Che cos’è la psicologia dell’educazione?

La psicologia dell’educazione coinvolge lo studio di come le persone apprendono , compresi i metodi di insegnamento, i processi didattici e le differenze individuali nell’apprendimento. L’obiettivo è capire come le persone apprendono e conservano nuove informazioni.

Questa branca della psicologia coinvolge non solo il processo di apprendimento della prima infanzia e dell’adolescenza, ma include i processi sociali, emotivi e cognitivi che sono coinvolti nell’apprendimento durante l’intera durata della vita.

Il campo della psicologia dell’educazione comprende una serie di altre discipline, tra cui la psicologia dello sviluppo , la psicologia comportamentale e la psicologia cognitiva.

Principali prospettive in psicologia dell’educazione

Come con altre aree della psicologia, i ricercatori all’interno della psicologia dell’educazione tendono ad assumere prospettive diverse quando considerano un problema. Queste prospettive si concentrano su fattori specifici che influenzano il modo in cui una persona apprende, inclusi comportamenti appresi, cognizione, esperienze e altro.

La prospettiva comportamentale

Questa prospettiva suggerisce che tutti i comportamenti vengono appresi attraverso il condizionamento. Gli psicologi che adottano questa prospettiva si affidano fermamente ai principi del condizionamento operante per spiegare come avviene l’apprendimento.

Ad esempio, gli insegnanti potrebbero premiare l’apprendimento dando agli studenti gettoni che possono essere scambiati con oggetti desiderabili come caramelle o giocattoli. La prospettiva comportamentale opera sulla teoria che gli studenti impareranno quando ricompensati per un comportamento “buono” e puniti per un comportamento “cattivo”.

Sebbene tali metodi possano essere utili in alcuni casi, l’approccio comportamentale è stato criticato per non aver tenuto conto di aspetti come atteggiamenti , emozioni e motivazioni intrinseche per l’apprendimento.

La prospettiva evolutiva

Questo si concentra su come i bambini acquisiscono nuove abilità e conoscenze man mano che si sviluppano. Le famose fasi dello sviluppo cognitivo di Jean Piaget sono un esempio di un’importante teoria dello sviluppo che esamina il modo in cui i bambini crescono intellettualmente.

Comprendendo come pensano i bambini nelle diverse fasi dello sviluppo, gli psicologi dell’educazione possono capire meglio di cosa sono capaci i bambini in ogni fase della loro crescita. Questo può aiutare gli educatori a creare metodi e materiali didattici più mirati a determinati gruppi di età.

La prospettiva cognitiva

L’approccio cognitivo è diventato molto più diffuso negli ultimi decenni, principalmente perché spiega come cose come ricordi, credenze, emozioni e motivazioni contribuiscono al processo di apprendimento. 4 Questa teoria supporta l’idea che una persona apprenda come risultato della propria motivazione, non come risultato di ricompense esterne.

La psicologia cognitiva mira a capire come le persone pensano, imparano, ricordano ed elaborano le informazioni.

Gli psicologi dell’educazione che adottano una prospettiva cognitiva sono interessati a capire come i bambini diventano motivati ​​ad apprendere, come ricordano le cose che imparano e come risolvono i problemi, tra le altre cose.

L’approccio costruttivista

Una delle più recenti teorie dell’apprendimento, questa prospettiva si concentra su come costruiamo attivamente la nostra conoscenza del mondo. Il costruttivismo tende a tenere maggiormente conto delle influenze sociali e culturali che influiscono sul modo in cui apprendiamo.

Coloro che adottano l’approccio costruttivista credono che ciò che una persona già conosce sia la più grande influenza sul modo in cui apprendono nuove informazioni. Ciò significa che la nuova conoscenza può essere aggiunta e compresa solo in termini di conoscenza esistente.

Questa prospettiva è fortemente influenzata dal lavoro dello psicologo Lev Vygotsky, che ha proposto idee come la zona di sviluppo prossimale e l’impalcatura didattica.

Prospettiva esperienziale

Questa prospettiva sottolinea che le esperienze di vita di una persona influenzano il modo in cui comprendono le nuove informazioni. Questo metodo è simile alle prospettive costruttivista e cognitiva in quanto prende in considerazione le esperienze, i pensieri e i sentimenti del discente.

Questo metodo consente a qualcuno di trovare un significato personale in ciò che impara invece di sentire che l’informazione non si applica a loro.

Argomenti di interesse

Dai materiali utilizzati dagli insegnanti alle esigenze individuali degli studenti, uno psicologo dell’educazione approfondirà questi temi per comprendere più a fondo il processo di apprendimento. Alcuni di questi argomenti includono:

  • Tecnologia educativa: osservare come i diversi tipi di tecnologia possono aiutare gli studenti ad apprendere
  • Progettazione didattica: progettazione di materiali didattici
  • Educazione speciale: aiutare gli studenti che potrebbero aver bisogno di un’istruzione specializzata 7
  • Sviluppo del curriculum: creazione di corsi che massimizzino l’apprendimento
  • Apprendimento organizzativo: studiare come le persone apprendono in contesti organizzativi
  • Studenti dotati: aiutare gli studenti identificati come studenti dotati

Storia

La psicologia dell’educazione è un sottocampo relativamente giovane che ha registrato un’enorme crescita negli ultimi anni. La psicologia non è emersa come scienza separata fino alla fine del 1800, quindi il precedente interesse per la psicologia dell’educazione è stato ampiamente alimentato dai filosofi dell’educazione.

Molti considerano il filosofo Johann Herbart il padre della psicologia dell’educazione.

Herbart riteneva che l’interesse di uno studente per un argomento avesse un’influenza enorme sul risultato dell’apprendimento. Credeva che gli insegnanti dovrebbero tenerne conto quando decidono quale tipo di istruzione è più appropriato.

Più tardi, lo psicologo e filosofo William James diede un contributo significativo al campo. Il suo testo fondamentale del 1899 “Discorsi agli insegnanti di psicologia” è considerato il primo libro di testo sulla psicologia dell’educazione.

Intorno a questo stesso periodo, lo psicologo francese Alfred Binet stava sviluppando i suoi famosi test del QI. I test sono stati originariamente progettati per aiutare il governo francese a identificare i bambini con ritardi nello sviluppo e creare programmi educativi speciali.

Negli Stati Uniti, John Dewey ha avuto un’influenza significativa sull’istruzione. Le idee di Dewey erano progressiste; credeva che le scuole dovessero concentrarsi sugli studenti piuttosto che sulle materie. Ha sostenuto l’apprendimento attivo, sostenendo che l’esperienza pratica era una parte importante del processo.

Più recentemente, lo psicologo dell’educazione Benjamin Bloom ha sviluppato un’importante tassonomia progettata per categorizzare e descrivere diversi obiettivi educativi. I tre domini di primo livello che ha descritto erano obiettivi di apprendimento cognitivo, affettivo e psicomotorio.

Figure significative

Nel corso della storia, numerose altre figure hanno svolto un ruolo importante nello sviluppo della psicologia dell’educazione. Alcuni di questi personaggi famosi includono:

  • John Locke: Locke è un filosofo inglese che ha suggerito il concetto di tabula rasa , o l’idea che la mente sia essenzialmente una tabula rasa alla nascita. 16 Ciò significa che la conoscenza si sviluppa attraverso l’esperienza e l’apprendimento.
  • Jean Piaget: uno psicologo svizzero noto soprattutto per la sua teoria molto influente dello sviluppo cognitivo, l’influenza di Jean Piaget sulla psicologia dell’educazione è ancora evidente oggi.
  • BF Skinner: Skinner è stato uno psicologo americano che ha introdotto il concetto di condizionamento operante, che influenza le prospettive comportamentiste. 17 La sua ricerca su rinforzo e punizione continua a svolgere un ruolo importante nell’istruzione.

Fonti: VeryWellMind,

  1. Parsonson BS. Strategie di gestione del comportamento in classe basate sull’evidenza . Kairaranga . 2012;13(1):16-20.
  2. Welsh JA, Nix RL, Blair C, Bierman KL, Nelson KE. Lo sviluppo di abilità cognitive e guadagni nella preparazione scolastica accademica per i bambini provenienti da famiglie a basso reddito . J Educ Psychol . 2010;102(1):43-53. doi:10.1037/a0016738
  3. Babakr ZH, Mohamedamin P, teoria dello sviluppo cognitivo di Kakamad K. Piaget: revisione critica . Istituto asiatico di ricerca: recensioni trimestrali sull’istruzione. 2019;2(3). doi:10.31014/aior.1993.02.03.84
  4. Roediger HL III. Applicare la psicologia cognitiva all’educazione . Psicologia Sci Interesse Pubblico . 2013;14(1):1-3. doi:10.1177/1529100612454415
  5. Dennick R. Constructivism: Riflessioni su venticinque anni di insegnamento dell’approccio costruttivista nell’educazione medica . Int J Med Educ . 2016;7:200-205. doi:10.5116/ijme.5763.de11
  6. Binson B, Lev-Wiesel R. Promuovere la crescita personale attraverso l’apprendimento esperienziale: il caso della terapia artistica espressiva per i docenti in Thailandia . Psicologo anteriore. 2018;8. doi:10.3389/fpsyg.2017.02276
  7. Duque E, Gairal R, Molina S, Roca E. Come la psicologia dell’educazione contribuisce alla ricerca con un impatto sociale sull’educazione degli studenti con bisogni speciali: il caso di azioni educative di successo . Psicologo anteriore. 2020;11. doi:10.3389/fpsyg.2020.00439
  8. Barbier K, Donche V, Verschueren K. (sotto) raggiungimento accademico di studenti intellettualmente dotati nella transizione tra l’istruzione primaria e secondaria: una prospettiva individuale dello studente . Psicologo anteriore. 2019;10. doi:10.3389/fpsyg.2019.02533
  9. Associazione Americana di Psicologia. Carriere in psicologia . Pubblicato nel 2008.
  10. Greenfield PM. La psicologia mutevole della cultura dal 1800 al 2000 . Scienza Psicologica. 2013;24(9):1722-1731. doi:10.1177/0956797613479387
  11. Hogan JD, Devonis DC, Thomas RK, et al. Herbart, Johann Friedrich . In: Enciclopedia della storia delle teorie psicologiche . Springer USA; 2012:508-510. doi:10.1007/978-1-4419-0463-8_134
  12. La volontà educativa di credere di Sutinen A. William James . In: Teorie della Bildung e della crescita . SensePublisher; 2012:213-226. doi:10.1007/978-94-6209-031-6_14
  13. Michell J. Alfred Binet e il concetto di ordini eterogenei . Frontiere in psicologia . 2012;3. doi:10.3389/fpsyg.2012.00261
  14. Talebi, K. John Dewey – filosofo e riformatore educativo . Rivista europea di studi sull’educazione. 2015;1(1):1-4.
  15. Anderson, LW Benjamin S. Bloom: la sua vita, le sue opere e la sua eredità  In BJ Zimmerman & DH Schunk (a cura di),  Psicologia dell’educazione: un secolo di contributi . Mahwah, NJ: Lawrence Erlbaum Associates Publishers; 2003:
  16. Androne M. Note sulle opinioni di John Locke sull’educazione . Procedia – Scienze sociali e comportamentali. 2014;137:74-79. doi:10.1016/j.sbspro.2014.05.255
  17. Overskeid G. Abbiamo bisogno dell’ambiente per spiegare il comportamento operante? Frontiere in psicologia . 2018;9. doi:10.3389/fpsyg.2018.00373