Discussioni e disaccordi si verificano all’interno di tutte le relazioni strette e sono una parte normale dell’affrontare le differenze di idee, credenze e prospettive. 

Tuttavia, il conflitto cronico di relazione e lo stress sono un problema serio. Le difficoltà relazionali possono compromettere la salute mentale e ciò può influenzare notevolemente altri ambiti della vita come le relazioni con la famiglia e gli amici e i colleghi di lavoro. I bambini soffrono anche quando sono esposti ad alti livelli di conflitto in casa e sono a maggior rischio di ansia, depressione, problemi comportamentali e di salute.

Imparare modi efficaci e rispettosi per comunicare le differenze è un passo importante nella costruzione di una relazione sana e appagante e che può giovare al nostro benessere generale e a chi ci circonda.

Possibili Cause di Difficoltà Relazionali

Non esiste un’unica causa per i problemi di relazione, ma una serie di fattori possono svolgere un ruolo.

Esperienze passate

La famiglia e l’educazione di una persona possono svolgere un ruolo importante nelle sue relazioni future. Le persone i cui genitori hanno divorziato hanno maggiori probabilità di sperimentare interruzioni della relazione rispetto a quelle i cui genitori sono rimasti insieme così come vedere alti livelli di conflitto durante l’infanzia e l’adolescenza o subire abusi nei primi anni è stato collegato a problemi di relazione più avanti nella vita. 

Transizioni di vita e stress

Le transizioni della vita, come passare dalla convivenza all’essere sposati, alla nascita di un bambino, ai bambini che lasciano casa e andare in pensione possono mettere a dura prova una relazione e la coppia può iniziare a sentirsi meno “collegata” l’una all’altra. 

Lo stress personale può anche mettere a dura prova la relazione. Quando le persone sono stressate, trovano più difficile essere positive o perdonare con il proprio partner, il che può aumentare il loro senso di insoddisfazione nella relazione. 11 Problemi di lavoro o difficoltà finanziarie, difficoltà con i suoceri o la famiglia allargata, o bilanciare i bisogni dei genitori anziani con i bisogni di prendersi cura dei propri figli possono riversarsi nella relazione e aumentare lo stress tra le coppie. 

La Prospettiva Mentale

Il modo in cui le persone pensano a se stesse, al loro partner e alla loro relazione è un fattore importante nei risultati della relazione. Le coppie che hanno problemi possono iniziare a incolparsi a vicenda e a considerarsi la causa di litigi e difficoltà, considerando il comportamento del partner come egoistico e intenzionale. Vedere la relazione o l’altra persona attraverso una ‘lente’ negativa può portare a dare più peso agli eventi negativi che a quelli positivi, quando si verificano. Questo schema può portare a più conflitto o ritiro. 

Fattori comportamentali

Particolari modelli di comportamento possono essere segnali importanti che una relazione è a rischio. Le interazioni che includono mancanza di rispetto, atteggiamento difensivo, critica o ‘ostruzionismo’ (costruire una barriera alla comunicazione) sono segni che una relazione è in crisi. 17 Un rapporto di cinque interazioni positive per ogni interazione negativa è stato suggerito come un buon indicatore del buon funzionamento di una relazione.

Abitudini Relazionali Sane

Le coppie che affrontano con successo le transizioni della vita sono quelle che si prendono del tempo per parlare di come possono gestire insieme i cambiamenti. 8 Emozioni e comportamenti positivi coerenti possono proteggere dai regolari alti e bassi della vita. 20,21

Le coppie che esprimono sentimenti positivi e si vedono l’un l’altro sotto una luce positiva hanno maggiori probabilità di avere successo nella loro relazione, 19 mentre una visione positiva del legame può aiutare a promuovere la stabilità della relazione 22 e proteggersi dai sentimenti negativi, anche durante i litigi. 23 Il perdono, 24 oltre a provare ed esprimere gratitudine, 25 entrambi hanno effetti positivi sulla relazione.

Mentre gli eventi stressanti possono avere un impatto negativo su una relazione, possono anche aiutare a sviluppare forti capacità di coping all’interno della coppia. Affrontare con successo i piccoli fattori di stress nelle prime fasi della relazione può portare a una maggiore conoscenza e fiducia nella gestione delle difficoltà future. 26

La capacità di ascoltare e comprendere il punto di vista e l’esperienza emotiva dell’altro, condividere i propri pensieri e la propria esperienza con il proprio partner e impegnarsi nella risoluzione dei problemi insieme sono anche caratteristiche delle relazioni gratificanti e di successo. Queste qualità aiutano le coppie non solo a superare lo stress della vita insieme, ma anche a rafforzare la loro relazione nei momenti buoni e cattivi. 27

Cosa fare in Caso di Difficoltà Relazionali

I problemi relazionali sono una ragione comune per cui le persone cercano aiuto da professionisti della salute mentale. La terapia di coppia incentrata sulle emozioni (EFT), la terapia di coppia comportamentale (BCT) o la terapia di coppia sistemico-relazionale sono alcuni esempi di trattamenti psicoterapeutici efficaci per i problemi di relazione.  La ricerca ha dimostrato che questi interventi psicologici sono utili per migliorare la soddisfazione della relazione e la qualità delle interazioni per molte coppie. 

Durante la psicoterapia di coppia ci si concentrerà su una serie di strategie per migliorare la comunicazione e aumentare la comprensione reciproca.

Cambiare la visione della relazione

Piuttosto che incolparsi a vicenda, è utile per entrambi i partner accettare che i loro atteggiamenti e comportamenti influenzino la relazione. Ciascun partner potrebbe pensare alle cause e alle conseguenze del proprio comportamento e sviluppare una migliore comprensione di come le proprie azioni influenzano il proprio partner, positivamente e negativamente. 

Esprimere le emozioni

Le coppie che stanno vivendo difficoltà nella loro relazione spesso evitano di esprimere le proprie emozioni o vulnerabilità, oppure possono criticarsi o incolparsi a vicenda. Condividere pensieri ed emozioni private e incoraggiare la cura, la comprensione e l’accettazione da parte di un partner può essere utile per costruire l’intimità all’interno di una relazione. 

Usare affetto e umorismo

L’uso della giocosità, dell’affetto e dell’umorismo positivo (piuttosto che l’umorismo che include critiche o insulti), in particolare durante le discussioni, promuove anche la soddisfazione e la vicinanza della relazione. 

Migliorare la comunicazione

L’apprendimento di capacità di comunicazione e risoluzione dei problemi efficaci può essere una parte importante per migliorare le interazioni all’interno di una relazione. Ad esempio, se ci sono alti livelli di critica o biasimo, ogni partner potrebbe imparare nuovi modi per esprimere apertamente ma rispettosamente le proprie preoccupazioni. Oppure, per le coppie che evitano la comunicazione, può essere utile imparare a condividere in modo sicuro le proprie preoccupazioni e aumentare l’espressione positiva delle emozioni. 32

La risoluzione dei problemi all’interno di una relazione potrebbe includere passaggi come concordare una chiara definizione del problema, trovare soluzioni di brainstorming e i probabili risultati per ciascun partner, concordare una soluzione e provarla e fare un piano per rivalutare se è stata risolta il problema o necessita di ulteriore lavoro. 

Promuovere i punti di forza

Concentrarsi sugli aspetti positivi della relazione e del proprio partner può aumentare i livelli di divertimento e soddisfazione e incoraggiare comportamenti positivi. 32 Ad esempio, alle coppie potrebbe piacere pensare a ciò che le ha attratte del loro partner in primo luogo, 36 o pensare a cose che possono fare che il loro partner apprezzerebbe, e fare deliberatamente quelle cose più frequentemente. 

Quando Rivolgersi ad uno Specialista

Tutte le relazioni incontrano difficoltà e la maggior parte si risolve nel tempo. Tuttavia, quando i problemi diventano uno schema e sembrano incapaci di essere risolti, è importante cercare un aiuto professionale da qualcuno esperto nel lavoro con problemi di relazione.

Gli psicologi sono professionisti altamente formati e qualificati, abili nel fornire interventi efficaci per una serie di problemi, compresi i problemi di relazione. Uno psicologo può aiutarti a identificare e affrontare i fattori che potrebbero contribuire ai tuoi problemi di relazione e i modi più efficaci per affrontarli utilizzando tecniche basate sulle migliori ricerche disponibili. Potrebbero anche essere valutati e affrontati altri problemi di salute mentale o problemi di uso di sostanze, assistendo sia la persona che sta vivendo queste difficoltà, sia la relazione.

Idealmente, entrambi i partner accetterebbero di cercare assistenza in modo che insieme possano risolvere i problemi nella loro relazione. Tuttavia, se il tuo partner è riluttante o non è disposto a cercare aiuto, anche cercare aiuto per conto tuo può avviare il processo di cambiamento all’interno della relazione.

  • Contatta uno psicoterapeuta esperto di difficoltà relazionali

10 Consigli per Migliorare la tua Relazione

  1. Cerca di ridurre lo stress nella tua vita, che potrebbe mettere a dura prova la tua relazione.
  2. Prenditi del tempo per parlare con il tuo partner degli stress della vita e di come gestirli insieme. Cercate di sostenervi a vicenda nei momenti di difficoltà.
  3. Concentrati sul fare in modo che le interazioni positive nella tua relazione superino quelle negative, di cinque a uno. Ricorda di mostrare apprezzamento, gratitudine e cura.
  4. Sii aperto alla condivisione delle tue opinioni, idee ed emozioni: questo crea vicinanza e comprensione. Cerca di esprimere frustrazione, delusione e rabbia in modo aperto e costruttivo.
  5. Sii aperto al punto di vista del tuo partner e, piuttosto che saltare alle conclusioni, cerca di capire come pensa e come si sente il tuo partner, o perché potrebbe agire in un certo modo.
  6. Stabilisci di condividere davvero gli stessi valori, aspettative e standard per la tua relazione e lavora per vivere secondo i valori importanti per te.
  7. Quando c’è conflitto assicurati di rimanere rispettoso l’uno dell’altro. Prendetevi del tempo per calmarvi, se necessario, e tornate alla discussione più tardi. Assicurati che entrambi lavoriate per riparare eventuali danni causati.
  8. Sviluppa un senso di significato condiviso nella tua relazione, apprezzando i reciproci ruoli nella relazione, gli obiettivi che ti collegano e i modi in cui ciascuno di voi contribuisce e influenza l’altro e la vostra vita condivisa.
  9. Incoraggia il tuo partner nel suo lavoro, nelle sue amicizie e nelle sue attività. Festeggia i successi.
  10. Mantieni vivo il tuo senso di giocosità, affetto e umorismo positivo nella tua relazione.

In conclusione

Sii disposto a lavorare sulla tua relazione e a guardare veramente a ciò che deve essere fatto. Non pensare che le cose andrebbero meglio con qualcun altro. A meno che non affronti i problemi, è probabile che continuerai ad incorrere in difficoltà relazionali, indipendentemente dalla relazione in cui ti trovi.

Fonti:

  1. Australian Psychological Society
  2. Gurman, AS (2008). Un quadro per lo studio comparativo della terapia di coppia. In Alan S Gurman (Ed.), Manuale clinico di terapia di coppia (4a ed., pp. 1-30). New York, NY: Guilford Press.
  3. Whisman, MA, & Ubelacker, LA (2006). Compromissione e disagio associati a discordia relazionale in un campione nazionale di adulti sposati o conviventi. Giornale di psicologia familiare, 20 (3), 369.
  4. Byrne, M., Carr, A., & Clark, M. (2004). L’efficacia della terapia di coppia comportamentale e della terapia focalizzata emotivamente per il disagio di coppia. Terapia familiare contemporanea, 26 (4), 361-387.
  5. Amato, PR e DeBoer, DD (2001). La trasmissione dell’instabilità coniugale attraverso le generazioni: capacità relazionali o impegno al matrimonio? Diario del matrimonio e della famiglia, 63 (4), 1038-1051.
  6. Whitton, SW, Waldinger, RJ, Schulz, MS, Allen, JP, Crowell, JA e Hauser, ST (2008). Associazioni potenziali da interazioni familiari di origine a interazioni coniugali adulte e aggiustamento delle relazioni. Giornale di psicologia familiare, 22 (2), 274-286.
  7. Nelson, BS, & Wampler, KS (2000). Effetti sistemici del trauma nelle coppie cliniche: uno studio esplorativo del trauma secondario derivante dall’abuso infantile. Giornale di terapia coniugale e familiare, 26 (2), 171-184.
  8. Lavee, Y. (2013). Processi di stress nelle famiglie e nelle coppie. In GW Peterson & KR Bush (a cura di), Manuale del matrimonio e della famiglia (3 ed., pp. 159-176). New York, NY: Springer.
  9. Rose-Groenlandia, F., & Smock, PJ (2013). Vivere insieme non sposati: cosa sappiamo delle famiglie conviventi? In GW Peterson & KR Bush (a cura di), Manuale del matrimonio e della famiglia (3 ed., pp. 255-273). New York, NY: Springer.
  10. O’Brien, M., & Peyton, V. (2002). Atteggiamenti genitoriali e intimità coniugale: un’analisi longitudinale. Journal of Family Psychology, 16 (2), 118.
  11. Boss, PG (1980). Stress familiare normativo: i confini della famiglia cambiano nel corso della vita. [Articolo]. Relazioni familiari, 29 (4), 445-450.
  12. Neff, LA, & Karney, BR (2009). Stress e reattività alle esperienze relazionali quotidiane: come lo stress ostacola i processi di adattamento nel matrimonio. Giornale di personalità e psicologia sociale, 97 (3), 435.
  13. Ward, RA, & Spitze, G. (1998). Matrimoni a sandwich: le implicazioni delle relazioni tra figli e genitori per la qualità coniugale nella mezza età. Forze sociali, 77 (2), 647-666.
  14. Bryant, CM, Conger, RD, & Meehan, JM (2001). L’influenza dei suoceri sul cambiamento nel successo coniugale. Diario di matrimonio e famiglia, 63 (3), 614-626.
  15. Randall, AK, & Bodenmann, G. (2009). Il ruolo dello stress nelle relazioni strette e nella soddisfazione coniugale. Revisione di psicologia clinica, 29 (2), 105-115.
  16. Fincham, FD, Harold, GT e Gano-Phillips, S. (2000). L’associazione longitudinale tra attribuzioni e soddisfazione coniugale: direzione degli effetti e ruolo delle aspettative di efficacia. Giornale di psicologia familiare, 14 (2), 267-285.
  17. Lebow, J. (2014). Terapia di coppia e familiare: Una mappa integrativa del territorio : American Psychological Association.
  18. Gottman, JM, Ryan, KD, Carrère, S., & Erley, AM (2002). Verso una terapia coniugale scientificamente fondata. In HA Liddle, DA Santisteban, RF Levant e JH Bray (a cura di), Psicologia familiare: interventi basati sulla scienza (pp. 147-174). Washington, DC: Associazione Psicologica Americana.
  19. Durtschi, JA, Fincham, FD, Cui, M., Lorenz, FO, & Conger, RD (2011). Processi diadici nel matrimonio precoce: attributi, comportamento e qualità coniugale. Relazioni familiari, 60 (4), 421-434.
  20. Gottman, JM, & Levenson, RW (2000). I tempi del divorzio: prevedere quando una coppia divorzierà per un periodo di 14 anni. Diario di matrimonio e famiglia, 62 (3), 737-745.
  21. Stabb, SD (2005). Cosa ci dice la ricerca. In M. Harway (Ed.), Manuale di terapia di coppia (pp. 431-456). Hoboken, NJ: John Wiley & Sons, Inc.
  22. Johnson, MD, Cohan, CL, Davila, J., Lawrence, E., Rogge, RD, Karney, BR, . . . Bradbury, TN (2005). Capacità di problem solving ed espressioni affettive come predittori di cambiamento nella soddisfazione coniugale. Giornale di consulenza e psicologia clinica, 73 (1), 15-27.
  23. Carrere, S., Buehlman, KT, Gottman, JM, Coan, JA, & Ruckstuhl, L. (2000). Prevedere la stabilità coniugale e il divorzio nelle coppie di sposini. Giornale di psicologia familiare, 14 (1), 42-58.
  24. Flora, J., & Segrin, C. (2000). Coinvolgimento affettivo e comportamentale nei reclami e nei complimenti del coniuge. Giornale di psicologia familiare, 14 (4), 641-657.
  25. Paleari, FG, Regalia, C., & Fincham, F. (2005). Qualità coniugale, perdono, empatia e ruminazione: un’analisi longitudinale. Bollettino della personalità e della psicologia sociale, 31 (3), 368-378.
  26. Gordon, CL, Arnette, RA, & Smith, RE (2011). Hai ringraziato il tuo coniuge oggi? Sentito ed espresso gratitudine tra le coppie sposate. Personalità e differenze individuali, 50 (3), 339-343.
  27. Neff, LA, & Broady, EF (2011). Resilienza allo stress nel matrimonio precoce: la pratica Cn rende perfetti? Giornale di personalità e psicologia sociale, 101 (5), 1050-1067.
  28. Bodenmann, G., & Randall, AK (2012). Fattori comuni nel miglioramento del coping diadico. Terapia comportamentale, 43 (1), 88-98. www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/22304881
  29. Lebow, JL, Chambers, AL, Christensen, A., & Johnson, SM (2012). Ricerca sul trattamento del disagio di coppia. Giornale di terapia coniugale e familiare, 38 (1), 145-168.
  30. Mead, DE (2002). Distress coniugale, depressione concomitante e terapia coniugale: una revisione. Giornale di terapia coniugale e familiare, 28 (3), 299-314.
  31. Johnson, S., & Lebow, J. (2000). Il “raggiungimento della maggiore età” della terapia di coppia: una rassegna decennale. Giornale di terapia coniugale e familiare, 26 (1), 23-38.
  32. Shadish, WR, & Baldwin, SA (2003). Meta-analisi degli interventi di MFT. Giornale di terapia coniugale e familiare, 29 (4), 547-570.
  33. Benson, LA, McGinn, MM e Christensen, A. (2012). Principi comuni della terapia di coppia. Terapia comportamentale, 43 (1), 25-35.
  34. Haas, SM, & Stafford, L. (2005). Comportamenti di mantenimento nelle relazioni omosessuali e coniugali: un confronto di campioni abbinati. Il giornale della comunicazione familiare, 5 (1), 43-60.
  35. Driver, JL, & Gottman, JM (2004). Interazioni coniugali quotidiane e affetti positivi durante il conflitto coniugale tra coppie di sposini. Processo familiare, 43 (3), 301-314.
  36. Baucom, DH, Epstein, NB, LaTaillade, JJ e Kirby, JS (2008). Terapia cognitivo-comportamentale di coppia. In Alan S Gurman (Ed.), Manuale clinico di terapia di coppia (4a ed., pp. 31-72). New York, NY: Guilford Press.
  37. Christensen, A., Wheeler, JG, & Jacobson, NS (2008). Distress di coppia. In DH Barlow (Ed.), Manuale clinico dei disturbi psicologici: un manuale di trattamento passo-passo (4a ed., pp. 662-689). New York, NY: Guilford Press.