Che cos’è la neuroterapia?

La neuroterapia, chiamata anche neurofeedback ed elettroencefalogramma (EEG), è un trattamento senza farmaci che aiuta le persone a migliorare la loro funzione cerebrale. Si basa sull’idea che puoi alterare consapevolmente il modo in cui funziona il tuo cervello usando le visualizzazioni in tempo reale dell’attività elettrica del tuo cervello (note come onde cerebrali).

Tipi di Neurofeedback

Esistono sette tipi di neuroterapia per il trattamento di varie condizioni:

  • Neurofeedback di frequenza/potenza
  • Neurofeedback potenziale corticale lento (SCP-NF)
  • Sistema di neurofeedback a bassa energia (LENS)
  • Neurofeedback emoencefalografia (HEG)
  • Neurofeedback dal punteggio Z in tempo reale
  • Tomografia elettromagnetica a bassa risoluzione (LORETA)
  • Risonanza magnetica funzionale (fMRI)

Il tipo di neurofeedback raccomandato dipende dalla condizione o dai sintomi che stai cercando di affrontare.

Cosa Succede in una Sessione di Neurofeedback?

Durante una tipica sessione di neuroterapia, ti siederai su una sedia con gli elettrodi sul cuoio capelluto. Questo è completamente indolore. È simile al medico che usa uno stetoscopio per ascoltare il tuo battito cardiaco.

Il tuo terapista ti guiderà attraverso alcune semplici attività mentre l’EEG registra gli impulsi elettrici nel cervello. A seconda del piano di trattamento, potrebbe esserti chiesto di guardare le immagini su uno schermo, giocare a un videogioco o ascoltare musica.

Gli elettrodi forniscono un feedback audio e visivo istantaneo sulla tua attività cerebrale. Se stai guardando le immagini su uno schermo, ad esempio, lo schermo diventerà più luminoso quando il tuo cervello produrrà modelli di onde cerebrali favorevoli. Quando produce modelli di onde cerebrali meno armoniosi, lo schermo si oscura.

Questo feedback istantaneo aiuta il tuo cervello a imparare cosa deve fare per rendere lo schermo più luminoso. Nel tempo, il tuo cervello capisce come sviluppare e sostenere i modelli di onde cerebrali desiderati (e ridurre al minimo la produzione di quelli indesiderati) che mantengono lo schermo luminoso.

Quanto Dura una Sessione di Neurofeedback?

Una sessione di neurofeedback dura in genere tra i 30 ei 60 minuti. La neuroterapia standard di solito prevede da 30 a 40 sessioni. Il numero di sessioni di cui una persona ha bisogno varia, ma è raro che una persona abbia bisogno di più di 40 sessioni.

Le tecniche apprese in neuroterapia possono essere praticate anche quando sei impegnato in normali attività quotidiane al lavoro, a scuola o a casa. Questa pratica ti aiuta ad allenare il tuo cervello a rispondere in modo più sano negli ambienti in cui trascorri la maggior parte del tuo tempo.

Quando può essere utile ricorrere al Neurofeedback?

La neuroterapia affronta la disregolazione cerebrale. Una varietà di condizioni e sintomi sono legati alla disregolazione cerebrale, quindi ci sono molte applicazioni per la neuroterapia o neurofeedback. Alcune delle condizioni più comuni trattate con la neuroterapia includono:

  • Disturbi d’ansia
  • Disturbo da deficit di attenzione/iperattività (ADHD)
  • Disturbi dello spettro autistico (ASD)
  • Disordine bipolare
  • Dolore cronico
  • Depressione
  • Fatica
  • Difficoltà di apprendimento
  • emicranie
  • Disturbo ossessivo-compulsivo (DOC)
  • Disturbo da stress post-traumatico (PTSD)
  • Disordini del sonno

Il neurofeedback può anche fornire una mentalità più chiara, utile per prendere decisioni più positive, come scegliere di astenersi da una sostanza o da un comportamento che crea dipendenza.

Benefici del Neurofeedback

I benefici che puoi ottenere dalla neuroterapia dipendono dal protocollo di trattamento. I benefici comunemente citati includono una maggiore memoria e concentrazione, una diminuzione dell’impulsività e dell’ansia, una migliore chiarezza mentale e un sonno più riposante. La neuroterapia può anche ridurre il desiderio di sostanze che creano dipendenza e fornire sollievo dal desiderio di astinenza .

Ma ci sono diversi vantaggi del neurofeedback che la distinguono da altri trattamenti, tra cui:

  • Non è invasivo . La neuroterapia prevede solo il posizionamento di elettrodi sul cuoio capelluto per monitorare l’attività cerebrale. Gli elettrodi leggono solo ciò che sta accadendo nel tuo cervello. Non trasmettono alcun tipo di segnale al tuo cervello.
  • Fornisce effetti di lunga durata . Una revisione degli studi pubblicati su European Child & Adolescent Psychiatry mostra che gli effetti della neuroterapia durano molto tempo dopo che la formazione stessa si è interrotta, in particolare tra i bambini con ADHD. 4 Poiché il cervello ha imparato a funzionare in modo più efficiente, continuerà a farlo.
  • Non produce effetti collaterali . I farmaci hanno il potenziale per causare effetti collaterali che possono contribuire alla sfida già esistente. La neuroterapia, tuttavia, non produce effetti collaterali noti.

Efficacia del Neurofeedback

La ricerca ha scoperto che il neurofeedback può essere un trattamento efficace per una serie di condizioni.

  • ADHD : la ricerca ha dimostrato che la neuroterapia induce uno stato di attenzione rilassata e funziona in modo simile ai farmaci per l’ADHD. In effetti, l’ American Academy of Pediatrics ha definito la neuroterapia un intervento di “Miglior supporto di livello 1” per l’attenzione e l’iperattività comportamentale, alla pari dei farmaci.
  • Dipendenza : secondo una recensione completa pubblicata nel 2016, il neurofeedback può offrire risultati positivi per le persone dipendenti da cocaina , alcol e giochi per computer . Può anche ridurre il desiderio di cibo.
  • Ansia e depressione : uno studio ha rivelato che dopo 30 sessioni di neuroterapia e allenamento per la variabilità della frequenza cardiaca, il 57% delle persone con grave ansia e il 45% delle persone con grave depressione hanno mostrato una normale attività cerebrale.
  • ASD : alcuni rapporti scientifici suggeriscono che la neuroterapia può migliorare i comportamenti correlati all’ASD come lo stimming, le esplosioni emotive e i comportamenti rituali.
  • Emicranie : in uno studio del 2010, il 62% dei partecipanti che utilizzavano la neuroterapia ha riportato un miglioramento maggiore o totale nelle loro emicranie.
  • Disturbo da stress post – traumatico : uno studio controllato ha mostrato che 24 sessioni di neuroterapia hanno ridotto significativamente i sintomi del disturbo da stress post-traumatico. 11 Altri studi suggeriscono che il neurofeedback migliora il funzionamento esecutivo e riduce l’uso di farmaci. 12 Sono necessarie ulteriori ricerche per confermare questi risultati.

Il neurofeedback può essere utilizzato da solo, ma è più efficace se utilizzato in aggiunta agli approcci terapeutici tradizionali (come la terapia cognitivo comportamentale).

I Limiti del Neurofeedback

Sebbene la neuroterapia possa aiutare a trattare molte condizioni, ci sono anche alcuni svantaggi associati a questo approccio.

  • Costo : è un’opzione di trattamento costosa.
  • Tempo : può richiedere molto tempo.
  • Impegno : potrebbero volerci mesi per lavorare.

Fattori come questi possono rendere la neuroterapia meno attraente di altri metodi di trattamento per alcune persone.

A Chi Rivolgersi

Contatta uno specialista del neurofeedback per avere un parere professionale e decidere se può essere un trattamento utile per te.

  • specialista in neurofeedback
Fonti:
VeryWellMind
  1. Marzbani H, Marateb HR, Mansourian M. Neurofeedback: una revisione completa sulla progettazione del sistema, sulla metodologia e sulle applicazioni cliniche . Clin Neurosci di base . 2016;7(2):143-158. doi:10.15412/J.BCN.03070208
  2. Chapin TJ, Russell-Chapin LA. Neuroterapia e neurofeedback: trattamento basato sul cervello per problemi psicologici e comportamentali . rotta; 2013.
  3. Dehghani-Arani F, Rostami R, Nadali H. Formazione neurofeedback per la dipendenza da oppiacei: miglioramento della salute mentale e del desiderio . Appl Biofeedback psicosociale . 2013;38(2):133-41. doi:10.1007/s10484-013-9218-5
  4. Van Doren J, Arns M, Heinrich H, Vollebregt MA, Strehl U, K Loo S. Effetti prolungati del neurofeedback nell’ADHD: una revisione sistematica e una meta-analisi . Eur Psichiatria infantile e adolescenziale . 2019;28(3):293-305. doi:10.1007/s00787-018-1121-4
  5. Enriquez-Geppert S, Smit D, Pimenta MG, Arns M. Neurofeedback come intervento terapeutico nell’ADHD: prove e pratica attuali . Curr Psychiatry Rep . 2019;21(6). doi:10.1007/s11920-019-1021-4
  6. Accademia americana di pediatria. Interventi psicosociali basati sull’evidenza infantile e adolescenziale . Pubblicato 2020.
  7. Marzbani H, Marateb HR, Mansourian M. Neurofeedback: una revisione completa sulla progettazione del sistema, sulla metodologia e sulle applicazioni cliniche . Clin Neurosci di base . 2016;7(2);143-158. doi:10.15412/J.BCN.03070208
  8. White EK, Groeneveld KM, Tittle RK, et al. Neurofeedback combinato e allenamento sulla variabilità della frequenza cardiaca per individui con sintomi di ansia e depressione: uno studio retrospettivo . Neuroregolazione . 2017;4(1):37-37. doi:10.15540/nr.4.1.37
  9. van Hoogdalem LE, Feijs HME, Bramer WM, Ismail SY, van Dongen JDM. L’efficacia della terapia neurofeedback come trattamento alternativo per i disturbi dello spettro autistico nei bambini: una revisione sistematica . J Psychophysiol . 2021;35(2):102-115. doi:10.1027/0269-8803/a000265
  10. Stokes DA, Lappin MS. Neurofeedback e biofeedback con 37 emicranie: uno studio sui risultati clinici . Funzioni comportamentali e cerebrali . 2010;6(1):9. doi:10.1186/1744-9081-6-9
  11. van der Kolk BA, Hodgdon H, Gapen M, et al. Uno studio controllato randomizzato di neurofeedback per PTSD cronico . PLoS One . 2016;11(12):e0166752. doi:10.1371/journal.pone.0166752
  12. Panisch LS, Hai AH. L’efficacia dell’utilizzo del neurofeedback nel trattamento del disturbo da stress post-traumatico: una revisione sistematica . Trauma Violenza Abuso . 2020;21(3):541-550. doi:10.1177/1524838018781103