Facebook pixel

Defibrillatore Sottocutaneo

Defibrillatore Sottocutaneo

Un defibrillatore cardiaco impiantabile è un piccolo dispositivo che il medico può mettere nel torace per aiutare a regolare un ritmo cardiaco irregolare o un’aritmia.  Potrebbe essere necessario se si ha un battito cardiaco pericolosamente veloce (tachicardia ventricolare) o un battito cardiaco caotico che impedisce al cuore di fornire abbastanza sangue al resto del corpo (fibrillazione ventricolare). Il dispositivo, piccolo come un ipod, monitora continuamente il battito cardiaco, attraverso un computer, e fornisce impulsi elettrici per ripristinare un normale ritmo cardiaco quando necessario.

Gli aritmologi comunemente impiantano il defibrillatore nelle persone che hanno aritmie potenzialmente letali e che sono a rischio di arresto cardiaco improvviso. Le aritmie possono essere congenite (presenti dalla nascita) o un sintomo di malattie cardiache. Il defibrillatore impiantabile differisce da un pacemaker. Si tratta di due dispositivi differenti: il pacemaker, molto più diffuso, è un dispositivo anti-bradicardico e viene quindi impiantato in pazienti che hanno problemi di ritmo cardiaco troppo lento; il defibrillatore sottocutaneo, invece, è un dispositivo anti-tachicardico, creato per trattare le aritmie ventricolari che possono mettere a rischio la vita del paziente, ma allo stesso tempo – come il pacemaker – ripristina anche ritmi cardiaci troppo lenti.

Defibrillatore Sottocutaneo | Come funziona

Probabilmente hai visto programmi televisivi in ​​cui gli operatori ospedalieri “scioccano” una persona con arresto cardiaco con cavi elettrificati. Un defibrillatore sottocutaneo fa la stessa cosa, agendo dall’interno e in modo automatico, quando rileva un ritmo cardiaco anormale.

Un defibrillatore sottocutaneo viene posizionato chirurgicamente sotto la pelle, di solito sotto la clavicola sinistra. Uno o più fili (conduttori) isolati e flessibili passano il defibrillatore attraverso le vene fino al cuore. Poiché il defibrillatore sottocutaneo monitora costantemente i ritmi cardiaci anormali e cerca immediatamente di correggerli, ciò aiuta a intervenire in caso di arresto cardiaco, anche quando sei lontano dall’ospedale più vicino.

Quando si ha un battito cardiaco accelerato, i fili  trasmettono segnali al defibrillatore sottocutaneo, che invia impulsi elettrici per regolare il battito cardiaco. A seconda del problema, il defibrillatore sottocutaneo potrebbe essere programmato per fornire:

  • Stimolazione a bassa energia: Potresti non sentire nulla o avvertire uno sfarfallio indolore nella zona del petto quando il defibrillatore sottocutaneo risponde a lievi interruzioni del battito cardiaco.
  • Uno shock ad alta energia: Per problemi di ritmo cardiaco più gravi, il defibrillatore sottocutaneo può erogare uno shock di maggiore energia. Questo shock può essere doloroso, come se fossi stato preso a calci nel petto. Il dolore di solito dura solo un secondo e non dovrebbe esserci disagio dopo la fine dello shock.

Di solito, è necessaria una sola scarica per ripristinare un normale battito cardiaco. A volte, tuttavia, potresti avere due o più shock durante un periodo di 24 ore. Avere tre o più scariche in un breve periodo di tempo è noto come tempesta elettrica o aritmica. Se si verifica uno “storm” elettrico, è necessario rivolgersi a cure di emergenza per vedere se il proprio defibrillatore sottocutaneo funziona correttamente o se si ha un problema che fa battere il cuore in modo anomalo.  Se necessario, il defibrillatore sottocutaneo può essere regolato per ridurre il numero e la frequenza degli shock. Potresti aver bisogno di farmaci aggiuntivi per far battere regolarmente il tuo cuore e diminuire la possibilità di una tempesta aritmica.

Un defibrillatore sottocutaneo può anche registrare l’attività del cuore e le variazioni del ritmo. Queste informazioni aiutano il medico a valutare il problema del ritmo cardiaco e, se necessario, a riprogrammare il dispositivo.

Il Sistema S-ICD

Un ICD sottocutaneo (S-ICD) è un nuovo tipo di defibrillatore disponibile in alcuni centri chirurgici. Il sistema S-ICD viene impiantato sotto la pelle sul lato del torace, sotto l’ascella. È attaccato ad un elettrodo che corre lungo lo sterno. Potresti essere un candidato per questo dispositivo se hai difetti strutturali del cuore che impediscono di inserire fili  attraverso i vasi sanguigni, o se hai altri motivi per voler evitare o defibrillatori impiantabili tradizionali. L’impianto di sistema S-ICD sottocutaneo è meno invasivo di un defibrillatore impiantabile che si attacca al cuore, ma il dispositivo è di dimensioni maggiori rispetto ai defibrillatori tradizionali.

Chi ha bisogno di un ICD

Potresti beneficiare di un defibrillatore sottocutaneo se hai avuto una tachicardia ventricolare sostenuta, sei sopravvissuto a un arresto cardiaco o hai avuto svenimenti a causa di un’aritmia ventricolare. Potresti anche beneficiare di un sistema S-ICD se hai:

  • Una storia di malattia coronarica e infarto che ha indebolito il tuo cuore.
  • Una condizione cardiaca dovuta ad un muscolo cardiaco anormale, come un muscolo cardiaco ingrossato o ispessito.
  • Un difetto cardiaco ereditario che fa battere il cuore in modo anomalo. Questi includono la sindrome del QT lungo, che può causare fibrillazione ventricolare e morte anche nei giovani senza segni o sintomi di problemi cardiaci.
  • Altre rare condizioni che possono influenzare il ritmo cardiaco.

Consulta lo Specialista Giusto

Il cardiologo tipicamente prescrive la necessità di impiantare un defibrillatore o un pacemaker, il cardiologo aritmologo è lo specialista che esegue l’impianto.

  • Richiedi la consulenza di un cardiologo

Defibrillatore Sottocutaneo | Quali sono i Rischi

I rischi associati all’impianto di un defibrillatore sono rari, ma possono includere:

  • Infezione nel sito dell’impianto
  • Reazione allergica ai farmaci utilizzati durante la procedura
  • Gonfiore, sanguinamento o lividi nel punto in cui è stato impiantato l’ICD
  • Danni alla vena in cui sono posizionati i cavi dell’ICD
  • Emorragie
  • Perdita di sangue dalla valvola cardiaca dove è posizionato l’elettrocatetere ICD
  • Collasso polmonare

Come Prepararsi all’Intervento

Per determinare se è necessario un defibrillatore impiantabile , il medico potrebbe eseguire una serie di test diagnostici, che possono includere:

  • Elettrocardiografia (ECG). Questo test non invasivo utilizza pad sensore con fili collegati (elettrodi) posizionati sul corpo per misurare gli impulsi elettrici del cuore. Il ritmo del battito del tuo cuore offre indizi circa la presenza e la tipologia di un’aritmia
  • Ecocardiografia. Questo test non invasivo utilizza onde sonore innocue che consentono al medico di vedere il tuo cuore senza praticare un’incisione. Durante la procedura, un piccolo strumento chiamato trasduttore viene posizionato sul petto per raccogliere le onde sonore riflesse (echi) dal tuo cuore e trasmetterle a una macchina che utilizza i modelli di onde sonore per comporre immagini del tuo cuore su un monitor. Queste immagini mostrano come funziona il tuo cuore e le dimensioni e lo spessore del tuo muscolo cardiaco.
  • Monitoraggio Holter. Conosciuto anche come monitor ambulatoriale dell’elettrocardiogramma, un monitor Holter registra il ritmo cardiaco per 24 ore. I fili degli elettrodi sul petto vanno a un dispositivo di registrazione a batteria portato in tasca o indossato su una cintura o una tracolla. Mentre indossi il monitor, manterrai un diario delle tue attività e dei tuoi sintomi. Il tuo medico confronterà il diario con le registrazioni elettriche e cercherà di capire la causa dei tuoi sintomi.
  • Registratore di eventi cardiaci (ECG). Il medico potrebbe chiederti di indossare un dispositivo delle dimensioni di un cercapersone che registra l’attività cardiaca per più di 24 ore. A differenza di un monitor Holter, non funziona continuamente: lo accendi quando senti che il tuo cuore batte in modo anomalo.
  • Studio di elettrofisiologia (EPS). Gli elettrodi vengono guidati attraverso i vasi sanguigni fino al cuore e utilizzati per testare il funzionamento del sistema elettrico del cuore. Questo può identificare se hai o potresti sviluppare problemi del ritmo cardiaco.

Cibo e farmaci

Probabilmente dovrai digiunare per almeno otto ore prima dell’intervento. Parla con il tuo medico di eventuali farmaci che prendi e se devi continuare a prenderli prima della procedura per impiantare un defibrillatore.

Cosa Succede Durante la Procedura

Di solito, la procedura per impiantare un defibrillatore sottocutaneo può essere eseguita con farmaci anestetizzanti e un sedativo che ti rilassa, ma ti consente di rimanere consapevole di ciò che ti circonda. In alcuni casi, può essere utilizzata l’anestesia generale in modo da essere incoscienti per la procedura.

Durante l’intervento chirurgico, uno o più fili flessibili e isolati (elettrocateteri) vengono inseriti nelle vene vicino alla clavicola e guidati, con l’aiuto di immagini a raggi X, al cuore. Le estremità degli elettrocateteri sono fissate al cuore, mentre le altre estremità sono attaccate al generatore, che di solito viene impiantato sotto la pelle sotto la clavicola. La procedura richiede solitamente alcune ore.

Una volta posizionato l’ ICD , il medico lo testerà e lo programmerà per il problema del ritmo cardiaco. Il test dell’ICD potrebbe richiedere l’accelerazione del cuore e quindi riportarlo a un ritmo normale.

Cosa Aspettarsi Dopo la Procedura

Di solito verrai dimesso il giorno dell’intervento, una volta che l’anestesia sarà svanita. Dovrai organizzare un passaggio a casa perché non sarai in grado di guidare subito.

Poiché alcuni defibrillatori hanno elettrocateteri posizionati attraverso le vene nel cuore, dovrai evitare movimenti bruschi che sollevano il braccio sinistro sopra l’altezza delle spalle per due o tre settimane. È così che i cavi non si muovono finché l’area non ha avuto il tempo di guarire. Ciò significa anche non guidare durante quel periodo.

Se hai un defibrillatore sottocutaneo, non ci sono elettrocateteri inseriti nelle vene, quindi non ci sono restrizioni sulla guida o sul sollevamento del braccio sopra la spalla.

Come Trattare il Dolore dopo la Procedura

Dopo l’intervento, potresti avvertire dolore nell’area dell’incisione, che può rimanere gonfia e dolente per alcuni giorni o settimane. Il tuo medico potrebbe prescriverti degli antidolorifici.

Man mano che il dolore diminuisce, puoi prendere un analgesico da banco, come il paracetamolo. L’aspirina e l’ibuprofene non sono raccomandati perché possono aumentare il rischio di sanguinamento.

A meno che il medico non ti dica di farlo, non prendere antidolorifici contenenti aspirina perché può aumentare il rischio di sanguinamento.

Quali sono i Risultati Attesi?

I defibrillatori sottocutanei impiantabili (ICD) sono diventati il ​​trattamento standard per chiunque sia sopravvissuto all’arresto cardiaco e sono sempre più utilizzati nelle persone ad alto rischio di arresto cardiaco improvviso. Un defibrillatore impiantabile risulta più efficace rispetto ai farmaci nel prevenire il rischio di morte improvvisa per arresto cardiaco. Sebbene l’idea delle scosse elettriche possa inizialmente risultare inquietante, in realtà, sono un segno che il defibrillatore funziona bene e può proteggerti dalla morte improvvisa per arresto cardiaco.

Dopo la procedura, dovrai prendere alcune precauzioni per evitare lesioni e assicurarti che il tuo defibrillatore sottocutaneo funzioni correttamente.

Precauzioni a breve termine

Probabilmente sarai in grado di tornare alle normali attività subito dopo il recupero dall’intervento. Segui le istruzioni del tuo medico. Per quattro settimane dopo l’intervento, il medico potrebbe chiederti di astenerti da:

  • Attività o esercizi vigorosi che richiedono di muovere il tronco e le spalle, tra cui golf, tennis, nuoto, ciclismo, bowling o passare l’aspirapolvere
  • Sollevare qualcosa di pesante
  • Esercizio fisico intenso
  • sport di contatto

Precauzioni a lungo termine

I problemi con il defibrillatore sottocutaneo dovuti a interferenze elettriche sono rari. Tuttavia, prendi precauzioni con quanto segue:

  • Telefoni cellulari e altri dispositivi mobili. È sicuro parlare con un cellulare, ma evita di posizionare il cellulare entro circa 15 centimetri dal sito di impianto del defibrillatore quando il telefono è acceso. Sebbene improbabile, il tuo ICD potrebbe scambiare il segnale di un cellulare per un battito cardiaco e rallentare il battito cardiaco, causando sintomi come affaticamento improvviso.
  • Sistemi di sicurezza. Dopo l’intervento, riceverai un certificato che dice che hai un ICD . Mostralo al personale dell’aeroporto in caso di viaggi, perché l’ICD potrebbe attivare gli allarmi di sicurezza. Inoltre, i metal detector portatili spesso contengono un magnete che può interferire con l’ICD. Limita la scansione a un tempo non superiore di 30 secondi nell’area del defibrillatore oppure fai richiesta di un controllo manuale.
  • Apparecchiature mediche. Fai sapere a medici, tecnici medici e dentisti che conosci che hai un ICD. Alcune procedure, come la risonanza magnetica per immagini (MRI), l’angiografia a risonanza magnetica (MRA) e l’ablazione con radiofrequenza o microonde non sono consigliate se si dispone di un defibrillatore sottocutaneo.
  • Generatori di corrente. É necesario stare ad almeno 0,6 metri da apparecchiature di saldatura, trasformatori ad alta tensione o sistemi di motogeneratori. Se lavori intorno a tali apparecchiature, il medico può organizzare un test sul posto di lavoro per vedere se l’apparecchiatura influisce sul tuo ICD.
  • Cuffie. Le cuffie possono contenere una sostanza magnetica che può interferire con l’ICD. Tieni le cuffie ad almeno 15 centimetri dalla zona in cui si trova il defibrillatore sottocutaneo.
  • Magneti. Questi potrebbero influenzare il tuo ICD , quindi è una buona idea mantenere i magneti ad almeno 6 pollici (15 centimetri) dal tuo sito ICD .

I dispositivi che rappresentano un rischio minimo o nullo per il defibrillatore sottocutaneo includono forni a microonde, televisori e telecomandi, radio AM / FM, tostapane, coperte elettriche, rasoi elettrici e trapani elettrici, computer, scanner, stampanti e dispositivi GPS.

Restrizioni alla guida

Se si dispone di un ICD per il trattamento dell’aritmia ventricolare, guidare un veicolo rappresenta una sfida. La combinazione di aritmia e shock dell’ICD può causare svenimenti, che sarebbero pericolosi durante la guida.  Si scoraggia la guida durante i primi sei mesi dopo la procedura se l’ICD è stato impiantato a causa di un precedente arresto cardiaco o aritmia ventricolare.  Se non hai shock durante questo periodo, probabilmente sarai in grado di guidare di nuovo. Ma se dovesse presentarsi uno shock, con o senza svenimento, è necessario informare il medico e seguire le sue raccomandazioni. Nella maggior parte dei casi, sarai scoraggiato dal guidare fino a quando non sarai libero dagli shock per altri sei mesi.

Se hai un ICD ma non hai precedenti di aritmie potenzialmente letali, di solito puoi riprendere la guida entro una settimana dalla procedura se non hai subito shock. Discuti la tua situazione con il tuo medico. Di solito non puoi ottenere una patente di guida  se hai un ICD.

Durata della batteria

La batteria al litio dell’ICD può durare fino a sette anni. La batteria verrà controllata durante i check-up regolari, che dovrebbero avvenire circa ogni sei mesi. Quando la batteria è quasi scarica, il vecchio generatore di shock viene sostituito con uno nuovo mediante una piccola procedura ambulatoriale.

ICD e problemi di fine vita

Se si dispone di un ICD e si diventa malati terminali, il dispositivo continuerà a erogare shock se non viene disattivato. Spegnere il dispositivo può prevenire shock indesiderati e sofferenze inutili. Parla con il tuo medico dei tuoi desideri. Parla anche con i membri della famiglia o un’altra persona designata per prendere decisioni mediche per te su ciò che vorresti fare nelle situazioni di assistenza di fine vita.

fonte: mayo clinic

Vuoi collaborare all'articolo?

Vuoi apportare il tuo importante contributo all'articolo? Sentiti libero di scrivere il tuo pensiero e ne faremo tesoro.

Diventa uno 'Specialist
Articoli correlati