Trattare il dolore cronico

Riconoscere che il dolore cronico è un problema è il primo passo per trovare un trattamento. Inizia parlando con il tuo medico dei sintomi del dolore cronico. Insieme puoi identificare la fonte del dolore e elaborare un piano di trattamento completo che tenga conto della tua salute e del tuo stile di vita.

I farmaci da banco e da prescrizione vengono spesso utilizzati per gestire il dolore. Tuttavia, per molte persone, una combinazione di trattamenti è più efficace.

I farmaci possono essere combinati con:

  • Fisioterapia
  • esercizio
  • agopuntura
  • tecniche di rilassamento
  • Assistenza psicologica

Micke Brown, BSN, RN, è il direttore delle comunicazioni per l’American Pain Foundation (APF). Brown ritiene che un trattamento “multimodale” sia l’approccio migliore per gestire il dolore cronico. “Il dolore e il suo trattamento sono complessi e ciò che funziona meglio per uno potrebbe non funzionare per un altro”, afferma Brown. “Il segreto per creare un piano di trattamento del dolore efficace è aggiungere gli ingredienti giusti per trovare la ricetta che funziona per l’individuo.”

Farmaci da banco per il dolore cronico

I tipi più comuni di analgesici da banco sono il paracetamolo (Tylenol) e i farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS). I tipi di FANS includono:

  • aspirina
  • ibuprofene
  • naprossene

Sia il paracetamolo che i FANS possono essere utilizzati con successo per alleviare il dolore lieve. I FANS riducono anche l’infiammazione e il gonfiore.

L’uso a lungo termine di entrambi i tipi di farmaci può avere effetti collaterali potenzialmente gravi. Parla con il tuo medico prima di usare qualsiasi medicinale da banco per il dolore cronico.

Sollievo dal dolore topico

I farmaci orali non sono l’unico tipo di sollievo dal dolore OTC. Sono disponibili anche creme per uso topico. Questi sono spesso usati per alleviare il dolore associato all’artrite e ai dolori muscolari.

Farmaci da prescrizione per il dolore cronico

Alcuni dolori cronici non possono essere controllati con farmaci da banco. In questi casi, il medico potrebbe prescriverle qualcosa di più forte. L’American Chronic Pain Association (ACPA) identifica diverse classi principali di farmaci usati per trattare il dolore cronico. Questi includono:

  • non oppiacei, come l’aspirina, i FANS e il paracetamolo
  • oppioidi, come morfina, codeina, idrocodone e ossicodone
  • analgesici adiuvanti, come alcuni antidepressivi e anticonvulsivanti

Gli antidepressivi influenzano il modo in cui il cervello elabora il dolore. Possono essere molto efficaci nel trattamento di alcuni tipi di dolore. Possono anche migliorare la depressione e l’ansia, che possono indirettamente migliorare i sintomi del dolore cronico aiutando con le tue capacità di coping.

Possibili effetti collaterali

I farmaci possono causare una serie di effetti collaterali spiacevoli, da lievi a gravi. Parla con il tuo medico se manifesti sintomi insoliti. Alcuni di questi includono:

  • edema o gonfiore
  • nausea e vomito
  • diarrea o costipazione
  • difficoltà respiratorie
  • battito cardiaco anormale
  • Impianto chirurgico

Se il dolore cronico non viene alleviato dai farmaci orali, ci sono altre opzioni. Il medico potrebbe voler provare un impianto chirurgico.

Esistono diversi tipi di impianti utilizzati per alleviare il dolore. Le pompe antidolorifiche per infusione possono fornire farmaci direttamente dove necessario, ad esempio al midollo spinale. La stimolazione del midollo spinale può utilizzare l’elettricità per alterare i segnali di dolore inviati al cervello.

Iniezioni di punti trigger

I punti trigger sono un tipo speciale di area dolente all’interno del muscolo. Le iniezioni di un anestetico locale, che può includere anche uno steroide, possono essere utilizzate per alleviare il dolore in queste aree. Non tutti gli adulti hanno punti trigger.

Si trovano più spesso in persone con condizioni specifiche come:

  • fibromialgia
  • dolore pelvico cronico
  • sindrome del dolore miofasciale

Terapie alternative e di stile di vita per il dolore cronico

L’ACPA afferma che le terapie alternative spesso riducono la necessità di farmaci e altre procedure più invasive. Le terapie alternative includono:

  • terapie cognitive
  • terapie comportamentali
  • terapie fisiche

Queste forme di trattamento consentono inoltre alle persone di assumere un ruolo più attivo nella gestione del dolore.

“Il dolore è come la luce dell’olio sul cruscotto del tuo corpo che ti dice che qualcosa ha un disperato bisogno di attenzione”, dice Jacob Teitelbaum, MD , direttore medico dei Centri Fibromialgia e Fatica. “Proprio come la luce dell’olio si spegne quando metti l’olio nella tua auto, il dolore spesso scompare quando dai al tuo corpo ciò di cui ha bisogno.”

Esercizio

L’esercizio fisico regolare e la terapia fisica fanno solitamente parte di qualsiasi piano di gestione del dolore.

Il dottor Teitelbaum ritiene che l’esercizio fisico sia fondamentale per alleviare il dolore. Una grande percentuale di dolore proviene da muscoli tesi. Questi possono essere innescati da un uso eccessivo, infiammazione o altre condizioni.

L’esercizio fisico regolare è importante per il trattamento del dolore cronico perché aiuta:

  • rafforzare i muscoli
  • aumentare la mobilità articolare
  • migliorare il sonno
  • rilascia endorfine
  • ridurre il dolore generale

Rilassamento

Le tecniche di rilassamento sono spesso raccomandate come parte di un piano di trattamento. Aiutano a ridurre lo stress e diminuire la tensione muscolare. Le tecniche di rilassamento includono:

  • meditazione
  • massaggio
  • yoga

Lo yoga ha anche altri benefici per il dolore cronico. Può aiutare a rafforzare i muscoli e migliorare la flessibilità.

Agopuntura e digitopressione

L’agopuntura e la digitopressione sono tipi di medicina tradizionale cinese. Allevia il dolore manipolando i punti chiave del corpo. Ciò spinge il corpo a rilasciare endorfine che possono bloccare la trasmissione al cervello di messaggi di dolore.

Biofeedback

Il biofeedback è un’altra tecnica per la gestione del dolore. Funziona misurando le informazioni sulle caratteristiche fisiche come:

  • tensione muscolare
  • frequenza cardiaca
  • attività cerebrale
  • temperatura della pelle

Il feedback viene utilizzato per migliorare la consapevolezza di un individuo dei cambiamenti fisici associati a stress o dolore. La consapevolezza può aiutare una persona ad allenarsi a gestire il dolore fisico ed emotivo.

TENS

La stimolazione elettrica transcutanea del nervo (TENS) applica una piccola corrente elettrica a nervi specifici. La corrente interrompe i segnali di dolore e innesca il rilascio di endorfine.

Cannabis

Diversi stati hanno leggi che consentono l’uso della cannabis, nota anche come marijuana medica, per alleviare il dolore. Viene anche utilizzato per gestire i sintomi di altre malattie gravi come il cancro e la sclerosi multipla.

Secondo la Mayo Clinic , la cannabis è stata usata per secoli come metodo per alleviare il dolore. Ci sono molte polemiche e disinformazione sull’uso di cannabis. Tuttavia, recenti ricerche hanno reso più persone consapevoli delle proprietà medicinali della pianta. Ora è legale per uso medico in diversi stati degli Stati Uniti.

Parla con il tuo medico prima di usare la cannabis. Non è sicuro per l’uso in tutti i pazienti, né legale per usi medicinali in tutti gli stati.

Il verdetto finale

Esistono molte diverse opzioni di trattamento per il dolore cronico. Parla con il tuo medico dei tuoi sintomi di dolore cronico. Il tuo medico può aiutarti a decidere una combinazione di trattamenti alternativi e medici per gestire i tuoi sintomi.