Come vengono utilizzati gli inventari di autovalutazione in psicologia

Un inventario self-report è un tipo di test psicologico spesso utilizzato nella valutazione della personalità. Questo tipo di test viene spesso presentato in formato carta e matita o può anche essere somministrato su un computer. Un tipico inventario self-report presenta una serie di domande o affermazioni che possono o meno descrivere determinate qualità o caratteristiche del soggetto del test.

È probabile che tu abbia fatto un inventario auto-report in qualche momento in passato. Tali questionari sono spesso visti negli studi medici, nei test di personalità online e nei sondaggi di ricerca di mercato. Anche i divertenti quiz che vedi spesso condivisi su Facebook sono esempi di inventari di autovalutazione. Sebbene questo sia un esempio dell’utilizzo di questi inventari in modo informale e divertente, tali sondaggi possono e servono a obiettivi molto più seri nella raccolta di dati e nell’aiutare a identificare potenziali problemi.

Questo tipo di sondaggio può essere utilizzato per esaminare i tuoi comportamenti attuali, i comportamenti passati e i possibili comportamenti in situazioni ipotetiche. Ci sono molti diversi inventari self-report. Quelli che seguono sono solo alcuni esempi ben noti.

Facciamo due illustri esempi:

L’MMPI-2

Forse il più famoso inventario self-report è il Minnesota Multiphasic Personality Inventory (MMPI). Questo test della personalità è stato pubblicato per la prima volta negli anni ’40, successivamente rivisto negli anni ’80 ed è oggi noto come MMPI-2. Il test contiene più di 500 affermazioni che valutano un’ampia varietà di argomenti, tra cui relazioni interpersonali, comportamenti anormali e salute psicologica, nonché atteggiamenti politici, sociali, religiosi e sessuali.

Il Questionario dei 16 Fattori di Personalità

Un altro noto esempio di inventario self-report è il questionario sviluppato da Raymond Cattell per valutare gli individui in base alla sua teoria dei tratti della personalità. Questo test viene utilizzato per generare il profilo della personalità dell’individuo ed è spesso utilizzato per valutare i dipendenti e per aiutare le persone a selezionare una carriera.

Punti di forza e di debolezza degli inventari self-report

Gli inventari self-report sono spesso una buona soluzione quando i ricercatori devono amministrare un gran numero di test in un lasso di tempo relativamente breve. Molti inventari self-report possono essere completati molto rapidamente, spesso in appena 15 minuti. Questo tipo di questionario è un’opzione conveniente per i ricercatori con budget limitati.

Un altro punto di forza è che i risultati degli inventari self-report sono generalmente molto più affidabili e validi dei test proiettivi . Punteggio delle prove standardizzato e basato su norme che sono state stabilite in precedenza.

Tuttavia, gli inventari self-report hanno i loro punti deboli. Ad esempio, mentre molti test implementano strategie per prevenire “fingere bene” o “fingere male” (essenzialmente fingendo di essere migliori o peggiori di ciò che si è in realtà), la ricerca ha dimostrato che le persone sono in grado di esercitare l’inganno durante i test di autovalutazione.

Un altro punto debole è che alcuni test sono molto lunghi e noiosi. Ad esempio, il completamento dell’MMPI richiede circa 3 ore. In alcuni casi, gli intervistati possono semplicemente perdere interesse e non rispondere alle domande in modo accurato. Inoltre, le persone a volte non sono i migliori giudici del proprio comportamento. Alcuni individui possono cercare di nascondere i propri sentimenti, pensieri e atteggiamenti.

Lo Specialista

La figura autorizzata a somministrare, interpretare e refertare i test psicologici, che sia per motivazioni giuridiche/peritali o cliniche, è lo psicologo.

  • Contatta lo psicologo

Fonte: Verywellmind

  1. Macellaio JN. Inventario multifasico della personalità del Minnesota . In Weiner IB, Craighead WE, eds. L’Enciclopedia di Psicologia Corsini, Vol 4 . New Jersey: John Wiley & Figli; 2010. doi:10.1002/9780470479216.corpsy0573
  2. Cattell HEP. Questionario sui sedici fattori di personalità (16PF) . In Dorfman WI, Hersen M, eds. Comprendere la valutazione psicologica. Prospettive sulle differenze individuali . Springer, Boston, MA; 2001. doi:10.1007/978-1-4615-1185-4_10
  3. Jones CJ, Inventario psicologico di Peskin H. California (CPI) . In Ziegler-Hill V, Shackelford TK, eds. Enciclopedia della personalità e delle differenze individuali . New York: Springer; 2017. doi:10.1007/978-3-319-28099-8
  4. Sjöberg L. Correzione per falsificazione nei test di personalità autovalutati . Scand J Psychol . 2015; 56 (5): 582-591. doi:10.1111/sjop.12231
  5. Hartman NS, Grubb WL 3°. Falsificazione deliberata sulle misure della personalità e dell’intelligenza emotiva . Psicologia Rep . 2011;108(1):120-138. doi:10.2466/03.09.28.PR0.108.1.120-138