Facebook pixel

Arresto Cardiaco

Arresto Cardiaco

Panoramica

L’arresto cardiaco improvviso è la perdita improvvisa della funzione cardiaca, della respirazione e della coscienza. La condizione di solito deriva da un disturbo elettrico nel tuo cuore che interrompe la sua azione di pompaggio, interrompendo il flusso di sangue al tuo corpo.

L’arresto cardiaco improvviso è diverso da un attacco di cuore, quando il flusso sanguigno a una parte del cuore è bloccato. Tuttavia, un attacco di cuore a volte può innescare un disturbo elettrico che porta ad un arresto cardiaco improvviso.

Se non viene trattato immediatamente, un arresto cardiaco improvviso può portare alla morte. Con cure mediche rapide e appropriate, la sopravvivenza è possibile. Dare la rianimazione cardiopolmonare (RCP), usare un defibrillatore – o anche solo dare compressioni al torace – può migliorare le possibilità di sopravvivenza fino all’arrivo dei soccorritori.

Sintomi

I segni e sintomi di arresto cardiaco improvviso sono immediati e drastici e includono:

  • Crollo improvviso
  • Nessun impulso
  • Assenza di respiro
  • Perdita di conoscenza

A volte si verificano altri segni e sintomi prima dell’arresto cardiaco improvviso. Questi potrebbero includere:

  • Fastidio al petto
  • Fiato corto
  • Debolezza
  • Palpitazioni

Ma l’arresto cardiaco improvviso si verifica spesso senza preavviso.

Quando vedere un dottore

Consulta immediatamente il medico se hai episodi di:

  • Dolore o fastidio al torace
  • Palpitazioni
  • Battiti cardiaci rapidi o irregolari
  • Respiro sibilante inspiegabile
  • Fiato corto
  • Svenimento o quasi svenimento
  • Vertigini

Se stai attualmente riscontrando questi sintomi, chiama il 118.

Come soccorrere in caso di arresto cardiaco

Quando il cuore si ferma, la mancanza di sangue ossigenato può causare la morte o danni permanenti al cervello in pochi minuti. Il tempo è fondamentale quando aiuti una persona incosciente che non respira.

Se vedi qualcuno che è incosciente e non respira normalmente, procedi come segue:

  • Chiama il 118. Se si ha accesso immediato a un telefono, chiamare prima di iniziare la RCP.
  • Esegui la RCP (Rianimazione CardioPolmonare). Controlla rapidamente la respirazione. Se la persona non respira normalmente, inizia la RCP. Spingi forte e veloce sul torace della persona, alla velocità di 100-120 compressioni al minuto. Se sei stato addestrato alla RCP, controlla le vie aeree della persona ed esegui respiri di soccorso ogni 30 compressioni. Se non sei stato addestrato, continua semplicemente le compressioni toraciche. Consenti al torace di sollevarsi completamente tra le compressioni. Continuare a farlo fino a quando non è disponibile un defibrillatore portatile o arrivano i soccorritori.
  • Utilizza un defibrillatore portatile, se disponibile. Ti fornirà istruzioni vocali passo passo. Continuare le compressioni toraciche mentre il defibrillatore è in carica. Eroga una scarica se consigliato dal dispositivo, quindi riprendi immediatamente la RCP, iniziando con le compressioni toraciche, oppure esegui solo le compressioni toraciche, per circa due minuti. Se utilizzi il defibrillatore, controlla il ritmo cardiaco della persona. Se necessario, il defibrillatore emetterà un altro shock. Ripeti questo ciclo fino a quando la persona non riprenda conoscenza (o finché non arrivino i soccorritori).

I defibrillatori esterni automatici portatili (DAE) sono disponibili in molti luoghi, inclusi aeroporti, casinò e centri commerciali. Puoi anche acquistarne uno per la tua casa. I DAE vengono forniti con istruzioni integrate per l’uso. Sono programmati per consentire uno shock solo quando appropriato.

Le cause

Un problema nel ritmo cardiaco (aritmia) – il risultato di un problema al sistema elettrico del cuore – è, di solito, causa di arresto cardiaco improvviso.

Il sistema elettrico del cuore controlla la frequenza e il ritmo del battito cardiaco. Se qualcosa va storto, il tuo cuore può battere troppo velocemente, troppo lentamente o in modo irregolare (aritmia). Spesso queste aritmie sono brevi e innocue, ma alcuni tipi possono portare a un arresto cardiaco improvviso.

Il ritmo cardiaco più comune al momento dell’arresto cardiaco è un’aritmia in una camera inferiore del cuore (ventricolo). Impulsi elettrici rapidi e irregolari fanno vibrare inutilmente i ventricoli invece di pompare sangue (fibrillazione ventricolare).

Condizioni cardiache che possono portare ad un arresto cardiaco improvviso

Un arresto cardiaco improvviso può verificarsi in persone che non hanno malattie cardiache note. Tuttavia, un’aritmia pericolosa per la vita di solito si sviluppa in una persona con una condizione cardiaca preesistente, forse non diagnosticata.

Le condizioni pregresse possono includere:

  • Coronaropatia. La maggior parte dei casi di arresto cardiaco improvviso si verifica in persone che hanno una malattia coronarica, in cui le arterie si ostruiscono con colesterolo e altri depositi, riducendo il flusso sanguigno al cuore.
  • Attacco di cuore. Se si verifica un attacco di cuore, spesso a causa di una grave malattia coronarica, può innescare la fibrillazione ventricolare e l’arresto cardiaco improvviso. Inoltre, un attacco di cuore può lasciare tessuto cicatriziale nel cuore. I cortocircuiti elettrici attorno al tessuto cicatriziale possono portare ad anomalie nel ritmo cardiaco.
  • Cuore ingrandito (cardiomiopatia). Ciò si verifica principalmente quando le pareti muscolari del cuore si allungano, si ingrandiscono o si ispessiscono. Quindi il muscolo del tuo cuore è anormale, una condizione che spesso porta ad aritmie.
  • Cardiopatia valvolare. La perdita o il restringimento delle valvole cardiache può causare stiramento o ispessimento del muscolo cardiaco. Quando le camere si ingrandiscono o si indeboliscono a causa dello stress causato da una valvola chiusa o che perde, aumenta il rischio di sviluppare aritmia.
  • Cardiopatia congenita. Quando si verifica un arresto cardiaco improvviso nei bambini o negli adolescenti, può essere dovuto a un difetto cardiaco presente alla nascita (cardiopatia congenita). Gli adulti che hanno subito un intervento chirurgico correttivo per un difetto cardiaco congenito hanno ancora un rischio maggiore di arresto cardiaco improvviso.
  • Problemi elettrici nel cuore. In alcune persone, il problema è nel sistema elettrico del cuore stesso invece di un problema con il muscolo cardiaco o le valvole. Questi sono chiamati anomalie primarie del ritmo cardiaco e includono condizioni come la sindrome di Brugada e la sindrome del QT lungo.

Fattori di rischio

Poiché l’arresto cardiaco improvviso è così spesso collegato alla malattia coronarica, gli stessi fattori che ti mettono a rischio di malattia coronarica possono anche metterti a rischio di arresto cardiaco improvviso. Questi includono:

  • Una storia familiare di malattia coronarica
  • Fumo
  • Ipertensione
  • Colesterolo alto nel sangue
  • Obesità
  • Diabete
  • Uno stile di vita sedentario

Altri fattori che potrebbero aumentare il rischio di arresto cardiaco improvviso includono:

  • Un precedente episodio di arresto cardiaco o una storia familiare di arresto cardiaco
  • Un precedente attacco di cuore
  • Una storia personale o familiare di altre forme di malattie cardiache, come disturbi del ritmo cardiaco, difetti cardiaci congeniti, insufficienza cardiaca e cardiomiopatia
  • Età: l’incidenza dell’arresto cardiaco improvviso aumenta con l’età
  • Genere maschile
  • Uso di droghe illegali, come cocaina o anfetamine
  • Squilibrio nutrizionale, come bassi livelli di potassio o magnesio
  • Apnea ostruttiva del sonno
  • Malattia renale cronica

Complicazioni

Quando si verifica un arresto cardiaco improvviso, la riduzione del flusso sanguigno al cervello provoca perdita di coscienza. Se il ritmo cardiaco non torna rapidamente alla normalità, si verifica un danno cerebrale e ne deriva la morte. I sopravvissuti all’arresto cardiaco potrebbero mostrare segni di danno cerebrale.

Prevenzione

Ridurre il rischio di arresto cardiaco improvviso sottoponendosi a controlli regolari, sottoponendosi a screening per malattie cardiache e vivendo uno stile di vita sano per il cuore.

Diagnosi

Se sopravvivi a un arresto cardiaco improvviso, il medico cercherà di scoprire cosa lo ha causato per aiutare a prevenire episodi futuri. I test che il medico può raccomandare includono:

Elettrocardiogramma (ECG)

Durante un ECG, i sensori (elettrodi) in grado di rilevare l’attività elettrica del cuore sono collegati al torace e talvolta agli arti. Un elettrocardiogramma può rivelare disturbi del ritmo cardiaco o rilevare schemi elettrici anormali, come un intervallo QT prolungato, che aumentano il rischio di morte improvvisa.

Analisi del sangue

Un campione di sangue potrebbe essere testato per verificare i livelli di potassio, magnesio, ormoni e altre sostanze chimiche che possono influire sulla capacità del cuore di funzionare. Altri esami del sangue possono rilevare lesioni cardiache recenti e attacchi di cuore.

Test di imaging

Questi potrebbero includere:

  • Radiografia del torace. Ciò consente al medico di controllare le dimensioni e la forma del tuo cuore e dei suoi vasi sanguigni. Potrebbe anche mostrare se soffri di insufficienza cardiaca.
  • Ecocardiogramma. Questo test utilizza le onde sonore per produrre un’immagine del tuo cuore. Può aiutare a identificare se un’area del tuo cuore è stata danneggiata da un infarto e non sta pompando abbastanza forte o se ci sono problemi con le valvole cardiache.

Questo test e altri, tra cui una scansione nucleare, una risonanza magnetica, una TC e un cateterismo cardiaco, possono tutti determinare la capacità di pompaggio del cuore misurando quella che viene chiamata frazione di eiezione, uno dei predittori più importanti del rischio di arresto cardiaco improvviso. La frazione di eiezione si riferisce alla percentuale di sangue che viene pompata da un ventricolo pieno ad ogni battito cardiaco.

Una frazione di eiezione normale è compresa tra il 50 e il 70 percento. Una frazione di eiezione inferiore al 40 percento aumenta il rischio di arresto cardiaco improvviso.

  • Scansione nucleare. Questo test, di solito eseguito con uno stress test, aiuta a identificare i problemi di flusso sanguigno al cuore. Piccole quantità di materiale radioattivo, come il tallio, vengono iniettate nel flusso sanguigno. Telecamere speciali possono rilevare il materiale radioattivo mentre scorre attraverso il cuore e i polmoni.
  • Cateterismo coronarico (angiogramma). Durante questa procedura, un colorante liquido viene iniettato nelle arterie del cuore attraverso un tubo lungo e sottile (catetere) che è avanzato attraverso un’arteria, di solito nel braccio, alle arterie del cuore. Mentre il colorante riempie le arterie, le arterie diventano visibili ai raggi X e alla videocassetta, rivelando le aree di blocco.

Mentre il catetere è in posizione, il medico può trattare un blocco aprendo l’arteria (angioplastica) e inserendo uno stent per tenere aperta l’arteria.

Trattamento

L’arresto cardiaco improvviso richiede un’azione immediata per la sopravvivenza.

RCP

La rianimazione cardiopolmonare immediata è fondamentale per il trattamento dell’arresto cardiaco improvviso. Mantenendo un flusso di sangue ricco di ossigeno agli organi vitali del corpo, la RCP può fornire un collegamento vitale fino a quando non saranno disponibili cure di emergenza più avanzate.

Se non conosci la RCP e qualcuno crolla incosciente vicino a te, chiama il 118 o l’assistenza medica di emergenza. Quindi, se la persona non respira normalmente, inizia a spingere forte e velocemente sul torace della persona, a una velocità da 100 a 120 compressioni al minuto, consentendo al torace di sollevarsi completamente tra le compressioni. Fallo fino a quando un defibrillatore automatico esterno (DAE) diventa disponibile o arriva il personale di emergenza.

Defibrillazione

La cura avanzata per la fibrillazione ventricolare, un tipo di aritmia che può causare arresto cardiaco improvviso, generalmente include l’erogazione di uno shock elettrico attraverso la parete toracica al cuore. La procedura, chiamata defibrillazione, arresta momentaneamente il cuore e il ritmo caotico. Ciò consente spesso di riprendere il normale ritmo cardiaco.

I defibrillatori sono programmati per riconoscere la fibrillazione ventricolare e inviare uno shock solo quando è appropriato. Questi defibrillatori portatili sono sempre più disponibili in luoghi pubblici, inclusi aeroporti, centri commerciali, casinò, centri benessere, comunità e centri per anziani.

Al pronto soccorso

Una volta arrivato al pronto soccorso, il personale medico lavorerà per stabilizzare le tue condizioni e curare un possibile infarto, insufficienza cardiaca o squilibri elettrolitici. Potrebbero essere somministrati farmaci per stabilizzare il ritmo cardiaco.

Trattamento a lungo termine

Dopo il recupero, il medico discuterà con te o la tua famiglia quali altri test potrebbero aiutare a determinare la causa dell’arresto cardiaco. Il medico discuterà con te anche le opzioni di trattamento preventivo per ridurre il rischio di un altro arresto cardiaco.

I trattamenti potrebbero includere:

  • Farmaci. I medici usano vari farmaci antiaritmici per il trattamento di emergenza o a lungo termine delle aritmie o delle potenziali complicanze dell’aritmia. Una classe di farmaci chiamati beta-bloccanti viene comunemente utilizzata nelle persone a rischio di arresto cardiaco improvviso. Come effetto collaterale, un farmaco antiaritmico potrebbe far sì che la tua aritmia si verifichi più frequentemente o addirittura causare una nuova aritmia. Altri possibili farmaci che possono essere utilizzati per trattare la condizione che ha portato all’aritmia includono inibitori dell’enzima di conversione dell’angiotensina (ACE) e bloccanti dei canali del calcio.
  • Defibrillatore cardioverter impiantabile (ICD). Dopo che le tue condizioni si sono stabilizzate, è probabile che il medico ti consigli un ICD, un’unità alimentata a batteria che viene inserita nel tuo corpo vicino alla clavicola sinistra. Uno o più fili con la punta degli elettrodi dall’ICD attraversano le vene fino al cuore. L’ICD monitora costantemente il ritmo cardiaco. Se rileva un ritmo troppo lento, stimola il tuo cuore come farebbe un pacemaker. Se rileva un cambiamento pericoloso del ritmo cardiaco, invia shock a bassa o alta energia per riportare il cuore a un ritmo normale.
  • Angioplastica coronarica. Questa procedura apre le arterie coronarie bloccate, consentendo al sangue di fluire più liberamente al cuore, il che potrebbe ridurre il rischio di gravi aritmie. Un tubo lungo e sottile (catetere) viene fatto passare attraverso un’arteria, di solito nella gamba, fino a un’arteria ostruita nel cuore. Questo catetere è dotato di una speciale punta a palloncino che si gonfia brevemente per aprire l’arteria bloccata. Allo stesso tempo, uno stent a rete metallica potrebbe essere inserito nell’arteria per tenerlo aperto a lungo termine, ripristinando il flusso sanguigno al cuore. L’angioplastica coronarica può essere eseguita contemporaneamente a un cateterismo coronarico (angiogramma), una procedura che i medici eseguono per localizzare le arterie ristrette al cuore.
  • Chirurgia di bypass coronarico. Chiamato anche innesto di bypass dell’arteria coronaria, l’intervento chirurgico di bypass prevede la cucitura di vene o arterie in un sito oltre un’arteria coronaria ostruita o ristretta (bypassando la sezione ristretta), ripristinando il flusso sanguigno al cuore. Questo può migliorare l’afflusso di sangue al cuore e ridurre la frequenza dei battiti cardiaci accelerati.
  • Ablazione con catetere a radiofrequenza. Questa procedura può essere utilizzata per bloccare un singolo percorso elettrico anomalo. Uno o più cateteri vengono fatti passare attraverso i vasi sanguigni all’interno del cuore. Sono posizionati lungo percorsi elettrici identificati dal medico come causa della tua aritmia. Gli elettrodi sulle punte del catetere vengono riscaldati con energia a radiofrequenza. Questo distrugge (ablazione) una piccola macchia di tessuto cardiaco e crea un blocco elettrico lungo il percorso che causa la tua aritmia, per fermarla.
  • Cardiochirurgia correttiva. Se hai una deformità cardiaca congenita, una valvola difettosa o un tessuto muscolare cardiaco malato a causa di cardiomiopatia, un intervento chirurgico per correggere l’anomalia potrebbe migliorare la frequenza cardiaca e il flusso sanguigno, riducendo il rischio di aritmie fatali.

Stile di vita e rimedi casalinghi

Per vivere uno stile di vita sano per il cuore:

  • Non fumare.
  • Raggiungi e mantieni un peso sano.
  • Se bevi alcolici, fallo con moderazione: non più di un drink al giorno per donne e uomini di età superiore ai 65 anni e non più di due drink al giorno per uomini più giovani.
  • Segui una dieta salutare per il cuore.
  • Rimani fisicamente attivo.
  • Gestisci lo stress.

Dispositivi

In caso di rischio noto di arresto cardiaco, il medico potrebbe raccomandare un defibrillatore cardioverter impiantabile (ICD). Potresti considerare l’acquisto di un defibrillatore automatico esterno (DAE) per uso domestico.  I DAE possono essere costosi.

Formazione e addestramento per soccorritori

Se vivi con qualcuno che è a rischio di arresto cardiaco improvviso, è importante che tu sia addestrato alla RCP. Esistono organizzazioni offrono corsi sulla RCP e sull’uso del defibrillatore.

Essere addestrati aiuterà non solo la persona amata, ma la tua formazione potrebbe aiutare gli altri. Più le persone sanno come rispondere a un’emergenza cardiaca, maggiore sarà il tasso di sopravvivenza per un arresto cardiaco improvviso.

Arresto Cardiaco | A Chi Rivolgersi

Per informazioni su questa procedura è necessario rivolgersi ad un medico chirurgo specializzato in cardiologia.

  • Prenota un appuntamento con uno specialista cardiologo

 

Fonte: Mayo Clinic

Vuoi collaborare all'articolo?

Vuoi apportare il tuo importante contributo all'articolo? Sentiti libero di scrivere il tuo pensiero e ne faremo tesoro.

Diventa uno 'Specialist
Articoli correlati