Nel momento in cui i giovani adulti raggiungono i 21 anni, uno studio ha rilevato che quasi il 15% ha avuto almeno un episodio di disturbo dell’umore. La depressione può causare problemi come difficoltà a scuola, difficoltà nelle relazioni e diminuzione del godimento della vita.

La depressione adolescenziale è un grave problema di salute mentale che provoca una persistente sensazione di tristezza e perdita di interesse per le attività. Colpisce il modo in cui il tuo adolescente pensa, sente e si comporta e può causare problemi emotivi, funzionali e fisici. Sebbene la depressione possa manifestarsi in qualsiasi momento della vita, i sintomi possono essere diversi tra adolescenti e adulti.

Problemi come la pressione dei pari, le aspettative accademiche e il cambiamento del proprio corpo possono portare molti alti e bassi per gli adolescenti. Ma per alcuni adolescenti, i momenti “no” sono più che semplici sentimenti temporanei: sono un sintomo di depressione.

La depressione adolescenziale non è una debolezza o qualcosa che può essere superata con la forza di volontà: può avere gravi conseguenze e richiede un trattamento a lungo termine. Per la maggior parte degli adolescenti, i sintomi della depressione si attenuano con trattamenti come farmaci e consulenza psicologica.

Sintomi

Gli adulti a volte non riconoscono i sintomi della depressione negli adolescenti perché il disturbo può apparire molto diverso da quello degli adulti. Un adolescente con depressione potrebbe avere alcuni o tutti questi segni della malattia:

  • Umore triste o depresso
  • Sentimenti di inutilità o disperazione
  • Perdita di interesse per le cose che prima godevano
  • Ritiro da amici e familiari
  • Pianto
  • Incapacità di dormire o dormire troppo
  • Perdita di appetito o aumento dell’appetito
  • Dolori e dolori che non vanno via, anche con il trattamento
  • Irritabilità
  • Sensazione di stanchezza nonostante si dorma a sufficienza
  • Incapacità di concentrarsi
  • Pensieri di suicidio, discorsi di suicidio o tentativi di suicidio

Cambiamenti comportamentali

Osserva i cambiamenti nel comportamento, come:

  • Stanchezza e perdita di energia
  • Insonnia o dormire troppo
  • Cambiamenti nell’appetito: diminuzione dell’appetito e perdita di peso o aumento del desiderio di cibo e aumento di peso
  • Uso di alcol o droghe
  • Agitazione o irrequietezza, ad esempio, ritmo, torsione delle mani o incapacità di stare fermo
  • Rallentamento del pensiero, della parola o dei movimenti del corpo
  • Frequenti lamentele di dolori muscolari e mal di testa inspiegabili, che possono includere frequenti visite all’infermiera della scuola
  • Isolazione sociale
  • Scarso rendimento scolastico o frequenti assenze da scuola
  • Meno attenzione all’igiene personale o all’aspetto
  • Scoppi di rabbia, comportamenti distruttivi o rischiosi, o altri comportamenti di agito
  • Autolesionismo, ad esempio taglio, bruciatura o piercing o tatuaggi eccessivi
  • Fare un piano di suicidio o un tentativo di suicidio

Cosa è normale e cosa no

Può essere difficile distinguere tra alti e bassi che sono solo una parte dell’essere un adolescente e la depressione adolescenziale. Parla con tuo figlio. Cerca di determinare se lui o lei sembra in grado di gestire sentimenti difficili o se la vita sembra opprimente.

Tipi di depressione adolescenziale

Il National Institute of Mental Health afferma che ci sono due forme comuni di depressione riscontrate negli adolescenti: disturbo depressivo maggiore e disturbo distimico (ora noto come disturbo depressivo persistente).

  • Il disturbo depressivo maggiore , chiamato anche depressione maggiore, è caratterizzato da una combinazione di sintomi che interferiscono con la capacità di una persona di lavorare, dormire, studiare, mangiare e godere di attività un tempo piacevoli. La depressione maggiore è invalidante e impedisce a una persona di funzionare normalmente. Un episodio di depressione maggiore può verificarsi solo una volta nella vita di una persona, ma più spesso si ripresenta nel corso della vita di una persona.
  • Il disturbo distimico, chiamato anche distimia, è caratterizzato da sintomi a lungo termine (due anni o più) ma meno gravi che possono non disabilitare una persona ma possono impedirne il normale funzionamento o il sentirsi bene. Le persone con distimia possono anche sperimentare uno o più episodi di depressione maggiore durante la loro vita.

Cause della Depressione Adolescenziale

Si pensa che siano molte le cause della depressione . Molto probabilmente ci sono molti fattori dietro chi sviluppa la depressione e chi no, e questi fattori non sono diversi per gli adolescenti.

  • Evento traumatico della vita, come la perdita di una persona cara o di un animale domestico, il divorzio o il nuovo matrimonio. Qualsiasi evento che causi angoscia o trauma, o anche solo un importante cambiamento nello stile di vita, può scatenare la depressione in un individuo vulnerabile.
  • Situazione sociale/circostanze familiari. Sfortunatamente, ci sono adolescenti che vivono in circostanze difficili. La violenza domestica, l’abuso di sostanze, la povertà o altri problemi familiari possono causare stress e contribuire alla depressione di un adolescente.
  • Genetica/biologia. È stato scoperto che la depressione è familiare e che esiste una base genetica per la depressione. Tieni presente, tuttavia, che gli adolescenti che hanno la depressione nella loro famiglia non avranno necessariamente la malattia e gli adolescenti senza una storia di depressione nella loro famiglia possono ancora contrarre il disturbo.
  • Condizioni mediche. Occasionalmente, i sintomi della depressione possono essere un segno di un’altra malattia medica, come l’ipotiroidismo o altri disturbi.
  • Farmaci/droghe illegali. Alcuni farmaci legali e soggetti a prescrizione medica possono avere la depressione come effetto collaterale. Alcune droghe illegali (droghe da strada) possono anche causare depressione.

Fattori di rischio

Molti fattori aumentano il rischio di sviluppare o innescare la depressione adolescenziale, tra cui:

  • Avere problemi che hanno un impatto negativo sull’autostima, come obesità, problemi con i coetanei, bullismo a lungo termine o problemi accademici
  • Essere stato vittima o testimone di violenza, come abuso fisico o sessuale
  • Avere altre condizioni di salute mentale, come il disturbo bipolare, un disturbo d’ansia, un disturbo della personalità, l’anoressia o la bulimia
  • Avere un disturbo dell’apprendimento o un disturbo da deficit di attenzione/iperattività (ADHD)
  • Avere dolore in corso o una malattia fisica cronica come cancro, diabete o asma
  • Avere determinati tratti della personalità, come una bassa autostima o essere eccessivamente dipendenti, autocritici o pessimisti
  • Abuso di alcol, nicotina o altre droghe
  • Essere gay, lesbiche, bisessuali o transgender in un ambiente non favorevole un

La storia familiare e i problemi con la famiglia o altri possono anche aumentare il rischio di depressione di tuo figlio, come ad esempio:

  • Avere un genitore, un nonno o un altro parente con problemi di depressione, disturbo bipolare o consumo di alcol
  • Avere un membro della famiglia morto suicida
  • Avere una famiglia disfunzionale e un conflitto familiareAvendo vissuto recenti eventi stressanti della vita, come il divorzio dei genitori, il servizio militare dei genitori o la morte di una persona cara 

Quando vedere un dottore

Se i segni e i sintomi della depressione persistono, inizia a interferire nella vita di tuo figlio, o ti preoccupa il suicidio o la sicurezza di tuo figlio, parla con un medico o un professionista della salute mentale addestrato a lavorare con gli adolescenti. Il medico di famiglia o il pediatra di tuo figlio è un buon punto di partenza.

I sintomi della depressione probabilmente non miglioreranno da soli e potrebbero peggiorare o portare ad altri problemi se non trattati. Gli adolescenti depressi possono essere a rischio di suicidio, anche se i segni e i sintomi non sembrano essere gravi.

Se sei un adolescente e pensi di essere depresso o hai un amico che potrebbe essere depresso, non aspettare di ricevere aiuto. Parla con un operatore sanitario come il tuo medico o l’infermiera scolastica. Condividi le tue preoccupazioni con un genitore, un amico intimo, un leader spirituale, un insegnante o qualcun altro di cui ti fidi.

Diagnosi

La depressione negli adolescenti è più spesso diagnosticata da un medico di base.

I ricercatori suggeriscono che la depressione adolescenziale è spesso sottodiagnosticata e sottotrattata. 

Se si sospetta la depressione adolescenziale, un medico inizia spesso con un esame fisico che può includere esami del sangue. Il pediatra di tuo figlio vorrà escludere qualsiasi altra malattia medica che potrebbe causare o contribuire ai sintomi di tuo figlio.

In seguito l’adolescente riceverà anche una valutazione psicologica. Questo spesso comporta un questionario sulla depressione e una discussione sulla gravità e la durata dei sintomi. 

Trattamento

Le Linee guida per la depressione adolescenziale nelle cure primarie raccomandano quanto segue nella gestione della depressione adolescenziale:

  • Educare adolescenti e famiglie sulle opzioni di trattamento disponibili
  • Sviluppare un piano di trattamento che includa obiettivi di trattamento specifici che si rivolgono al funzionamento a casa e a scuola
  • Collaborare con altre risorse per la salute mentale nella comunità
  • Creazione di un piano di sicurezza con misure da adottare se i sintomi dell’adolescente peggiorano o se sperimentano pensieri suicidi
  • Considerare il supporto attivo e il monitoraggio prima di iniziare altri trattamenti
  • Consultare uno specialista della salute mentale se i sintomi sono moderati o gravi
  • Incorporando trattamenti basati sull’evidenza come la terapia cognitivo-comportamentale, la terapia interpersonale e gli antidepressivi
  • Continuare a monitorare i sintomi e il funzionamento durante il trattamento antidepressivo; i medici e i familiari dovrebbero prestare attenzione ai segni che i sintomi stanno peggiorando e al pensiero o ai comportamenti suicidari

Sono un Genitore Preoccupato: Cosa Posso Fare?

Parla con tuo figlio delle tue preoccupazioni. Potrebbe esserci una causa specifica per cui si comporta in un certo modo. L’apertura della comunicazione consente a tuo figlio di sapere che ci tieni e che sei disponibile a parlare della situazione e fornire supporto.

Altre cose che possono aiutare tuo figlio a gestire i sintomi della depressione includono:

  • Parlare di preoccupazioni con la famiglia e gli amici
  • Avere un sistema di supporto sano 
  • Utilizzo di buone tecniche di gestione dello stress
  • Mangiare una dieta sana
  • Fare esercizio regolarmente
  • Trovare cose nuove da aspettare con impazienza
  • Unirsi a un gruppo di supporto, offline o online

Infine, non ignorare mai i segni o i sintomi della depressione. La depressione è curabile e c’è aiuto disponibile sia per te che per tuo figlio. Se non trattata, la depressione può portare a pensieri di suicidio o addirittura all’atto stesso.

Se tuo figlio parla di suicidio o tenta il suicidio, chiedi aiuto immediatamente. 

A chi Rivolgersi

Rivolgiti ad uno psicoterapeuta per chiedere consigli su come poter aiutare tuo figlio a superare la depressione e per far iniziare a lui o lei un percorso di trattamento psicoterapeutico. Se è necessario ricorrere al trattamento farmacologico, bisogna rivolgersi allo psichiatra.

  • Contatta uno psicoterapeuta
  • Cerca lo psichiatra più vicino a te

In Conclusione

La depressione è una malattia con molte cause e molte forme. È un disturbo degli stati d’animo o delle emozioni di una persona, non un atteggiamento che qualcuno può “controllare” o “scappare”. Ma è curabile con la psicoterapia e/o i farmaci, motivo per cui è particolarmente importante che i genitori e gli operatori sanitari si istruiscano sul disturbo.

Fonti:

  1. Verywellmind.com
  2. Mayoclinic.org
  3. Kessler RC, Avenevoli S, Costello EJ, Georgiades K, Green JG, et al. Prevalenza, persistenza e correlati sociodemografici dei disturbi del DSM-IV nel National Comorbidity Survey Replication Adolescent Supplement . Arch Gen Psychiatry . 2012; 69(4): 372-80. doi:10.1001/archgenpsychiatry.2011.160
  4. Copeland W, Shanahan L, Costello EJ, Angold A. Prevalenza cumulativa di disturbi psichiatrici in età adulta: un’analisi prospettica di coorte dallo studio Great Smoky Mountains . J Am Acad Psichiatria infantile adolescenziale . 2011; 50(3): 252-261. doi:10.1016/j.jaac.2010.12.014
  5. Cheung AH, Kozloff N, Sacks D. Depressione pediatrica: un aggiornamento basato sull’evidenza sugli interventi di trattamento . D. Curr Psychiatry Rep. 2013; 15: 381. doi:10.1007/s11920-013-0381-4
  6. Disturbi depressivi. In: Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali DSM-5. 5a ed. Arlington, Virginia: Associazione Psichiatrica Americana; 2013. 
  7. Marrone AY. Allscripts EPSi. Mayo Clinic, Rochester, Minnesota, 7 luglio 2018.
  8. Depressione adolescenziale. Istituto Nazionale di Salute Mentale. 
  9. Depressione nei bambini e negli adolescenti. American Academy of Child and Adolescent Psychiatry.
  10. Psicoterapia per bambini e adolescenti: diversi tipi. American Academy of Child and Adolescent Psychiatry. .
  11. Farmaci psichiatrici per bambini e adolescenti: Parte I Come vengono utilizzati i farmaci. 
  12. Farmaci psichiatrici per bambini e adolescenti: Parte II ― Tipi di farmaci. American Academy of Child and Adolescent Psychiatry.
  13. Depressione. Istituto Nazionale di Salute Mentale. 
  14. Una guida per la famiglia: cosa devono sapere le famiglie sulla depressione adolescenziale. 
  15. Bonin L, et al. Panoramica della prevenzione e del trattamento della depressione pediatrica.
  16. Moreland CS, et al. Depressione unipolare pediatrica e farmacoterapia: scelta di un farmaco. 
  17. Payne J. Psicofarmacologia in gravidanza e allattamento. Cliniche psichiatriche del Nord America. 
  18. Zuckerbrot RA, et al. Linee guida per la depressione adolescenziale nelle cure primarie (GLAD-PC): Parte I. Preparazione pratica, identificazione, valutazione e gestione iniziale. Pediatria.
  19. Cheung AH, et al. Linee guida per la depressione adolescenziale nelle cure primarie (GLAD-PC): Parte II. Trattamento e gestione continua.
  20. Haefner J. Pratiche sanitarie complementari e integrative per la depressione. Journal of Infermieristica Psicosociale e Servizi di Salute Mentale
  21. Rentala S, et al. Efficacia dell’intervento corpo-mente-spirito sul benessere, sulla compromissione funzionale e sulla qualità della vita tra i pazienti depressi – Uno studio controllato randomizzato. Giornale di infermieristica avanzata. 
  22. Depressione e approcci sanitari complementari: cosa dice la scienza. Centro nazionale per la salute complementare e integrativa.
  23. Tecniche di stress e rilassamento: cosa dice la scienza. Centro nazionale per la salute complementare e integrativa.
  24. Guida alla resilienza per genitori e insegnanti. Associazione Americana di Psicologia. 
  25. Centri di Eccellenza ― Mayo Clinic. Rete nazionale dei centri di depressione.
  26. Disturbi bipolari e correlati. In: Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali DSM-5. 5a ed. Arlington, Virginia: Associazione Psichiatrica Americana; 2013. 
  27. Haynes PL, et al. Terapie del ritmo sociale per i disturbi dell’umore: un aggiornamento. Rapporti psichiatrici attuali. 2016; 18:75.
  28. Domande frequenti sulla farmacogenomica. Istituto nazionale di ricerca sul genoma umano. 
  29. Supporto tra pari. Alleanza per la depressione e il sostegno bipolare. 
  30. Neavin DR, et al. Trattamento del disturbo depressivo maggiore nella popolazione pediatrica. Malattie. 2018;6:48.
  31. Hall-Flavin DK (opinione di esperti). Mayo Clinic, Rochester, Minnesota 25 ottobre 2018.
  32. McKean AJ (opinione di esperti). Mayo Clinic, Rochester, Minnesota 25 ottobre 2018