Facebook pixel

Atelofobia

Atelofobia

Abbiamo tutti giorni in cui niente di ciò che facciamo ci fa sentire abbastanza bene. Per la maggior parte delle persone, questa sensazione passa e non ha necessariamente un impatto sulla vita quotidiana. Ma per altri, la paura dell’imperfezione si trasforma in una fobia debilitante chiamata atelofobia che si intromette in ogni parte della loro vita.

 

Cos’è l’atelofobia

Per capire cos’è l’atofobia, è innanzitutto necessaria una definizione operativa di fobia , che è un tipo di disturbo d’ansia che si presenta come una paura persistente, irrealistica ed eccessiva. Questa paura, nota anche come fobia specifica , può riguardare una persona, una situazione, un oggetto o un animale.

Sebbene tutti noi sperimentiamo situazioni che creano paura, spesso con le fobie non esiste una vera minaccia o pericolo. Questa minaccia percepita può interrompere la routine quotidiana, mettere a dura prova le relazioni, limitare la tua capacità di lavorare e ridurre l’autostima. Secondo il National Institute of Mental Health, circa il 12,5% degli americani sperimenterà una fobia specifica.

L’atofobia viene spesso definita perfezionismo . E mentre è considerato un perfezionismo estremo, la dottoressa Gail Saltz, professore associato di psichiatria presso il New York Presbyterian Hospital Weill-Cornell Medical College dice più di questo, è una vera paura irrazionale di fare qualsiasi errore.

“Come con qualsiasi fobia, le persone con atelofobia pensano alla paura di commettere un errore in qualsiasi modo; li fa evitare di fare le cose perché preferirebbero non fare nulla che fare qualcosa e rischiare un errore, questo è l’evitamento “, spiega Saltz.

Sono anche molto ossessionati dagli errori che hanno commesso, dice, o immaginano errori che potrebbero fare. “Questi pensieri li inducono ad avere un’ansia opprimente, che può farli sentire in preda al panico, nausea, fiato corto, vertigini o provare un battito cardiaco accelerato.”

L’atofobia spesso porta a un giudizio costante e una valutazione negativa che non credi di fare le cose perfettamente, correttamente o nel modo giusto. Lo psicologo clinico abilitato , Menije Boduryan-Turner, PsyD, afferma che questo bisogno di perfezionismo è diverso dall’avere ambizioni o lottare per l’eccellenza.

“Tutti noi desideriamo innatamente avere successo; tuttavia, a un certo livello, possiamo anticipare, accettare e tollerare carenze, errori e tentativi falliti “, afferma. “Le persone con atelofobia si sentono schiacciate anche dall’idea di un tentativo fallito e spesso si sentono infelici e depresse”.

 

Quali sono i sintomi?

I sintomi dell’atelofobia hanno origine in modo simile ad altre fobie – con un fattore scatenante.

Boduryan-Turner afferma che per l’atofobia gli stimoli temuti possono essere molto soggettivi perché ciò che potresti vedere come imperfezione qualcun altro potrebbe vederlo come buono o perfetto.

L’angoscia emotiva è un sintomo comune di atelofobia. Questo può manifestarsi come un aumento di ansia, panico, paura eccessiva, ipervigilanza , iperallerta, scarsa concentrazione.

A causa della connessione tra mente e corpo, fisiologicamente Boduryan-Turner dice che potresti sperimentare:

  • iperventilazione
  • tensione muscolare
  • mal di testa
  • mal di stomaco

Altri sintomi, secondo Boduryan-Turner, includono:

  • indecisione
  • indugio
  • evitare
  • ricerca di rassicurazione
  • controllo eccessivo del tuo lavoro per errori

Sottolinea inoltre che l’eccessiva paura e ansia possono portare a disturbi del sonno e cambiamenti nell’appetito.

Inoltre, alcuni studi scientifici hanno trovato una forte correlazione tra perfezionismo e burnout. I ricercatori hanno scoperto che le preoccupazioni perfezionistiche, che riguardano paure e dubbi sulle prestazioni personali, possono portare al burnout sul posto di lavoro.

È importante notare che l’atofobia è diversa dall’aticifobia, che è una paura del fallimento.

 

Quali sono le cause dell’atelofobia?

L’atofobia può essere biologica, il che significa che è nel tuo cablaggio essere insicuro, sensibile e perfezionista. Ma Saltz dice che spesso è il risultato di un’esperienza traumatica legata a terribili esperienze con fallimenti o pressioni per essere perfetti.

Inoltre, Boduryan-Turner afferma che poiché il perfezionismo è un tratto della personalità che viene appreso e rafforzato attraverso l’esperienza, sappiamo che i fattori ambientali svolgono un ruolo significativo. “Quando cresci in un ambiente critico e rigido, con poco spazio per commettere errori ed essere flessibile, non impari a tollerare e accettare l’imperfezione”, spiega.

 

Come viene diagnosticata l’atofobia?

La diagnosi di atelofobia deve essere eseguita da un professionista della salute mentale come uno psichiatra, uno psicologo o un terapista autorizzato. Baseranno una diagnosi sulla diagnosicriteri per fobie specifiche nella nuova edizione del Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali (DSM-5) dell’American Psychiatric Association.

“Diagnostichiamo e trattiamo il disagio emotivo solo quando viene vissuto in alta intensità e frequenza”, afferma Boduryan-Turner. Spiega che la persona che soffre della paura deve riferire difficoltà nel controllare la paura, il che porta a compromettere il proprio funzionamento sociale e lavorativo.

“Molto spesso, le persone che hanno atelofobia, possono anche cercare una terapia per affrontare una diagnosi di comorbilità come depressione clinica, ansia e / o uso di sostanze”, dice Saltz. Questo perché l’atofobia può causare depressione, uso eccessivo di sostanze e panico quando è debilitante e paralizzante.

 

Trattamento

Come altre fobie specifiche, l’atofobia può essere trattata con una combinazione di psicoterapia, farmaci e cambiamenti dello stile di vita .

La buona notizia, dice Saltz, è che il trattamento è efficace e va dalla psicoterapia psicodinamica per comprendere i driver inconsci della necessità di essere perfetti, alla terapia cognitivo comportamentale (CBT) per cambiare i modelli di pensiero negativi e alla terapia dell’esposizione per desensibilizzare la persona al fallimento.

Boduryan-Turner indica ricercaFonte attendibiledimostrando che la CBT è più efficace nel trattamento dell’ansia, della paura e della depressione. “Attraverso la ristrutturazione cognitiva, l’obiettivo è quello di cambiare i propri pensieri e il proprio sistema di credenze, e attraverso la terapia comportamentale, lavoriamo sull’esposizione agli stimoli della paura, come commettere errori e modificare la risposta comportamentale”, dice.

Negli ultimi anni, Boduryan-Turner afferma che la consapevolezza si sta dimostrando un efficace supplemento alla CBT. E in alcuni casi, afferma che possono essere presi in considerazione anche farmaci per trattare i sintomi della comorbidità, come ansia, umore depresso e disturbi del sonno.

 

Il verdetto finale

Sentirti sopraffatto dalla paura dell’imperfezione può avere un forte impatto sulla tua vita. Preoccuparti sempre di commettere errori o di non essere abbastanza bravo può essere paralizzante e impedirti di svolgere molte attività al lavoro, a casa e nella tua vita personale.

Ecco perché è importante cercare aiuto. Trattamenti come la terapia cognitivo comportamentale, la psicoterapia psicodinamica e la consapevolezza possono aiutare a gestire e superare l’atofobia.

 

Prenota una visita con lo psicologo

  • consulenza online
  • colloquio in presenza

 

Bibliografia

Boduryan-Turner M. (2020). Colloquio.

Manuale diagnostico e statistico dei disturbi della salute mentale (DSM-5).
psychiatry.org/psychiatrists/practice/dsm
Hill A, et al. (2015). Perfezionismo multidimensionale e burnout: una meta-analisi. DOI:
10.1177 / 1088868315596286
Impatto delle modifiche da DSM-IV a DSM-5 sull’indagine nazionale sull’uso di droghe e sulla salute [Internet]. Tabella 3.11: Confronto tra fobie specifiche da DSM-IV a DSM-5. (2016).
ncbi.nlm.nih.gov/books/NBK519704/table/ch3.t11/
Kaczkurkin A, et al. (2015). Terapia cognitivo-comportamentale per disturbi d’ansia: un aggiornamento sull’evidenza empirica.
ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4610618/
Saltz G. (2020). Colloquio.

Fobia specifica. (2017).
nimh.nih.gov/health/statistics/specific-phobia.shtml
Fobie specifiche. (2018).
adaa.org/understanding-anxiety/specific-phobias
Witthauer C, et al. (2016). Associazioni di fobia specifica e suoi sottotipi con malattie fisiche: uno studio della comunità degli adulti.
bmcpsychiatry.biomedcentral.com/articles/10.1186/s12888-016-0863-0

 

Vuoi collaborare all'articolo?

Vuoi apportare il tuo importante contributo all'articolo? Sentiti libero di scrivere il tuo pensiero e ne faremo tesoro.

Diventa uno 'Specialist
Articoli correlati