Cos’è l’Agorafobia

L’agorafobia è un disturbo d’ansia. Può scatenare un’intensa paura in situazioni in cui la fuga può essere difficile o di difficile accesso. Il nome deriva dall’antica parola greca ” agorà “, che si riferisce a un luogo di riunione o un mercato.

Le persone spesso fraintendono l’agorafobia come una paura degli spazi aperti, ma è più complessa di così. Le situazioni che possono scatenare la paura nelle persone con agorafobia includono: spazi affollati o chiusi, spazi aperti e remoti, essere lontano da casa.

Alcune persone con agorafobia hanno anche attacchi di panico o disturbo di panico . Quando i sintomi sono gravi, possono impedire a una persona di lasciare la propria casa.

Agorafobia | Sintomi

I sintomi tipici dell’agorafobia includono:

  • paura di lasciare la propria casa per lunghi periodi di tempo
  • paura di essere solo nella situazione sociale
  • paura di perdere il controllo in un luogo pubblico
  • paura di trovarsi in luoghi da cui sarebbe difficile scappare, come un’auto o un ascensore
  • distaccato o estraniato dagli altri
  • ansioso o agitato

L’agorafobia spesso coincide con gli attacchi di panico. Gli attacchi di panico sono una serie di sintomi che a volte si verificano nelle persone con ansia e altri disturbi di salute mentale. Gli attacchi di panico possono includere un’ampia gamma di sintomi fisici gravi, come:

  • dolore al petto
  • un cuore da corsa
  • fiato corto
  • vertigini
  • tremito
  • soffocamento
  • sudorazione
  • vampate di calore
  • brividi
  • nausea
  • diarrea
  • intorpidimento
  • sensazioni di formicolio

 

Agorafobia | Cause

La biologia, comprese le condizioni di salute e la genetica, il temperamento, lo stress ambientale e le esperienze di apprendimento possono svolgere un ruolo nello sviluppo dell’agorafobia. I motivi specifici per cui si sviluppa l’agorafobia rimangono poco chiari, ma i cambiamenti nelle aree del cervello che controllano la risposta alla paura possono avere un ruolo.

Il DSM-5 elenca tre tipi di fattori di rischio :

  • Fattori ambientali: l’ agorafobia può svilupparsi dopo aver subito un crimine, un abuso o un evento traumatico.
  • Fattori genetici: ci sono segni che le persone possono ereditarlo.
  • Fattori temperamentali: alcune persone sembrano essere più inclini ai disturbi legati all’ansia.

Per quanto riguarda l’apparente legame tra disturbo di panico e agorafobia, il DSM-5 riporta che il 30-50% delle persone con agorafobia ha avuto una diagnosi di disturbo di panico o attacchi di panico prima che si manifestassero i sintomi dell’agorafobia.

Fattori di rischio

L’agorafobia può iniziare durante l’infanzia, ma di solito inizia alla fine dell’adolescenza o all’inizio degli anni dell’adulto – di solito prima dei 35 anni – ma anche gli anziani possono svilupparla. Alle donne viene diagnosticata l’agorafobia più spesso degli uomini.

I fattori di rischio per l’agorafobia includono:

  • Avere disturbo di panico o altre fobie
  • Rispondere agli attacchi di panico con eccessiva paura ed evitamento
  • Vivere eventi di vita stressanti, come abusi, la morte di un genitore o essere attaccati
  • Avere un temperamento ansioso o nervoso
  • Avere un parente con agorafobia

 

Agorafobia | Trattamento

Esistono numerosi trattamenti diversi per l’agorafobia. Molto probabilmente avrai bisogno di una combinazione di metodi di trattamento.

Psicoterapia

La psicoterapia, nota anche come terapia della parola, prevede l’incontro regolare con uno psicoterapeuta. Questo ti dà l’opportunità di parlare delle tue paure e di eventuali problemi che potrebbero contribuire alle tue paure. La psicoterapia è spesso combinata con farmaci per un’efficacia ottimale. In genere è un trattamento a breve termine che può essere interrotto una volta che sei in grado di far fronte alle tue paure e ansia.

Terapia comportamentale cognitiva (CBT)

La terapia cognitivo comportamentale (CBT) è la forma più comune di psicoterapia usata per trattare le persone con agorafobia. La CBT può aiutarti a comprendere i sentimenti e i punti di vista distorti associati all’agorafobia. Può anche insegnarti come affrontare situazioni stressanti sostituendo i pensieri distorti con pensieri sani, permettendoti di riacquistare un senso di controllo nella tua vita.

La CBT si concentra sul cambiamento del modo in cui una persona pensa e reagisce a determinate circostanze. La persona può imparare:

  • nuovi modi di affrontare le situazioni che innescano i loro sintomi
  • nuovi modi di gestire lo stress e i sintomi dell’agorafobia
  • tecniche per gestire la paura, come esercizi di respirazione profonda

Terapia dell’Esposizione

La terapia dell’esposizione può anche aiutarti a superare le tue paure. In questo tipo di terapia, sei delicatamente e lentamente esposto alle situazioni o ai luoghi che temi. Questo potrebbe far diminuire la tua paura nel tempo.

Farmaci

In alcuni casi possono essere prescritti farmaci per alleviare i sintomi di ansia. Questi includono:

    • Antidepressivi inclusi inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI), inibitori selettivi della serotonina-norepinefrina (SNRI) e antidepressivi triciclici
    • Farmaci anti-ansia come Klonopin (clonazepam) e Xanax (alpraxolam)

Cambiamenti nello stile di vita

I cambiamenti dello stile di vita non tratteranno necessariamente l’agorafobia, ma possono aiutare a ridurre l’ansia quotidiana. Potresti provare:

  • fare esercizio regolarmente per aumentare la produzione di sostanze chimiche cerebrali che ti fanno sentire più felice e rilassato
  • seguire una dieta sana composta da cereali integrali, verdure e proteine ​​magre per sentirsi meglio in generale
  • praticare la meditazione quotidiana o esercizi di respirazione profonda per ridurre l’ansia e combattere l’insorgenza di attacchi di panico

Agorafobia | Specialisti

Lo psicoterapeuta specializzato nella terapia cognitivo-comportamentale può aiutarti a ridurre i sintomi di ansia e eliminare l’agorafobia tramite specifiche tecniche terapeutiche come la desensibilizzazione progressiva. Nel caso in cui i sintomi di ansia siano particolarmente gravi e compromettono lo svolgimento delle attività quotidiane oppure se vengono diagnosticati disturbi mentali concomitanti, può essere necessario il ricorso agli psicofarmaci sotto la guida di uno psichiatra.

  • Chiedi il consulto di uno psicoterapeuta cognitivo-comportamentale

  • Cerca lo psichiatra più vicino a te

Vivere con l’Agorafobia | La storia di Ellie (fonte https://www.mind.org.uk/)

Ellie scrive in un blog sulla sua esperienza di agorafobia, che la maggior parte delle persone presume sia una paura degli spazi aperti, ma può essere più complessa: l’agorafobia è un tipo di disturbo d’ansia in cui qualcuno può temere ed evitare luoghi o situazioni che potrebbero farli prendere dal panico o sentirti intrappolato. Ecco la storia di Ellie:

«Ho spento tutto, ho chiuso a chiave la porta, mi sono ricordata il mio abbonamento per l’autobus, sembro presentabile – tutto va assolutamente bene. Ma riesco comunque ad attirare la sensazione che qualcosa non sia proprio giusto. Poi mi colpisce. Quella sensazione terribile, qualcosa di orribile sta per accadere e io non ho assolutamente alcun controllo su di esso. Non mi sento bene. Perché il mio cuore batte all’impazzata? Sono seduta immobile. Avrò un altro attacco di panico? Avrò un altro attacco di panico… Va tutto bene, penso,  ho preso le mie medicine. Sto bene. Devo solo concentrarmi su qualcos’altro. Fuori è una bella e luminosa giornata di sole. Oh Dio, è così brutto non riesco a concentrarmi su nient’altro. Gli altri lo noteranno? Quando faranno effetto le mie medicine? Mi sento davvero molto strana. È troppo luminoso fuori. Sono intrappolata. Scendi, scendi e basta, mi dico ».

Questo è stato il mio secondo tentativo di lasciare la casa della mia famiglia da mesi. L’agorafobia è estenuante. Ci impedisce di fare le cose che amiamo. Perché quando hai paura di avere un attacco di panico in pubblico, fai la cosa più logica che puoi. Stai lontano dal pericolo percepito. È più facile e più sicuro restare a letto. Per conto proprio. Lontano da un mondo pericoloso.

Il mio disturbo d’ansia mi ha lasciata paralizzato, mi sembrava di fare la fila per le montagne russe nel momento in cui ho chiuso la porta dietro di me. Ovunque andassi, cercavo uscite, indossavo un cappello tutti i giorni in modo che nessuno si accorgesse di me, nel caso dovessi andarmene all’improvviso. Ho passato settimane a pensare “Non ho detto una sola parola a nessuno”. Avevo paura di uscire in pubblico perché lo associavo ad avere attacchi di panico. E poiché ero così spaventata dagli attacchi, sono diventata ancora più terrorizzata dalla causa: uscire.

Ho sacrificato così tanto della mia vita per colpa dell’agorafobia. Ho perso amici, ho perso me stessa, una carriera, voti alti e la passione per le cose che amavo fare.

Mi ci sono voluti quattro anni interi per rendermi conto che la vita non deve essere così. Ho iniziato la psicoterapia. Ed è stato allora che ho scoperto che c’era un altro modo di vivere. Ho iniziato a vedere piccoli cambiamenti positivi e ho iniziato a ritrovarmi.

Ho accettato che la mia ansia e gli attacchi di panico potessero rimanere con me per il resto della mia vita. Ma imparare che potevo controllarli è stata la mia salvezza dall’agorafobia. Ho scoperto che semplicemente imparando a respirare, era tutto diverso. Perché quando uscivo di casa, per abitudine e ansia, il mio respiro diventava molto superficiale e, a volte, smettevo di respirare del tutto senza nemmeno rendermene conto.

Quando comincio a sentirmi “strana” in pubblico adesso, inspiro per quattro secondi (attraverso lo stomaco, non il petto). Mi fermo per quattro secondi. Quindi espiro (tirando indietro lo stomaco) per quattro secondi. Questo tipo di respirazione è difficile da padroneggiare , ma è lo stesso tipo di respiro che facciamo quando dormiamo. La nostra mente è in grado di presumere che ci troviamo in una situazione di calma (come dormire) e smette di inviare segnali di stress. Ognuno ha un modo diverso di affrontare l’ansia, ma questo ha davvero funzionato per me e la psicoterapia mi ha davvero aiutato a riconoscerlo .

Ora, per la prima volta in quattro anni,  mi sento così al sicuro. So che posso prendere l’autobus, posso andare al cinema, posso vedere amici, gruppi musicali, andare in campeggio e fare tutto ciò che mi fa sentire me stessa. Mi ci sono voluti anni, ma alla fine sono riuscita a sconfiggere l’agorafobia!

Il Verdetto Finale

Oltre a cercare aiuto da un professionista della salute mentale, ci sono anche cambiamenti nello stile di vita che possono aiutarti a gestire meglio i sintomi dell’agorafobia. Questi includono:

  • Praticare tecniche di gestione dello stress come la respirazione profonda, la visualizzazione e il rilassamento muscolare progressivo per aiutare a ridurre l’ansia
  • Mangiare una dieta sana e nutriente
  • Fare esercizio fisico regolare
  • Evitare droghe e alcol
  • Limitare l’assunzione di caffeina

Attraverso il supporto di familiari e amici e l’aiuto professionale, puoi eliminare l’agorafobia e imparare a gestire i sintomi d’ansia o gli attacchi di panico per ritornare ad una vita più indipendente e attiva.

 

 

Fonti:

  • Balaram, K. e Marwaha, R. (2020). Agorafobia.
    https://www.ncbi.nlm.nih.gov/books/NBK554387/
  • Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali, quinta edizione (DSM-5) . (2013).
    https://dsm.psychiatryonline.org/doi/book/10.1176/appi.books.9780890425596
  • Differenze tra ansia sociale e disturbo di panico. (nd).
    https://socialanxietyinstitute.org/differences-between-social-anxiety-and-panic-disorder
  • Valutazione della disabilità nell’ambito della sicurezza sociale. (nd).
    https://www.ssa.gov/disability/professionals/bluebook/12.00-MentalDisorders-Adult.htm
  • Okasha, A. (nd). Agorafobia.
    https://www.britannica.com/science/agoraphobia
  • Panoramica: agorafobia. (2018).
    https://www.nhs.uk/conditions/agoraphobia/
  • Tidy, C. (2016). Agorafobia.
    https://patient.info/health/agoraphobia-leaflet
  • Wagner, EY. N., et al. (2015). Evidenza di infiammazione sistemica cronica di basso grado in individui con agorafobia da una prospettiva basata sulla popolazione.
    http://journals.plos.org/plosone/article?id=10.1371/journal.pone.0123757
  • Agorafobia. (2014, 5 agosto)
    nhs.uk/Conditions/Agoraphobia/Pages/Introduction.aspx
  • Agorafobia tra gli adulti. (nd). Estratto da
    nimh.nih.gov/health/statistics/prevalence/agoraphobia-among-adults.shtml
  • Mayo Clinic Staff. (2014, 2 maggio). Agorafobia
    mayoclinic.org/diseases-conditions/agoraphobia/basics/definition/con-20029996
  • Malattia da panico. (nd)
    nimh.nih.gov/health/topics/panic-disorder/index.shtml