diagnosi del Linfoma di Hodgkin. Tutto e’ iniziato a partire da alcuni insospettabili sintomi: prurito costante agli arti, sudorazione e dimagrimento. Una cosa l’ho imparata…i medici sanno parlare, ma non sanno ascoltare e ora sono circondato da tutte le inutili medicine che ho dovuto prendere nel corso dell’anno” – conclude Nanni Moretti nel suo film, sottolineando, cosi’ l’importanza di una corretta diagnosi.

Ecco un estratto del film Caro DiarioMedici:

 

In generale, il sintomo più comune del Linfoma di Hodgkin è il gonfiore dei linfonodi, che provoca la formazione di un nodulo sotto la pelle. Questo nodulo di solito non è doloroso. Può formarsi in una o più delle seguenti aree: sul lato del collo, sotto l’ascella o intorno all’inguine.

Altri sintomi del Linfoma comprendono:

  • sudorazioni notturne
  • prurito della pelle
  • febbre
  • fatica
  • perdita di peso involontaria
  • tosse persistente, difficoltà respiratorie, dolore toracico
  • dolore ai linfonodi dopo aver consumato alcol
  • milza ingrossata

Chiama subito il medico se avverti uno di questi sintomi. Possono essere segni di altre patologie ed è importante ottenere una diagnosi accurata.

Come viene diagnosticata la malattia di Hodgkin?

Per diagnosticare il Linfoma di Hodgkin, il medico eseguirà un esame fisico e ti chiederà la tua storia medica. Sara’ necessario anche sottoporsi ad alcuni test per giungere ad una diagnosi corretta. Ecco alcuni esami solitamente necessari per la diagnosi:

  • radiografie o scansioni TAC
  • biopsia dei linfonodi, che comporta la rimozione di un pezzo di tessuto linfonodale per verificare la presenza di cellule anormali
  • esami del sangue, come un emocromo completo, per misurare i livelli di globuli rossi, globuli bianchi e piastrine
  • immunofenotipizzazione per determinare il tipo di cellule del linfoma presenti
  • test di funzionalità polmonare per determinare l’efficacia dei polmoni
  • un ecocardiogramma
  • biopsia del midollo osseo, per vedere se il tumore si è diffuso

Come curare la malattia di Hodgkin?

Attualmente, a seconda dello stadio della malattia, le principali opzioni di trattamento sono la chemioterapia e la radioterapia Pubmed.

La radioterapia utilizza fasci di radiazioni ad alta energia per distruggere le cellule tumorali. La chemioterapia prevede l’uso di farmaci che possono uccidere le cellule tumorali. I farmaci chemioterapici possono essere somministrati per via orale o iniettati attraverso una vena.

Ma grazie ai nuovi progressi scientifici, stanno emergendo terapie innovative e piu’ efficaci per la cura del Linfoma di Hodgkin Pubmed.

In particolare, lo sguardo della comunita’ medica e’ rivolto all’immunoterapia Pubmede al trapianto di cellule staminali Pubmed.  Un trapianto di cellule staminali nel midollo osseo e’ potenzialmente in grado di sostituire le cellule cancerose con quelle sane.

L’Immunoterapia per il Linfoma di Hodgkin

Cos’e’ l’immunoterapia? | Videointervista con il Dott. Massimo Guidoboni, dell’Istituto Scientifico Romagnolo (2018)

L’immunoterapia rappresenta piu’ modalita’ terapeutiche..tese ad utilizzare il sistema immunitario per sconfiggere le cellule tumorali

Intervista al Prof. Carmelo Carlo-Stella del Cancer Center Humanitas, su Nivolumab e altri Anticorpi Anti-PD1 (2018)

Pazienti Refrattari alla Prima Linea di Trattamento o in Ricaduta | Terapia Combinata con Brentuximab e Bendamustina (2015)

Prof. Pier Luigi Zinzani, Istituto Ematologia e Oncologia Medica “Lorenzo e Ariosto Seragnoli”, dell’Università di Bologna parla delle nuove terapie grazie agli anticorpi anti-CD30. La risposta e’ stata positiva per oltre l’80% di pazienti trattati con la terapia combinata brentuximab e bendamustina (farmaco chemioterapico con basso profilo di tossicita’). Un nuovo studio, ora avviato, apre alla possibilita’ di eliminare del tutto i farmaci chemioterapici nella cura del Linfoma di Hodgkin.

Videointervista a Maria Cantonetti, del Policlinico Tor Vergata di Roma sulle opzioni terapeutiche per la cura del Linfoma di Hodgkin (2017):

La prima grande svolta nella cura del Linfoma di Hogkin e’ stato il trattamento chemioterapico ABVD, che offre un profilo di bassa tossicita’ nel lungo termine. Oggi, il trattamento di prima linea (a base di chemio- e radio-terapia) garantisce il 75% di probabilita’ di una remissione completa.  Se la prima linea di trattamento fallisce, si puo’ comunque contare sulle “terapie di salvataggio” o trattamento di seconda linea a base di farmaci chemioterapici piu’ aggressivi.

Il Professore Michele Spina del Centro di Riferimento Oncologico di Aviano: Il Linfoma di Hodgkin Avanzato nei Pazienti Over 60 (2018)

Il Professore Spina parla di un recente studio condotto su un gruppo di pazienti over 60 con Linfoma di Hodgkin trattati con nuovo schema di chemioterapia a base di Brentuximab Vedotin© EBM. E’ stata osservata una remissione completa per oltre il 60% di pazienti!

Le Storie dei Pazienti Hodgkin

    • La storia di Eleonora, linfoma di Hodgkin IV stadio scoperto nel giugno del 2008, curata con autotrapianti di cellule staminali. Leggi la sua storia
    • La storia di Carmelo, un anno e due mesi di terapie: chemio, radio, e un autotrapianto di midollo. Leggi la sua storia

Il Verdetto Finale

Nanni Moretti ce l’ha fatta e come lui tante altre persone affette dal Linfoma di Hodgkin. La vera rivoluzione per la cura del Linfoma di Hodgkin, come anche per altri tipi di tumore, e’ riuscire ad evitare del tutto l’uso della chemioterapia e dei suoi effetti tossici sull’organismo.

La ricerca scientifica si sta gia’ muovendo rapidamente in questa direzione, testando l’efficacia di trattamenti come l’immunoterapia  ebm.

Se tu o qualcuno che conosci e’ affetto dal Linfoma di Hodgkin cerca restare sempre aggiornato sulle ultime novita’ in questo settore della medicina, ascoltando il parere dei massimi esperti di ematologia e immunologia.

Da parte nostra ci impegniamo a fornirti le informazioni piu’ aggiornate, videointerviste agli specialisti e tutte le notizie sui progressi della scienza nel campo dell’immunoterapia!

 

    Vuoi collaborare all'articolo?

    Vuoi apportare il tuo importante contributo all'articolo? Sentiti libero di scrivere il tuo pensiero e ne faremo tesoro.

    Diventa uno 'Specialist
    Articoli correlati