Disturbo da deficit di attenzione senza iperattività

ADD è un termine che a volte viene utilizzato per una delle presentazioni del disturbo da deficit di attenzione/iperattività (ADHD). L’ADHD è un disturbo neurologico che causa una serie di problemi comportamentali come difficoltà nel seguire l’istruzione, concentrarsi sui compiti scolastici, tenere il passo con i compiti, seguire le istruzioni, completare i compiti e l’interazione sociale.

Nel Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali, quinta edizione (DSM-5) , questa condizione è ufficialmente conosciuta come “disturbo da deficit di attenzione/iperattività, presentazione prevalentemente disattenta.

Sebbene il termine ADD sia tecnicamente obsoleto, a volte è ancora usato colloquialmente per riferirsi a qualcuno che ha difficoltà a rimanere concentrato ma non manifesta sintomi di iperattività.

Sintomi di ADD (tipo disattento ADHD)

Le persone con il tipo disattento di ADHD faticano a prestare attenzione o a rimanere concentrate per lunghi periodi di tempo. Alcuni dei sintomi di questo tipo di ADHD includono: 1

  •  Essere facilmente distratti
  • Difficoltà a seguire le indicazioni
  • Difficoltà a rimanere sul compito
  • Dimenticanza
  • Perdere oggetti personali come chiavi o libri
  • Non prestare attenzione ai dettagli
  • Problemi a restare organizzati
  • Soglia di attenzione breve

I bambini con ADHD senza la componente di iperattività possono sembrare annoiati o disinteressati alle attività in classe. Possono essere inclini a sognare ad occhi aperti o dimenticare, lavorare a un ritmo lento e consegnare un lavoro incompleto.

I loro compiti possono sembrare disorganizzati, così come le scrivanie e gli armadietti. Possono perdere materiali a scuola ea casa o smarrire i compiti e non consegnare i compiti. Questo può frustrare insegnanti e genitori e far sì che il bambino ottenga voti bassi in classe. L’intervento comportamentale può contrastare l’oblio del bambino.

ADD vs ADHD: qual è la differenza?

Sebbene molte persone continuino a utilizzare i termini ADD e ADHD in modo intercambiabile, è importante riconoscere che non sono la stessa cosa. Ecco alcuni punti chiave di cui essere a conoscenza:

  •  ADD è un termine più antico per quello che ora è noto come il tipo disattento di ADHD.
  • Il termine ADHD è stato usato per descrivere sia i tipi disattenti che quelli iperattivi dalla metà degli anni ’90.
  • Tuttavia, alcune persone continuano a usare il termine ADD come un modo per indicare che la condizione non include l’iperattività come sintomo.
  • Il DSM-5 attualmente riconosce tre sottotipi di ADHD: tipo disattento, tipo iperattivo/impulsivo e tipo combinato.

Il tipo disattento L’ADHD non si manifesta allo stesso modo del tipo prevalentemente iperattivo-impulsivo o del tipo combinato. I bambini con queste presentazioni hanno sintomi diversi.

I bambini con le altre due presentazioni di ADHD , ad esempio, tendono ad agire o ad esibire problemi comportamentali in classe. I bambini con ADHD disattento in genere non disturbano a scuola. Possono persino sedersi in classe in silenzio, ma ciò non significa che il loro disturbo non sia un problema e che non stiano lottando per concentrarsi. Inoltre, non tutti i bambini con ADHD di tipo disattento sono uguali.

Diagnosi

Se sospetti che tuo figlio abbia l’ADHD, parla con il consulente scolastico, l’insegnante o il medico di tuo figlio per un trattamento appropriato. Se hai dubbi, inizia queste discussioni oggi. Un intervento precoce può garantire che tuo figlio sperimenti meno interruzioni a causa della sua condizione.

Il tuo pediatra può consigliare di consultare uno psicologo infantile che può eseguire test formali per vedere se tuo figlio soddisfa i criteri per l’ADHD e dove si trova nello spettro. Questo test non solo può aiutare a differenziare l’ADHD da altri problemi che potrebbero causare difficoltà con i compiti scolastici, ma può essere utilizzato per seguire la risposta di un bambino agli interventi nel tempo.

 A seconda dei sintomi del bambino, può essere diagnosticato un ADHD disattento, un ADHD impulsivo/iperattivo o un ADHD di tipo combinato.

Trattamento

Non esiste una cura per l’ADHD, ma il trattamento può aiutare i bambini a gestire i loro sintomi e migliorare il funzionamento quotidiano. Il trattamento per l’ADHD spesso comporta farmaci, interventi comportamentali o una combinazione dei due. Il tipo di trattamento scelto dipende dai sintomi e dai bisogni del bambino.

 Farmaci

L’ADHD può essere trattato con farmaci stimolanti o non stimolanti. Questi farmaci possono aiutare gli studenti con ADHD disattento a rimanere concentrati sul compito.

I farmaci stimolanti includono Ritalin (metilfenidato) e Adderall (anfetamina). I farmaci non stimolanti possono essere utili per coloro che manifestano effetti collaterali indesiderati da stimolanti e includono Strattera (atomoxetina) e Intuniv (guanfacina).

Gestione del comportamento

Indipendentemente dal fatto che i genitori scelgano o meno i farmaci come opzione di trattamento, la maggior parte dei medici e degli psicologi infantili suggerisce di sviluppare un piano di intervento comportamentale per aiutare a insegnare ai bambini abilità comportamentali adattive e ridurre i comportamenti fuori dal compito e disattenti. Gli interventi comportamentali possono includere la modifica del comportamento, la formazione dei genitori, la formazione delle abilità sociali e gli interventi scolastici.

Potrebbe esserci un vantaggio dei piani di intervento comportamentale a lungo termine, poiché questi adattamenti possono portare a miglioramenti duraturi nelle capacità di concentrazione che i farmaci non possono fornire.

Il verdetto finale

Se pensi che tuo figlio possa avere ADD, è importante parlare con il medico di tuo figlio. Sono disponibili trattamenti efficaci che possono aiutare i bambini che lottano con la disattenzione e un intervento precoce può impedire che il disturbo abbia un impatto negativo sulla vita di un bambino.

Alcuni genitori temono che se il loro bambino viene valutato per l’ADHD, sarà stigmatizzato. È importante parlare con tuo figlio in modo che sappia che ognuno ha abilità e abilità diverse. Ricevendo un trattamento, puoi aiutare tuo figlio a sviluppare nuove abilità e modi per affrontare i suoi sintomi.

Gli Specialisti

  • psicologo specializzato
  • neuropsichiatra infantile

Fonti: Verywellmind

  1. American Psychiatric Association. Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali, 5a edizione . Associazione Psichiatrica Americana; 2013.
  2. Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie. Sintomi e diagnosi di ADHD . Recensito il 21 settembre 2020.
  3. Clinica di Cleveland. Disturbo da deficit di attenzione/iperattività (ADHD) . Aggiornato il 12 gennaio 2021.