Hai mai avuto un orgasmo, ma non sei riuscito a eiaculare? Se la tua risposta è “sì”, significa che potresti essere affetto dall’aneiaculazione, l’impossibilità per gli uomini di espellere lo sperma al momento dell’orgasmo.

Cos’è l’Aneiaculazione

Gli uomini affetti da aneiaculazione non possono eiaculare lo sperma. Tuttavia, possono ancora produrre sperma e potrebbero ancora provare piacere con l’orgasmo.

Gli esperti classificano l’aneiaculazione in due modi:

  • Gli uomini con aneiaculazione primaria non sono mai stati in grado di eiaculare lo sperma.
  • Gli uomini con aneiaculazione secondaria perdono la capacità di eiaculare dopo essere stati in grado di farlo normalmente per un periodo di tempo.

Aneiaculazione | Cause Psicologiche

Ansia, stress o qualsiasi altra causa di angoscia sono tra i problemi psicologici che potrebbero essere alla base della condizione. Le opinioni e le convinzioni di una persona sul sesso e sull’attività sessuale in cui è coinvolta potrebbero causare conflitti e provocare aneiaculazione. Altri fattori psicologici come i problemi coniugali o la paura della gravidanza potrebbero anche contribuire all’aneiaculazione situazionale causata dallo stress.

Aneiaculazione | Cause Fisiche

Quando la prostata e i dotti seminali non rilasciano lo sperma nell’uretra, le cause potrebbero essere diverse. Queste possono includere:

  • Lesioni al sistema nervoso, in particolare al midollo spinale
  • Condizioni che hanno un effetto diretto sul sistema nervoso come il morbo di Parkinson, la sclerosi multipla e il diabete
  • Infezione o lesione traumatica alla regione pelvica e inguinale
  • Precedente intervento chirurgico alla zona pelvica come la prostata o la vescica, o operazioni addominali da cui è risultato un danno ai nervi

Aneiaculazione | Cause Farmacologiche

Molti farmaci da prescrizione possono avere l’effetto collaterale di interferire con la funzione sessuale. Per gli uomini che assumono qualsiasi tipo di farmaco, vale la pena verificare con il proprio consulente medico se è disponibile un’alternativa. Anche le droghe ricreative, comprese quelle che potresti non considerare droghe, come l’alcol, noto per i suoi effetti negativi sulla funzione sessuale, possono essere una cause dell’aneiaculazione.

Tipologie di Aneiaculazione

Aneiaculazione situazionale

Questo è quando c’è la capacità di eiaculare in determinate situazioni ma non in altre. Questo può spesso essere innescato dallo stress, ad esempio la circostanza di essere in una clinica e di dover fornire un campione di sperma “su ordinazione”. Inoltre, se un uomo è in grado di eiaculare durante il rapporto ma non attraverso la masturbazione, o viceversa, questo sarebbe anche definito come aneiaculazione situazionale.

Aneiaculazione totale

Questo tipo di aneiaculazione si verifica quando un uomo è completamente incapace di eiaculare in qualsiasi situazione. Può essere ulteriormente suddiviso in diverse tipologie.

 Aneiaculazione Anorgasmica

Questa è la condizione definita dall’incapacità di raggiungere l’orgasmo in qualsiasi circostanza durante le ore di veglia, ma spesso con la capacità di raggiungere sia l’orgasmo che l’eiaculazione durante il sonno. In tali casi, è probabile che siano fattori psicologici a causare la condizione piuttosto che ragioni fisiche.

Aneiaculazione Orgasmica

Questo è quando un uomo è in grado di raggiungere l’orgasmo ma non eiacula lo sperma. È probabile che ciò abbia una causa fisica, ad esempio danno ai nervi o blocco del tubo, o anche eiaculazione retrograda in cui lo sperma viene espulso nella vescica piuttosto che attraverso la punta del pene.

Aneiaculazione vs Eiaculazione Retrograda | Quali sono le differenze?

Sebbene l’aneiaculazione e l’eiaculazione retrograda possano verificarsi contemporaneamente, non sono lo stesso tipo di condizione.

L’eiaculazione retrograda si verifica quando il collo della vescica non è in grado di chiudersi durante l’orgasmo. In questo caso la vescica non è in grado di fermare il riflusso, permettendo allo sperma di rifluire nella vescica.

Questo problema, di solito è causato da farmaci alfa-bloccanti, come Flomax , o interventi chirurgici eseguiti sulla vescica o sulla prostata che danneggiano il collo della vescica.

Gli uomini che hanno a che fare con l’eiaculazione retrograda espellono una quantità nulla o molto ridotta di sperma durante l’orgasmo, ma successivamente lo eliminano attraverso l’urina.

Nel caso dell’aneiaculazione, c’è una totale assenza di sperma. Sebbene ciò possa essere causato dall’eiaculazione retrograda, le due condizioni sono considerate diagnosi distinte.

Aneiaculazione | Come viene diagnosticata?

Se hai avuto un orgasmo senza la fuoriuscita di sperma e non sei sicuro del perché, fissa un appuntamento con l’andrologo. Il medico ti farà una serie di domande sui sintomi, sull’uso dei farmaci e su eventuali procedure recenti. Dovrai sottoporti anche un esame fisico del pene, testicoli e retto.

L’andrologo o l’urologo può anche richiedere un esame dell’urina post-orgasmo per escludere l’eiaculazione retrograda.

Aneiaculazione | Chi è a rischio?

Sebbene l’aneiaculazione abbia molteplici cause, le persone che hanno subito una prostatectomia radicale – un intervento chirurgico per rimuovere la prostata – sperimenteranno sempre il cosiddetto “orgasmo secco”. Questo perché durante la procedura vengono rimosse sia la prostata che le ghiandole seminali vicine.

Anche le persone che hanno il diabete o che hanno subito un intervento chirurgico pelvico per trattare i tumori della prostata, della vescica o dei testicoli sono a maggior rischio.

Trattamento

In caso di aneiaculazione situazionale, è importante eliminare tutte le fonte di stress o disagio che possono causare difficoltà durante i rapporti sessuali. Se ritieni che la tua condizione possa essere causata da problemi psicologici, prenota un appuntamento con uno psicoterapeuta sessuologo.

In caso di una causa fisica, il primo passo è consultare un medico andrologo o urologo per valutare le diverse opzini di trattamento. Se l’aneiaculazione rende difficile il concepimento e provoca problemi di fertilità maschile, il trattamento sarà mirato al recupero dello sperma per l’inseminazione artificiale o la fecondazione in vitro (IVF).

Stimolazione vibratoria del pene

Un vibratore viene utilizzato in questo trattamento in cui le vibrazioni viaggiano lungo i nervi sensoriali fino al midollo spinale per causare l’eiaculazione. Con questa procedura si ottiene l’eiaculazione in circa il 60% degli uomini, sebbene per quelli con lesioni del midollo spinale la tecnica potrebbe non essere efficace.

Terapia di elettroeiaculazione

Se la terapia con vibratore fallisce, può essere eseguita l’elettroeiaculazione, che comporta la stimolazione elettrica diretta dei nervi, di solito in anestesia generale. Il campione di sperma raccolto in questo modo viene quindi elaborato e analizzato per la qualità dello sperma. Se i criteri di qualità dello sperma sono soddisfatti, può essere utilizzato per l’inseminazione artificiale.

Estrazione chirurgica dello sperma

Gli uomini che non hanno scarsi spermatozooi o che non sono in grado di eiaculare a causa di eiaculazione retrograda o aneiaculazione possono essere sottoposti ad una procedura raccogliere lo sperma direttamente dai testicoli o dal tessuto testicolare utilizzando mezzi chirurgici.

Esistono vari metodi, alcuni dei quali vengono eseguiti in anestesia locale e altri in anestesia generale. Lo sperma così recuperato verrà quindi utilizzato per la tecnica di fecondazione in vitro, che solitamente include l’iniezione intracitoplasmatica di spermatozoi (ICSI).

Trattamento di aneiaculazione per la fertilità maschile

Le principali tecniche di riproduzione assistita che potrebbero essere utilizzate per assistere gli uomini che desiderano diventare padri sono l’inseminazione artificiale e la fecondazione in vitro. Entrambi questi, oltre ad essere rilevanti nel trattamento dell’aneiaculazione, sono utilizzati anche in tutta una serie di altre condizioni ed entrambi sono tecniche consolidate.

Inseminazione artificiale

Questa è la più semplice di tutte le tecniche di riproduzione assistita. Consiste nel depositare un campione di sperma direttamente nell’utero della donna per aumentare le possibilità che l’ovulo venga fecondato. Lo sperma sarà stato preparato in laboratorio in anticipo per aumentare il potenziale di fecondazione.

L’uso della fecondazione in vitro e dell’ICSI nell’infertilità maschile grave

La consolidata tecnica di fecondazione in vitro è la più probabile che venga raccomandata nei casi di grave infertilità maschile, incluso in molti casi di aneiaculazione. Il ciclo di fecondazione in vitro inizia con la stimolazione delle ovaie affinché la donna produca più ovociti di quelli normalmente prodotti ogni mese durante il ciclo mestruale. Quando hanno raggiunto il giusto stadio di maturità, queste vengono raccolte dalle ovaie e mescolate in laboratorio con lo sperma del partner maschile. Se lo sperma è di scarsa qualità o le scorte sono limitate, è probabile che la tecnica ICSI venga utilizzata come parte della procedura.

L’ICSI è una tecnica di riproduzione assistita inclusa nel trattamento della fecondazione in vitro (IVF) ed è spesso raccomandata nei casi di grave infertilità del fattore maschile al fine di utilizzare al meglio lo sperma disponibile. Quando gli spermatozoi sono stati recuperati, vengono preparati in laboratorio e vengono selezionati gli spermatozoi più vitali e sani. Uno di questi viene iniettato direttamente nell’ovocita per facilitare il concepimento in modo più diretto. Il processo di fecondazione in vitro continua quindi in modo normale con l’osservazione e la selezione degli embrioni in via di sviluppo e il loro inserimento nell’utero della donna per consentire l’impianto.

 

Gli Specialisti da Consultare

  • andrologo
  • urologo
  • psicoterapeuta

 

Il Verdetto Finale

A seconda della causa, l’aneiaculazione può essere un evento temporaneo o una condizione permanente. Non implica necessariamente un grave problema di salute, ma la condizione può costituire un ostacolo al concepimento e può essere causa di disagio psicologico. Per questo motivo è utile rivolgersi all’andrologo o all’urologo per ricevere una diagnosi di aneiaculazione. Allo stesso tempo la terapia di coppia oppure un percorso di psicoterapia individuale può aiutare a risolvere le cause psicologiche dietro al problema e ripristinare una vita sessuale più sana e soddisfacente.

 

 

 

 

 

 

Fonti:

 

  • Aneiaculazione. (nd).
    urologicalcare.com/ejaculation-dysfunction/anejaculation/
  • Perdita di fertilità. (nd).
    pcf.org/c/loss-of-fertility/
  • Mayo Clinic Staff. (2016). Eiaculazione retrograda.
    mayoclinic.org/diseases-conditions/retrograde-ejaculation/diagnosis-treatment/drc-20354896
  • Mayo Clinic Staff. (2018). Orgasmo secco.
    mayoclinic.org/symptoms/dry-orgasm/basics/definition/sym-20050906
  • Eiaculazione retrograda. (nd).
    urologicalcare.com/ejaculation-dysfunction/retrograde-ejaculation/
  • Comprensione dei problemi sessuali dopo il trattamento del cancro alla prostata. (2014).
    prostate.org.au/media/468674/understanding-sexual-issues.pdf