L’algodistrofia, anche detta sindrome del dolore regionale complesso (CRPS) è una forma di dolore cronico che di solito colpisce un braccio o una gamba. La CRPS si sviluppa tipicamente dopo un infortunio, un intervento chirurgico, un ictus o un infarto. Il dolore è sproporzionato rispetto alla gravità della lesione iniziale.

La CRPS è rara e la sua causa non è chiaramente compresa. Il trattamento è più efficace se iniziato precocemente. In questi casi, sono possibili miglioramenti e persino la remissione.

 

Sintomi

Segni e sintomi dell’algodistrofia includono:

  • Bruciore continuo o dolore lancinante, di solito al braccio, alla gamba, alla mano o al piede
  • Sensibilità al tatto o al freddo
  • Gonfiore della zona dolorante
  • Cambiamenti nella temperatura della pelle – alternando sudato e freddo
  • Cambiamenti nel colore della pelle, che vanno dal bianco e macchiato al rosso o al blu
  • Cambiamenti nella struttura della pelle, che può diventare tenera, sottile o lucida nella zona interessata
  • Cambiamenti nella crescita dei capelli e delle unghieRigidità
  • articolare, gonfiore e danni
  • Spasmi muscolari, tremori, debolezza e perdita (atrofia)
  • Diminuzione della capacità di muovere la parte del corpo interessata
  • I sintomi possono cambiare nel tempo e variare da persona a persona. Di solito si verificano per primi dolore, gonfiore, arrossamento, notevoli cambiamenti di temperatura e ipersensibilità (in particolare al freddo e al tatto).

Nel tempo, l’arto colpito può diventare freddo e pallido. Può subire alterazioni della pelle e delle unghie, nonché spasmi muscolari e contrazione. Una volta che si verificano questi cambiamenti, la condizione è spesso irreversibile.

Occasionalmente la CRPS può diffondersi dalla sua fonte ad altre parti del corpo, come l’arto opposto.

In alcune persone, i segni ei sintomi della CRPS scompaiono da soli. In altri, segni e sintomi possono persistere per mesi o anni. È probabile che il trattamento sia più efficace se iniziato precocemente nel corso della malattia.

 

Lo specialista in Algodistrofia

Se provi un dolore intenso e costante che colpisce un arto e ti sembra intollerabile toccarlo o muoverlo, consulta il tuo medico per determinarne la causa. È importante trattare precocemente la CRPS .

Il medico, specialista in reumatologia, è colui che solitamente si occupa di algodistrofia.

Consulenza reumatologica online Consulta un reumatologo online esperto in algodistrofia. Prenota su Specialista.in

 

Cause

La causa di CRPS non è completamente compresa. Si pensa che sia causato da una lesione o da un’anomalia del sistema nervoso periferico e centrale. La CRPS si verifica in genere a seguito di un trauma o di una lesione.

La CRPS si presenta in due tipi, con segni e sintomi simili, ma cause diverse:

Tipo 1. Conosciuta anche come distrofia simpatica riflessa (RSD), questo tipo si verifica dopo una malattia o una lesione che non ha danneggiato direttamente i nervi dell’arto colpito. Circa il 90% delle persone con CRPS ha il tipo 1.
Tipo 2. Una volta indicato come causalgia, questo tipo ha sintomi simili a quelli del tipo 1. Ma la CRPS di tipo 2 si verifica dopo una lesione nervosa distinta.
Molti casi di CRPS si verificano dopo un trauma violento a un braccio o una gamba. Questo può includere una lesione da schiacciamento o una frattura.

Anche altri traumi maggiori e minori, come interventi chirurgici, attacchi di cuore, infezioni e persino distorsioni alle caviglie, possono portare a CRPS .

Non è ben compreso il motivo per cui queste lesioni possono innescare CRPS . Non tutti coloro che hanno un tale infortunio continueranno a sviluppare CRPS . Potrebbe essere dovuto a un’interazione disfunzionale tra il sistema nervoso centrale e periferico e a risposte infiammatorie inappropriate.

 

Complicazioni

Se la CRPS non viene diagnosticata e trattata precocemente, la malattia può progredire fino a segni e sintomi più invalidanti. Questi possono includere:

Perdita di tessuto (atrofia). La pelle, le ossa e i muscoli possono iniziare a deteriorarsi e indebolirsi se eviti o hai difficoltà a muovere un braccio o una gamba a causa del dolore o della rigidità.
Rafforzamento muscolare (contrattura). Potresti anche provare un irrigidimento dei muscoli. Ciò può portare a una condizione in cui la mano e le dita o il piede e le dita dei piedi si contraggono in una posizione fissa.

 

Prevenzione

Questi passaggi potrebbero aiutarti a ridurre il rischio di sviluppare CRPS :

Assunzione di vitamina C dopo una frattura del polso. Gli studi hanno dimostrato che le persone che assumono una dose elevata di vitamina C dopo una frattura del polso possono avere un minor rischio di CRPS rispetto a coloro che non hanno assunto vitamina C.
Mobilizzazione precoce dopo un ictus. Alcune ricerche suggeriscono che le persone che si alzano dal letto e camminano subito dopo un ictus (mobilizzazione precoce) riducono il rischio di sviluppare CRPS .

 

Diagnosi

La diagnosi di CRPS si basa su un esame fisico e sulla tua storia medica. Non esiste un singolo test in grado di diagnosticare definitivamente la CRPS , ma le seguenti procedure possono fornire indizi importanti:

Scansione ossea. Questa procedura potrebbe aiutare a trovare i cambiamenti ossei. Una sostanza radioattiva iniettata in una delle tue vene consente di vedere le tue ossa con una telecamera speciale.
Test di produzione di sudore. Alcuni test possono misurare la quantità di sudore su entrambi gli arti. Risultati non uniformi possono indicare CRPS .
Raggi X. La perdita di minerali dalle ossa può manifestarsi su una radiografia nelle fasi successive della malattia.
Risonanza magnetica per immagini (MRI). Le immagini acquisite con un test MRI possono mostrare cambiamenti nei tessuti che escludono altre condizioni.

 

Trattamento

Ci sono alcune prove che il trattamento precoce potrebbe aiutare a migliorare i sintomi della CRPS . Spesso è necessaria una combinazione di trattamenti diversi, su misura per il tuo caso specifico. Le opzioni di trattamento includono:

Farmaci
I medici usano vari farmaci per trattare i sintomi della CRPS .

Antidolorifici. Gli analgesici da banco (OTC), come l’aspirina, l’ibuprofene (Advil, Motrin IB, altri) e il naprossene sodico (Aleve), possono alleviare il dolore lieve e l’infiammazione.

Il medico può prescrivere antidolorifici più forti se quelli da banco non sono utili. I farmaci oppioidi potrebbero essere un’opzione. Assunti in dosi appropriate, potrebbero aiutare a controllare il dolore.

  • Antidepressivi e anticonvulsivanti. A volte gli antidepressivi, come l’amitriptilina, e gli anticonvulsivanti, come il gabapentin (Neurontin), sono usati per trattare il dolore che ha origine da un nervo danneggiato (dolore neuropatico).
    Corticosteroidi. I farmaci steroidei, come il prednisone, possono ridurre l’infiammazione e migliorare la mobilità dell’arto colpito.
  • Farmaci per la perdita ossea. Il medico può suggerire farmaci per prevenire o arrestare la perdita ossea, come l’alendronato (Fosamax) e la calcitonina (Miacalcina).
  • Farmaci che bloccano i nervi simpatici. L’iniezione di un anestetico per bloccare le fibre del dolore nei nervi interessati può alleviare il dolore in alcune persone.
  • Ketamina per via endovenosa. Alcuni studi dimostrano che basse dosi di ketamina per via endovenosa, un forte anestetico, possono alleviare sostanzialmente il dolore.

 

 

Terapie

  • Terapia del calore. L’applicazione di calore può offrire sollievo dal gonfiore e dal disagio sulla pelle che si sente fresca.
  • Analgesici topici. Sono disponibili vari trattamenti topici che possono ridurre l’ipersensibilità, come la crema alla capsaicina da banco o la crema o i cerotti alla lidocaina (Lidoderm, LMX 4, LMX 5).
  • Terapia fisica o occupazionale. Un esercizio delicato e guidato degli arti colpiti o la modifica delle attività quotidiane potrebbe aiutare a ridurre il dolore e migliorare la mobilità e la forza. Prima viene diagnosticata la malattia, più efficaci potrebbero essere gli esercizi.
  • Terapia dello specchio. Questo tipo di terapia utilizza uno specchio per ingannare il cervello. Seduto davanti a uno specchio o una scatola di specchi, muovi l’arto sano in modo che il cervello lo percepisca come l’arto affetto da CRPS . La ricerca mostra che questo tipo di terapia potrebbe aiutare a migliorare la funzione e ridurre il dolore per le persone con CRPS .
  • Stimolazione elettrica transcutanea del nervo (TENS). Il dolore cronico a volte viene alleviato applicando impulsi elettrici alle terminazioni nervose.
  • Biofeedback. In alcuni casi, l’apprendimento delle tecniche di biofeedback può aiutare. Nel biofeedback, impari a diventare più consapevole del tuo corpo in modo da poterlo rilassare e alleviare il dolore.
  • Stimolazione del midollo spinale. Il medico inserisce piccoli elettrodi lungo il midollo spinale. Una piccola corrente elettrica erogata al midollo spinale provoca sollievo dal dolore.
  • Pompe per farmaci intratecali. In questa terapia, i farmaci che alleviano il dolore vengono pompati nel fluido del midollo spinale.
  • Agopuntura. L’inserimento di aghi lunghi e sottili può aiutare a stimolare i nervi, i muscoli e il tessuto connettivo per aumentare il flusso sanguigno e alleviare il dolore.

È possibile che la CRPS si ripresenti, a volte a causa di un fattore scatenante come l’esposizione al freddo o uno stress emotivo intenso. Le recidive possono essere trattate con piccole dosi di un antidepressivo o di altri farmaci.

 

Algodistrofia : “La Testimonianza di Valerie”

C’è stato un momento nella sua vita in cui Valerie Nicolaison non pensava che sarebbe mai stata in grado di portare a spasso il suo Chihuahua, Colt. Giorno dopo giorno per più di sette anni, Valerie ha vissuto con un dolore ai piedi così intenso da farla zoppicare.

Non poteva indossare scarpe. I calzini erano problematici. Persino sensazioni morbide, come un lenzuolo sui suoi piedi nel letto, le lanciavano scosse di dolore elettrico lungo le gambe e attraverso il suo corpo.

La lotta di Valerie contro il dolore ai piedi è iniziata nel 1999 quando aveva 24 anni. Il dolore è iniziato gradualmente. Alla fine, è diventato così grave che le ha impedito di camminare o guidare. A Valerie, che all’epoca viveva a Staples, nel Minnesota, fu diagnosticato il neuroma di Morton , un ispessimento del tessuto attorno ai nervi che porta alle dita dei piedi. Nel 2001, i tessuti anormali sono stati rimossi chirurgicamente. Dopo di che, il suo dolore è diminuito.

Ma una mattina di novembre 2011, Valerie si è svegliata e il dolore era tornato. “È stato durante la notte. Non ero in grado di camminare”, dice Valerie. “I miei piedi volevano costantemente avere crampi. Per tutto il percorso attraverso le dita dei piedi e gli archi, solo tutto in una volta.

Nell’autunno 2018, tuttavia, la vita di Valerie ha subito una drammatica trasformazione quando le è stato impiantato un neurostimolatore gangliare della radice dorsale alla Mayo Clinic [Articolo Completo].

Valerie è stata sottoposta alla stimolazione del ganglio della radice dorsale, o DRG.

“Adesso posso portare Colt a fare brevi passeggiate, il che è davvero sorprendente”, dice Valerie. “È sicuramente ancora un work in progress, ma ora sono in grado di fare così tante cose che non ero sicura di poterle fare di nuovo. E so che potrà solo migliorare”.

“Rispetto ai tradizionali stimolatori del midollo spinale è che questi ultimi fanno un buon lavoro nel coprire il dolore alle gambe e nella parte bassa della schiena, ma non fanno un buon lavoro nel coprire il dolore ai piedi”, dice il dottor Lamer. “DRG è un segnale elettrico perfezionato per un’area specifica.”