Facebook pixel

Cardiomiopatia Dilatativa

Cardiomiopatia Dilatativa

Panoramica

La cardiomiopatia dilatativa è una malattia del muscolo cardiaco, che di solito inizia nella camera di pompaggio principale del cuore (ventricolo sinistro). Il ventricolo si allunga e si assottiglia (si dilata) e non può pompare il sangue come può fare un cuore sano. Il termine “cardiomiopatia” è un termine generico che si riferisce all’anomalia del muscolo cardiaco stesso.

La cardiomiopatia dilatativa potrebbe non causare sintomi, ma per alcune persone può essere pericolosa per la vita.

La cardiomiopatia dilatativa può anche contribuire a battiti cardiaci irregolari (aritmie), coaguli di sangue o morte improvvisa.

La condizione colpisce persone di tutte le età, compresi neonati e bambini, ma è più comune negli uomini di età compresa tra 20 e 50 anni.

Sintomi

Se hai una cardiomiopatia dilatativa, è probabile che tu abbia segni e sintomi di insufficienza cardiaca o aritmie causate dalla tua condizione. Segni e sintomi includono:

  • Fatica
  • Mancanza di respiro (dispnea)
  • Ridotta capacità di esercizio
  • Gonfiore (edema) a gambe, caviglie e piedi
  • Gonfiore dell’addome dovuto all’accumulo di liquidi (ascite)
  • Dolore al petto
  • Suoni insoliti uditi quando il tuo cuore batte (soffi cardiaci)

Quando vedere un dottore

Se hai il fiato corto o hai altri sintomi di cardiomiopatia dilatativa, consulta il tuo medico il prima possibile. Chiama il 118 o il numero di emergenza locale se senti dolore al petto che dura più di pochi minuti o hai gravi difficoltà respiratorie.

Se un membro della famiglia ha una cardiomiopatia dilatativa, parla con il tuo medico di essere sottoposto a screening o di sottoporre i familiari a screening per la condizione. La diagnosi precoce mediante test genetici può giovare alle persone con forme ereditarie di cardiomiopatia dilatativa che non hanno segni o sintomi apparenti.

Le cause

La causa della cardiomiopatia dilatativa spesso non può essere determinata. Tuttavia, numerosi fattori possono causare la dilatazione e l’indebolimento del ventricolo sinistro, tra cui:

  • Diabete
  • Obesità
  • Alta pressione sanguigna (ipertensione)
  • Abuso di alcool
  • Alcuni farmaci contro il cancro
  • Uso e abuso di cocaina
  • Infezioni, comprese quelle causate da batteri, virus, funghi e parassiti
  • Esposizione a tossine, come piombo, mercurio e cobalto
  • Aritmie
  • Complicazioni della gravidanza in fase avanzata

Fattori di rischio

La cardiomiopatia dilatativa si verifica più comunemente negli uomini di età compresa tra 20 e 50 anni. Ma può verificarsi anche nelle donne. Altri fattori di rischio includono:

  • Danni al muscolo cardiaco a causa di un infarto
  • Storia familiare di cardiomiopatia dilatativa
  • Infiammazione del muscolo cardiaco dovuta a disturbi del sistema immunitario, come il lupus
  • Disturbi neuromuscolari, come la distrofia muscolare

Complicazioni

Le complicanze della cardiomiopatia dilatativa includono:

  • Insufficienza cardiaca. Uno scarso flusso sanguigno dal ventricolo sinistro può portare a insufficienza cardiaca. Il tuo cuore potrebbe non essere in grado di fornire al tuo corpo il sangue di cui ha bisogno per funzionare correttamente.
  • Rigurgito della valvola cardiaca. L’allargamento del ventricolo sinistro può rendere più difficile la chiusura delle valvole cardiache, provocando un flusso di sangue all’indietro e facendo pompare il cuore in modo meno efficace.
  • Accumulo di liquidi (edema). Il fluido può accumularsi nei polmoni, nell’addome, nelle gambe e nei piedi (edema).
  • Ritmi cardiaci anormali (aritmie). I cambiamenti nella struttura del tuo cuore e i cambiamenti nella pressione sulle camere del tuo cuore possono contribuire allo sviluppo di aritmie.
  • Arresto cardiaco improvviso. La cardiomiopatia dilatativa può far smettere improvvisamente di battere il cuore.
  • Coaguli di sangue (emboli). Il ristagno di sangue (stasi) nel ventricolo sinistro può portare a coaguli di sangue, che possono entrare nel flusso sanguigno, interrompere l’afflusso di sangue agli organi vitali e causare ictus, infarto o danni ad altri organi. Le aritmie possono anche causare coaguli di sangue.

Prevenzione

Abitudini di vita sane possono aiutarti a prevenire o ridurre al minimo gli effetti della cardiomiopatia dilatativa.

Se soffri di cardiomiopatia dilatativa:

  • Non fumare.
  • Non bere alcolici o bere con moderazione.
  • Non usare cocaina o altre droghe illegali.
  • Segui una dieta sana, soprattutto una dieta a basso contenuto di sale (sodio).
  • Mantieni un peso sano.
  • Segui un regime di esercizi consigliato dal tuo medico.
  • Dormi e riposa a sufficienza.

Diagnosi

Il tuo medico ti chiederà la tua storia medica personale e familiare, per stilare una corretta anamnesi. Quindi, eseguirà anche un esame fisico usando uno stetoscopio per ascoltare il tuo cuore e i tuoi polmoni e ordinerà i test.

Il medico può indirizzarti a un cardiologo (cardiologo) per i test, per una diagnosi specifica e per indicazioni precise sul trattamento più adeguato.

  • Contatta un cardiologo

I test che il medico potrebbe prescrivere includono:

  •  Analisi del sangue. Questi test forniscono al medico informazioni sul tuo cuore. Possono anche rivelare se hai un’infezione, un disturbo metabolico o tossine nel sangue che possono causare cardiomiopatia dilatativa.
  • Radiografia del torace. Il medico può ordinare una radiografia del torace per controllare il cuore e i polmoni per cambiamenti o anomalie nella struttura e nelle dimensioni del cuore e per il fluido all’interno o intorno ai polmoni.
  • Elettrocardiogramma (ECG). Un elettrocardiogramma, chiamato anche ECG, registra i segnali elettrici mentre viaggiano attraverso il tuo cuore. Il medico può cercare schemi che potrebbero essere un segno di un ritmo cardiaco anormale o problemi con il ventricolo sinistro. Il medico potrebbe chiederti di indossare un dispositivo ECG portatile (monitor Holter) per registrare il tuo ritmo cardiaco per un giorno o due.
  • Ecocardiogramma. Questo strumento principale per la diagnosi della cardiomiopatia dilatativa utilizza le onde sonore per produrre immagini del cuore, consentendo al medico di vedere se il ventricolo sinistro è ingrandito. Questo test può anche rivelare quanto sangue viene espulso dal cuore ad ogni battito e se il sangue scorre nella giusta direzione.
  • Prova da sforzo. Il medico potrebbe farti eseguire un test da sforzo, camminando su un tapis roulant o in sella a una cyclette. Gli elettrodi applicati durante il test aiutano il medico a misurare la frequenza cardiaca e l’uso di ossigeno. Questo tipo di test può mostrare la gravità dei problemi causati dalla cardiomiopatia dilatativa. Se non sei in grado di fare esercizio, potresti ricevere farmaci per creare stress sul tuo cuore.
  • Scansione TC o MRI. In alcune situazioni, il medico potrebbe ordinare uno di questi test per verificare le dimensioni e la funzione delle camere di pompaggio del cuore.
  • Cateterismo cardiaco. Per questa procedura invasiva, un tubo lungo e stretto viene fatto passare attraverso un vaso sanguigno nel braccio, nell’inguine o nel collo nel tuo cuore. Il test consente al medico di vedere le arterie coronarie ai raggi X, misurare la pressione nel cuore e raccogliere un campione di tessuto muscolare per verificare la presenza di danni che indicano cardiomiopatia dilatativa. Questa procedura può comportare l’iniezione di un colorante nelle arterie coronarie per aiutare il medico a studiare le arterie coronarie (angiografia coronarica).
  • Screening genetico o consulenza. Se il medico non è in grado di identificare la causa della cardiomiopatia dilatativa, può suggerire lo screening di altri membri della famiglia per vedere se la malattia è ereditaria nella tua famiglia.

Trattamento

Se soffre di cardiomiopatia dilatativa, il medico potrebbe raccomandare un trattamento per la causa sottostante, se nota. Può anche essere suggerito un trattamento per migliorare il flusso sanguigno e prevenire ulteriori danni al cuore.

Farmaci

I medici di solito trattano la cardiomiopatia dilatativa con una combinazione di farmaci. A seconda dei sintomi, potresti aver bisogno di due o più di questi farmaci.

I farmaci che si sono dimostrati utili nel trattamento dell’insufficienza cardiaca e della cardiomiopatia dilatativa includono:

  • Inibitori dell’enzima di conversione dell’angiotensina (ACE). Gli ACE inibitori sono un tipo di farmaco che allarga o dilata i vasi sanguigni (vasodilatatore) per abbassare la pressione sanguigna, migliorare il flusso sanguigno e diminuire il carico di lavoro del cuore. Gli ACE inibitori possono migliorare la funzione cardiaca.Gli effetti collaterali includono bassa pressione sanguigna, basso numero di globuli bianchi e problemi ai reni o al fegato.
  • Bloccanti del recettore dell’angiotensina II. Questi farmaci hanno molti degli effetti benefici degli ACE-inibitori e possono essere un’alternativa per le persone che non possono tollerare gli ACE-inibitori. Gli effetti collaterali includono diarrea, crampi muscolari e vertigini.
  • Beta bloccanti. Un beta-bloccante rallenta la frequenza cardiaca, riduce la pressione sanguigna e può prevenire alcuni degli effetti dannosi degli ormoni dello stress, che sono sostanze prodotte dal tuo corpo che possono peggiorare l’insufficienza cardiaca e innescare ritmi cardiaci anormali.I beta-bloccanti possono ridurre segni e sintomi di insufficienza cardiaca e migliorare la funzione cardiaca. Gli effetti collaterali includono vertigini e bassa pressione sanguigna.
  • Diuretici. i diuretici rimuovono il liquido in eccesso e il sale dal corpo. I farmaci riducono anche il liquido nei polmoni, quindi puoi respirare più facilmente.
  • Digossina. Questo farmaco rafforza le contrazioni del muscolo cardiaco. Inoltre tende a rallentare il battito cardiaco. La digossina può ridurre i sintomi dell’insufficienza cardiaca e migliorare la capacità di essere attivi.
  • Farmaci per fluidificare il sangue. Il medico può prescrivere farmaci, tra cui aspirina o warfarin, per aiutare a prevenire la formazione di coaguli di sangue. Gli effetti collaterali includono ecchimosi o sanguinamento eccessivi.

Dispositivi

I dispositivi impiantabili usati per trattare la cardiomiopatia dilatativa includono:

  • Pacemaker biventricolari, che utilizzano impulsi elettrici per coordinare le azioni dei ventricoli sinistro e destro.
  • Defibrillatori cardioverter impiantabili (ICD), che monitorano il ritmo cardiaco ed erogano scariche elettriche quando necessario per controllare battiti cardiaci anormali e rapidi, compresi quelli che causano l’arresto del cuore. Possono anche funzionare come pacemaker.
  • Dispositivi di assistenza ventricolare sinistra (LVAD), che sono dispositivi meccanici impiantati nell’addome o nel torace e collegati a un cuore indebolito per aiutarlo a pompare. Di solito vengono presi in considerazione dopo che gli approcci meno invasivi non hanno avuto successo.

Trapianto di cuore

Potresti essere un candidato per un trapianto di cuore se i farmaci e altri trattamenti non sono più efficaci.

Stile di vita e rimedi casalinghi

Se soffri di cardiomiopatia dilatativa, queste strategie di auto-cura possono aiutarti a gestire i tuoi sintomi:

  • Esercizio. Parla con il tuo medico di quali attività sarebbero sicure e utili per te. In generale, gli sport competitivi non sono raccomandati perché possono aumentare il rischio che il cuore si fermi e provochi una morte improvvisa.
  • Smettere di fumare. Il tuo medico può darti consigli su quali metodi possono aiutarti a smettere.
  • Non usare droghe o bere alcolici eccessivamente. L’uso di cocaina o altre droghe illegali può affaticare il tuo cuore. Prima di bere alcolici, chiedi consiglio al tuo medico.
  • Mantieni un peso sano. Il peso extra fa lavorare di più il tuo cuore. Dimagrisci se sei in sovrappeso o obeso.
  • Segui una dieta salutare per il cuore. Mangiare cereali integrali e una varietà di frutta e verdura e limitare il sale, zuccheri aggiunti e colesterolo, grassi saturi e grassi trans fa bene al cuore. Chiedi al tuo medico di indirizzarti a un dietologo se hai bisogno di aiuto per pianificare la tua dieta.

Come prepararsi per la visita dal cardiologo

Se pensi di avere una cardiomiopatia dilatativa o sei preoccupato per il rischio a causa di una storia familiare, fissa un appuntamento con il tuo medico di famiglia. Alla fine, potresti essere indirizzato a un cardiologo (cardiologo).

Ecco le informazioni per aiutarti a prepararti per il tuo appuntamento.

Cosa puoi fare

  • Sii consapevole di eventuali restrizioni pre-appuntamento. Quando prendi l’appuntamento, chiedi se c’è qualcosa che devi fare in anticipo, come limitare la tua dieta.
  • Annota i sintomi che stai riscontrando, compresi quelli che possono sembrare estranei alla cardiomiopatia dilatativa.
  • Annota le informazioni personali chiave, inclusi i principali stress o i recenti cambiamenti di vita e una storia familiare di malattie cardiache, ictus, ipertensione o diabete.
  • Elenca tutti i farmaci, comprese le vitamine e gli integratori che stai assumendo.
  • Porta con te un familiare o un amico, se possibile. Qualcuno che ti accompagna potrebbe ricordare qualcosa che ti sei dimenticato.
  • Preparati a discutere della tua dieta e delle tue abitudini di esercizio. Se non segui già una dieta o un esercizio di routine, parla con il tuo medico di come iniziare.
  • Scrivi le domande da porre al tuo medico.

Preparare un elenco di domande ti aiuterà a sfruttare al massimo il tuo tempo con il tuo medico. Per la cardiomiopatia dilatativa, alcune domande fondamentali includono:

  • Cosa sta probabilmente causando i miei sintomi o la mia condizione?
  • Quali sono le altre possibili cause?
  • Di quali test avrò bisogno?
  • Qual è il miglior trattamento?
  • Quali sono le alternative all’approccio primario che stai suggerendo?
  • Come devo cambiare la mia dieta?
  • Qual è un livello appropriato di attività fisica?
  • Quanto spesso dovrei essere sottoposto a screening?
  • Devo dire alla mia famiglia di sottoporsi a screening per cardiomiopatia dilatativa?
  • Ho altre condizioni di salute. Come posso gestirli al meglio insieme?
  • Ci sono restrizioni che devo seguire?
  • Dovrei vedere uno specialista?
  • Esiste un’alternativa generica al medicinale che stai prescrivendo?
  • Ci sono opuscoli o altri materiali stampati che posso portare con me? Quali siti web mi consigli?

Cosa aspettarsi dal proprio medico

È probabile che il medico ti ponga una serie di domande, tra cui:

  • Quando sono iniziati i tuoi sintomi?
  • I tuoi sintomi sono stati continui o occasionali?
  • Quanto sono gravi i tuoi sintomi?
  • Che cosa sembra migliorare i tuoi sintomi?
  • Che cosa sembra peggiorare i tuoi sintomi?
  • Qualcuno dei tuoi parenti di sangue ha una cardiomiopatia dilatativa o altri tipi di malattie cardiache?

Cardiomiopatia dilatativa | Lo specialista da consultare

Se hai riscontrato sintomi simili a quelli descritti in questo articolo, hai familiari con una condizione simile o vuoi chiedere maggiori informazioni, lo specialista giusto da consultare è il cardiologo.

  • Prenota una visita con il cardiologo

Vuoi collaborare all'articolo?

Vuoi apportare il tuo importante contributo all'articolo? Sentiti libero di scrivere il tuo pensiero e ne faremo tesoro.

Diventa uno 'Specialist
Articoli correlati