Facebook pixel

Apnea Ostruttiva del Sonno

Apnea Ostruttiva del Sonno

Che cos’è l’apnea ostruttiva del sonno?

L’apnea ostruttiva notturna è una condizione in cui la respirazione si interrompe involontariamente per brevi periodi di tempo durante il sonno. Normalmente, l’aria fluisce senza problemi dalla bocca e dal naso nei polmoni in ogni momento. I periodi in cui si verificano gli arresti respiratori sono chiamati apnea o episodi apneici.

In questa condizione, il normale flusso d’aria viene ripetutamente interrotto per tutta la notte. Il flusso d’aria si interrompe perché lo spazio delle vie aeree nella gola è troppo stretto.

Il russare è caratteristico dell’apnea ostruttiva del sonno,ed è causato causato dal flusso d’aria che sporge attraverso lo spazio ristretto delle vie aeree.

Conseguenze sulla salute

L’apnea notturna non trattata può causare seri problemi di salute come:

  • Ipertensione
  • Cardiopatia
  • Ictus
  • Diabete

Una diagnosi e un trattamento adeguati sono essenziali per prevenire le complicanze.

Sintomi dell’apnea notturna

L’apnea notturna provoca episodi di riduzione dell’apporto di ossigeno al cervello e ad altre parti del corpo. La qualità del sonno è scarsa, il che provoca sonnolenza diurna e mancanza di chiarezza al mattino. Le persone con apnea notturna possono anche manifestare i seguenti sintomi:

  • mal di testa che sono difficili da trattare
  • sentirsi scontento (scontroso)
  • dimenticanza
  • sonnolenza

Altri sintomi includono:

  • iperattività nei bambini
  • peggioramento della depressione
  • cattivo lavoro e rendimento scolastico
  • perdita di interesse per il sesso
  • gonfiore delle gambe (chiamato edema, che può verificarsi quando l’apnea notturna è grave)

La sonnolenza diurna mette le persone con apnea notturna a rischio di incidenti automobilistici e incidenti industriali. Il trattamento può aiutare ad alleviare completamente la sonnolenza diurna causata dall’apnea notturna.

Quali sono le cause dell’apnea ostruttiva del sonno?

Esistono diversi tipi di apnea notturna, ma l’OSA (apnea ostruttiva del sonno) è il più comune. È più probabile che l’OSA si verifichi negli anziani e nelle persone in sovrappeso. Le prove mostrano che la perdita di peso provoca un netto miglioramento dei sintomi. Dormire sulla schiena può aggravare l’apnea notturna.

Tipi di apnea notturna

I tre tipi di apnea notturna sono:

  • Apnea ostruttiva del sonno: questo è il tipo più comune di apnea notturna, in cui le vie respiratorie si sono ristrette, bloccate o flaccide.
  • Apnea centrale del sonno: non vi è alcun blocco delle vie aeree, ma il cervello non segnala ai muscoli respiratori di respirare.
  • Apnea notturna mista: questa è una combinazione di apnea ostruttiva e centrale del sonno.

Chi è a rischio di apnea ostruttiva del sonno?

Il rischio di OSA aumenta se si hanno condizioni o caratteristiche che restringono le vie aeree superiori. I fattori di rischio dell’OSA includono:

  • bambini con grandi tonsille e adenoidi
  • uomini con una dimensione del colletto di 17 pollici o più
  • le donne con una dimensione del colletto di 16 pollici o più
  • lingua larga, che può bloccare le vie respiratorie
  • retrognazia, che è quando la mascella inferiore è più corta della mascella superiore
  • un palato stretto o delle vie aeree che collassa più facilmente

Le malattie cardiache sono più comuni nelle persone obese e l’obesità è un fattore di rischio di malattie cardiache, ipertensione e apnea notturna.

Come viene diagnosticata l’apnea ostruttiva del sonno?

Una diagnosi di apnea notturna inizia con una anamnesi completa, in cui verranno fatte delle domande dallo specialista, e un esame fisico. Una storia di sonnolenza diurna e il russare, ad esempio, sono importanti indizi. Il medico esaminerà la testa e il collo per identificare eventuali fattori fisici associati all’apnea notturna. Il medico potrebbe chiederti di compilare un questionario sulla sonnolenza diurna, le abitudini del sonno e la qualità del sonno. I test che possono essere eseguiti includono:

Polisonnogramma

Un polisonnogramma di solito richiede di pernottare in un ospedale o in un centro studi sul sonno. Il test dura un’intera notte. Durante il sonno, il polisonnogramma misurerà l’attività dei diversi sistemi di organi associati al sonno. Può includere:

  • elettroencefalogramma (EEG), che misura le onde cerebrali
  • elettrooculogramma (EOM), che misura il movimento degli occhi
  • elettromiogramma (EMG), che misura l’attività muscolare
  • elettrocardiogramma (ECG), che misura la frequenza cardiaca e il ritmo
  • test di pulsossimetria, che misura le variazioni dei livelli di ossigeno nel sangue
  • emogasanalisi

EEG ed EOM

Durante un elettroencefalogramma, gli elettrodi sono attaccati al cuoio capelluto che monitoreranno le onde cerebrali prima, durante e dopo il sonno. L’EOM registra, invece, i movimenti oculari. Un piccolo elettrodo viene posizionato 1 centimetro sopra l’angolo esterno dell’occhio destro e un altro viene posizionato 1 centimetro sotto l’angolo esterno dell’occhio sinistro. Quando gli occhi si allontanano dal centro, questo movimento viene registrato.

Onde cerebrali e movimenti oculari, in pratica, raccontano ai medici i tempi delle diverse fasi del sonno. Le fasi del sonno sono non-REM (movimento oculare non rapido) e REM (movimento oculare rapido). Sogni, diminuzione del tono e dei movimenti muscolari e paralisi si verificano durante il sonno REM.

EMG

Durante l’EMG, due elettrodi vengono posizionati sul mento: uno sopra la mascella e l’altro sotto di esso. Un altro elettrodo è posizionato su ogni stinco. Gli elettrodi EMG rilevano l’attività elettrica generata durante i movimenti muscolari. Durante il sonno dovrebbe verificarsi un rilassamento muscolare profondo. L’EMG si attiva quando i muscoli si rilassano e si muovono durante il sonno.

ECG

Un elettrocardiogramma a 12 derivazioni può aiutare il medico a determinare se è presente una malattia cardiaca. L’ipertensione arteriosa di vecchia data può anche causare cambiamenti in un elettrocardiogramma. Il monitoraggio della frequenza cardiaca e del ritmo consente ai medici di vedere se si verificano disturbi cardiaci durante episodi di apnea.

Pulsossimetria

In questo test, un piccolo dispositivo chiamato pulsossimetro viene tagliato su una sottile area del corpo che ha un buon flusso sanguigno, come la punta delle dita o il lobo dell’orecchio. Il pulsossimetro utilizza un minuscolo emettitore con LED rossi e infrarossi per misurare la quantità di ossigeno presente nel sangue. La quantità di ossigeno nel sangue o la saturazione di ossigeno diminuisce durante gli episodi di apnea. Normalmente, la saturazione di ossigeno è di circa il 95-100 percento. Il medico interpreterà i risultati.

Emogasanalisi

In questo studio, una siringa viene utilizzata per ottenere sangue da un’arteria. I gas nel sangue arterioso misurano diversi fattori nel sangue arterioso, tra cui:

  • contenuto di ossigeno
  • saturazione di ossigeno
  • pressione parziale di ossigeno
  • pressione parziale di anidride carbonica
  • livelli di bicarbonato

Questo test fornirà al tuo medico un quadro più dettagliato sulla quantità di ossigeno, anidride carbonica e l’equilibrio acido-base del sangue. Aiuterà anche il medico a sapere se e quando è necessario ossigeno supplementare.

L’obiettivo del trattamento dell’apnea notturna è assicurarsi che il flusso d’aria non sia ostruito durante il sonno. I metodi di trattamento includono:

Perdita di peso

La perdita di peso offre un eccellente sollievo dai sintomi dell’OSA.

Decongestionanti nasali

I decongestionanti nasali hanno maggiori probabilità di essere efficaci nell’OSA lieve. Possono anche aiutare ad alleviare il russare.

Pressione positiva continua delle vie aeree

La terapia a pressione positiva continua delle vie aeree  è la prima linea di trattamento per l’apnea ostruttiva del sonno.

Questa terapia viene somministrata attraverso una maschera che viene indossata di notte. La maschera facciale eroga delicatamente un flusso d’aria positivo per mantenere aperte le vie aeree di notte. Il flusso d’aria positivo sostiene le vie aeree aperte. Si tratta di un trattamento altamente efficace per l’apnea notturna. Un dispositivo dentale può anche essere necessario per mantenere la mascella inferiore posizionata in avanti.

Pressione biliare positiva delle vie aeree

Le macchine a pressione positiva biliare per vie aeree sono talvolta utilizzate per il trattamento dell’OSA se la terapia a pressione positiva continua non è efficace. Le macchine per la pressione biliare hanno determinate impostazioni (alte/basse) che rispondono alla tua respirazione. Ciò significa che la pressione cambia durante l’inspirazione rispetto all’espirazione.

Terapia Posizionale

Dal momento che dormire sulla schiena (posizione supina) può peggiorare l’apnea notturna per alcune persone, la terapia posizionale viene utilizzata per aiutare le persone con apnea notturna ad imparare a dormire in altre posizioni. La terapia posizionale e l’uso della terapia a pressione positiva continua possono essere discussi con un professionista in un centro per il sonno.

Chirurgia

La Faringoplastica comporta la rimozione di tessuti extra dalla parte posteriore della gola. Si tratta del tipo più comune di intervento chirurgico per l’OSA e aiuta ad alleviare il russare. Tuttavia, questo intervento non ha dimostrato di eliminare totalmente l’apnea notturna e può avere complicazioni.

La Tracheotomia può essere fatta come una procedura di ultima istanza. La tracheostomia perfora un’apertura nella trachea che bypassa l’ostruzione nella gola.

Altre procedure chirurgiche potrebbero essere necessarie per correggere problemi strutturali al viso e altrove quando l’apnea notturna non risponde a trattamenti come la pressione positiva continua. Circa il 75% dei bambini con OSA a causa di tonsille ingrossate o adenoidi riceve sollievo dall’intervento chirurgico. L’American Apnea Association (ASAA) afferma che l’American Academy of Pediatrics ha approvato la rimozione chirurgica di tonsille e adenoidi come trattamento di scelta per i bambini con problemi di sonno a causa di tonsille ingrossate o adenoidi.

Qual è la prospettiva per l’apnea ostruttiva del sonno?

Dovresti sempre parlare con il tuo medico se stai vivendo sonnolenza diurna o hai costantemente problemi a dormire. L’OSA ha molte diverse opzioni di trattamento che possono rendere gestibili i sintomi. Il medico creerà un piano di trattamento che combina cambiamenti nello stile di vita e altre terapie.

 

Fonte Healthline

 

 

Vuoi collaborare all'articolo?

Vuoi apportare il tuo importante contributo all'articolo? Sentiti libero di scrivere il tuo pensiero e ne faremo tesoro.

Diventa uno 'Specialist
Articoli correlati