Facebook pixel

Migliori Cure Naturali e Mediche per la Carenza di Ferro | Chi Sono Gli Specialisti del Settore?

Migliori Cure Naturali e Mediche per la Carenza di Ferro | Chi Sono Gli Specialisti del Settore?

…non è solo un caso se lo chiamavano Braccio di Ferro.

Il ferro è un minerale fondamentale per il nostro organismo, poiché, tra le sue funzioni, è indispensabile per la produzione dell’emoglobina, la molecola che trasporta l’ossigeno nel sangue e che, quindi, contribuisce alla respirazione di muscoli, tessuti e organi.

La carenza di ferro comporta, quindi, un drastico rallentamento dell’attività cerebrale, muscolare e tissutale. La conseguenza immediata è la stanchezza, anche senza un motivo apparente.

Carenza di Ferro: Come Ce Ne Accorgiamo?

carenza di ferro, sintomi

I sintomi che possono essere associati a una carenza di ferro sono parecchi. Riportiamo i più frequenti:

  • stanchezza continua
  • fiato corto e tachicardia dopo attività fisica leggera
  • mal di testa
  • vertigini e svenimenti
  • difficoltà di concentrazione
  • pallore in volto
  • estremità fredde
  • amenorrea (mancanza di flusso mestruale)
  • crampi e dolori addominali
  • perdita di capelli e unghie fragili

Anemia da Carenza di Ferro

L’anemia da carenza di ferro si verifica, come possiamo immaginare, quando l’organismo non ha livelli di ferro sufficienti a produrre l’emoglobina. Si tratta di una delle forme più comuni di anemia.  Oggi viene considerata, infatti, una vera e propria epidemia, e il Corriere della Sera ci riporta i numeri in Italia: Anemia da carenza di ferro: «epidemia» che colpisce un miliardo e mezzo di persone.

Viene anche chiamata anemia sideropenica (dal latino sìderos = ferro e penìa = povertà) o anemia marziale.

PubMed

Le Cause dell’Anemia da Carenza di Ferro

Le cause della mancanza di ferro, e quindi, di conseguenza, dell’anemia sideropenica posso essere diverse.

  • Essa può essere la diretta conseguenza di EMORRAGIE E SANGUINAMENTI, sia interni che esterni. I sanguinamenti interni più frequenti riguardano il ciclo mestruale (e questo è il motivo per cui è più frequente riscontrare anemia sideropenica nelle donne in età fertile), ma il sanguinamento può essere anche occulto, come quello dovuto a polipi nel colon, ulcere nello stomaco ecc.
  • GRAVIDANZA E ALLATTAMENTO possono essere condizioni favorevoli allo sviluppo di anemia da carenza di ferro, perché necessitano di un fabbisogno maggiore di ferro per lo sviluppo del feto.
  • Questo tipo di anemia può essere causata anche da uno SCARSO APPORTO DI FERRO DALL’ALIMENTAZIONE, dovuto a una dieta poco variegata e a scarso contenuto di ferro, a diete troppo drastiche o a disturbi del comportamento alimentare.
  • SCARSO ASSORBIMENTO DEL FERRO. In alcuni casi si può semplicemente essere in presenza di un deficit del metabolismo, che non permette di assorbire a sufficienza il ferro dagli alimenti. Questo è il caso, ad esempio, del morbo di Crohn e della celiachia.

Carenza di Ferro: Lo Specialista del Settore

I sintomi più ricorrenti dell’anemia di ferro (che sono quelli della carenza di ferro) sono simili alle altre forme di anemia. Spesso questa condizione può, tuttavia, rimanere asintomatica, o può manifestarsi con sintomi molto lievi (soprattutto pallore, debolezza, vertigini, estremità fredde e unghie fragili).

Dal momento che questi sintomi sono comuni alle altre anemie, non è facile stabilire quale sia il tipo di anemia di cui siamo in presenza. Pertanto, prima di decidere di ricorrere ad  integratori di ferro, è importante rivolgersi ad un ematologo, per essere sicuri che i propri sintomi dipendano effettivamente da una carenza di ferro.

Inoltre, nel caso di una carenza cronica di riserve di ferro, sarebbe corretto rivolgersi ad un medico per indagare eventuali sanguinamenti cronici che, in alcuni casi, potrebbero anche essere la manifestazione di una patologia maligna.

Secondo la Società Americana di Ematologia Società Americana di Ematologia, infatti, le persone non si rendono conto di averla finchè non fanno le opportune analisi del sangue.

  • Prenota una visita dall’ematologo

Le Migliori Cure Per Carenza di Ferro:

Ma veniamo a noi: come si cura la carenza di ferro? Ecco una rapida carrellata delle migliori cure mediche e naturali per contrastare la carenza di ferro.

Le cure per la carenza di ferro dipendono in larga misura da quello che causa la condizione. Quindi è essenziale andare alla fonte, per capire quale sia la soluzione migliore.

#1 Il Giusto Regime Alimentare

carenza di ferro, cure naturali

Molto spesso l’anemia da carenza di ferro è dovuta semplicemente ad un mancato apporto di ferro dal cibo assunto, a causa di una dieta poco variegata. In questo caso, ovviamente, la soluzione sta nel trovare il corretto regime alimentare!

Chiaramente, assumere alimenti ricchi di ferro è un ottimo aiuto anche nei casi in cui la carenza non è dovuta ad una dieta povera di ferro, ma ad altri fattori, come sanguinamenti, anche se non rappresenterà la soluzione definitiva.

LA DIETA

La dieta, lo sappiamo, è personalizzata e va studiata attentamente insieme ad un nutrizionista. Ma gli specialisti del settore ci danno delle indicazioni generiche su come prevenire l’anemia da carenza di ferro, o su come curarla.

Alimenti ad Alto Contenuto di Ferro:

  • Pesce: acciughe, gamberi, orata, sogliola, salmone, merluzzo, branzino, ostriche, cozze, scorfano, stoccafisso, sardine, aringhe, tonno, trota, triglia, sgombro, vongole;
  • Carne: fegato di suino e bovino, carne di cavallo e manzo, pollo, bresaola, agnello, vitello, maiale, prosciutto, speck, salsiccia;
  • Uova
  • Verdura: pomodori secchi, semi di sesamo, funghi, carote, pomodori, zucca, cicoria, spinaci, broccoletti, cavolfiore, peperoni, radicchio, funghi, rucola, prezzemolo, tarassaco;
  • Olio extra vergine d’oliva. olive nere;
  • Legumi: lenticchie, ceci, fave, piselli, fagioli secchi, orzo, lupini, soia;
  • Frutta: arance, kiwi, albicocche, melone, prugne, mandorle, castagne, pistacchi, pinoli, fichi, datteri;
  • Formaggio: pecorino.
  • Frutta secca: noci, mandorle
  • Cereali fortificati al ferro

Per sfruttare al meglio soprattutto il ferro contenuto in quantità minore nei cereali, verdura e frutta, gli specialisti raccomandano di assumerlo in uno stesso pasto associato ad alimenti che aumentano l’assorbimento del ferro.

Alimenti che Aumentano l’Assorbimento del Ferro:

  • Cibi ricchi di Vitamina C, che, acidificando l’ambiente gastrointestinale, agisce riducendo il ferro alla forma ferrosa aumentando la biodisponibilità del minerale con conseguente maggiore utilizzo da parte dell’organismo (es. ribes nero, peperoni gialli, scorza di limone, cavoli e broccoletti, kiwi, crescione, agrumi, cavolfiori, broccoli, lattuga, pomodori Pachino e pomodori secchi, prezzemolo, cetrioli, radicchio).
  • Cisteina, contenuta nella carne e nel pesce che è in grado di fare assorbire 2 o 3 volte di più il ferro non eme presente nelle verdure. Dunque, sarebbe bene accompagnare un secondo di carne con un contorno di verdura.
PubMed

Queste sono le indicazioni di massima, ma per una dieta “su misura”, equilibrata e attenta alle tue esigenze, potresti rivolgerti ad un nutrizionista.

  • Prenota la visita dal nutrizionista 

In questo video, la dottoressa Roberta Rettagliati sintetizza molto bene come individuare una carenza di ferro e come rimediare attraverso l’alimentazione.

 #2 Gli Integratori di Ferro

L’ematologo, in base ai risultati delle analisi, potrebbe decidere sia il caso di curare l’anemia da carenza di ferro con l’aiuto di integratori di ferro.

Ricorda di non automedicarti!

Le raccomandazioni, su questo argomento, non sono mai abbastanza, in quanto sebbene il nostro organismo abbia dei meccanismi di autoregolazione, anche un accumulo di ferro potrebbe essere dannoso.

Il tuo medico potrebbe iniziare il trattamento con dei supplementi di ferro per via orale. Questi integratori sono a tutti gli effetti dei farmaci, e possono causare degli effetti collaterali I più frequenti sono i sintomi dispeptici, ovvero il comune mal di pancia; è comunque controproducente l’utilizzo di gastroprotettori in quanto ridurrebbero l’assorbimento intestinale del ferro stesso.

In questo caso, se avrai effettivamente necessità di un supporto marziale (di ferro), lo step successivo potrà essere un‘infusione di ferro endovena.

#3 Trasfusioni

Ovviamente in questo paragrafo si parla di situazioni ben più gravi della frequente carenza di ferro nella popolazione. D’altra parte non possiamo negare che nel caso in cui i sintomi vengano ignorati per lunghi periodi e il paziente si presenti dal suo medico o in ospedale con un’anemia particolarmente grave, siccome è un fattore di rischio importante per l’infarto, si rende necessario ricorrere direttamente a delle trasfusioni di globuli rossi.

#4 Trattamento delle Cause Sottostanti | Gli Specialisti

La carenza di ferro è una situazione clinica che merita di essere indagata, in quanto le cause possono essere molteplici, spesso banali, ma a volte l’anemia sideropenica può rivelarsi un campanello d’allarme di importanti patologie sottostanti. In questo caso,

 sarà utile arrivare ad una diagnosi per poter trattare queste condizioni.

  • Nel caso in cui la causa sia un ciclo mestruale abbondante, ad esempio, potrebbe essere utile rivolgersi ad un ginecologo , che potrebbe eventualmente consigliare una terapia estroprogestinica (pillola anticoncezionale).
  • La carenza di ferro può essere causata, però, anche da piccoli ma continui sanguinamenti cronici che potrebbero nascondere dei polipi o delle anomalie del tubo digerente, questo è il motivo per cui spesso i medici di famiglia consigliano l’esecuzione dei campioni di sangue occulto fecale. Il ritrovamento di tracce ematiche nelle feci può far sospettare una patologia neoplastica.
  • Le riserve di ferro, però, potrebbero anche essere dovute ad un ridotto assorbimento di questo minerale, se il sospetto clinico si dirige su questa ipotesi sarà corretto indagare patologie gastrointestinali come la celiachia o il morbo di Crohn. Negli ultimi due casi, potrebbe rivelarsi utile rivolgersi ad un gastroenterologo , anche per, se ritenuto clinicamente appropriato, l’eventuale esecuzione di una gastroscopia e/o colonscopia.

 

Se vuoi saperne di più sulle malattie del sangue, sullo stato attuale della ricerca e su come donare, visita il sito fondazione GIMEMA

Il Verdetto Finale

Tutte le recenti linee guida considerano l’anemia un importante fattore di rischio per patologie cardiovascolari (scompenso cardiaco, infarto…) e, considerando anche le possibili cause sottostanti la carenza di ferro, dobbiamo considerare l’anemia una condizione clinica che merita di essere indagata e trattata adeguatamente.

Sarà dunque utile, nel caso le analisi riscontrino questo dato, rivolgersi ad un ematologo.

 

    Vuoi collaborare all'articolo?

    Vuoi apportare il tuo importante contributo all'articolo? Sentiti libero di scrivere il tuo pensiero e ne faremo tesoro.

    Diventa uno 'Specialist
    Articoli correlati