Cos’è un attacco di panico

Un attacco di panico è un episodio improvviso di intensa paura che innesca gravi reazioni fisiche quando non c’è un pericolo reale o una causa apparente. Gli attacchi di panico possono essere molto spaventosi. Quando si verificano attacchi di panico, potresti pensare di perdere il controllo, avere un attacco di cuore o addirittura morire.

Molte persone hanno solo uno o due attacchi di panico nella loro vita e il problema scompare, forse quando finisce una situazione stressante. Ma se hai avuto attacchi di panico ricorrenti e inaspettati e hai trascorso lunghi periodi nella paura costante di un altro attacco, potresti avere una condizione chiamata disturbo di panico.

Sebbene gli attacchi di panico di per sé non siano pericolosi per la vita, possono essere spaventosi e influire in modo significativo sulla qualità della vita. Ma il trattamento può essere molto efficace.

 

Sintomi

Gli attacchi di panico in genere iniziano all’improvviso, senza preavviso. Possono colpire in qualsiasi momento: quando guidi un’auto, al centro commerciale, dormi profondamente o nel bel mezzo di una riunione di lavoro. Potresti avere attacchi di panico occasionali o possono verificarsi frequentemente.

Gli attacchi di panico hanno molte varianti, ma i sintomi di solito raggiungono il picco in pochi minuti. Potresti sentirti stanco e sfinito dopo la scomparsa di un attacco di panico.

Gli attacchi di panico in genere includono alcuni di questi segni o sintomi:

  • Senso di morte o pericolo imminente
  • Paura di perdere il controllo o di morire
  • Battito cardiaco accelerato e martellante
  • Sudorazione
  • Tremante o tremante
  • Mancanza di respiro o senso di oppressione alla gola
  • Brividi
  • Vampate di calore
  • Nausea
  • Crampi addominali
  • Dolore al petto
  • Mal di testa
  • Vertigini, stordimento o svenimento
  • Intorpidimento o sensazione di formicolio
  • Sensazione di irrealtà o distacco

Una delle cose peggiori degli attacchi di panico è l’intensa paura che ne avrai un altro. Potresti aver paura di avere attacchi di panico così tanto da evitare determinate situazioni in cui possono verificarsi.

 

Cause

Non è noto cosa causi attacchi di panico o disturbo di panico, ma questi fattori possono avere un ruolo:

  • Genetica
  • Maggiore stress
  • Temperamento più sensibile allo stress o incline alle emozioni negative
  • Alcuni cambiamenti nel modo in cui funzionano parti del tuo cervello

In alcuni casi, gli attacchi di panico sono collegati a una condizione di salute mentale sottostante, come ad esempio:

  • malattia da panico
  • agorafobia o altre fobie
  • disturbo ossessivo compulsivo ( DOC )
  • disturbo post-traumatico da stress ( PTSD )
  • disturbo d’ansia generalizzato ( GAD )

Gli attacchi di panico possono manifestarsi all’improvviso e senza preavviso all’inizio, ma nel tempo di solito sono innescati da determinate situazioni.

 

Complicazioni

Se non trattati, gli attacchi di panico e il disturbo di panico possono colpire quasi ogni area della tua vita. Potresti avere così paura di avere più attacchi di panico da vivere in un costante stato di paura, rovinando la tua qualità di vita.

Complicazioni che gli attacchi di panico possono causare o essere collegati a includere:

  • Sviluppo di fobie specifiche, come la paura di guidare o di uscire di casa
  • Assistenza medica frequente per problemi di salute e altre condizioni mediche
  • Evitare situazioni sociali
  • Problemi al lavoro oa scuola
  • Depressione, disturbi d’ansia e altri disturbi psichiatrici
  • Aumento del rischio di suicidio o pensieri suicidi
  • Uso improprio di alcol o altre sostanze
  • Problemi finanziari

Per alcune persone, il disturbo di panico può includere l’agorafobia: evitare luoghi o situazioni che ti causano ansia perché temi di non essere in grado di scappare o di ottenere aiuto se hai un attacco di panico. Oppure potresti dipendere dagli altri per stare con te per lasciare la tua casa.

 

Diagnosi

Il tuo medico di base stabilirà se soffri di attacchi di panico, disturbo di panico o un’altra condizione, come problemi al cuore o alla tiroide, con sintomi che assomigliano ad attacchi di panico.

Per aiutare a individuare una diagnosi, il medico potrebbe prescrivere:

  • Un esame fisico completo
  • Esami del sangue per controllare la tiroide e altre possibili condizioni e test sul cuore, come un elettrocardiogramma (ECG)
  • Una valutazione psicologica per parlare dei tuoi sintomi, paure o preoccupazioni, situazioni stressanti, problemi di relazione, situazioni che potresti evitare e storia familiare

 

Disturbo di panico

Non tutti coloro che hanno attacchi di panico hanno il disturbo di panico. Per una diagnosi di disturbo di panico, il Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali (DSM-5), pubblicato dall’American Psychiatric Association, elenca questi punti:

  • Hai frequenti attacchi di panico inaspettati.
  • Almeno uno dei tuoi attacchi è stato seguito da un mese o più di continua preoccupazione di subire un altro attacco; paura continua delle conseguenze di un attacco, come perdere il controllo, avere un attacco di cuore o “impazzire”; o cambiamenti significativi nel tuo comportamento, come evitare situazioni che pensi possano scatenare un attacco di panico.
  • I tuoi attacchi di panico non sono causati da droghe o uso di altre sostanze, da una condizione medica o da un’altra condizione di salute mentale, come la fobia sociale o il disturbo ossessivo-compulsivo

Se hai attacchi di panico ma non un disturbo di panico diagnosticato, puoi comunque beneficiare del trattamento. Se gli attacchi di panico non vengono trattati, possono peggiorare e trasformarsi in disturbo di panico o fobie.

 

Trattamento

Il trattamento può aiutare a ridurre l’intensità e la frequenza dei tuoi attacchi di panico e migliorare la tua funzione nella vita quotidiana. Le principali opzioni di trattamento sono la psicoterapia e i farmaci. Uno o entrambi i tipi di trattamento possono essere raccomandati, a seconda delle tue preferenze, della tua storia clinica, della gravità del tuo disturbo di panico e se hai accesso a terapisti che hanno una formazione specifica nel trattamento dei disturbi di panico.

Psicoterapia

La psicoterapia, chiamata anche terapia della parola, è considerata un trattamento di prima scelta efficace per gli attacchi di panico e il disturbo di panico. La psicoterapia può aiutarti a capire gli attacchi di panico e il disturbo di panico e imparare come affrontarli.

Vedere i risultati del trattamento può richiedere tempo e fatica. Potresti iniziare a vedere i sintomi di un attacco di panico ridursi entro diverse settimane e spesso i sintomi diminuiscono in modo significativo o scompaiono entro diversi mesi.

Farmaci

I farmaci possono aiutare a ridurre i sintomi associati agli attacchi di panico e alla depressione se questo è un problema per te. Diversi tipi di farmaci hanno dimostrato di essere efficaci nella gestione dei sintomi degli attacchi di panico, tra cui:

  • Inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI). Generalmente sicuri con un basso rischio di gravi effetti collaterali, gli antidepressivi SSRI sono in genere raccomandati come prima scelta di farmaci per il trattamento degli attacchi di panico. Gli SSRI approvati dalla Food and Drug Administration (FDA) per il trattamento del disturbo di panico includono fluoxetina (Prozac), paroxetina (Paxil, Pexeva) e sertralina (Zoloft).
  • Inibitori della ricaptazione della serotonina e della noradrenalina (SNRI). Questi farmaci sono un’altra classe di antidepressivi. La venlafaxina SNRI (Efexor XR) è approvata dalla FDA per il trattamento del disturbo di panico.
  • Benzodiazepine. Questi sedativi sono depressivi del sistema nervoso centrale. Le benzodiazepine approvate dalla FDA per il trattamento del disturbo di panico includono alprazolam (Xanax) e clonazepam (Klonopin). Le benzodiazepine sono generalmente utilizzate solo a breve termine perché possono creare assuefazione, causando dipendenza mentale o fisica. Questi farmaci non sono una buona scelta se hai avuto problemi con l’uso di alcol o droghe. Possono anche interagire con altri farmaci, causando pericolosi effetti collaterali.

 

Stile di Vita | nutrizione e attività fisica per prevenire gli attacchi di panico

Ci sono abitudini sane che puoi incorporare nel tuo stile di vita che possono anche aiutare a ridurre l’ansia e gli attacchi di panico. Ad esempio, un regolare esercizio aerobico come corsa, bicicletta o altri esercizi cardio da moderata ad alta intensità può effettivamente ridurre i sintomi dell’ansia. Anche alcol, sigarette e caffeina possono essere fattori scatenanti. Eliminarli dal tuo stile di vita può ridurre gli attacchi di panico.

  • Evita caffeina, alcol, fumo e droghe ricreative. Tutti questi possono innescare o peggiorare gli attacchi di panico.
  • Pratica la gestione dello stress e le tecniche di rilassamento. Ad esempio, lo yoga, la respirazione profonda e il rilassamento muscolare progressivo – tendendo un muscolo alla volta e poi rilasciando completamente la tensione fino a quando tutti i muscoli del corpo non sono rilassati – possono anche essere utili.
  • Diventa fisicamente attivo. L’attività aerobica può avere un effetto calmante sul tuo umore.
  • Dormi a sufficienza. Dormi a sufficienza in modo da non sentirti sonnolento durante il giorno.

 

Rompere il silenzio e lo stigma della malattia mentale | La storia di Mark

https://www.mayoclinic.org/diseases-conditions/panic-attacks/symptoms-causes/syc-20376021

Sono un 34enne che soffre di ansia , disturbo ossessivo-compulsivo e disturbo di panico . Ma non sono solo questo. Sono anche un creativo musicista di 34 anni, un marito, un padre del più carino Yorkie che potresti mai incontrare (Dolce), un devoto membro dello staff in Neurochirurgia presso la Mayo Clinic di Rochester , un amico compassionevole e gentile, e un individuo che trova ogni giorno gioia e risate.

Questa storia parla di come affrontare una malattia mentale e ancora prosperare con un lavoro e una vita che amo e tengo appassionatamente e profondamente. Lo faccio con l’aiuto della Mayo Clinic come istituzione, del suo staff, dei miei amici, della mia famiglia e, soprattutto, di Generose ( Dipartimento di Psichiatria e Psicologia ).

Il mio bisogno di condividere questa storia viene da un luogo di forza, compassione, onestà e cura di me stesso e degli altri come me. Mi sento come se – e noi – dovessimo prendere provvedimenti per rompere il silenzio su ciò che la gente pensa della malattia mentale e del suicidio.

La parte peggiore della malattia per me sono gli attacchi di panico . È come essere soffocati, avere il cuore che sporge dal petto come se avessi appena corso cinque maratone a quello che sembra 10.000 battiti al minuto. Non riesci a riprendere fiato. Ma allo stesso tempo respiri più velocemente di quanto avresti mai pensato di poter fare. Inizi a tremare. Inizi ad avere dolori al petto. Inizi a sudare. Inizi a sentirti stordito come se stessi per svenire. E inizi a sentire come se stessi fluttuando fuori dal tuo corpo – guardando il tuo corpo dal cielo chiedendoti: “Perché? Perché io?”

Tutti intorno a te pensano che tu stia benissimo perché hai una maschera fissata al viso – una maschera che sorride e nasconde la verità, che è lì da anni. Ma dentro c’è una rete aggrovigliata di oscurità, il destino sconosciuto e imminente. Alcuni giorni ti lavi, risciacqui e ripeti questi sintomi per 10. Questo è ciò che mi ha portato al punto di rottura: il tentativo di suicidio .

È una parola che attraverso le credenze e gli insegnamenti della società porta vergogna e disonore. Ma finché non arrivi a quel punto di impotenza e disperazione, non hai idea che avresti nemmeno pronunciato la parola nella tua testa – e lo intendevi davvero.

Ho chiedere aiuto, e l’ho trovato presso il Generose Building della Mayo Clinic.

È lì che è iniziata la magia. i gruppi di psicoterapia mi hanno aiutato tantissimo: essere circondato da persone che stanno attraversando qualcosa di simile a te, tutti hanno tentato il suicidio. Tutti individui unici, forti, creativi, compassionevoli, ma allo stesso tempo disperati, che si prendono cura l’uno dell’altro.

Il pezzo che sembrava mancare a tutti noi? Prenditi cura di te stesso.

La malattia mentale ha un modo divertente di inchiodarti contro te stesso. Dicendoti bugie che non sei degno, che non appartieni, che non puoi farlo, che non sei abbastanza forte per resistere a questo – non un altro giorno.

È qui che l’intensa terapia con consapevolezza inizia a riqualificare il cervello e le vie neurali. La consapevolezza è un modo per rallentare il cervello e concentrarsi completamente sul momento presente – non concentrarsi sulla tua lista di cose da fare per domani, non preoccuparti di quella cosa che “non avresti dovuto” dire ieri. È semplicemente vivere nel presente. Facile, vero?

Immagina di tornare a casa dal lavoro in macchina. Ti ricordi l’intero viaggio verso casa? Probabilmente no. È probabile che tu fossi concentrato su cose che dovevi fare o cose accadute prima. La pratica della consapevolezza insieme alla meditazione è qualcosa che pratico ormai da mesi. Mi piace farlo quando non sono infastidito dal mondo esterno – fuori nel mio frutteto di mele, a guardare le nostre galline correre in giro, a guardare i fiori di melo sui nostri alberi.

Ma in tempi di attacco di panico, significa semplicemente contare qualcosa sul muro di fronte a me.

“Ci sono cinque foto su questo muro davanti a me.” Descrivo senza giudizio quelle foto.

“Nella foto indossa un abito nero con una camicia a righe bianche e una cravatta rossa”. “La cornice è d’argento.” Farlo anche per cinque minuti può farmi uscire da un attacco di panico. Lento. Cose. Giù.

O per qualcuno che non soffre di attacchi di panico, anche un’ansia più alta del normale potrebbe essere un esempio in cui provare questa pratica.

Ci sono molte altre abilità e strumenti che Generose insegna, ma la consapevolezza e la meditazione erano di gran lunga le mie preferite, tanto che ho creato la mia canzone e il mio video per essere utilizzato da chiunque ne avesse bisogno.

Ci sono tante altre cose che ho imparato dai caregiver di Generose – tanti altri esempi di assistenza e compassione, comprensione e formazione sulla resilienza che il team mi ha portato.

Grazie alla terapia, sono stato in grado di realizzare cose nella vita che non credevo possibili. Ho tenuto due volte un corso di formazione attraverso il mio dipartimento. Ho presieduto e assistito una raccolta fondi per la Neuro Hospitality House . Ho cantato l’inno nazionale a una partita di baseball dei Rochester Honkers quest’estate. Lavoro tutti i giorni. E continuo a scrivere musica e ad apprezzare la fotografia. Questa non è certamente una favola o su “guarda come sto andando alla grande” e non finisce con cuccioli di cane, arcobaleni, glitter e gelati. Ogni giorno è una lotta, e per quelli di noi che si occupano di problemi di salute mentale, sai che non esiste una pillola magica. Ma con la giusta terapia, i farmaci prescritti da un medico ed esplorando la consapevolezza e la meditazione, ho scoperto che puoi vivere una vita appagata, anche con momenti dolorosi.

 

Gli Specialisti

  • psicologo
  • psichiatra

 

Bibliografia

Disturbi d’ansia. (2016, marzo)
nimh.nih.gov/health/topics/anxiety-disorders/index.shtml
Risposte alle tue domande sul disturbo di panico. (nd). Estratto da
apa.org/topics/anxiety/panic-disorder.aspx
Mayo Clinic Staff. (2015, 19 maggio). Attacchi di panico e disturbo di panico
mayoclinic.org/diseases-conditions/panic-attacks/basics/definition/con-20020825?p=1
Disturbo di panico e agorafobia. (nd)
adaa.org/understanding-anxiety/panic-disorder-agoraphobia