Che cos’è la disforia di genere?

La disforia di genere si riferisce a sentimenti di angoscia e disagio che una persona sperimenta quando il genere assegnato non corrisponde alla sua identità di genere.

Le persone che soffrono di disforia di genere possono sentirsi a disagio e angosciate per il conflitto tra le caratteristiche sessuali del loro corpo fisico e come si sentono e pensano a se stesse.

Gli effetti della disforia di genere possono variare da persona a persona. Per alcune persone, questi sentimenti di conflitto possono influenzare l’immagine di sé e il comportamento.

I bambini che soffrono di disforia di genere possono esprimere il loro desiderio di essere del sesso opposto e insistere su giocattoli, acconciature e vestiti che sono tipicamente associati al genere opposto.

Sintomi

I sintomi della disforia di genere possono includere la sensazione di un forte senso di angoscia o disagio con il proprio genere assegnato. Alcuni segni che qualcuno sta vivendo disforia di genere includono:

  • Il desiderio di non avere più le caratteristiche sessuali primarie del genere assegnato alla nascita
  • Il desiderio di essere trattati come il sesso opposto
  • Il desiderio di avere le caratteristiche sessuali primarie e secondarie della loro identità di genere preferita
  • L’insistenza sul fatto che sono un genere diverso dal sesso assegnato alla nascita
  • Preferenze per i ruoli tra i sessi
  • Forte rifiuto di giocattoli, giochi e altre cose che sono tipicamente associate al genere assegnato alla nascita
  • Indossare abiti tipicamente associati al sesso opposto

La disforia di genere non è correlata all’orientamento sessuale di un individuo.

Le persone che soffrono di disforia di genere possono essere etero, gay, lesbiche o bisessuali. Le persone che soffrono di disforia di genere possono anche essere non conformi al genere o transgender. Tuttavia, è importante riconoscere che non tutti coloro che sono transgender o non conformi al genere sperimentano la disforia di genere.

Identità di genere vs. orientamento sessuale

È anche importante riconoscere la distinzione tra identità di genere e identità sessuale. L’identità di genere si riferisce al senso di genere interno di una persona, che sia maschio, femmina o al di fuori del binario di genere . L’orientamento sessuale si riferisce all’attrazione fisica, emotiva o romantica di una persona verso altre persone.

Laddove il genere riguarda chi sei, la sessualità riguarda la persona da cui sei attratto. Alcune persone con disforia di genere fanno parte della comunità LGBTQ+ , ma sperimentare la disforia di genere non significa che una persona sia gay, lesbica o bisessuale.

Diagnosi

La disforia di genere è una diagnosi elencata nel Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali (DSM-5).

Nella precedente edizione del DSM, era noto come disturbo dell’identità di genere. Questo è stato cambiato nel 2013 per rimuovere lo stigma associato alla definizione di disturbo. Laddove in precedenza era presentato come un disturbo legato all’identità, il DSM-5 adotta un approccio più descrittivo che si concentra sul disagio e sull’angoscia causati dalla disforia.

Negli adolescenti e negli adulti

Per essere diagnosticata con disforia di genere da adolescente o adulto, un individuo deve sperimentare disagio clinicamente significativo o menomazioni in ambito sociale, lavorativo e in altre aree importanti della vita. Questi sentimenti devono durare per almeno sei mesi ed essere accompagnati da almeno due dei seguenti criteri:

  • Una significativa incongruenza tra le caratteristiche sessuali primarie e secondarie e il genere vissuto dell’individuo
  • Un marcato desiderio di liberarsi delle caratteristiche sessuali primarie o secondarie
  • Il desiderio di avere le caratteristiche sessuali primarie o secondarie del loro genere vissuto
  • Il desiderio di essere il loro genere esperto
  • Un desiderio di essere trattati come il loro genere esperto
  • Una convinzione che essi hanno i comportamenti, i sentimenti e le reazioni che sono caratteristiche del loro genere con esperienza

Nei bambini

Anche i bambini possono sperimentare la disforia di genere. Non è raro che i bambini mostrino comportamenti non conformi al genere, quindi è importante distinguere tra comportamenti tipici dell’infanzia e vera disforia di genere.

Simile a quello degli adulti, i bambini devono sperimentare menomazioni nel funzionamento o un disagio significativo della durata minima di sei mesi. Devono inoltre manifestare almeno sei dei seguenti sintomi:

  • L’insistenza sul fatto che siano del genere opposto o il desiderio di essere del genere opposto
  • Una preferenza per impegnarsi in giochi di fantasia o finzione con il ruolo di genere opposto
  • Una preferenza per l’abbigliamento tipicamente associato al sesso opposto
  • Una preferenza per i giocattoli che sono stereotipicamente preferiti dal sesso opposto
  • Rifiuto di giocattoli o attività che sono tipicamente associati al genere assegnato
  • Esprimere antipatia per le loro caratteristiche sessuali fisiche
  • Il desiderio di avere le caratteristiche sessuali che corrispondono alla loro identità di genere
  • Preferire giocare con altri bambini del sesso opposto

Segni di disforia di genere nei bambini possono essere presenti già all’età di 4 anni. Questi sintomi spesso diventano più gravi man mano che i bambini crescono, in particolare quando iniziano a sperimentare i cambiamenti fisici associati alla pubertà.

Disforia di genere vs non conformità di genere

È importante notare che la disforia di genere e la non conformità di genere non sono la stessa cosa. La non conformità di genere implica comportamenti ed espressioni di genere che non corrispondono alle norme stereotipate associate al genere assegnato alla nascita di una persona. La non conformità di genere non è considerata un disturbo mentale.

Cause

Le cause esatte della disforia di genere non sono completamente comprese, ma diversi fattori possono svolgere un ruolo. Possono essere coinvolti la genetica, le influenze ormonali durante lo sviluppo prenatale e i fattori ambientali.

Ad esempio, l’esposizione prenatale a determinate sostanze chimiche è stata associata a interruzioni nel normale sviluppo della determinazione del sesso prima della nascita. La ricerca indica anche un legame genetico, poiché esiste una prevalenza condivisa più elevata tra gemelli identici che tra gemelli fraterni.

L’esordio della disforia di genere è spesso durante la prima infanzia. Sebbene i meccanismi esatti non siano chiari, sappiamo che quando i bambini nascono, viene assegnato loro un sesso in base alla loro anatomia fisica. Il sesso che viene assegnato a un bambino alla nascita spesso determina come vengono cresciuti e come gli altri interagiscono con loro. Man mano che crescono, possono iniziare a sentire che c’è una discrepanza tra la loro identità di genere e il sesso loro assegnato. In alcuni casi, questa discrepanza può portare a sentimenti di disforia di genere.

Trattamento

Il trattamento per la disforia di genere è altamente individuale e basato sui bisogni unici di ogni persona. Di solito ci si concentra sull’aiutare l’individuo a esplorare la propria identità di genere, spesso consentendo loro di esprimere il proprio genere in un modo che corrisponda al proprio senso interno di genere. Ciò può includere vestirsi in modo allineato alla loro identità di genere, utilizzare nomi e pronomi diversi o adottare misure mediche per modificare fisicamente il corpo.

Oltre alla consulenza, il trattamento per la disforia di genere può comportare ormoni e interventi chirurgici di riassegnazione del genere.

Opzioni mediche

Alcune persone con disforia di genere possono preferire un trattamento più ampio che prevede l’uso di ormoni sessuali incrociati e procedure mediche di affermazione del genere. Il trattamento può anche comportare modifiche del corpo che aiutano ad allineare la presentazione esteriore di una persona con la propria identità di genere interna.

La terapia ormonale e la chirurgia sono due modi in cui ciò potrebbe essere realizzato. Ma ancora una volta, il trattamento deve essere adattato alle esigenze e agli obiettivi dell’individuo. Alcune persone potrebbero voler raggiungere una transizione completa al genere con cui si identificano. Altri potrebbero voler solo ridurre al minimo le caratteristiche sessuali secondarie, come la barba o il seno, che non si allineano con la loro identità di genere.

È importante ricordare che mentre la chirurgia per l’affermazione del genere è un’opzione, non tutti coloro che soffrono di disforia di genere fanno questa scelta. La chirurgia è costosa e solitamente non è coperta da assicurazione. Non tutti vogliono avere una completa riassegnazione di genere. La terapia ormonale può aiutare alcune persone, mentre altre possono scegliere di cambiare la loro espressione di genere esteriore e il modo di vestire per corrispondere al loro senso interno di identità di genere.

Gli ormoni mascolinizzanti e femminilizzanti a volte possono aiutare a ridurre o risolvere i sentimenti di disforia di genere. Tali ormoni possono avere effetti collaterali, inclusi cambiamenti nella libido e il potenziale di sintomi maniacali, ipomaniacali o psicotici nelle persone con una condizione psichiatrica sottostante.

Tuttavia, le persone che non hanno la capacità di intraprendere nessuno di questi passaggi possono iniziare a provare sentimenti di maggiore disagio psicologico, inclusi sentimenti di ansia e depressione. In tali casi, la psicoterapia può aiutare le persone a sentirsi più a loro agio nell’esprimere il proprio senso interno di genere e migliorare il benessere mentale.

Psicoterapia

Alcuni individui potrebbero desiderare solo una consulenza per essere aiutati a sentirsi più a loro agio con i propri sentimenti, per affermare la propria identità e per far fronte o ridurre eventuali sentimenti di angoscia. La  consulenza relazionale o familiare può aiutare partner, genitori e altri membri della famiglia a capire meglio cosa sta vivendo la persona amata. Questo può aiutare l’individuo a un maggiore supporto sociale e tra pari, che può fornire un ambiente più affermativo.

L’obiettivo è aiutare le persone a sentirsi più realizzate e migliorare la qualità della loro vita riducendo i sentimenti di disforia. Questo a volte è ottenuto da:

  • Esplorare l’identità e l’espressione di genere
  • Imparare a gestire lo stress
  • Praticare l’accettazione di sé
  • Costruire una rete di supporto
  • Prendere decisioni sulle opzioni di transizione
  • Migliorare le relazioni

La terapia non solo può aiutare le persone a ridurre i sentimenti di disforia, ma può anche aiutare le persone in qualsiasi fase del processo a migliorare la qualità della vita e il benessere.

  • contatta lo psicologo

  • contatta lo psicoterapeuta

Sfide

Le persone che non sono conformi al genere e le loro famiglie sono spesso a maggior rischio di esposizione allo stigma e alla discriminazione a causa della loro identità di genere. Le persone con disforia di genere che sono transgender o non conformi al genere hanno anche un rischio maggiore di essere vittime di violenza o bullismo.

Coloro che perseguono trattamenti medici come ormoni o procedure chirurgiche possono anche incontrare difficoltà nell’accedere a un’adeguata copertura sanitaria e assicurativa per il loro trattamento.

I sentimenti di disforia combinati con la mancanza di supporto sociale possono spesso contribuire al disagio mentale e ad altri problemi. Alcuni disturbi associati alle persone con disforia di genere includono depressione, ansia, abuso di sostanze, autolesionismo e altri problemi di salute mentale.

La ricerca ha anche dimostrato che le persone che soffrono di disforia di genere hanno un rischio maggiore di morire per suicidio rispetto alla popolazione generale. Uno studio ha rilevato che il 48,3% dei partecipanti con disforia di genere aveva avuto un’idea suicidaria e il 23,8% aveva tentato il suicidio almeno una volta.

Se hai pensieri rivolti al suicidio, chiama il 118 o recati al Pronto Soccorso.

Gestire la disforia di genere

Affrontare i sentimenti di disforia di genere comporta in genere un trattamento che si concentra sull’aiutare le persone a sentirsi più a loro agio con la propria identità di genere. Alcune altre strategie che possono aiutare le persone a far fronte ai sentimenti di disforia di genere includono:

  • Trovare supporto: prova a unirti a un gruppo di supporto e a parlare con colleghi che hanno avuto esperienze simili.
  • Ridurre il disagio: utilizzare pratiche come la fasciatura del seno o il rimbocco dei genitali per ridurre al minimo le caratteristiche fisiche che contribuiscono alla sensazione di disforia.
  • Prenditi cura di te stesso: dare priorità alla cura di sé e al benessere emotivo, incluso fare cose che ti fanno sentire bene con te stesso e il tuo corpo.
  • Afferma la tua identità: prova a fare piccole cose che ti aiutino ad affermare la tua identità di genere. Questo potrebbe includere indossare determinati accessori, cambiare la tua pettinatura o chiedere ad altri di fare riferimento a te con i tuoi pronomi preferiti.
  • Pianifica per il futuro: le persone possono anche scegliere di perseguire opzioni legali per la transizione al genere desiderato, nonché la transizione in contesti sociali. Ricerca i passaggi e crea un piano che ti aiuterà a lavorare verso i tuoi obiettivi a lungo termine, indipendentemente dal fatto che tali obiettivi implichino una transizione medica, sociale o legale.

Fonti: VeryWellMind,

  1. Associazione Psichiatrica Americana. Cos’è la disforia di genere? Recensito febbraio 2016.
  2. Byne W, Karasic DH, Coleman E, et al. Disforia di genere negli adulti: una panoramica e un primer per psichiatri . Salute transgender . 2018;3(1):57-70. doi:10.1089/trgh.2017.0053
  3. GLAAD. Come l’orientamento sessuale è diverso dall’identità di genere .
  4. Davy Z, Toze M. Che cos’è la disforia di genere? una revisione narrativa sistematica critica . Salute transgender . 2018;3(1):159-169. doi:10.1089/trgh.2018.0014
  5. Associazione Psichiatrica Americana. Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali (DSM-5), quinta edizione . 2013.
  6. Garg G, Elshimy G, Marwaha R. Disforia di genere . StatPearls [Internet]. L’isola del tesoro (FL): StatPearls Publishing. Aggiornato il 20 luglio 2020.
  7. Associazione Psichiatrica Americana. Domande e risposte dell’esperto: disforia di genere .
  8. García-Vega E, Camero A, Fernández M, Villaverde A. Ideazione suicidaria e tentativi di suicidio in persone con disforia di genere . Psicotema . 2018;30(3):283-288. doi: 10.7334/psicothema2017.438