Cosa spinge i giovani a tagliarsi, graffiare o bruciare la pelle, colpire o prendersi a pugni o addirittura sbattere la testa contro un muro?
Per anni, gli psicologi hanno teorizzato che tali comportamenti autolesionistici aiutassero a regolare le emozioni negative. Se una persona si sente male, arrabbiata, turbata, ansiosa o depressa e non ha un modo migliore per esprimere la sua sofferenza, l’autolesionismo può fungere da canale di sfogo per le emozioni inespresse.

Cos’è l’autolesionismo?

L’autolesionismo, definito anche automutilazione o semplicemente “tagliarsi” , si esprime in un comportamento volto a provocare un qualsiasi tipo di lesione intenzionale al proprio corpo. L’autolesionismo è un problema critico che colpisce fino al 25% dei giovani e può provocare esiti avversi, tra il reiterarsi delle autolesioni, suicidio e mortalità, rischi per la salute mentale, scarsi risultati scolastici e occupazionali e una qualità della vita complessiva ridotta. 
Rispetto ai giovani che non intraprendono atti di autolesionismo, quelli che lo fanno hanno maggiori probabilità di segnalare idee suicide e piani di suicidio e di segnalare livelli maggiori di disagio emotivo, difficoltà emotive caratterizzate da rabbia e bassa autostima, comportamenti antisociali e comportamenti a rischio per la salute come l’uso di droghe illecite ( Laye-Gindhu e Schonert-Reichl, 2005 ). In effetti, i tassi dei tentativi di suicidio sono più alti in coloro che praticano l’autolesionismo. 
 Cosa si può fare allora per prevenire queste drammatiche conseguenze ed eliminare il comportamento autolesivo? 
 

Chi ha più probabilità di praticare l’autolesionismo?

Chiunque può iniziare a praticare l’autolesionismo, ma questo comportamento si verifica più spesso tra:

  • Femmine adolescenti
  • Persone che hanno una storia di abusi fisici, emotivi o sessuali
  • Persone che hanno problemi coesistenti di abuso di sostanze , disturbo ossessivo-compulsivo o disturbi alimentari
  • Individui che sono stati spesso cresciuti in famiglie che hanno scoraggiato l’espressione della rabbia
  • Individui che mancano delle capacità di esprimere le proprie emozioni e mancano di una buona rete di supporto sociale

Cosa porta all’autolesionismo?

L’autolesionismo di solito si verifica quando le persone affrontano sentimenti che sembrano opprimenti o angoscianti. Può anche essere un atto di ribellione e / o rifiuto dei valori dei genitori e un modo per individualizzarsi. Chi ne soffre può pensare che l’autolesionismo sia un modo per:

  • Alleviare temporaneamente sentimenti, pressioni o ansia intensi
  • Essere un mezzo per controllare e gestire il dolore, a differenza del dolore sperimentato attraverso abusi o traumi fisici o sessuali
  • Fornire un modo per superare l’intorpidimento emotivo (l’auto-anestesia che consente a qualcuno di tagliare senza provare dolore)
  • Chiedere aiuto in modo indiretto o attirare l’attenzione sulla necessità di aiuto
  • Tentare di influenzare gli altri manipolandoli, cercando di fargli interessare, cercando di farli sentire in colpa o cercando di farli andare via

L’autolesionismo può anche essere un riflesso dell’odio per se stessi di una persona. Alcuni autolesionisti si stanno punendo per avere sentimenti forti che di solito non potevano esprimere da bambini. Possono anche punirsi per essere in qualche modo cattivi e immeritevoli. Questi sentimenti sono una conseguenza dell’abuso e della convinzione che l’abuso fosse meritato.

Sebbene una lesione autoinflitta possa provocare danni potenzialmente letali, non è considerata un comportamento suicida.

Quali sono i sintomi dell’autolesionismo?

I sintomi dell’autolesionismo includono:

  • Tagli e ustioni frequenti
  • punture graffi
  • L’ago si attacca
  • Sbattere la testa
  • Occhio premendo
  • Mordere le dita o il braccio
  • Tirarsi fuori i capelli
  • Stuzzicare la propria pelle

Fattori Scatenanti

Diverse caratteristiche di personalità ed esperienze traumatiche di vita possono costituire dei fattori di rischio che aumentano la probabilità di iniziare a praticare l’autolesionismo, tra questi ricordiamo:

  • emozioni angoscianti
  • senso di isolamento
  • senso di colpa
  • esposizione all’autolesionismo
  • difficoltà relazionali
  • confronto sociale
  • difficoltà scolastiche / lavorative
  • bullismo
  • abusi
  • disturbi dell’umore
  • disturbo borderline e altri disturbi della personalità
  • depressione e disperazione 
  • ideazione suicidaria

Come viene diagnosticato l’autolesionismo?

Se un individuo mostra segni di autolesionismo, dovrebbe essere consultato un professionista della salute mentale. Sarà necessario fare una valutazione e raccomandare un ciclo di trattamento. L’autolesionismo può essere un sintomo di malattie psichiatriche tra cui:

  • Disturbi della personalità (in particolare disturbo borderline di personalità)
  • Disturbi da uso di sostanze
  • Disturbo bipolare
  • Grave depressione
  • Disturbi d’ansia (in particolare disturbo ossessivo-compulsivo)
  • Schizofrenia

Quali sono i Trattamenti

Gli interventi attualmente raccomandati per i giovani che praticano autolesionismo sono mirati principalmente ad affrontare i disturbi dell’umore e della personalità sottostanti al comportamento rischioso. Per garantire che i giovani abbiano accesso a strategie efficaci quando sperimentano l’impulso all’autolesionismo, è necessario passare all’esame dei fattori scatenanti di questo impulso all’autolesionismo. Comprendere la fenomenologia dell’autolesionismo dal punto di vista dei giovani e la loro esperienza vissuta è fondamentale.

Il trattamento per l’autolesionismo può includere:

  • Psicoterapia: la consulenza può essere utilizzata per aiutare una persona a smettere di impegnarsi nell’autolesionismo.
  • Terapia dialettica comportamentale (DBT): DBT è un programma di trattamento che aiuta le persone ad acquisire maggiore padronanza sugli impulsi autodistruttivi (come l’autolesionismo), apprendere modi per tollerare meglio l’angoscia e acquisire nuove capacità tecniche come una maggiore consapevolezzadi sè.
  • Terapie da stress post-traumatico: possono essere utili per gli autolesionisti che hanno una storia di abusi.
  • Terapia di gruppo: parlare del problema in un contesto di gruppo a persone che hanno problemi simili può essere utile per diminuire la vergogna associata all’autolesionismo e per sostenere una sana espressione delle emozioni.
  • Terapia familiare: questo tipo di terapia affronta qualsiasi storia di stress familiare correlato al comportamento e può aiutare i membri della famiglia a imparare a comunicare in modo più diretto e aperto tra loro.
  • Ipnosi e altre tecniche di auto-rilassamento: questi approcci sono utili per ridurre lo stress e la tensione che spesso precedono gli episodi di autolesionismo.
  • Farmaci: antidepressivi, antipsicotici a basso dosaggio o farmaci ansiolitici possono essere utilizzati per ridurre la risposta impulsiva iniziale allo stress.

Qual è la Prognosi?

La prognosi per il comportamento autolesionistico varia a seconda dello stato emotivo o psicologico di una persona e della natura di qualsiasi condizione psichiatrica sottostante. È importante determinare i fattori che portano ai comportamenti autolesionistici di un individuo e identificare e trattare eventuali disturbi di personalità preesistenti.

Storie di Autolesionismo | La Storia di Juliet

Tratta dal libro “Healing the Truth Within” di Jan Sutton

Mi autolesiono da circa cinque anni. Era qualcosa che avevo “imparato” mentre ero in ospedale a cause dell’anoressia. Ho sentito di non avere più il controllo sul cibo e odiavo il fatto che stavo diventanto più in carne invece di scomparire. Inizialmente ho iniziato a tagliarmi sul mio petto, sulle braccia e sulle cosce. Il taglio è stato alimentato dalla repulsione che ho sentito verso il mio corpo ed era diretto in particolare alle aree associavo alla femminilità. Sono stata costretta a diventare di nuovo una donna adulta e ho avuto paura. L’autolesionismo è diminuito per circa un anno con il ritorno dell’anoressia, ma poi è tornato di nuovo mentre mi riprendevo dall’anoressia. Cominciò essere strettamente collegato alle abbuffate e altre volte in cui mi sentivo molto giù o isolata. Quando i miei genitori lo hanno scoperto sono rimasti inorriditi e hanno rifiutato di parlarne.

Era qualcosa che non poteva accadere nella nostra famiglia e quest’idea mi faceva stare molto male.  Ci sono stati mesi interi in cui non mi sono autolesionata, a altre volte capitava invece due o tre volte a settimana. Mi aiutava perchè mi forniva un senso di liberazione –  quando non potevo piangere, facevo piangere il braccio al mio posto. Subito dopo essermi tagliata, mi sento molto di più in grado di far fronte al malessere, ma l’effetto svanisce presto. Poi, mi rendo conto che ho fallito di nuovo e la vergogna, i pensieri e i sentimenti di colpa mi invadono nuovamente.
A volte non so nemmeno perché lo sto facendo –  sento solo che si accumula un’enorme pressione, divento irrequieta e nervosa. Altre volte è collegato direttamente all’abbuffata o alla disperazione.
Ad ogni modo, parte di me pensa che non importa quello che faccio a me stessa perché così non interessa nessun altro (nessun altro lo sa) e io non mi piaccio comunque. Un’altra parte di me sa che non è un modo  costruttivo per gestire i problemi e che ho bisogno di fermarlo anche solo per motivi pratici.  Questa idea è molto avvincente però l’autolesionismo è difficile da fermare perché è così efficace nel liberarmi dal dolore insopportabile che provo in quel momento.

In un’occasione ho avuto bisogno di cure per il mio braccio quando mi sono procurata una ferita particolarmente grave, circa 18 mesi fa. Ho aspettato per molto tempo di ricevere le cure. Alla fine, lo psichiatra che ho visto mi ha lasciata andare a casa a condizione che tornassi per un appuntamento il prossimo giorno. Quando sono tornata mi ha detto che dovevo andare in ospedale. Era uno dei posti peggiori che potessi immaginare – Sono stato svegliata più volte durante la notte da vari pazienti che vagavano nella mia stanza, una delle quali cantava. Per prima cosa mi sono dimessa il Lunedi mattina successivo.

L’unica cosa divertente era l’etichetta che mi aveva dato lo psichiatra –  disturbo del controllo degli impulsi. Sarò cinica, ma sospetto che servisse più a lui che a me, dato che nessuno mi ha spiegato niente riguardo a questo disturbo o al mio problema.
Ho trovato pochissimo supporto. Credo però che sia molto più comune di quanto generalmente si pensi. C’è un enorme stigma associato all’autolesionismo – ammettere di avere un problema del genere è, secondo l’opinione di molte persone, equivalente ad ammettere la follia.

Ho riscontrato reazioni come shock, ostilità, disgusto e sono stata ignorata per questo. Credo che l’autolesionismo non sia visto considerato un’alta priorità nel mondo medico perché è “autoinflitto”. É spesso visto come un grido di attenzione, quando in realtà i malati impiegano grandi sforzi per mantenere un tale comportamento segreto. Nella mia situazione, nessuno lo sapeva tranne il mio medico di famiglia.

Prendo antidepressivi da cinque anni e di recente ho iniziato a seguire un percorso di psicoterapia una volta alla settimana. La fiducia è un grosso problema per me, ma spero di migliorare. Sento molto utile avere una persona lì solo per me, che mi accetta incondizionatamente e trovo che mi ci sto abituando! Insieme alla terapeuta analizziamo varie questioni su come esprimere emozioni, le mie relazioni e tutto ciò di cui penso sia importante parlare.

Ciò che aiuta di più è essere vista e valorizzata per la persona che sono e non essere considerata esclusivamente per il mio problema. Tuttavia, vorrei vedere più aiuto disponibile per le persone con autolesionismo. Gli atteggiamenti devono cambiare anche nella società perché criticare e condannare aumenta solo la vergogna e il senso di colpa già provati dal malato. Con comprensione, accettazione e amore, l’isolamento provato dall’individuo diminuisce e con il supporto continuo credo che la necessità di fare gesti di autolesionismo possa essere abbondanta per fare spazio a nuovi, e più costruttivi, modi di affrontare i problemi emotivi.

Gli Specialisti da Consultare

  • psicoterapeuta
  • psichiatra

Il Verdetto Finale

Le persone che intraprendono l’autolesionismo non vedono necessariamente il dolore come qualcosa da cui fuggire. Invece, provare dolore convalida il loro senso di essere una persona cattiva o danneggiata. Il miglior modo per uscire dal tunnel delle emozioni negative e dei comportamenti autolesivi ad esse associate è uscire allo scoperto e parlare con uno psicologo del proprio problema. Insieme al terapeuta sarà possibile fare un percorso di maggiore consapevolezza circa le cause scatenanti il comportamento autolesivo e raggiungere una maggiore accettazione di sè, migliorando la propria autostima e risolvendo conflitti relazionali.

 

 

 

 

fonti:

  1. Russell KR, et al. Identifying the signs of self-harm in students. NASN School Nurse. 2016;3:121.
  2. AskMayoExpert. Self-harm. Rochester, Minn.: Mayo Foundation for Medical Education and Research; 2017.
  3. Self-harm. National Alliance on Mental Illness. https://www.nami.org/Learn-More/Mental-Health-Conditions/Related-Conditions/Self-harm. Accessed Oct. 24, 2018.
  4. Edmondson AJ, et al. Non-suicidal reasons for self-harm: A systematic review of self-reported accounts. Journal of Affective Disorders. 2016;191:109.
  5. Butler JA. Self-harm. Medicine. 2016;44:12.
  6. Self-directed violence and other forms of self-injury. Centers for Disease Control and Prevention. https://www.cdc.gov/ncbddd/disabilityandsafety/self-injury.html. Accessed Oct. 24, 2018.
  7. Cipriano A, et al. Nonsuicidal self-injury: A systematic review. Frontiers in Psychology. 2017;8:1946.
  8. Nonsuicidal self-injury (NSSI). Merck Manual Professional Version. https://www.merckmanuals.com/professional/psychiatric-disorders/suicidal-behavior-and-self-injury/nonsuicidal-self-injury-nssi. Accessed Oct. 24, 2018.
  9. Taylor PJ, et al. A meta-analysis of the prevalence of different functions of non-suicidal self-injury. Journal of Affective Disorders. 2018;227:759.
  10. Pluhar E, et al. Nonsuicidal self-injury in adolescents: Current developments to help inform assessment and treatment. Current Opinion in Psychiatry. 2018;30:483.
  11. Williams KA, et al. Why do adolescents engage in nonsuicidal self-injury? American Nurse Today. 2018;13:37.
  12. Self-injury in adolescents. American Academy of Child and Adolescent Psychiatry. https://www.aacap.org/AACAP/Families_and_Youth/Facts_for_Families/FFF-Guide/Self-Injury-In-Adolescents-073.aspx. Accessed Oct. 24, 2018.
  13. Conditions for further study: Nonsuicidal self-injury. In: Diagnostic and Statistical Manual of Mental Disorders DSM-5. 5th ed. Arlington, Va.: American Psychiatric Association; 2013. https://dsm.psychiatryonline.org. Accessed Oct. 24, 2018.
  14. Sim LA (expert opinion). Mayo Clinic, Rochester, Minn. Nov. 27, 2018.