Facebook pixel

Calo della libido o desiderio sessuale

Calo della libido o desiderio sessuale

È comune perdere interesse per il sesso di tanto in tanto e i livelli di libido variano nel corso della vita. È anche normale che il tuo interesse a volte non corrisponda a quello del tuo partner.

Tuttavia, una bassa libido per un lungo periodo di tempo può causare preoccupazione per alcune persone. A volte può essere un indicatore di una condizione di salute sottostante.

 

Calo del Desiderio Sessuale nell’Uomo

Il testosterone è un importante ormone maschile. Negli uomini, è prodotto principalmente nei testicoli.

Il testosterone è responsabile della costruzione dei muscoli e della massa ossea e della stimolazione della produzione di sperma . Anche i livelli di testosterone influiscono sul desiderio sessuale .

I livelli normali di testosterone varieranno. Tuttavia, si ritiene che gli uomini adulti abbiano un basso testosterone, quando i loro livelli scendono al di sotto di 300 nanogrammi per decilitro (ng / dL).

Quando i livelli di testosterone diminuiscono, diminuisce anche il  desiderio sessuale.

La diminuzione del testosterone è una parte normale dell’invecchiamento. Tuttavia, un drastico calo del testosterone può portare a una diminuzione della libido.

Calo del Desiderio Sessuale nella Donna

I desideri sessuali delle donne fluttuano naturalmente nel corso degli anni. Gli alti e i bassi comunemente coincidono con l’inizio o la fine di una relazione o con i principali cambiamenti della vita, come la gravidanza, la menopausa o la malattia. Alcuni farmaci usati per i disturbi dell’umore possono anche causare un basso desiderio sessuale nelle donne.

Possibili Cause di Basso Desiderio Sessuale

Cause fisiche

Una vasta gamma di malattie, cambiamenti fisici e farmaci possono causare un basso desiderio sessuale, tra cui:

  • Problemi sessuali. Se hai dolore durante il sesso o non riesci a raggiungere l’orgasmo, ciò può ridurre il desiderio sessuale.
  • Malattie mediche. Molte malattie non sessuali possono influenzare il desiderio sessuale, tra cui artrite, cancro, diabete, ipertensione, malattia coronarica e malattie neurologiche.
  • Farmaci. È noto che alcuni farmaci da prescrizione, in particolare gli antidepressivi chiamati inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina, riducono il desiderio sessuale.
  • Abitudini di vita. Un bicchiere di vino può metterti dell’umore giusto, ma troppo alcol può influire sul tuo desiderio sessuale. Lo stesso vale per le droghe da strada. Inoltre, il fumo riduce il flusso sanguigno, il che può attenuare l’eccitazione.
  • Chirurgia. Qualsiasi intervento chirurgico relativo al seno o al tratto genitale può influire sull’immagine del corpo, sulla funzione sessuale e sul desiderio di sesso.
  • Fatica. L’esaurimento dovuto alla cura dei bambini piccoli o dei genitori anziani può contribuire a ridurre il desiderio sessuale. Anche l’affaticamento dovuto a malattia o intervento chirurgico può svolgere un ruolo in un basso desiderio sessuale.

Cambiamenti ormonali

I cambiamenti nei livelli ormonali possono alterare il desiderio sessuale. Ciò può verificarsi durante:

  • Menopausa. I livelli di estrogeni diminuiscono durante il passaggio alla menopausa. Ciò può rendere la donna meno interessata al sesso e causare secchezza dei tessuti vaginali, con conseguente dolore durante i rapporti sessuali. Sebbene molte donne abbiano ancora rapporti sessuali soddisfacenti durante la menopausa e oltre, alcune sperimentano un rallentamento della libido durante questo cambiamento ormonale.
  • Gravidanza e allattamento. I cambiamenti ormonali durante la gravidanza, subito dopo aver avuto un bambino e durante l’allattamento possono mettere un freno al desiderio sessuale. Anche l’affaticamento, i cambiamenti nell’immagine del corpo e le pressioni della gravidanza o della cura di un neonato possono contribuire ai cambiamenti nel tuo desiderio sessuale.

Cause psicologiche

Ci sono molte cause psicologiche di un basso desiderio sessuale, tra cui:

  • Problemi di salute mentale, come ansia o depressione
  • Stress, come stress finanziario o stress da lavoro
  • Immagine corporea scadente
  • Bassa autostima
  • Storia di abuso fisico o sessuale
  • Precedenti esperienze sessuali negative

Problemi di relazione

Per molte donne, la vicinanza emotiva è un preludio essenziale all’intimità sessuale. Quindi problemi relazionali nella coppia possono essere un fattore importante. Il calo dell’interesse per il sesso è spesso il risultato di problemi non risolti, come:

  • Mancanza di connessione con il partner
  • Conflitti o litigi irrisolti
  • Scarsa comunicazione dei bisogni e delle preferenze sessuali
  • Problemi di fiducia

Desiderio Sessuale e Depressione

La depressione cambia tutte le parti della vita di una persona. Le persone depresse sperimentano una ridotta o completa mancanza di interesse per le attività che una volta trovavano piacevoli, compreso il sesso .

La bassa libido è anche un effetto collaterale di alcuni antidepressivi, tra cui:

  • inibitori della ricaptazione della serotonina-norepinefrina (SNRI) , come duloxetina (Cymbalta)
  • inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI) , come fluoxetina (Prozac) e sertralina (Zoloft)

Tuttavia, il bupropione della noradrenalina e dell’inibitore della ricaptazione della dopamina (NRDI) (Wellbutrin SR, Wellbutrin XL) non ha dimostrato di ridurre la libido.

Parla con il tuo medico se stai assumendo antidepressivi e hai una bassa libido. Potrebbe essere possibile ridurre gli effetti collaterali aggiustando la dose o cambiando il farmaco.

  • Prenota un appuntamento con lo Psichiatra

  • Chiedi il consulto di uno Psicoterapeuta

 

Desiderio Sessuale e Malattia cronica

Quando non ti senti bene a causa degli effetti di una condizione di salute cronica, come il dolore cronico, il sesso è probabilmente in fondo alla tua lista di priorità.

Alcune malattie, come il cancro, possono ridurre anche la produzione di sperma.

Altre malattie croniche che possono mettere a dura prova la libido includono:

  • diabete di tipo 2
  • obesità
  • ipertensione
  • colesterolo alto
  • insufficienza polmonare, cardiaca , renale e epatica cronica

Se stai vivendo una malattia cronica, parla con il tuo partner dei modi per essere intimo durante questo periodo. Potresti anche considerare di consultare uno psicoterapeuta di coppia o un sessuologo.

  • Richiedi la Consulenza di uno Psicoterapeuta di Coppia

Desiderio Sessuale e Disturbi del Sonno

Uno studio sul Journal of Clinical Sleep Medicine ha rilevato che gli uomini non obesi con apnea ostruttiva del sonno (OSA) sperimentano livelli di testosterone più bassi. A sua volta, questo porta ad una diminuzione dell’attività sessuale e della libido.

Nello studio, i ricercatori hanno scoperto che quasi un terzo degli uomini che soffrivano di apnea notturna grave aveva anche livelli ridotti di testosterone.

In un altro recente studio condotto su uomini giovani e sani, i livelli di testosterone sono diminuiti del 10-15% dopo una settimana di restrizione del sonno a cinque ore per notte.

I ricercatori hanno scoperto che gli effetti della limitazione del sonno sui livelli di testosterone erano particolarmente evidenti tra le 14:00 e le 22:00 del giorno successivo.

 

Desiderio Sessuale e Invecchiamento

I livelli di testosterone, che sono legati alla libido, sono ai massimi quando gli uomini sono nella tarda adolescenza.

Negli anni della vecchiaia, potrebbe essere necessario più tempo per avere orgasmi, eiaculare e eccitarsi.

Tuttavia, sono disponibili farmaci che possono aiutare a trattare questi problemi.

  • Prenota una visita con il geriatra

Desiderio Sessuale e Stanchezza

Se sei distratto da situazioni o periodi di alta tensione, il desiderio sessuale può diminuire. Questo perché lo stress può interrompere i livelli ormonali. Le arterie possono restringersi nei periodi di stress. Questo restringimento limita il flusso sanguigno e può potenzialmente causare la disfunzione erettile negli uomini.

Uno studio pubblicato su Scientific Research and Essays ha sostenuto l’idea che lo stress abbia un effetto diretto sui problemi sessuali sia negli uomini che nelle donne.

Un altro studio su veterani con disturbo da stress post-traumatico (PTSD) ha scoperto che il disturbo da stress ha aumentato il rischio di disfunzione sessuale più di tre volte.

Lo stress è difficile da evitare. Problemi di relazione, divorzio, affrontare la morte di una persona cara, preoccupazioni finanziarie, un neonato o un ambiente di lavoro frenetico sono solo alcuni degli eventi della vita che possono influenzare notevolmente il desiderio di sesso.

Le tecniche di gestione dello stress, come esercizi di respirazione, meditazione e parlare con uno psicoterapeuta, possono aiutare.

In uno studio, ad esempio, gli uomini a cui è stata diagnosticata di recente la Disfunzione Erettile hanno mostrato un miglioramento significativo nei punteggi della funzione erettile dopo aver partecipato a un programma di gestione dello stress di 8 settimane.

Desiderio Sessuale e Bassa autostima

L’autostima è definita come l’opinione generale che una persona ha su se stessa. La scarsa autostima e una cattiva immagine del corpo possono mettere a dura prova la salute emotiva e il benessere psicofisico.

Se ritieni di essere poco attraente o indesiderabile, ciò probabilmente metterà un freno alla possibilità di stringere relazioni di coppia soddisfacenti.

La bassa autostima può anche causare ansia per le prestazioni sessuali, che può portare a problemi disfunzione erettile e ridotto desiderio sessuale.

Nel tempo, i problemi di autostima possono provocare problemi di salute mentale più ampi, come depressione, ansia e abuso di droghe o alcol, tutti collegati ad una bassa libido.

 

 

Fonti:

  1. Domande frequenti. FAQ sulla salute delle donne072. La tua salute sessuale. American College of Obstetricians and Gynecologists. https://www.acog.org/Patients/FAQs/Your-Sexual-Health. Accesso effettuato il 29 novembre 2017.
  2. Shifren JL. Disfunzione sessuale nelle donne: epidemiologia, fattori di rischio e valutazione. https://www.uptodate.com/contents/search. Accesso effettuato il 29 novembre 2017.
  3. Longo DL, et al., Eds. Disfunzione sessuale. In: Principi di medicina interna di Harrison. 19 ° ed. New York, NY: The McGraw-Hill Education; 2015. http://accessmedicine.mhmedical.com. Accesso effettuato il 29 novembre 2017.
  4. Hoffman BL, et al. Questioni psicosociali e sessualità femminile. In: Williams Gynecology. 3a ed. New York, NY: McGraw-Hill Education; 2016. http://accessmedicine.mhmedical.com. Accesso effettuato il 29 novembre 2017.
  5. Lodise NM. Disfunzione sessuale femminile: un focus sulla flibanserina. Giornale internazionale della salute delle donne. 2017; 9: 757.
  6. Shifren JL. Panoramica sulla disfunzione sessuale nelle donne: gestione. https://www.uptodate.com/contents/search. Accesso 23 marzo 2020.
  7. Goldstein I, et al. Disturbo da desiderio sessuale ipoattivo: revisione del pannello di consenso degli esperti della International Society for the Study of Women’s Sexual Health (ISSWSH). Atti della Mayo Clinic. 2017; 92: 114.
  8. Hirsch M, et al. Disfunzione sessuale causata da inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI): Gestione Disfunzione sessuale causata da inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI): Gestione Disfunzione sessuale causata da inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI): Gestione. https://www.uptodate.com/contents/search. Accesso 28 dicembre 2017.
  9. Butler Tobah YS (opinione degli esperti). Mayo Clinic. 25 gennaio 2018.
  10. La FDA approva un nuovo trattamento per il disturbo del desiderio sessuale ipoattivo nelle donne in premenopausa. Food and Drug Administration degli Stati Uniti. https://www.fda.gov/news-events/press-announcements/fda-approves-new-treatment-hypoactive-sexual-desire-disorder-premenopausal-women. Accesso 18 febbraio 2020.
  11. Vyleesi (informazioni sulla prescrizione). Waltham, Mass .: AMAG Pharmaceuticals, Inc .; 2019. https://www.accessdata.fda.gov/drugsatfda_docs/label/2019/210557s000lbl.pdf. Accesso 18 febbraio 2020.
  12. AskMayoExpert. Sindrome genitourinaria della menopausa (adulto): trattamenti ormonali. Mayo Clinic; 2019.
  13. Marnach ML (opinione degli esperti). Mayo Clinic. 21 febbraio 2020.
  14. Disturbi depressivi. In: Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali DSM-5. 5a ed. Arlington, Virginia: American Psychiatric Association; 2013. https://dsm.psychiatryonline.org. Accesso 7 giugno 2018.
  15. Depressione postparto. Ufficio della salute delle donne. https://www.womenshealth.gov/mental-health/mental-health-conditions/postpartum-depression. Accesso 1 luglio 2015.
  16. Depressione tra le donne. Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie. https://www.cdc.gov/reproductivehealth/depression/index.htm. Accesso 7 giugno 2018.
  17. Cos’è la depressione postpartum? American Psychiatric Association. https://www.psychiatry.org/patients-families/postpartum-depression/what-is-postpartum-depression. Accesso 7 giugno 2018.
  18. Viguera A. Depressione unipolare postpartum: epidemiologia, caratteristiche cliniche, valutazione e diagnosi. https://www.uptodate.com/contents/search. Accesso 7 giugno 2018.
  19. Viguera A. Depressione maggiore unipolare postpartum da lieve a moderata: trattamento. https://www.uptodate.com/contents/search. Accesso 7 giugno 2018.
  20. Viguera A. Grave depressione maggiore unipolare postpartum: trattamento. https://www.uptodate.com/contents/search. Accesso 7 giugno 2018.
  21. Viguera A. Depressione postpartum: rischio di sviluppo anormale del bambino. https://www.uptodate.com/contents/search. Accesso 7 giugno 2018.
  22. Domande frequenti. FAQ091 sul travaglio, il parto e l’assistenza post-partum. Depressione postparto. American College of Obstetricians and Gynecologists. https://www.acog.org/-/media/For-Patients/faq091.pdf?dmc=1&ts=20180608T0030489211. Accesso 7 giugno 2018.
  23. Fatti sulla depressione postpartum. Istituto Nazionale di Salute Mentale. https://www.nimh.nih.gov/health/publications/postpartum-depression-facts/index.shtml. Accesso 7 giugno 2018.
  24. Depressione postparto. Versione professionale del manuale Merck. https://www.merckmanuals.com/professional/gynecology-and-obstetrics/postpartum-care-and-associated-disorders/postpartum-depression. Accesso 7 giugno 2018.
  25. AskMayoExpert. Depressione durante la gravidanza e dopo il parto. Rochester, Minnesota: Mayo Foundation for Medical Education and Research; 2017. Accesso 7 giugno 2018.
  26. Accademia americana di pediatria. Assistenza dopo il parto della madre. In: Linee guida per la cura perinatale. 8a ed. Elk Grove Village, Ill .: American Academy of Pediatrics; Washington, DC: American College of Obstetricians and Gynecologists; 2017.
  27. Kumar SV, et al. Promuovere la salute mentale dopo il parto nei padri: raccomandazioni per gli infermieri. American Journal of Men’s Health. 2018; 12: 221.
  28. Berg AR, et al. Depressione perinatale paterna: fare un caso per lo screening di routine. L’infermiera. 2016; 20:
  29. Bergink V, et al. Psicosi postpartum: follia, mania e malinconia nella maternità. American Journal of Psychiatry. 2016; 173: 1179.
  30. Bobo WV, et al. Revisione concisa per medici e altri clinici: depressione postpartum. Atti della Mayo Clinic. 2014; 89: 835.
  31. Yogman M, et al. Ruoli dei padri nella cura e nello sviluppo dei propri figli: il ruolo dei pediatri. Pediatria. 2018; 138: e20161128.
  32. Campolong K, et al. L’associazione dell’esercizio durante la gravidanza con la qualità della vita specifica per il trimestre e dopo il parto e i sintomi depressivi in ​​una coorte di donne in gravidanza sane. Archivi di salute mentale delle donne. 2018; 21: 215.
  33. Moore KM (opinione degli esperti). Mayo Clinic, Rochester, Minn. 17 agosto 2018
Vuoi collaborare all'articolo?

Vuoi apportare il tuo importante contributo all'articolo? Sentiti libero di scrivere il tuo pensiero e ne faremo tesoro.

Diventa uno 'Specialist
Articoli correlati