Facebook pixel

Dislipidemia

Dislipidemia

Cos’è la dislipidemia?

La dislipidemia si riferisce a livelli malsani di uno o più tipi di lipidi (grassi) nel sangue.

Il tuo sangue contiene tre tipi principali di lipidi:

  • lipoproteine ​​ad alta densità (HDL)
  • lipoproteine ​​a bassa densità (LDL)
  • trigliceridi

Solitamente, se hai la dislipidemia significa che i tuoi livelli di LDL o i tuoi trigliceridi sono troppo alti. Può anche significare che i livelli di HDL sono troppo bassi.

Il colesterolo LDL è considerato il tipo “cattivo” di colesterolo. Questo perché può accumularsi e formare grumi o placche nelle pareti delle arterie. Troppa placca nelle arterie del cuore può causare un attacco di cuore.

L’HDL è il colesterolo “buono” perché aiuta a rimuovere le LDL dal sangue.

I trigliceridi provengono dalle calorie che mangi ma non bruciano subito. I trigliceridi sono immagazzinati nelle cellule adipose. Vengono rilasciati come energia quando ne hai bisogno. Se mangi più calorie di quelle che bruci, però, puoi ottenere un accumulo di trigliceridi.

Livelli elevati di LDL e trigliceridi aumentano il rischio di infarto e ictus. Bassi livelli di colesterolo HDL sono collegati a maggiori rischi di malattie cardiache.

Informati sui livelli di colesterolo consigliati in base all’età.

Tipi di dislipidemie

La dislipidemia è suddivisa in un tipo primario e uno secondario.

La dislipidemia primaria è ereditaria.

La dislipidemia secondaria è una condizione acquisita. Ciò significa che si sviluppa da altre cause, come l’obesità o il diabete.

Iperlipidemia e dislipidemia

Potresti sentire il termine iperlipidemia usato in modo intercambiabile con dislipidemia. Ma non è del tutto esatto. L’iperlipidemia si riferisce a livelli elevati di LDL o trigliceridi.

La dislipidemia può riferirsi a livelli che sono superiori o inferiori all’intervallo normale per quei grassi nel sangue.

Tra i tipi specifici di dislipidemia primaria ci sono:

  • Iperlipidemia combinata familiare. Questa è la causa ereditaria più comune sia di colesterolo LDL alto che di trigliceridi alti. Se soffri di iperlipidemia familiare combinata, potresti sviluppare questi problemi nella tua adolescenza o nei 20 anni. Sei anche a maggior rischio di malattia coronarica precoce, che può portare a un attacco di cuore.
  • Ipercolesterolemia familiare e ipercolesterolemia poligenica. Entrambi sono caratterizzati da colesterolo totale alto. Puoi calcolare il tuo colesterolo totale aggiungendo i livelli di LDL e HDL, insieme alla metà del tuo livello di trigliceridi. Un livello di colesterolo totale inferiore a 200 milligrammi per decilitro (mg / dL) è il migliore.
  • Iper Apobetalipoproteinemia familiare. Questa condizione significa che hai alti livelli di apolipoproteina B, una proteina che fa parte del tuo colesterolo LDL.

L’iperlipoproteinemia è una condizione che può essere primaria o secondaria. Se hai questa condizione, il tuo corpo ha difficoltà ad abbattere il colesterolo LDL o i trigliceridi.

Quali sono i sintomi?

Potresti avere la dislipidemia e non saperlo mai. Come l’ipertensione, il colesterolo alto non ha sintomi evidenti . Viene spesso scoperto durante un esame del sangue di routine.

Tuttavia, la dislipidemia può portare a malattie cardiovascolari, che possono essere sintomatiche. Livelli elevati di colesterolo LDL sono associati alla malattia coronarica (CAD), che è il blocco delle arterie del cuore, e alla malattia delle arterie periferiche (PAD), che è il blocco delle arterie delle gambe.

La CAD può causare dolore al petto e alla fine un attacco di cuore.

Il sintomo principale della PAD è il dolore alle gambe quando si cammina.

Quali sono le cause e chi è a rischio?

Diversi comportamenti possono portare alla dislipidemia. Tra questi:

  • Fumare sigarette
  • Obesità e uno stile di vita sedentario
  • Consumo di cibi ricchi di grassi saturi e grassi trans

Un consumo eccessivo di alcol può anche contribuire a livelli più elevati di trigliceridi.

Sei a un rischio maggiore di dislipidemia primaria se uno o entrambi i tuoi genitori hanno avuto dislipidemia.

L’età avanzata è anche un fattore di rischio per il colesterolo alto.

Le donne tendono ad avere livelli di LDL inferiori rispetto agli uomini fino alla menopausa. È allora che i livelli di LDL delle donne iniziano a salire.

Altre condizioni mediche che possono aumentare il rischio di dislipidemia includono:

  • Diabete di tipo 2
  • Ipotiroidismo
  • Malattia renale cronica

Inoltre, un basso livello di colesterolo HDL è associato a un alto livello di LDL, sebbene i due numeri non si muovano sempre in tandem.

Come viene diagnosticata?

Un semplice esame del sangue che controlla LDL , HDL e trigliceridi rivelerà se i tuoi livelli sono alti, bassi o in un intervallo sano. Questi numeri possono cambiare di anno in anno, quindi eseguire un’analisi del sangue annuale è una buona idea. Se prendi farmaci per la dislipidemia, il medico potrebbe prescriverti esami del sangue più frequenti.

Opzioni di trattamento

Il farmaco più comunemente usato per trattare la dislipidemia è una statina. Le statine aiutano a ridurre i livelli di LDL interferendo con la produzione di colesterolo nel fegato.

Esistono diversi tipi di statine. Funzionano tutte in modo leggermente diverso, alcune sono più forti di altri.

Il medico potrebbe prescrivere anche altri farmaci per il colesterolo, diversi dalle statine. Ci sono molti pro e contro da considerare quando si sceglie tra i farmaci per il controllo del colesterolo.

Questi farmaci non statine includono:

  • ezetimibe (Zetia)
  • fibrati, come il fenofibrato (fenoglide)
  • Inibitori di PCSK9

Quali cambiamenti nello stile di vita possono aiutare?

I cambiamenti dello stile di vita possono aiutarti a tenere sotto controllo i livelli di colesterolo e trigliceridi.

Il primo passo è cambiare la tua dieta. Le modifiche dovrebbero includere il consumo di meno grassi saturi, zucchero raffinato e alcol.

Può essere utile aggiungere più frutta, verdura, proteine ​​magre e cereali integrali alla tua dieta.

Anche l’esercizio quotidiano e la perdita di peso possono aiutarti a migliorare il tuo profilo di colesterolo.

Suggerimenti per la prevenzione

Se sei preoccupato per la dislipidemia, discuti con il tuo medico come puoi proteggerti da essa.

Se hai una storia familiare di colesterolo alto, sii proattivo nel condurre una vita sana prima che i tuoi numeri di colesterolo inizino a muoversi verso livelli malsani.

Qual è la prognosi?

Con l’aiuto di statine o fibrati e uno stile di vita sano, di solito puoi gestire la dislipidemia. La chiave è continuare a prendere farmaci se sono efficaci nel gestire i tuoi livelli e non si verificano effetti collaterali.

A volte, infatti, le persone raggiungono i loro obiettivi di colesterolo e smettono di prendere le statine.

Se segui il consiglio del tuo medico, dovresti essere in grado di tenere sotto controllo la dislipidemia e ridurre il rischio di malattie cardiovascolari.

Ad ogni modo, se la dislipidemia è lieve, ad esempio fino a 220 -230 di COL TOT(mg/dl), e non ci sono altre patologie o altri casi in famiglia è probabile che con un cambiamento dello stile di vita e con l’aiuto di un bravo nutrizionista e di un personal trainer i valori possano rientrare.

Per le dislipidemie importanti, o lievi ma con altre patologie e/o altri casi in famiglia è necessario consultare il cardiologo o l’endocrinologo.

  • Consulta il cardiologo

  • Consulta l’endocrinologo

 

Fonte: Healthline

Vuoi collaborare all'articolo?

Vuoi apportare il tuo importante contributo all'articolo? Sentiti libero di scrivere il tuo pensiero e ne faremo tesoro.

Diventa uno 'Specialist
Articoli correlati