L’aborto è l’espulsione del feto prima delle 28 settimane di completa gestazione o l’espulsione di un feto di peso inferiore a 500 g. L’aborto può essere indotto o spontaneo.

La decisione di interrompere una gravidanza è sempre difficile e non è sempre rappresenta la scelta preferenziale. Indipendentemente dal fatto che sia stata una decisione volontaria o meno, è normale provare sentimenti contrastanti dopo la procedura.

Qualunque siano le sue ragioni, una donna ha il diritto di scegliere se continuare una gravidanza e crescere il bambino, trovare una famiglia adottiva per il bambino o abortire, e legalmente questa decisione è solo sua.

Aborto Spontaneo| Cause

Un aborto spontaneo è un evento che provoca la perdita di un feto prima delle 20 settimane di gravidanza. Di solito accade durante il primo trimestre, o i primi tre mesi, della gravidanza.

Gli aborti possono verificarsi per una serie di motivi medici, molti dei quali non sono sotto il controllo di una persona.

La maggior parte degli aborti nel primo trimestre si verifica perché il feto non si sviluppa normalmente. Ci sono diversi fattori che possono causare questo:

Fattori Genetici o Cromosomici

  • Morte fetale intrauterina : l’embrione si forma ma smette di svilupparsi prima di vedere o sentire i sintomi della perdita di gravidanza.
  • Ovulo rovinato : nessun embrione si forma affatto.
  • Gravidanza molare : entrambi i set di cromosomi provengono dal padre, non si verifica alcuno sviluppo fetale.
  • Gravidanza molare parziale : i cromosomi della madre rimangono, ma il padre ha fornito anche due serie di cromosomi.

Altri Fattori

  • cattiva alimentazione o malnutrizione
  • uso di droghe e alcol
  • età materna avanzata
  • malattia della tiroide non trattata
  • problemi con gli ormoni
  • diabete incontrollato
  • infezioni
  • trauma
  • obesità
  • problemi con la cervice
  • utero di forma anormale
  • grave pressione sanguigna alta
  • avvelenamento del cibo
  • alcuni farmaci

Aborto Spontaneo | Fattori di Rischio

La maggior parte degli aborti è dovuta a cause naturali e non prevenibili. Tuttavia, alcuni fattori di rischio possono aumentare le possibilità di avere un aborto spontaneo. Questi includono:

  • trauma corporeo
  • esposizione a sostanze chimiche nocive o radiazioni
  • uso di droga
  • abuso di alcool
  • consumo eccessivo di caffeina
  • fumare
  • due o più aborti spontanei consecutivi
  • essere sottopeso o sovrappeso
  • condizioni croniche e incontrollate, come il diabete
  • problemi con l’utero o la cervice

Aborto Volontario | Cause

Nel caso dell’aborto volontario, una donna può scegliere di abortire per molte ragioni. Potrebbe non avere le risorse o il desiderio di crescere un figlio. Potrebbe non avere le condizioni socio-economiche adeguate per prendersi cura del bambino, o potrebbe non voler sospendere  la carriera per affrontare le sfide della gravidanza, oppure potrebbe non voler crescere un bambino da sola o con un partner che è ambivalente nei confronti dei bambini.

Aborto | Effetti Emotivi

Gli effetti collaterali emotivi non sono rari dopo un aborto o l’interruzione di gravidanza, indipendentemente dal fatto che fosse pianificato o meno. In alcuni casi, può verificarsi depressione. Tuttavia, il legame tra l’interruzione della gravidanza e la depressione rimane poco chiaro.

Qualsiasi interruzione della gravidanza porterà a un’interruzione del ciclo ormonale. I sentimenti negativi che si verificano dopo una interruzione pianificata possono essere almeno in parte dovuti a cambiamenti ormonali, che sono simili a quelli che si verificano dopo una interruzione di gravidanza non pianificata.

Nel caso dell’aborto volontario resta il rischio di soffrire dello stigma che circonda l’aborto e coloro che l’hanno avuto. Questa stigmatizzazione dell’aborto può essere dannosa, perché spesso ha l’effetto di isolare la donna che ha subito l’aborto.

Molte donne si sentono sole quando decidono di abortire, specialmente quando non hanno nessuno tipo di supporto sociale. Questo può avere l’effetto di indurre la donna a provare emozioni negative, bassa autostima o sintomi di depressione, dovuti alla pressione sociale e al timore del giudizio.

Come Può Aiutare la Psicoterapia | Prima e Dopo l’Aborto

Una donna che sta prendendo in considerazione l’aborto potrebbe non desiderare o non essere in grado di confidarsi con amici o familiari, potrebbe ricevere informazioni contrastanti da familiari e cliniche, oppure potrebbe non essere sicura dei propri sentimenti riguardo all’aborto.

Uno psicoterapeuta imparziale o un consulente della salute mentale sarà generalmente in grado di fornire informazioni accurate sull’aborto e aiutare la donna ad esplorare i suoi sentimenti o conflitti circa la decisione. In questo modo diventa più semplice considerare e discutere tutte le opzioni, sapendo di non essere sola. Coloro che subiscono pressioni per abortire o non abortire possono beneficiare di un sostegno professionale nel prendere la decisione migliore per se stessi.

Gli studi suggeriscono anche che il benessere emotivo prima di un aborto è il miglior predittore del proprio stato emotivo dopo un aborto.

La Terapia di Coppia per Affrontare la Decisione di un Aborto

Le donne in una relazione che stanno prendendo in considerazione l’aborto potrebbero voler discutere la loro decisione con il loro partner, e alcune potrebbero trovare più facile farlo in presenza di un terapeuta, che può agire come mediatore o offrire supporto imparziale, rendendo più facile dirlo un partner che potrebbe non essere d’accordo con la decisione.

  • Richiedi la Consulenza di uno Psicoterapeuta di Coppia

Aborto e Depressione

L’esistenza di un legame tra una cessazione programmata di una gravidanza e la depressione rimane controversa. Uno studio pubblicato nel 2015 ha suggerito che le persone che hanno problemi di salute mentale prima della gravidanza possono avere un rischio maggiore di provare emozioni negative dopo un aborto.

La ricerca pubblicata nel 2011 ha concluso che c’era un “rischio da moderato ad alto di problemi di salute mentale dopo l’aborto”. Altri scienziati , basandosi su uno studio longitudinale conclusosi nel 2008, hanno stimato che l’aborto aumenta il rischio di disturbi della salute mentale  con una prevalenza  tra l’1,5 e il 5,5%.

L’American Psychological Association ha identificato i seguenti fattori di rischio per la depressione a seguito di un aborto:

  • stigma percepito e mancanza di sostegno sociale
  • una storia di problemi di salute mentale
  • tratti della personalità, come la bassa autostima
  • caratteristiche della gravidanza, incluso se l’individuo lo voleva o no

Il fattore più importante sembra essere se i problemi di salute mentale fossero già presenti prima della gravidanza. Tuttavia, le cause esatte della depressione, inclusa la depressione correlata alla gravidanza, non sono note. Nel 2009, i ricercatori dell’APA hanno notato che il rischio di una cattiva salute mentale era lo stesso sia che le persone scegliessero di interrompere sia di continuare la gravidanza.

Gli Specialisti da Consultare

Lo psicologo scolastico è lo specialista da consultare nel caso la decisione dell’aborto riguarda una minorenne. Lo psicologo scolastico può indirizzare l’adolescente verso i servizi competenti per affrontare il percorso di aborto.

Lo psicologo clinico o lo psicoterapeuta è lo specialista che può guidare la donna oppure la coppia genitoriale nel percorso di fronteggiamento degli effetti emotivi legati all’aborto ed è lo specialista che può aiutare a prendere la decisione giusta nel caso di un’interruzione volontaria di gravidanza.

  • Richiedi la Consulenza di uno Psicologo Clinico

  • Contatta uno Psicoterapeuta

Storie di Aborti

La Storia di Nadia

Nadia, 29 anni, sta ricevendo cure per la depressione quando scopre di essere incinta. Ha fatto buoni progressi nella terapia, ma sua madre la incoraggia ad abortire, dicendole che dovrebbe “risolvere i propri problemi” prima di avere un bambino. Nadia vorrebbe tenere il bambino ma chiede al suo terapista se sua madre ha ragione. Dice al terapeuta che il suo ragazzo è stato di supporto durante la sua depressione e che poteva vederli crescere insieme un figlio.

Tuttavia, sta seriamente prendendo in considerazione l’aborto, poiché non è sicura di essere pronta per la genitorialità a questo punto della sua vita. La terapista ricorda a Nadia che sta andando bene in terapia e che avere un figlio è una decisione che solo lei può prendere e la incoraggia a considerare ciò che vuole veramente. Insieme, esplorano i modi in cui un bambino e la famiglia potrebbero essere un’aggiunta positiva alla vita di Nadia e al potenziale stress che può accompagnare la gravidanza e la genitorialità.

Alla fine, Nadia decide che è pronta a diventare madre e che non deve mettere da parte il suo desiderio di avere una famiglia mentre continua il trattamento. Durante la gravidanza, Nadia continua a migliorare in terapia e, quando nasce suo figlio, si sente in grado di affrontare le sfide che la genitorialità potrebbe portare.

La storia di Alicia

Alicia, 17 anni, cerca la sua consulente scolastica quando scopre di essere incinta. Dice al consulente che ha fatto sesso con il suo allora fidanzato, ma lui le ha mentito riguardo all’uso del preservativo e lei non è riuscita a ottenere la contraccezione d’emergenza in tempo. Alicia afferma che vuole proseguire gli studi all’Università e che sa di non essere pronta per diventare madre.

Allo stesso tempo, crede che dicendo la verità ai suoi genitori, loro, essendo molto religiosi, insisteranno affinchè non abortisca e la spingerrano a sposare il suo ex fidanzato, cosa che lei non vuole fare. Poiché Alicia è minorenne, è necessario richiedere il consenso dei genitori prima di un aborto e un’autorizzazione che non può ottenere da sola, pertanto chiede aiuto al consulente.

Il consulente dice ad Alicia che può andare davanti a un giudice e presentare il suo caso per far revocare il requisito del consenso dei genitori, e la aiuta a completare le pratiche burocratiche necessarie per farlo. Con l’aiuto del consulente, Alicia è in grado di ottenere un bypass giudiziario e, dopo l’aborto, riferisce al consulente un immenso sentimento di sollievo e dice che non vede l’ora di frequentare l’Università e che ha intenzione di avere una famiglia un giorno, quando è pronta.

Il Verdetto Finale

L’aborto è sempre un’esperienza difficile e complessa nella vita di una donna, sia che si tratti di un aborto spontaneo sia nel caso in cui è volontario. Nel caso in cui si verifichi un aborto spontaneo la consulenza di uno psicoterapeuta può aiutare la donna ad affrontare ed elaborare le emozioni contrastanti e spesso negative che possono accompagnare questo evento. Nel caso in cui si tratta di prendere una decisione circa l’interruzione volontaria di gravidanza, un percorso psicologico può accompagnare la donna o la coppia genitoriale nel processo decisionale e può supportare il carico emotivo associato all’esperienza dell’aborto. In questo caso, inoltre, il terapeuta può fornire preziose informazioni e aiutare la donna a giungere alla decisione migliore per lei.

 

 

 

 

 

Fonti

  • 10 fatti importanti sull’aborto. (2006, 1 settembre). Estratto da http://www.prochoicewisconsin.org/what-is-choice/abortion/10-important-facts.shtml.
  • Miti sull’aborto. (nd). Estratto da http://prochoice.org/education-and-advocacy/about-abortion/abortion-myths
  • Finley, C., Gootman, J., Kaye, K., & Ng, AS (2014) I vantaggi del controllo delle nascite in America: chiarire i fatti. Washington, DC: la campagna nazionale per prevenire le
    leggi sul consenso e sulle notifiche dei genitori di adolescenti e gravidanze non pianificate . (2014). Estratto da http://www.plannedparenthood.org/learn/abortion/parental-consent-notification-laws
  • Politiche statali in breve: una panoramica delle leggi sull’aborto. (2015, 1 giugno). Estratto da http://www.guttmacher.org/statecenter/spibs/spib_OAL.pdf
  • Stai pensando all’aborto? | Informazioni per aiutarti a decidere. (nd). Estratto da http://www.plannedparenthood.org/learn/pregnancy/pregnant-now-what/thinking-about-abortion
  • Lohr PA, et al. (2014). Aborto.
    bmj.com/bmj/section-pdf/750967?path=/bmj/348/7940/Clinical_Review.full.pdf
  • Aspirazione manuale a vuoto (2008).
    arhp.org/Publications-and-Resources/Quick-Reference-Guide-for-Clinicians/MVA/Indications
  • Mayo Clinic Staff. (2018). Aborto medico.
    mayoclinic.org/tests-procedures/medical-abortion/about/pac-20394687
  • Aborto medico. (nd).
    mariestopes.org.uk/abortion-services/medical-abortion/
  • Aborto medico: la pillola abortiva fino a 10 settimane. (nd).
    bpas.org/abortion-care/abortion-treatments/the-abortion-pill/abortion-pill-up-to-10-weeks/
  • Aborto farmacologico. (2018).
    kff.org/womens-health-policy/fact-sheet/medication-abortion/
  • Aborto farmacologico (2018).
    guttmacher.org/state-policy/explore/medication-abortion
  • Aborti indotti da farmaci. (2013).
    soc.ucsb.edu/sexinfo/article/medically-induced-abortions
  • Informazioni sulla prescrizione di Mifeprex. (2016).
    accessdata.fda.gov/drugsatfda_docs/label/2016/020687s020lbl.pdf
  • Sober SP, et al. (2010). Ripresa dell’ovulazione dopo aborto medico con mifepristone e misoprostolo.
    fertstert.org/article/S0015-0282(10)01122-2/fulltext
  • Aborto chirurgico (primo trimestre). (nd).
    ucsfhealth.org/treatments/surgical_abortion_first_trimester/
  • Politiche statali sugli aborti successivi. (2018).
    guttmacher.org/state-policy/explore/state-policies-later-abortions
  • Aborto chirurgico (secondo trimestre). (nd).
    obgyn.ucla.edu/surgical-abortion-second-trimester
  • Il sito web sulla contraccezione d’emergenza. (2017).
    ec.princeton.edu/pills/plan-b.html
  • Tobah YB. (2017). Un aborto può aumentare il rischio di problemi in una gravidanza successiva?
    mayoclinic.org/healthy-lifestyle/getting-pregnant/expert-answers/abortion/faq-20058551
  • Aspirazione sottovuoto. (nd).
    bpas.org/abortion-care/abortion-treatments/surgical-abortion/vacuum-aspiration/
  • Cos’è un aborto? (nd)
    depts.washington.edu/uwcoe/healthtopics/familyplan/term_facts.html