Facebook pixel

Antropofobia

Antropofobia

Cos’è l’antropofobia?

L’antropofobia, a volte anche ortografata, è definita come la paura delle persone. “Anthro” significa persone e “fobia” significa paura. Sebbene non sia un disturbo clinico esplicito nella quinta edizione del Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali (DSM-5), può essere considerato una fobia specifica.

Gli aspetti di questa fobia possono essere visti in una varietà di altri disturbi clinicamente riconosciuti. È stato associato in particolare al taijin kyofusho, che si trova nel DSM-5. Taijin kyofusho è un concetto di angoscia specifico della cultura che è stato osservato in Giappone e Corea. Ha a che fare con la paura delle relazioni interpersonali, soprattutto di offendere gli altri.

 

Sintomi

Poiché l’antropofobia non è una condizione clinica, non ci sono sintomi clinici specifici. Tuttavia, può essere considerato nella classificazione DSM-5 di “fobia specifica non altrimenti specificata”. I criteri per questo disturbo includono:

  • Maggiore ansia o paura per una determinata situazione o cosa (in questo caso, una o più persone).
  • La situazione provoca quasi sempre ansia o paura.
  • La situazione o la cosa è evitata quando possibile.
  • La reazione spaventosa è sproporzionatamente maggiore del pericolo reale che la situazione giustifica.
  • L’ansia dura sei mesi o più.
  • L’ansia provoca un notevole disagio o ostacola in qualche modo il funzionamento quotidiano.
  • Questi sintomi non sono causati da un altro disturbo o condizione medica.

Guardando questi criteri, l’ultimo è particolarmente importante. L’antropofobia potrebbe far parte di altre diagnosi cliniche. Questi possono includere disturbo da stress post-traumatico (PTSD) , disturbo d’ansia sociale o disturbo delirante.

Considera questi esempi:

  • Una persona incontra qualcuno di nuovo ed è convinta che questa persona voglia ferirla. Questo provoca paura. In questo caso, una diagnosi di disturbo delirante verrebbe probabilmente presa in considerazione piuttosto che di antropofobia.
  • Una persona evita o teme una persona che assomiglia a qualcuno che l’ha abusata. Potrebbero manifestare sintomi di disturbo da stress post-traumatico e non antropofobia.
  • Una persona evita di andare a feste o eventi sociali per paura di essere ridicolizzata. Probabilmente verrebbero valutati per il disturbo d’ansia sociale invece che per l’antropofobia.
  • Una persona rimane a casa tutto il tempo perché ha paura di avere un attacco di panico in un luogo pubblico e quindi essere imbarazzata. Potrebbero ricevere una diagnosi di agorafobia , poiché la loro paura non è specifica per le persone in generale.
  • Qualcuno ha un modello persistente e duraturo di estrema sensibilità al rifiuto. Preferiscono quindi l’isolamento sociale. Potrebbero ricevere una diagnosi di disturbo evitante di personalità e non di antropofobia. Questo perché non hanno paura, di per sé, delle persone.

 

Relazione con il disturbo d’ansia sociale

Sebbene l’antropofobia possa far parte del disturbo d’ansia sociale, le due condizioni non sono la stessa cosa. Il disturbo d’ansia sociale comporta un’ansia intensa quando ci si trova in una situazione sociale. Questo potrebbe applicarsi a una festa o ad un appuntamento, o anche a interagire con un cassiere o un lavoratore in un negozio.

Una persona con ansia sociale prova una paura incontrollabile di essere giudicata o rifiutata da altre persone. Spesso finiscono per evitare del tutto le situazioni sociali, quando possono.

Tuttavia, in teoria, l’antropofobia potrebbe includere sintomi non correlati all’interazione sociale.

 

Cause

Non è sempre chiaro cosa causa una fobia. Può dipendere dalla persona e dalle esperienze passate. A volte non c’è affatto una causa chiara. I possibili fattori includono:

  • eventi o esperienze negative con una certa cosa o persona
  • genetica
  • ambiente
  • comportamenti appresi
  • cambiamenti nel funzionamento del cervello

 

La sfida della diagnosi

Qualcuno potrebbe avere un’antropofobia autoproclamata. Ma se fa parte di una condizione diversa, un medico dovrebbe essere quello che fa quella distinzione e diagnosi. Per fare ciò, utilizzerebbero i criteri nel DSM-5 tramite:

  • parlare con l’individuo
  • osservare i comportamenti
  • se necessario, condurre una visita medica
  • se necessario, verificando segnalazioni di altri professionisti o soggetti

Non esiste un test specifico. Sebbene possano esserci questionari o sondaggi online, questi non dovrebbero essere presi come consigli medici. Non sostituiscono la valutazione e la diagnosi da parte di un professionista qualificato.

 

Opzioni di trattamento

Non esiste un trattamento specifico per l’antropofobia. Tuttavia, ci sono trattamenti per fobie e disturbi d’ansia. Il trattamento particolare può variare a seconda della fobia specifica, dell’individuo e della gravità della fobia. I tipi comuni di trattamento includono diversi tipi di terapia, allenamento per il rilassamento e farmaci.

La terapia può essere utile per le fobie, soprattutto se utilizzata con altri trattamenti. Oltre alla tradizionale terapia della parola, le terapie comunemente usate per fobie e disturbi d’ansia sono la terapia dell’esposizione e la terapia cognitiva.

La terapia dell’esposizione ripetutamente, a volte gradualmente, espone un individuo a un oggetto oa una situazione temuta. Questo viene fatto fino a quando la reazione di paura non si verifica più. Può essere fatto attraverso l’esposizione immaginale (immaginandolo) o l’esposizione in vivo (vita reale).

La terapia cognitiva implica l’identificazione di pensieri ansiosi o paurosi e quindi la loro sostituzione con pensieri più razionali. Secondo il Centro per il trattamento e lo studio dell’ansia dell’Università della Pennsylvania , di solito non è utile per le persone con fobie specifiche. Questo perché in genere si rendono conto che le loro paure sono ingiustificate.

L’allenamento al rilassamento può essere utile per le persone con ansia, specialmente per quelle con fobie specifiche. Ciò può includere:

  • immagini guidate
  • esercizi di respirazione
  • ipnosi
  • esercizio

Questo trattamento può aiutare con reazioni sia fisiche che emotive alle fobie. Può anche aiutare l’individuo a sviluppare capacità di coping per cambiare o reindirizzare la reazione allo stress.

I farmaci potrebbero essere un’opzione per le persone che vivono con ansia o una fobia specifica. Ad esempio, se qualcuno ha paura di volare o di parlare in pubblico, potrebbero essere utili farmaci anti-ansia o un beta-bloccante .

I farmaci potrebbero non essere appropriati – o sicuri – per tutti. Parlare con il tuo medico è particolarmente importante quando si tratta di cercare un trattamento per la tua fobia.

 

Come gestire l’antropofobia

Vivere con l’antropofobia o una condizione che include questa fobia può essere difficile. Ma ci sono cose che puoi fare per alleviare i sintomi.

Non devi affrontare da solo la tua fobia. Parla con il tuo medico o un consulente. Possono aiutare con il trattamento e fornire supporto. Anche un amico fidato o un familiare può essere d’aiuto, sebbene non sostituiscano un aiuto professionale.

Uno stile di vita sano può aiutarti a sentirti meglio in generale. Questo può anche aiutare ad alleviare alcuni sintomi di ansia associati alle fobie.

La disidratazione può influire sull’umore , quindi bevi molta acqua e controlla l’assunzione di alcol. Sebbene l’alcol possa inizialmente avere un effetto calmante, può disturbare il sonno, lasciandoti indisturbato.

La caffeina può contribuire a una sensazione di nervosismo e ansia. Alcune persone potrebbero trovare utile limitare il consumo.

Altre cose che possono aiutare includono:

  • dormire a sufficienza
  • fare esercizio regolarmente, anche se è solo una passeggiata quotidiana
  • evitare l’isolamento sociale

 

La storia di Lindsey

https://vocal.media/psyche/anthropophobia

Antropofobia; la paura delle persone o della società. È una fobia che molti di noi hanno, ma non ce ne rendiamo conto né sappiamo come chiamarla.

È sempre difficile spiegare alle persone perché ho paura di incontrare persone diverse e costruire nuove amicizie, quindi ho pensato che sarebbe stato più semplice condividere la mia storia con tutti.

Non ho sempre avuto paura delle persone, in realtà mi piaceva incontrare nuove persone e volevo essere amico di tutti. Tutto questo ha cambiato il mio primo anno di liceo. Io e il mio ragazzo all’epoca ci eravamo lasciati e tutti mi guardavano in modo diverso. Sono stato incolpato per la rottura perché il mio ex ragazzo aveva creato così tante bugie e non ha detto a nessuno il vero motivo per cui ci eravamo lasciati. Si è rifiutato di dire a nessuno che ha cercato di convincermi a fare sesso con lui o che ha cercato di costringersi a me. Quando ho cercato di confidarmi con i miei amici non mi credevano, nessuno lo ha fatto. Tutti pensavano che volessi attenzioni, l’unica persona che mi credeva e si prendeva cura di me era mia madre. Ho iniziato a vedere regolarmente un terapista e ho interrotto tutti. Questo è ciò che ha portato alla mia fobia delle persone.

Non direi nemmeno completamente che ho paura di incontrare nuove persone, piuttosto, ho paura di chi diventeranno dopo. Al giorno d’oggi, le persone di solito si mettono in mostra per la prima impressione, agiscono come vogliono che tu pensi di essere. Poi li conosci e sono completamente diversi. Il pensiero di non sapere cosa succede dopo aver incontrato qualcuno è ciò che mi spaventa a morte. Potresti davvero entrare in contatto con qualcuno la prima volta che incontri e questo inizia a svanire quando si sentono a loro agio con te. Poi all’improvviso sono il tipo da festa e si sentono come se ti avessero rinchiuso perché ti sei innamorato dell’immagine in cui si sono presentati. Le persone che diventano ciò che sono realmente mi spaventa.

Inizi a fidarti di qualcuno con tutta la tua interezza e poi, dal nulla, diventano una persona completamente diversa. Ti apri a qualcuno su tutto nel tuo passato, non importa quanto fosse buio e ti lasci essere vulnerabile. È come se abbassi i tuoi muri per qualcuno e invece di aiutarti a ricostruirli, cercano di abbattere il resto di te. Non sai mai cosa aspettarti da qualcuno.

Non fraintendermi, so che non tutti si rivelano un mostro una volta che li incontri. Conosco molte persone che hanno buone intenzioni e potrebbero potenzialmente essere la persona che sposo o una delle persone più grandi che ho incontrato. È solo difficile leggere le persone e capire di cosa si tratta. Se fosse così facile, non avrei così paura di incontrare nuove persone. Sfortunatamente, non è così facile … Devi conoscere qualcuno prima di poterlo giudicare e ho paura di sopportare anche me stesso tutto il dolore che ho passato di nuovo.

Attualmente, sto lentamente lavorando per affrontare la mia paura e rafforzare di nuovo la mia fiducia. Ora ho un paio di amici di cui mi circondo che mi aiutano a espandermi per incontrare nuove persone. Tendo a non stringere amicizie con le nuove persone che incontro, ma ce ne sono state poche. Sono così grato a quelle persone selezionate e agli amici che ho avuto per aiutarmi a costruire quelle amicizie e incontrare nuove persone.

Credo di avere attualmente le persone giuste nella mia vita che mi aiutano a superare la mia antropofobia, ma per ora incontrare nuove persone mi spaventa.

 

Gli Specialisti

  • psicologo
  • psichiatra

 

Fonte: Healthline

 

Bibliografia:

Mayo Clinic Staff. (2016). Fobie specifiche.
mayoclinic.org/diseases-conditions/specific-phobias/symptoms-causes/syc-20355156
Sawchuck CN. (2017). Affrontare l’ansia: la dieta può fare la differenza?
mayoclinic.org/diseases-conditions/generalized-anxiety-disorder/expert-answers/coping-with-anxiety/faq-20057987
Disturbo d’ansia sociale: più della semplice timidezza. (nd).
nimh.nih.gov/health/publications/social-anxiety-disorder-more-than-just-shyness/index.shtml
Fobie specifiche. (nd).
med.upenn.edu/ctsa/phobias_symptoms.html
Vriends N, et al. (2013). Taijin kyofusho e ansia sociale e loro rilevanza clinica in Indonesia e Svizzera. DOI:
10.3389 / fpsyg.2013.00003

Vuoi collaborare all'articolo?

Vuoi apportare il tuo importante contributo all'articolo? Sentiti libero di scrivere il tuo pensiero e ne faremo tesoro.

Diventa uno 'Specialist
Articoli correlati