Facebook pixel

Tecniche Mediche Per il Trattamento del Grasso Localizzato | I Migliori Video 2020

Tecniche Mediche Per il Trattamento del Grasso Localizzato | I Migliori Video 2020

Una vita salutare, che include equilibrato regime alimentare e quotidiana attività sportiva, restano sempre i piani d’azione di prima linea, quando si tratta di dimagrire.

Tuttavia è anche vero che, a volte, il grasso localizzato può resistere anche alle diete e allo sport.

La ricerca scientifica, anche in questo caso, ha fatto passi da gigante, venendo incontro a (quasi) tutti i nostri desideri. Diverse sono, infatti, le tecniche mediche per trattare il grasso localizzato, e vanno da quelle meno o per niente invasive a quelle chirurgiche (le più invasive) PubMed.

Facciamo una rapida carrellata di questi trattamenti!

Grasso Localizzato | A Chi Bisogna Rivolgersi?

Il primo step da fare, prima di capire quale tecnica medica per eliminare il grasso localizzato sia più adatta a noi, è ascoltare il parere di uno specialista.

  • Prenota una visita dal chirurgo estetico

Lo specialista in questione è il chirurgo estetico. Dal momento che questa persona ci consiglierà (e in molti casi sarà egli stesso a metterla in pratica) una tecnica di intervento più o meno invasiva, è necessario che sia un medico di comprovata esperienza in ambito di chirurgia plastica ed estetica, e che ci sappia dire, in modo trasparente ed onesto, se e quanto il trattamento che ci sta proponendo sarà efficace per la nostra problematica, e anche quante sedute sarà necessario fare.

#Criolipolisi: Un Trattamento Non Invasivo Per il Grasso Localizzato

La Criolipolisi, chiamata anche “CoolSculpting”, è una procedura medica che aiuta a sbarazzarsi delle cellule di grasso in eccesso sotto la pelle. Essendo una procedura non chirurgica, è una delle scelte d’elezione, oggi, da parte di medici e pazienti che non hanno nessuna intenzione di “andare sotto i ferri”.

Come avviene la procedura?

Durante questa procedura, un chirurgo plastico utilizza un macchinario speciale per raffreddare determinate parti del corpo alla temperatura di congelamento. La procedura congela e uccide le cellule adipose nella parte del corpo che stai trattando: il grasso sottoposto a una temperatura di -10/12° va incontro a una “degenerazione delle cellule adipose”, chiamata apoptosi.

A seconda della zona da trattare, il tempo di trattamento va dai 35 minuti ai 60 minuti.

Dopo 48-72 ore si avvia un processo di cristallizzazione, quindi di infiammazione, che porta già alla degenerazione, ovvero alla “morte programmata” delle cellule. Le cellule adipose nell’arco di tre mesi verranno eliminate dalla zona e dal nostro corpo attraverso i normali processi fisiologici (bile,urine).

La Food and Drug Administrarion statunitense ha certificato il CoolSculpting come trattamento medico sicuro. Come la sicurezza, anche l’efficacia di questo trattamento è stata ampiamente dimostrataPubMed.

La Criolipolisi ha molti vantaggi rispetto alla liposuzione tradizionale. Il trattamento, per iniziare, non è chirurgico, è non invasivo e non richiede tempi di recupero. Non c’è bisogno di alcun ricovero. Ed è efficace nel ridurre fino al 20-25% le cellule di grasso in una determinata area di trattamento, come attesta anche la famosa rivista medica scientifica Mayo Clinic.

eliminazione grasso localizzato, criolipolisi

Zone d’applicazione

La criolipolisi è particolarmente indicata per le adiposità localizzate su addome, fianchi, braccia, interno e parte esterna delle cosce, ginocchia e schiena.

Chi sono i candidati migliori?

Non è un trattamento per dimagrire, ma per scolpire una determinata zona. Meglio, quindi, se si abbia già fatto una dieta, e non si riesce semplicemente a togliere il grasso in una zona localizzata.

Pazienti non adatti a un trattamento di questo tipo sono anche donne in gravidanza o in periodo di allattamento, la criolipolisi può essere valutata solo successivamente. Anche i soggetti con patologie epatiche non posso sottoporsi alla criolipolisi, in quanto i residui di grasso richiedono il giusto funzionamento del fegato.

Guarda Come Avviene una Seduta di Criolipolisi | Il Video Completo

#Cavitazione Ultrasonica Per il Grasso Localizzato

Le zone di grasso localizzato possono essere trattate, sempre in maniera non chirurgica, anche attraverso la cavitazione basata sull’emissione di ultrasuoni.

Come funziona la procedura?

Come nel caso della criolipolisi, si applica un macchinario alla zona del corpo da trattare. Questa apparecchiatura agisce attraverso dei manipoli, disposti sulla zona da trattare, che generano ultrasuoni a frequenze ben definite, che raggiungono il tessuto adiposo sottocutaneo. Gli ultrasuoni così erogati sono in grado di provocare variazioni di pressione e di temperatura nel fluido interstiziale presente fra gli adipociti. L’effetto è quello di fare implodere le cellule adipose, disgregandole in modo graduale e indolore.

Viene messo un apposito gel sulla cute nella zona da trattare, per proteggere la pelle. Gli ultrasuoni, estremamente precisi, scaldano selettivamente la zona da trattare, andando quindi ad agire solo a livello del grasso.

I primi risultati sono apprezzabili a un mese dal trattamento, quelli definitivi si vedono dopo due mesi e mezzo: si deve dare del tempo al grasso di “morire”.

Il medico indicherà il numero approssimativo di sedute di cavitazione da realizzare e se sarà necessario associarle ad altri tipi di trattamenti per potenziarne i risultati.

La clinica MedicalSpa  commenta che a seconda delle esigenze di ogni paziente, la cavitazione può essere associata alla Carbossiterapia, alla Mesoterapia ed al Drenaggio Linfatico.

Ad ogni modo, Sono consigliabili dalle 6 alle 12 sessioni per ottenere risultati soddisfacenti, con intervalli di 10-15 giorni tra una e l’altra.

cavitazione per rimuovere grasso localizzato

Zone d’applicazione

Le parti più trattate sono quelle con adiposità localizzate: addome, glutei, sottoglutei, cosce e fianchi. Il grasso sull’addome, in genere, risponde meglio al trattamento rispetto a quello delle cosce, dove la presenza di cellulite può rendere la zona più difficile da trattare.

Controindicazioni

Solitamente, il medico sconsiglia di procedere con questo trattamento alle donne in gravidanza o allattamento, a pazienti diabetici; affetti da patologie epatiche; affetti da patologie cardiovascolari; a pazienti con lipomi.

Cavitazione Con Ultrasuoni | Il Video Che Ci Mostra Come Funziona

#Liposuzione Non Invasiva Tramite Laser

Ancora una tecnica per combattere il grasso localizzato che non utilizza la chirurgia, per tutti colore che non hanno nessuna voglia di “finire sotto i ferri”. La tecnica si chiama “laserlipolisi non invasiva”.

Come funziona?

Si tratta di un metodo rivoluzionario che prevede una speciali apparecchiatura laser che colpisce, attraverso dei manipoli che vengono posizionate sulla zona da trattare, in modo selettivo le cellule di grasso, risparmiando gli altri tessuti. Il calore non lascia un rilassamento cutaneo, anzi migliora la lassità cutanea.

Il laser selettivo riscalda queste cellule al punto di “frantumarle”. La procedura è sicura ed efficace PubMed e dura, in tutto, circa 20 minuti. La totalità dei pazienti non avverte praticamente nulla durante il trattamento se non una leggera sensazione di calore al contatto degli applicatori sulla cute.

La Laserlipolisi viene svolta in sede ambulatoriale e non ci sono dei veri tempi di recupero perché il paziente, una volta terminato il trattamento, potrà tornare a svolgere ogni regolare attività.

laser non chirurgico per rimuovere grasso localizzato

Zone trattate

Un ciclo di lipolaser si può effettuare su cosce, fianchi, glutei, braccia, addome o mento

Quando è indicata?

Questa tecnica è indicata in tutti i soggetti che desiderano correggere i moderati eccessi di tessuto adiposo, ma che non sono in sovrappeso. Come per le altre tecniche, quindi, non siamo in presenza di una soluzione per dimagrire. Inoltre, la laserlipolisi è indicata per stimolare la retrazione cutanea della pelle che con il passare del tempo ha perso tono ed elasticità, e questo è il vero punto forte di questa tecnica, a differenza di molte altre che, invece, come abbiamo visto, sono controindicate per persone che presentano una certa lassità cutanea.

#LIPOSUZIONE | Tutte le Varianti della Tecnica Più Utilizzata al Mondo

E veniamo alla cara vecchia liposuzione, la chirurgia classica per eliminare il grasso.

 Si trova al secondo posto nella classifica degli interventi di chirurgia estetica più eseguiti nel mondo

E l’Italia non è da meno, trovandosi al quinto posto nella classifica dei paesi in cui questo intervento è stato maggiormente realizzato, come documenta questo report, realizzato dall’ISAPSla Società Internazionale di Chirurgia Plastica Estetica, nel 2016.

Chi è candidato alla liposuzione?

Anche in questo caso, non parliamo di una tecnica che serve a dimagrire. Utilizzando la definizione dell’ISAPS, la liposuzione è un intervento chirurgico che serve a modellare i contorni del corpo e del viso, eliminando i depositi del tessuto adiposo localizzati e indesiderati. Per questo motivo viene consigliata a persone normopeso che abbiano già intrapreso un percorso di dimagrimento attraverso una buona dieta alimentare e un buon regime di attività fisica, per poter intervenire su quelle zone congenite dove l’adipe non riesce a essere smaltito in maniera naturale.

In ogni caso, sarà lo specialista che, dopo la visita, dovrà decidere se la tecnica va bene per voi, illustrare i rischi specifici, gli esami da eseguire pre-intervento, la dinamica dell’intervento, la tipologia di anestesia,  il recupero post intervento e cicatrizzazione, i tempi di raggiungimento del risultato finale.

Come avviene la procedura?

La tecnica, che deve essere eseguita da un medico chirurgo, prevede una cannula di aspirazione che, frantumando i cuscinetti adiposi, viene utilizzata per “risucchiare” il grasso in eccesso. Per inserire queste cannule, vengono fatte delle incisioni di circa 5-6 mm. L’intervento può essere eseguito in anestesia generale o anestesia locale con sedazione.

Nonostante sia un intervento chirurgico invasivo, solitamente viene eseguito in regime ambulatoriale. Chiaramente spetterà al medico decidere, in base alla zona da trattare e alla quantità di grasso da aspirare, se l’intervento potrà essere effettuato in day-hospital o se sarà necessario un periodo di ricovero post-operatorio.

La durata della procedura può variare a seconda della zona del corpo, ma solitamente si aggira tra 1 e 2 ore.

Attualmente, esistono diverse tecniche per la liposuzione, da quella ultrasonica alla laser assistita. Nei prossimi paragrafi, le vedremo una ad una.

Ad ogni modo, il chirurgo vi indicherà quale tecnica sarà più adatta al vostro caso.

liposuzione per rimuovere il grasso localizzato

Liposuzione tumescente: la tecnica più sicura

Oggi la tecnica di liposuzione tumescente è quella considerata più sicura, poichè minimizza le perdite di sangue. Questa tecnica, chiamata anche “super-wet”, consiste nell’aspirazione del grasso dopo aver infiltrato i tessuti da trattare con una soluzione con anestetico locale e adrenalina proprio per ridurre il sanguinamento e il dolore peri e postoperatorio.

Anche se tende a richiedere più tempo rispetto ad altre tecniche – da 30 minuti (mento e ginocchio) a 4-5 ore (per la maggior parte delle aree interessate) – la liposuzione con tecnica tumescente ha il vantaggio di ridurre il rischio di emorragie durante l’intervento ed il gonfiore, i lividi e il dolore post-operatori.

Zone solitamente trattate

Le aree che si trattano più frequentemente con la liposuzione sono il mento, il collo, la parte superiore delle braccia, il torace superiore, l’addome, i glutei, le cosce i polpacci e le caviglie.

Guarda il Video di un intervento di liposuzione

#Liposuzione Laser Assistita (LAL)

Come abbiamo accennato, le tecniche di liposuzione oggi sono tante, e a seconda del caso, il medico individua quella più adeguata. Una particolare tecnica di liposuzione è la “Laserlipolisi”, che però, a differenza della liposuzione classica, viene classificata come una procedura chirurgica minore.

Come avviene la procedura?

Il chirurgo dovrà effettuare una piccola incisione e l’area da trattare sarà intorpidita dall’anestetico locale. Dato che il paziente è sveglio per l’intera durata della procedura di laserlipolisi, ci sono meno rischi coinvolti rispetto alla liposuzione tradizionale.

Attraverso una piccola incisione sulla pelle, viene introdotta una sottile cannula che contiene una fibra ottica che produce una energia laser localizzata e diretta sul tessuto, raggiungendo le cellule adipose. Il medico definisce l’area da trattare attraverso una luce laser di guida che permette di osservare gli strati più interni della pelle.

Attraverso il calore, le cellule di grasso vengono sciolte, tramutate quindi in forma liquida. Il grasso semiliquido può essere estratto con facilità oppure viene metabolizzato ed espulso naturalmente dall’organismo.

Il Video Che Ti Mostra Come Viene Sciolto Il Grasso Nella LaserLipolisi

La lunghezza d’onda del laser permette da un lato lo scioglimento del grasso, dall’altro la coagulazione dei vasi sanguigni (riducendo i tempi di recupero da parte del paziente) ma soprattutto, per il riscaldamento termico, determina un riadattamento della cute sulla nuova forma che si dà alla paziente. Quindi, a differenza delle altre tecniche, questa ha il doppio vantaggio di migliorare anche l’elasticità della pelle.

liposuzione laser assistita per rimuovere il grasso localizzato

Chi sono i candidati migliori?

Nonostante questa tecnica migliori l’elasticità della pelle, sarò comunque tanto più efficace se la pelle risulta già elastica, quindi questo tipo di intervento funziona meglio in pazienti non troppo anziani, poichè l’età inibisce la corretta rigenerazione dei tessuti. Anche in questo caso, inoltre, l’intervento deve essere usato per le adiposità che non riescono ad essere eliminate con dieta e sport. Quindi, in caso di obesità, bisogna prima ricorrere ai ripari tradizionali, e solo quando quasi tutti i chili di troppo sono stati eliminati, si può ricorrere alla laserlipolisi.

LaserLipolisi Mostrata Minuto Per Minuto | Il Video

# Liposuzione Assistita ad Ultrasuoni (UAL)

Ecco un’altra tecnica di liposuzione. La liposuzione ad ultrasuoni può essere quindi eseguita solo ed esclusivamente da professionisti del settore che dovranno, tramite dei macchinari specifici, prima sciogliere il grasso dall’esterno, tramite lo sfruttamento degli ultrasuoni, e successivamente aspirare lo stesso grasso.

Come funziona?

La UAL è una tecnica relativamente recente che utilizza l’energia degli ultrasuoni per liquefare il grasso e poi aspirarlo. Il grasso liquido rimane di più semplice rimozione per i chirurgo. Una sonda di metallo viene inserita, attraverso una minima incisione, nel grasso sottocutaneo per fornire energia ad ultrasuoni e calore.

Vantaggi

Si tratta di una versione di liposuzione molto più precisa e selettiva, che causa meno gonfiore e meno lividi, e prevede anche un post-operatorio molto più semplice. Inoltre si ottiene anche un effetto-lifting delle aree trattate, mentre uno dei rischi della liposuzione classica potrebbe essere che la pelle crolli quando si va a svuotare certe zone.

Quando si esegue

La liposuzione assistita a ultrasuoni è la variante d’elezione per le zone molto grandi da trattare e per le zone più fibrose. Ad intervento ripetuto l’aspirazione è ancora più efficace.

Con questa procedura aumenta il rischio per danni interni sui nervi o bruciature interne.

Liposuzione Vaser

Una variante della UAL è la liposuzione Vaser, in cui si usano ancora una volta gli ultrasuoni per stimolare l’attività di produzione del collagene e dell’ elastina. Gli ultrasuoni inoltre migliorano la rottura e la rimozione del grasso.

Guarda il Video in cui il  Dr Marco Moraci ci spiega come funziona la Liposuzione Vaser

#Liposuzione Power-Assistita (PAL)

Fra le diverse varianti della liposuzione più recente, c’è anche la PAL, Liposuzione  Power-Assistita, la quale unisce la tecnica tumescente all’utilizzo di speciali cannule dotate di un movimento meccanico che assiste, appunto, il chirurgo nell’operazione.

Come Funziona?

Come avviene per la tecnica di liposuzione tumescente, il chirurgo effettua delle infiltrazioni con un anestetizzante, un vasocostrittore e una soluzione fisiologica (fluidificante) nelle aree da trattare. Successivamente vengono praticati i fori di ingresso della cannula, si tratta di incisioni di circa 2 millimetri in prossimità dei solchi cutanei in modo da renderle successivamente invisibili. La cannula viene inserita sotto cute e con le sue vibrazioni disgrega gli adipociti che vengono successivamente aspirati. La rivoluzione è che, in questo caso, le cannule inserite sono dotate di uno speciale movimento automatico che coadiuva il chirurgo nella frantumazione del tessuto adiposo in eccesso.

Le cannule utilizzate durante la PAL, quindi, da un lato sono collegate al sistema di aspirazione e dall’altro al meccanismo elettrico che induce loro il movimento

Sono necessarie da una a tre ore. 

Vantaggi

L’obiettivo principale della PAL è quello di preservare i tessuti (i movimenti della cannula nella liposuzione tradizionale li danneggerebbero prolungando i tempi di recupero) e rendere più precisa la liposuzione (eliminando la parte maggiormente faticosa che consiste proprio nei movimenti della cannula impressi con forza fisica dal chirurgo).

La procedura permette, inoltre, di aspirare maggiori quantità di grasso in tempi minori. Ancora, riduce  l’insorgere di ecchimosi ed edema rendendo meno doloroso il post operatorio e accorciando i tempi di recupero.

i sostenitori dicono che chi esegue un liposuzione in questo modo avrà un risultato finale più uniforme o almeno diminuisce gli irregolarità visibili.

#Microliposuzione

Un’altra modalità di intervenire chirurgicamente attraverso la liposuzione è rappresentata dalla microliposuzione.

A differenza della liposuzione classica, si tratta di una tecnica poco invasiva e veloce, utilizzata per i piccoli accumuli di grasso.

Come funziona?

La microliposuzione, essendo un intervento chirurgico poco invasivo, viene eseguito in ambulatorio, attraverso anestesia locale. Dopo l’intervento si può tornare a casa, perché non è richiesto il ricovero.

La procedura prevede mini cannule che aspirano le cellule adipose che formano l’inestetismo. Gli accessi per fare entrare la cannula non necessitano di punti di sutura. Il paziente potrà riprendere tutte le normali attività quotidiane solo dopo 48 ore. Mentre l’attività fisica leggera sarà sospesa per 15 giorni, e quella pesante per 30.

microliposuzione per ridurre il grasso localizzato

Zone solitamente trattate

Questo tipo di trattamento è l’ideale per gli inestetismi di modesta entità. Le zone solitamente trattate sono addome, fianchi, glutei, ginocchia, viso, mento, collo, braccia, caviglie. 

Il Video che ti mostra come funziona la microliposuzione chirurgica

# Liposuzione con Bodytite

La liposuzione con Bodytite si riferisce alla liposuzione che si applica attraverso radiofrequenza.  è un intervento di chirurgia estetica che consente di eliminare l’adipe in eccesso (accumuli adiposi localizzati) anche nei casi di lassità cutanea o cute poco elastica.

Come funziona?

Durante l’intervento, che può essere anche effettuato in ambulatorio, attraverso una cannula per aspirazione, introdotta al di sotto della cute, grazie alle onde di radio frequenza bipolare si agisce direttamente sul grasso localizzato e, con un manipolo integrato, si ricompatta esternamente il tessuto cutaneo su cui si sta lavorando.

ha una durata media dai 60 ai 180 minuti in regime di day hospital, a seconda dell’entità del grasso da aspirare e del rimodellamento da effettuare.

Il post operatorio è moderatamente fastidioso nei primi giorni, ma rapidamente si possono riprendere le normali attività quotidiane, non essendoci incisioni chirurgiche. Una guaina compressiva deve essere indossata per circa 20/30 giorni dopo l’intervento. L’attività fisica può essere ripresa generalmente dopo un mese.

Zone del corpo e tipi di intervento

Favorendo lo skin tigthening, il BodyTite è consigliato per:

  • liposuzione e tonificazione addome e girovita
  • liposuzione, rimodellamento e tonificazione dei glutei
  • liposuzione e tonificazione dell’area interna, laterale e posteriore della coscia
  • liposuzione e tonificazione della parte superiore delle braccia
  • lifting mininvasivo del collo, eliminazione grasso in eccesso e tonificazione lassità cutanea del collo
  • mini-lifting dei distretti facciali, contro la lassità cutanea del contorno mandibolare

Per chi è indicato?

I pazienti ideali per questo trattamento sono coloro che, anche più avanti con l’età e che non hanno le indicazioni necessarie per essere sottoposti ad un intervento di liposuzione tradizionale, data la poca retroazione cutanea ottenibile, soffrono di pelle in eccesso e quindi di rilassamento cutaneo. Si tratta, quindi, di un intervento utile in tutti i casi di pelle non elastica, scarsa retrazione cutanea, lassità cutanea.

Il Dr Cravero ci spiega, passo dopo passo, come avviene il BodyTite

Il Verdetto Finale

In questo articolo non abbiamo parlato di metodi per dimagrire, ma di trattamenti medici specifici per eliminare il grasso localizzato, ed è importante capirne la differenza!

Il grasso localizzato è quello che si accumula in alcune zone specifiche del corpo e che, a volte, resiste anche alla dieta e sport. Quindi, se sei una persona che conduce una vita sana, segue un buon regime alimentare e pratica regolare attività fisica, allora potresti essere un buon candidato per una di queste tecniche volte ad eliminare proprio quel rotolino che non riesci a sconfiggere!

Altrimenti, il consiglio è:

Prima di tutto segui una buona dieta ed inizia a praticare sport…dopo se ne riparlerà!

 

 

    Vuoi collaborare all'articolo?

    Vuoi apportare il tuo importante contributo all'articolo? Sentiti libero di scrivere il tuo pensiero e ne faremo tesoro.

    Diventa uno 'Specialist
    Articoli correlati