Sebbene non sia ufficialmente descritto nel Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali (DSM), è stato suggerito che il disturbo dello shopping compulsivo, noto anche come disturbo dell’acquisto compulsivo, sia un tipo di disturbo del controllo degli impulsi , una dipendenza comportamentale, correlato al disturbo ossessivo-compulsivo (DOC).

Di solito, la dipendenza dallo shopping si manifesta a partire dalla tarda adolescenza e dalla prima età adulta, la dipendenza da shopping spesso si manifesta con altri disturbi, inclusi disturbi dell’umore e d’ansia, disturbi da uso di sostanze , disturbi alimentari, altri disturbi del controllo degli impulsi e disturbi della personalità. 3 Alcune persone sviluppano la dipendenza dallo shopping come un modo per cercare di aumentare la propria autostima , anche se non tende ad essere molto efficace per questo.

Sintomi dello Shopping Compulsivo

Le caratteristiche del disturbo da shopping compulsivo includono:

  • Difficoltà a resistere all’acquisto di articoli non necessari.
  • Difficoltà finanziarie a causa di acquisti incontrollati.
  • Preoccupazione per lo shopping di oggetti non necessari.
  • Problemi al lavoro, a scuola o a casa a causa di acquisti incontrollati.
  • Trascorrere molto tempo a fare ricerche su articoli ambiti e/o acquistare articoli non necessari.

La ricerca ha dimostrato che il comportamento di acquisto compulsivo è spesso accompagnato da depressione, ansia e altre emozioni negative. Le persone affette da disturbo da shopping compulsivo spesso riferiscono una tensione sgradevole che viene alleviata, almeno temporaneamente, dallo shopping.

Nonostante questo sollievo temporaneo, molte persone con disturbo da shopping compulsivo si sentono deluse da se stesse e depresse per la loro apparente mancanza di controllo sul proprio comportamento.

Gli articoli comuni acquistati includono vestiti, scarpe, gioielli e articoli per la casa, come contenitori, piatti, ecc., con molti acquirenti compulsivi incapaci di resistere agli articoli in vendita, in particolare.

La maggior parte delle persone affette da disturbo dello shopping compulsivo preferisce fare acquisti da soli o online piuttosto che sottoporsi a un potenziale imbarazzo facendo acquisti con gli altri.

Sintomi emotivi di una dipendenza da shopping

Come tutti i tossicodipendenti, i dipendenti dallo shopping possono cercare di nascondere la loro dipendenza e, se una persona cara è dipendente dallo shopping, potrebbe provare a nasconderlo a te. Se nascondi gli scontrini delle carte di credito, le buste della spesa o le ricevute, potresti essere un maniaco dello shopping. In alcuni casi, gli amanti dello shopping possono cercare di nascondere la loro dipendenza mentendo su un solo elemento di essa. Ad esempio, una persona può ammettere di essere andata a fare shopping, ma può mentire su quanto ha speso.

Alcuni degli altri sintomi emotivi che potresti notare da un maniaco dello shopping includono quanto segue:

  • Spendere più di quanto possono permettersi
  • Fare shopping come reazione al sentirsi arrabbiati o depressi
  • Fare shopping come un modo per sentirsi meno in colpa per una passata spesa sfrenata
  • Danneggiare le relazioni a causa della spesa o dello shopping troppo
  • Perdere il controllo del comportamento di acquisto

Sintomi fisici di una dipendenza dallo shopping

Sebbene la maggior parte delle dipendenze abbia sintomi fisici ad esse correlati, le dipendenze da shopping potrebbero non esserlo. Nella maggior parte dei casi, i sintomi che avverti a causa della tua dipendenza dallo shopping saranno di natura emotiva. L’evidenza fisica di una dipendenza dallo shopping può includere una situazione finanziaria in declino.

Effetti a breve e lungo termine di una dipendenza dallo shopping

Gli effetti a breve termine di una dipendenza da shopping possono sembrare positivi. In molti casi, potresti sentirti felice dopo aver completato un giro di shopping. Tuttavia, questi sentimenti sono spesso mescolati con ansia o senso di colpa e, nella maggior parte dei casi, il senso di colpa o l’ansia possono spingerti a tornare al negozio per fare ancora più acquisti.

Gli effetti a lungo termine di una dipendenza da shopping possono variare in intensità e portata. Molti dipendenti dallo shopping affrontano problemi finanziari e possono essere sopraffatti dai debiti. In alcuni casi, possono semplicemente massimizzare le loro carte di credito, ma in altri casi possono accendere una seconda ipoteca sulla loro casa o addebitare gli acquisti sulla loro carta di credito aziendale. Se sei dipendente dallo shopping, anche le tue relazioni personali potrebbero risentirne. Potresti finire per divorziare o prendere le distanze dai tuoi genitori, figli o altre persone care.

C’è un test o un’autovalutazione che posso fare?

Se stai ancora cercando di capire se sei un maniaco dello shopping, Shopaholics Anonymous suggerisce di porsi le seguenti domande. Se rispondi “sì” a molte di queste domande, potresti avere una dipendenza. Le domande sono:

  • Fai acquisti quando ti senti arrabbiato o deluso?
  • La spesa eccessiva ha creato problemi nella tua vita?
  • Hai conflitti con i tuoi cari riguardo alla tua necessità di fare acquisti?
  • Durante lo shopping provi sbalzi di euforia o ansia?
  • Dopo lo shopping, ti senti come se avessi appena finito di fare qualcosa di selvaggio o pericoloso?
  • Dopo lo shopping, ti senti mai in colpa o in imbarazzo per quello che hai fatto?
  • Compri spesso cose che non usi o indossi mai?
  • Pensi quasi sempre ai soldi?

Chi è maggiormente colpito dallo shopping compulsivo?

La  ricerca ha anche dimostrato che:

  • Le femmine hanno nove volte più probabilità di essere colpite rispetto ai maschi.
  • La maggior parte dei casi di shopping compulsivo iniziano nella prima età adulta ed è raro per questo disturbo per iniziare dopo 30 anni

Fattori di Rischio per lo Shopping Compulsivo

I problemi con l’umore, come il disturbo depressivo maggiore o un disturbo d’ansia, sono spesso comuni nello shopping compulsivo, così come la presenza di altri disturbi come il pizzicarsi la pelle o il tirarsi i capelli , il disturbo ossessivo-compulsivo, l’abuso di sostanze, i disturbi della personalità o il disturbo da alimentazione incontrollata .

I professionisti della salute mentale che fanno una diagnosi di disturbo da shopping compulsivo devono fare attenzione a distinguere tra shopping compulsivo e spese folli che a volte possono accompagnare la mania nel disturbo bipolare .

Un altro studio ha scoperto che gli acquirenti compulsivi:

  • Avevano uno stato di istruzione inferiore
  • Avevano una bassa autostima
  • Avevano un comportamento più impulsivo
  • Avevano avuto più problemi mentali
  • Aveva più sintomi di DOC
  • Era più probabile che fossero femmine
  • Avevano maggiori probabilità di avere una dipendenza da sostanze come alcol, tabacco o droghe

È interessante notare che questi stessi acquirenti compulsivi avevano cinque volte più probabilità di soddisfare i criteri per il disturbo borderline di personalità  (BPD) rispetto al resto degli acquirenti.

Perchè lo Shopping Compulsivo è simile ad altri tipi di Dipendenza?

Ci sono diverse caratteristiche che la dipendenza dallo shopping condivide con altre dipendenze. Come con altre dipendenze, le persone che fanno acquisti eccessivi si preoccupano di spendere e dedicano tempo e denaro significativi all’attività.

La spesa effettiva è importante per il processo di dipendenza dallo shopping; le vetrine non costituiscono una dipendenza e il modello di dipendenza è in realtà guidato dal processo di spesa. 

Come con altre dipendenze, la dipendenza da shopping è altamente ritualizzata e segue uno schema di pensieri tipicamente avvincente sullo shopping, la pianificazione dei viaggi di shopping e l’atto stesso dello shopping, spesso descritto come piacevole, persino estatico e come fonte di sollievo dai sentimenti negativi. Infine, l’acquirente va in crash, con sentimenti di delusione, in particolare con se stesso.

Gli acquirenti compulsivi usano lo shopping come un modo per sfuggire a sentimenti negativi, come depressione, ansia, noia e rabbia, oltre a pensieri autocritici. Purtroppo la fuga è di breve durata.

Gli articoli acquistati durante uno shopping compulsivo sono spesso semplicemente accumulati inutilizzati, 10  e gli acquirenti compulsivi iniziano quindi a pianificare la prossima spesa follia. La maggior parte acquista da sola, anche se alcuni fanno acquisti con altri a cui piace. Generalmente, porterà all’imbarazzo fare acquisti con persone che non condividono questo tipo di entusiasmo per lo shopping.

Come affrontare la dipendenza dallo shopping

La ricerca indica che circa tre quarti degli acquirenti compulsivi sono disposti ad ammettere che i loro acquisti sono problematici, in particolare nelle aree finanziarie e relazionali. 4 Naturalmente, questo può riflettere la volontà di coloro che partecipano alla ricerca di ammettere di avere questi (o altri) problemi.

Vivere con la dipendenza dallo shopping

È difficile convivere con la dipendenza dallo shopping perché tutti abbiamo bisogno di fare acquisti a volte. I passaggi che puoi eseguire che potrebbero aiutare includono:

  • Trovare modi alternativi di godersi il tempo libero è essenziale per interrompere il ciclo dell’uso dello shopping come un modo per cercare di sentirsi meglio con se stessi.
  • Se qualcun altro nella tua famiglia può assumersi la responsabilità di acquistare beni di prima necessità, come cibo e articoli per la casa, può aiutare a delegare loro la responsabilità, almeno temporaneamente mentre cerchi aiuto.
  • È una buona idea sbarazzarsi delle carte di credito e tenere con sé solo una piccola quantità di contanti di emergenza, in modo da non poter acquistare d’impulso.  
  • Fare acquisti solo con amici o parenti che non spendono compulsivamente è anche una buona idea, in quanto possono aiutarti a frenare la spesa.

Trattamento

Superare qualsiasi dipendenza richiede l’apprendimento di modi alternativi di gestire lo stress e l’angoscia dell’esistenza quotidiana. Questo può essere fatto da solo, ma spesso le persone traggono beneficio dalla consulenza con uno psicologo o dalla psicoterapia. Nel frattempo, c’è molto che puoi fare per ridurre i danni della spesa compulsiva e tenere sotto controllo il comportamento problematico. Sviluppare il proprio piano di spesa può essere un buon primo passo.      

Alcune delle caratteristiche di personalità che si trovano nella personalità “shopaholic” fanno ben sperare per la capacità di essere in grado di sviluppare e rispondere bene a una relazione terapeutica , che è il miglior predittore di successo nel trattamento della dipendenza. Va notato, tuttavia, che sebbene alcuni farmaci mostrino risultati promettenti, i risultati sono contrastanti, quindi non dovrebbero essere considerati un trattamento unico o affidabile. 

Se ritieni di avere una dipendenza dallo shopping, rivolgiti ad uno psicologo o uno psicoterapeuta.

Questo ti consentirà di ottenere aiuto per comprendere le radici emotive della tua dipendenza dallo shopping, oltre a trovare modi per superare la tua tendenza a usare lo shopping per far fronte allo stress.

  • Contatta uno psicologo esperto di shopping compulsivo

Le tue relazioni potrebbero aver sofferto a causa del tuo eccesso di acquisti. Il supporto psicologico può anche aiutarti a fare ammenda e ripristinare la fiducia con coloro che potrebbero essere stati feriti dal tuo comportamento. Potresti anche scoprire che la terapia ti aiuta ad approfondire le tue relazioni portandoti a capire meglio come connetterti con altre persone in modi che non ruotano attorno al denaro.

A seconda di quanto sia grave la tua dipendenza dallo shopping, potresti anche trovare utile ottenere una consulenza finanziaria, in particolare se hai accumulato debiti spendendo più di quanto guadagni.

Potresti fissare un appuntamento con un consulente finanziario o un consulente della tua banca per discutere le opzioni per limitare il tuo accesso alla spesa facile, per esplorare strategie per estinguere debiti e spese bancarie e per mettere denaro in conti di risparmio meno accessibili come un modo per interrompendo il facile accesso al denaro che tende ad alimentare la dipendenza.

Conclusione

La dipendenza dallo shopping è una dipendenza comportamentale che implica l’acquisto compulsivo come un modo per sentirsi bene ed evitare sentimenti negativi, come ansia e depressione. Come altre dipendenze comportamentali, la dipendenza dallo shopping può diventare una preoccupazione che porta a problemi in altre aree della tua vita. La dipendenza dallo shopping può essere angosciante come qualsiasi altra dipendenza, ma grazie ad un supporto psicologico adeguato è possibile uscire dal circologo vizioso della dipendenza dallo shopping. 

 

Fonti:

  1. Zhang C, Brook JS, Leukefeld CG, De la rosa M, Brook DW. Acquisto compulsivo e qualità della vita: una stima del costo monetario dell’acquisto compulsivo tra gli adulti nella prima metà della vita . Psichiatria Ris . 2017;(252):208-214. doi:10.1016/j.psychres.2017.03.00
  2. Aboujaoude E. Disturbo da acquisto compulsivo: una revisione e un aggiornamento . Curr Pharm Des . 2014;(20)25:4021-5. doi:10.2174/13816128113199990618
  3. Lejoyeux M, Richoux-benhaim C, Betizeau A, Lequen V, Lohnhardt H. Atteggiamento al denaro, autostima e acquisto compulsivo in una popolazione di studenti di medicina . Psichiatria Frontale . 2011;(2):13. doi:10.3389/fpsyt.2011.00013
  4. Lejoyeux M, Richoux-benhaim C, Betizeau A, Lequen V, Lohnhardt H. Atteggiamento al denaro, autostima e acquisto compulsivo in una popolazione di studenti di medicina . Psichiatria Frontale . 2011;(2):13. doi:10.3389/fpsyt.2011.00013
  5. Nicoli de mattos C, Kim HS, Requião MG, et al. Differenze di genere nel disturbo da acquisto compulsivo: valutazione delle comorbilità demografiche e psichiatriche . PLoS UNO. 2016;(11)12:e0167365. doi:10.1371/journal.pone.0167365
  6. Maraz A, Van den Brink W, Demetrovics Z. Prevalenza e validità di costrutto del disturbo d’acquisto compulsivo nei visitatori dei centri commerciali . Psichiatria Ris . 2015;(228)3:918-24. doi:10.1016/j.psychres.2015.04.012
  7. Hague B, Hall J, Kellett S. Trattamenti per l’acquisto compulsivo: una revisione sistematica della qualità, dell’efficacia e della progressione delle prove dei risultati . J Behav Addict . 2016;(5)3:379-94. doi:10.1556/2006.5.2016.064