Facebook pixel

Cheloidi: foto hd e cure | You’Specialist

Cheloidi: foto hd e cure | You’Specialist

Che cosa sono i cheloidi?

Quando la pelle è ferita, si forma un tessuto fibroso chiamato tessuto cicatriziale sulla ferita per riparare e proteggere la lesione. In alcuni casi, il tessuto cicatriziale extra cresce, formando escrescenze dure e lisce chiamate cheloidi.

I cheloidi possono essere molto più grandi della ferita originale. Si trovano più comunemente sul petto, sulle spalle, sui lobi delle orecchie e sulle guance. Tuttavia, i cheloidi possono colpire qualsiasi parte del corpo.

Sebbene i cheloidi non siano dannosi per la salute, possono creare problemi estetici.

Cheloidi: Foto HD

cheloidi, foto, cure
Cheloidi. Fonte: Healthline

 

cheloidi, foto, cure
Cheloidi. Fonte
Cheloidi, foto, cure
Cheloidi. Fonte
Cheloidi, foto, cure
Cheloidi. Fonte

 

Sintomi

I cheloidi provengono dalla crescita eccessiva del tessuto cicatriziale. Le cicatrici cheloidi tendono ad essere più grandi della ferita originale stessa. Potrebbero essere necessarie settimane o mesi per svilupparsi completamente.

I sintomi di un cheloide possono includere:

  • un’area localizzata color carne, rosa o rossa
  • un’area di pelle grumosa o increspata che di solito è sollevata
  • un’area che continua a ingrandirsi con il tessuto cicatriziale nel tempo
  • una zona pruriginosa della pelle

Sebbene le cicatrici cheloidi possano essere pruriginose, di solito non sono dannose per la salute. Potresti provare disagio, sensibilità o possibile irritazione dai tuoi vestiti o da altre forme di attrito.

Le cicatrici cheloidi possono formarsi su vaste aree del corpo, ma questo è generalmente raro. Quando accade, il tessuto cicatriziale indurito e stretto può limitare il movimento.

I cheloidi sono spesso più un problema estetico che per la salute. Potresti sentirti a disagio se il cheloide è molto grande o in una posizione altamente visibile, come il lobo dell’orecchio o il viso.

 

Le cause dei cheloidi

La maggior parte dei tipi di lesioni cutanee può contribuire alla formazione di cicatrici cheloidi. Questi includono:

  • cicatrici da acne
  • ustioni
  • cicatrici da varicella
  • piercing all’orecchio
  • graffi
  • siti di incisione chirurgica
  • siti di vaccinazione

Si stima che il 10% delle persone soffra di cicatrici cheloidi. Uomini e donne hanno la stessa probabilità di avere cicatrici cheloidi. Le persone con tonalità della pelle più scure sono più inclini ai cheloidi.

Altri fattori di rischio associati alla formazione di cheloidi includono:

  • essere di origine asiatica
  • essere di origine latina
  • essere incinta
  • avere meno di 30 anni

I cheloidi tendono ad avere una componente genetica, il che significa che è più probabile che tu abbia cheloidi se uno o entrambi i tuoi genitori li hanno.

Se hai fattori di rischio noti per lo sviluppo di cheloidi, potresti voler evitare di sottoporsi a piercing, interventi chirurgici non necessari e tatuaggi.

 

Cheloidi vs cicatrici ipertrofiche

I cheloidi vengono talvolta confusi con un altro tipo più comune di cicatrice chiamata cicatrici ipertrofiche. Queste sono cicatrici piatte che possono variare dal rosa al marrone. A differenza dei cheloidi, le cicatrici ipertrofiche sono più piccole e possono andare via da sole nel tempo.

Le cicatrici ipertrofiche si verificano allo stesso modo tra i sessi e le etnie e sono comunemente causate da varie forme di lesioni fisiche o chimiche, come piercing o profumi aspri.

All’inizio, le cicatrici ipertrofiche fresche possono essere pruriginose e dolorose, ma i sintomi si attenuano quando la pelle guarisce.

 

Trattamento domiciliare per cheloidi

La decisione di trattare un cheloide può essere complicata. Le cicatrici cheloidi sono il risultato del tentativo del corpo di riparare se stesso. Dopo aver rimosso il cheloide, il tessuto cicatriziale può ricrescere e talvolta ricresce più grande di prima.

Prima di qualsiasi procedura medica, prova a considerare i trattamenti a domicilio. Alcuni oli idratanti possono aiutare a mantenere il tessuto morbido. Questi potrebbero aiutare a ridurre le dimensioni della cicatrice senza peggiorarla.

I cheloidi tendono a ridursi e ad appiattirsi nel tempo, anche senza trattamento.

Inizialmente, il medico probabilmente consiglierà trattamenti meno invasivi, come cuscinetti in silicone, medicazioni a pressione o iniezioni, soprattutto se la cicatrice cheloide è abbastanza nuova. Questi trattamenti richiedono un’applicazione frequente e attenta per essere efficaci, impiegando almeno tre mesi per funzionare.

 

Rimozione chirurgica

Nel caso di cheloidi molto grandi o di una cicatrice cheloide più vecchia, può essere raccomandata la rimozione chirurgica. .

La criochirurgia è forse il tipo di intervento chirurgico più efficace per i cheloidi. Chiamato anche crioterapia, il processo funziona essenzialmente “congelando” il cheloide con azoto liquido.

Il medico può anche raccomandare iniezioni di corticosteroidi dopo l’intervento chirurgico per ridurre l’infiammazione e ridurre il rischio di ritorno del cheloide.

 

Trattamento laser per cheloidi

Per alcuni tipi di cicatrici (inclusi alcuni cheloidi), il medico può raccomandare un trattamento laser . Questo trattamento colpisce la pelle cheloide e circostante con fasci di luce abbaglianti nel tentativo di creare un aspetto più levigato e tonico.

Tuttavia, c’è il rischio che il trattamento laser possa peggiorare i tuoi cheloidi causando un aumento delle cicatrici e del rossore.

Sebbene questi effetti collaterali a volte siano migliori della cicatrice originale, potresti comunque aspettarti che ci sia qualche forma di cicatrice. Il trattamento laser viene utilizzato per altri tipi di cicatrici cutanee, tutti con benefici e rischi simili.

Prevenire i cheloidi

I trattamenti per le cicatrici cheloidi possono essere difficili e non sempre efficaci. Per questo motivo, è importante cercare di prevenire lesioni cutanee che potrebbero portare a cicatrici cheloidi.

Utilizzare tamponi a pressione o cuscinetti in gel di silicone dopo un infortunio può aiutare a prevenire i cheloidi.

L’esposizione al sole o l’abbronzatura possono scolorire il tessuto cicatriziale, rendendolo leggermente più scuro della pelle circostante. Questo può far risaltare di più il cheloide. Tieni la cicatrice coperta quando sei al sole per evitare lo scolorimento.

 

Il Verdetto Finale

Sebbene i cheloidi causino raramente effetti collaterali negativi, potresti non apprezzarne l’aspetto. Puoi far trattare un cheloide in qualsiasi momento, anche anni dopo la sua comparsa. Quindi, se una cicatrice ti dà fastidio, fallo controllare.

Tuttavia, non sempre la rimozioni chirurgica ha gli effetti sperati, considerando che spesso lascia comunque delle cicatrici più o meno evidenti.

La prima cosa da fare se si sta considerando l’idea della rimozione, è contattare un dermatologo.

  • Prenota una visita con il dermatologo

 

Fonte: Healthline

Vuoi collaborare all'articolo?

Vuoi apportare il tuo importante contributo all'articolo? Sentiti libero di scrivere il tuo pensiero e ne faremo tesoro.

Diventa uno 'Specialist
Articoli correlati