Facebook pixel

Come Potenziare la Plasticità Cerebrale e la Neurogenesi a Qualsiasi Età

Come Potenziare la Plasticità Cerebrale e la Neurogenesi a Qualsiasi Età

La neuroplasticità è la capacità dei circuiti nervosi di modificarsi come struttura e come funzione in risposta all’esperienza.

Il cervello cresce in un ambiente ricco di stimoli, esplorazioni, interazioni, la memoria ma anche l’attività fisica contribuiscono direttamente a potenziare la neuroplasticità.

 

Grazie agli studi di molti neuroscienziati le ricerche aprono  a fantastici scenari per la salute delle persone. Dalla prevenzione alla cura delle malattie neurodegenerative (Alzheimer) alla riabilitazione neurologica e motoria, al potenziamento della nostra plasticità cerebrale fino a tarda età.

 

 

Mentre un ambiente sereno, il riposo, la meditazione, contribuiscono in maniera indiretta al potenziamento delle cellule nervose creando un ambiente favorevole allo sviluppo.

Chiaramente l’esercito fisico ha suscitato molta incredulità, perchè contribuisce indirettamente alla neurogenesi?

L’attività fisica potenzia la plasticità neurale al punto da favorire i fenomeni di apprendimento e memoria sembra un’esagerazione, ma non lo è, e le scienze lo dimostrano inequivocabilmente.

Ma se ci fermiamo un attimo a pensare in realtà capiremmo che nella nostra storia evolutiva, nei nostri progenitori, quello che facevano non era correre in palestra. Loro cecavano, esploravano, cacciavano e spesso correvano portando le prede a sfinimento,
Correndo, esplorando, cacciando costruivano continue mappe cognitive, era ed è un continuo stimolo per l’ippocampo che ne trai i dovuti benefici..

Era il cervello che ci teneva (e ci tiene) in vita, i nostri sistemi sensoriali devono essere allertati sia se stiamo esplorando nuovi territori, che cacciando, che adoperandoci oggi per cedere utilità alla collettività o alla famiglia.

Nell’anziano che tende ad avere una plasticità più bassa legata all’invecchiamento ed ad una ridotta vascolarizzazione , interventi basati sui giochi cognitivi e sull’esercizio fisico migliorano incredibilmente lo status generale e cognitivo.

Le attività fisiche saranno sempre di aiuto al nostro benessere cerebrale mentre le attività mentali che ci aiuteranno nel potenziamento non dovranno essere fini a se stesse , ma dovranno essere sempre di interazioni con l’ambiente che ci circonda, tra le altre cose subentrano anche altri stimoli legati all’autostima nel momento in cui creiamo anche qualcosa di utile ala collettività.

GIOCARE A SCACCHI STIMOLA ANCHE IL LATO COMPETITIVO, LEGGERE ci trasferisce anche il piacere di apprendere cose nuove.

Suonare uno strumento musicale può stimolarne la produzione e aumentarne la velocità fino a incrementarne l’apprendimento.

L’attività aerobica non solo fa bene al fisico ma anche alla mente, facilita la generazione di nuove cellule.

Gli esercizi mente-corpo, come yoga, tai-chi, mindfulness stimolano le funzioni memoniche per l’esecuzione di compiti e per la presa di decisioni con l’aumento della materia grigia nelle aree cerebrali della memoria e nella gestione delle emozioni.

Il professore di biologia cellulare José Manuel García ci rammenta che:

“I NEURONI NON MUOIONO PER ECCESSO DI ATTIVITÀ, MA ESATTAMENTE PER IL MOTIVO OPPOSTO PER INATTIVITÀ”

Possiamo concludere dicendo che la neurogenesi è un processo dinamico ed è influenzato da vari fattori esterni e ambientali.

Contrariamente a quanto si possa credere, un’attività eccessiva non danneggia i neuroni.

Vita sedentaria e inattività apportano l’effetto opposto, non solo non stimolano ma incrementano il deterioramento cognitivo

L’uso costante di alcol, tabacco, dormire male e seguire una dieta scorretta li distrugge colpendoli in modo diretto.

econdo Couillard-Deprés e collaboratori (2011), “esiste un rapporto di stimolo-risposta tra la neurogenesi ippocampale adulta e l’esecuzione di esercizi di apprendimento e di memoria; questi ultimi dipendono dall’ippocampo durante l’invecchiamento”.

Questa affermazione mette in risalto l’importanza degli esercizi di apprendimento e di memoria per la creazione di nuovi neuroni. In altre parole, se vogliamo stimolare la rigenerazione cellulare durante l’arco della nostra vita, non dobbiamo smettere di svolgere attività stimolanti per il cervello.

Imparare qualcosa di nuovo non significa solo acquisire nuove abilità, ma anche creare “materiale neurale”. Parlare una nuova lingua, suonare uno strumento o svolgere una qualunque attività che mantenga la mente attiva stimolerà la creazione di nuovi neuroni. Ed è qualcosa che possiamo fare per tutto l’arco della nostra vita.

 

 

Sonno

Lettura

Cucinare

Camminare

 

lo Sport

Fino a oggi sapevamo che lo sport abbassa i livelli di stress e aiuta a rimettersi in forma, ma non è tutto: adesso sappiamo che stimola anche la neurogenesi.
Lo studio Morales-Mira M. e Valenzuela-Harrington M. (2014) afferma che “l’esercizio fisico in effetti aumenta la neurogenesi nell’ippocampo adulto, il che è associabile al miglioramento di attività dipendenti dallo stesso, trasformandosi in un grande potenziale terapico nel ritardo e nella riparazione del danno cerebrale provocato da lesioni o malattie”.

Alimentazione Sana?

Dr. Douglas Scharre, direttore della Divisione di Neurologia cognitiva presso l’Ohio State University Wexner Medical Center.
“È bello sapere come gli individui più anziani possono formare nuovi neuroni”, ha detto a Healthline. “Ed è importante sapere se diverse patologie cambiano questo.”

on è sufficiente sedersi sul divano e fare un cruciverba. Scharre ti consiglia di portare il puzzle al centro commerciale e di parlare alla gente degli indizi.

“È interagire con gli altri, non giocare ai videogiochi”, ha detto.

Condivisione di esperienze

si amplifica il beneficio agendo sull’autostima quando ci si rende utili per la collettività e per la famiglia, a tutte le età.

Stress

Quando siamo sotto stress o se soffriamo di stress cronico, l’ipotalamo secerne ormoni che attivano la ghiandola pituitaria (o ipofisi), stimolando il rilascio di glucocorticoide (cortisolo). Se non siamo in grado di fermare questo “fiume in piena” a base di cortisolo, finirà per danneggiare i neuroni dell’ippocampo, bloccando, quindi, la neurogenesi.

Facendo attività fisica regoliamo i livelli di glucorticoide e disattiviamo il circuito cerebrale che produce stress; di conseguenza, favoriamo la rigenerazione dell’ippocampo.

La capacità di adattamento

a «centrale» del nostro corpo ha una straordinaria capacità di riorganizzarsi, produrre nuove connessioni e anche nuove cellule. Studi studi recenti su pazienti a cui era stata asportata addirittura metà dell’organo hanno dimostrato che la parte restante è riuscita a riorganizzarsi in modo da garantire una vita normale. Una capacità straordinaria, che si può coltivare

Conclusioni

Per riassumere, un ippocampo stressato non produce neurogenesi, mentre uno sano sì.

L’ippocampo continua a generare neuroni, fondamentali per i processi di apprendimento e di memoria, durante il corso dell’intera vita.

-Sandrine Thuret, neuroscienziata-

Leggete, imparate a suonare la chitarra o il pianoforte. Iscrivetevi a un corso di cinese, uscite per una passeggiata, meditate, fate attività fisica… non avete scuse: attivate la vostra mente!

riprendersi dalla depressione e dal disturbo da stress post traumatico (PTSD), ritardare l’insorgenza dell’Alzheimer, approfondire la nostra comprensione dell’epilessia e offrire nuove conoscenze sulla memoria e sull’apprendimento.

 

Vuoi collaborare all'articolo?

Vuoi apportare il tuo importante contributo all'articolo? Sentiti libero di scrivere il tuo pensiero e ne faremo tesoro.

Diventa uno 'Specialist
Articoli correlati