Facebook pixel

Disprassia

Disprassia

Cos’è la disprassia?

La disprassia è un disturbo motorio basato sul cervello. Colpisce le capacità motorie fini e grossolane, la pianificazione motoria e la coordinazione. Non è correlato all’intelligenza, ma a volte può influenzare le capacità cognitive.

La disprassia è talvolta usata in modo intercambiabile con il disturbo della coordinazione dello sviluppo . Mentre alcuni medici possono considerare queste condizioni separate, a causa della mancanza di una definizione formale, altri le considerano uguali.

I bambini nati con disprassia possono essere in ritardo per raggiungere le tappe dello sviluppo . Hanno anche problemi con l’equilibrio e la coordinazione.

Nell’adolescenza e nell’età adulta, i sintomi della disprassia possono portare a difficoltà di apprendimento e bassa autostima .

La disprassia è una condizione permanente. Al momento non esiste una cura, ma esistono terapie che possono aiutarti a gestire efficacemente il disturbo.

 

Sintomi di disprassia nei bambini

Se il tuo bambino ha la disprassia, potresti notare pietre miliari ritardate come sollevare la testa, rotolarsi e sedersi , anche se i bambini con questa condizione possono alla fine raggiungere le prime pietre miliari in tempo.

Altri segni e sintomi possono includere:

  • posizioni del corpo insolite
  • irritabilità generale
  • sensibilità ai rumori forti
  • problemi di alimentazione e sonno
  • un alto livello di movimento delle braccia e delle gambe

Man mano che tuo figlio cresce, potresti anche osservare ritardi in alcune abilità:

  • gattonare
  • camminare
  • usare il vasino
  • mangiare da solo
  • vestirsi da solo

La disprassia rende difficile organizzare i movimenti fisici. Ad esempio, un bambino potrebbe voler attraversare il soggiorno portando i libri di scuola, ma non può farlo senza inciampare, sbattere contro qualcosa o far cadere i libri.

Altri segni e sintomi possono includere:

  • postura insolita
  • difficoltà con abilità motorie fini che influenzano la scrittura, la grafica e il gioco con blocchi e puzzle
  • problemi di coordinazione che rendono difficile saltare, saltare, saltare o prendere una palla
  • mano che sbatte , si agita o è facilmente eccitabile
  • mangiare e bere disordinato
  • sfogo nervoso
  • diventando meno fisicamente in forma perché evitano le attività fisiche

Sebbene l’intelligenza non sia influenzata, la disprassia può rendere più difficile l’apprendimento e la socializzazione a causa di:

  • una breve durata dell’attenzione per compiti difficili
  • difficoltà a seguire o ricordare le istruzioni
  • una mancanza di capacità organizzative
  • difficoltà ad apprendere nuove abilità
  • bassa autostima
  • comportamento immaturo
  • problemi a fare amicizia

 

Sintomi di disprassia negli adulti

La disprassia è diversa per tutti. Ci sono una varietà di potenziali sintomi e possono cambiare nel tempo. Questi possono includere:

  • postura anormale
  • problemi di equilibrio e movimento o anomalie dell’andatura
  • scarsa coordinazione occhio-mano
  • fatica
  • difficoltà ad apprendere nuove abilità
  • problemi di organizzazione e pianificazione
  • difficoltà a scrivere o usare una tastiera
  • avere difficoltà con la toelettatura e le faccende domestiche
  • disagio sociale o mancanza di fiducia

La disprassia non ha nulla a che fare con l’intelligenza. Se soffri di disprassia, potresti essere più forte in aree come creatività, motivazione e determinazione. I sintomi di ogni persona sono diversi.

 

Cause di disprassia

La causa esatta della disprassia non è nota.

Potrebbe avere a che fare con le variazioni nel modo in cui si sviluppano i neuroni nel cervello. Ciò influisce sul modo in cui il cervello invia messaggi al resto del corpo. Questo potrebbe essere il motivo per cui è difficile pianificare una serie di movimenti e poi eseguirli con successo.

 

Fattori di rischio di disprassia

La disprassia è più comune nei maschi rispetto alle femmine. Inoltre tende a funzionare nelle famiglie.

I fattori di rischio per i disturbi della coordinazione dello sviluppo possono includere:

  • nascita prematura
  • basso peso alla nascita
  • uso di droghe materne o alcol durante la gravidanza
  • una storia familiare di disturbi della coordinazione dello sviluppo

Non è insolito per un bambino con disprassia avere altre condizioni con sintomi sovrapposti. Alcuni di questi sono:

  • disturbo da deficit di attenzione e iperattività (ADHD) , che causa comportamenti iperattivi, difficoltà di
  • focalizzazione e difficoltà a stare fermi per lunghi periodi
  • disturbo dello spettro autistico , un disturbo dello sviluppo neurologico che interferisce con l’interazione sociale e la comunicazione
  • aprassia della parola infantile , che rende difficile parlare chiaramente
  • discalculia, un disturbo che rende difficile la comprensione dei numeri e la comprensione dei concetti di valore e quantità
  • dislessia , che influisce sulla lettura e sulla comprensione della lettura

Sebbene alcuni sintomi siano gli stessi, queste altre condizioni non comportano gli stessi problemi di abilità motorie fini e grossolane della disprassia.

Altre condizioni come la paralisi cerebrale , la distrofia muscolare e l’ ictus possono causare sintomi fisici simili alla disprassia. Ecco perché è così importante consultare un medico per ottenere la diagnosi corretta.

 

Diagnosi di disprassia

La gravità dei sintomi può variare molto da bambino a bambino. Potrebbe non essere evidente che tuo figlio non sta sviluppando determinate abilità per diversi anni. Una diagnosi di disprassia può essere ritardata fino a quando un bambino ha 5 anni o più.

Se tuo figlio si imbatte spesso in cose, lascia cadere cose o ha difficoltà con la coordinazione fisica, non significa che abbia disprassia. Questi sintomi potrebbero essere un segno di una serie di altre condizioni o nulla.

È importante consultare il proprio pediatra per una valutazione approfondita. Un medico valuterà fattori come:

  • storia medica
  • abilità motorie eccellenti
  • abilità motorie
  • pietre miliari dello sviluppo
  • capacità mentali

Non esistono esami medici specifici per diagnosticare la disprassia. La diagnosi può essere fatta se:

  • le capacità motorie sono significativamente inferiori a quanto previsto per la loro età
  • la mancanza di capacità motorie ha un persistente effetto negativo sulle attività quotidiane
  • i sintomi sono iniziati all’inizio dello sviluppo
  • altre condizioni con sintomi simili sono state escluse o diagnosticate

La disprassia è più spesso diagnosticata come disturbo della coordinazione dello sviluppo (DCD) .

 

Trattamento della disprassia

Per un piccolo numero di bambini, i sintomi si risolvono da soli con l’avanzare dell’età. Tuttavia, non è così per la maggior parte dei bambini.

Non esiste una cura per la disprassia. Tuttavia, con le giuste terapie, le persone con disprassia possono imparare a gestire i sintomi e migliorare le proprie capacità.

Poiché è diverso per tutti, il trattamento deve essere adattato alle esigenze individuali. Il piano di trattamento dipenderà da una serie di fattori. La gravità dei sintomi di tuo figlio e altre condizioni coesistenti sono fondamentali per trovare i programmi e i servizi giusti.

Alcuni bambini se la cavano bene con piccoli interventi. Altri hanno bisogno di terapie più intense per mostrare miglioramenti. Qualunque sia la terapia scelta, è possibile modificarla lungo il percorso.

Con la pratica regolare, tuo figlio può imparare a gestire meglio attività come:

  • allacciare le scarpe o vestirsi da soli
  • usare correttamente gli utensili per mangiare
  • usando il bagno
  • camminare, correre e giocare
  • organizzare un approccio al lavoro scolastico
  • La terapia può aiutare tuo figlio ad acquisire sicurezza, il che può anche aiutarlo socialmente. La scuola di tuo figlio può fornire servizi e alloggi speciali per facilitare l’apprendimento.

Anche gli adulti possono beneficiare della terapia occupazionale. Questo può aiutare con questioni pratiche e quotidiane che coinvolgono piccole capacità motorie e capacità organizzative.

La terapia cognitivo comportamentale, o terapia della parola, può aiutare a modificare i modelli di pensiero e comportamento che scuotono la tua fiducia e autostima.

Anche se hai difficoltà fisiche, è comunque importante fare esercizio regolarmente. Se questo è un problema, chiedi a un medico un rinvio a un fisioterapista o cerca un personal trainer qualificato.

 

Gli Specialisti

Alcuni degli operatori sanitari con cui potresti lavorare sono:

  • analista del comportamento
  • terapista occupazionale
  • pediatra
  • fisioterapista
  • psicologo
  • logopedista

 

La storia di Lucy https://dyspraxiausa.org/stories/lucys-story/

Come sono diventata padrone della mia disprassia

La disprassia si è sempre presentata come un po ‘un enigma con molte aree grigie esistenti sul “chi”, “perché” e “come” della condizione. È stato segnalato che fino a 1 bambino su 10 negli Stati Uniti mostra sintomi di disprassia e, sebbene possa funzionare in famiglia, fino ad oggi non è stato identificato alcun “gene della disprassia”. Ho convissuto con la disprassia per tutta la vita, o almeno per tutto il tempo che posso ricordare. Sono venuto al mondo con più di un mese di anticipo, pesando poco più di 4 libbre e mezzo. Non ho iniziato a camminare fino a quando avevo 18 mesi ma, essendo la maggiore di 3 figli, mia madre non aveva nessuno con cui confrontarmi.

I bambini si sviluppano a ritmi diversi e si credeva che presto avrei raggiunto i miei amici. Quando avevo 5 anni e frequentavo l’asilo, la mia insegnante notò che avevo gravi difficoltà a colorare e che non ero agile come gli altri bambini della mia età. Ha suggerito ai miei genitori di portarmi da un pediatra per un controllo, dove mi è stata diagnosticata per la prima volta la disprassia .

Sono stata vittima di bullismo, ma lo erano anche tutti gli altri

Credo che l’adolescenza sia un momento difficile per tutti, anche in circostanze normali. La mia adolescenza è stata probabilmente la più dura che ho dovuto sopportare. Mi sono sempre sentito inadeguato tra i miei coetanei e sono stato spesso vittima di bullismo perché ero più lento e instabile di tutti gli altri. Tutti sembravano essere stati vittime di bullismo prima o poi, quindi non ci ho prestato troppa attenzione. Non ero loquace come le altre ragazze della mia classe e riuscivo a malapena a superare una lezione di educazione fisica di base. Di conseguenza, mi ritrovai presto seduto da solo a pranzo. Ho scelto di frequentare bambini molto più piccoli di me, bambini che erano più “al mio livello” e sono riuscito a mantenere alcune amicizie casuali.

Poco prima del mio 17 ° compleanno, ho ricevuto il mio primo lotto di antidepressivi poiché ero diventato sempre più ansioso e introverso e avevo anche sviluppato sintomi di schizofrenia lieve . È noto che la disprassia influisce negativamente sulla salute mentale e sono grato di aver implementato un sistema di supporto che mi ha assicurato di ricevere le cure mediche pertinenti il ​​prima possibile.

Il self-empowerment ha cambiato la mia vita

Dopo la scuola, non avevo molte opzioni in termini di studio o impiego. Ho ottenuto un lavoro d’ufficio part-time in un negozio di materiale scolastico locale, ma non ho mai sentito alcun senso di realizzazione. Sapevo che non esisteva una cura per la mia disprassia, ma per questo mi rifiutavo di vivere la mia vita da vittima. Ho passato innumerevoli ore nella biblioteca locale e su Internet a fare ricerche sulla mia condizione, imparando quello che potevo per capirla, e me stesso, meglio. Ho imparato che utilizzando calendari, diari e foglietti adesivi per pianificare la mia vita quotidiana rimango più concentrato. Ho imparato che devo completare un’attività prima di intraprenderne un’altra. Ho imparato che la mia condizione non definisce chi sono o chi sono destinato a diventare.

Aiutare gli altri

Più cominciavo a capire le molte sfaccettature della disprassia, più mi diventava ovvio che il mio scopo più grande nella vita era aiutare gli altri come me. Una settimana dopo il mio 33 ° compleanno mi sono iscritto a un corso di consulenza incentrato sull’assistenza alle persone che convivono con la disprassia. Mi ci voleva ogni ultimo grammo di forza interiore che avevo per perseverare nei miei studi e spesso mi ritrovavo a piangere per pura frustrazione. Il giorno in cui ho ricevuto il mio certificato è stato uno dei momenti più orgogliosi della mia vita. Finalmente ho ottenuto qualcosa che mi ero prefissato di fare e l’ho fatto da solo. Lavoro da quasi 4 anni da un ufficio nella mia città natale di Pittsburgh, conducendo sessioni di consulenza su base giornaliera. Il mio paziente più giovane ha 6 anni, il più grande quasi 70 e io ho intrapreso un viaggio meraviglioso e di guarigione con ognuno di loro.

La mia disprassia non è scomparsa, mi sono semplicemente adattato. Ho trovato dei modi per semplificarmi la vita e mi sforzo di aiutare gli altri a fare lo stesso. Non ci sono scorciatoie nella vita quando si tratta di affrontare disturbi come il mio, e tutto ciò che possiamo fare è prendere ciò che abbiamo e trarne il meglio. Ci viene data una vita e, alla fine, dovremmo essere in grado di guardarci indietro e dire “ho fatto bene”, indipendentemente dagli ostacoli che l’universo ha scelto di mettere sulla nostra strada.

 

Il Verdetto Finale

La disprassia è un disturbo della coordinazione dello sviluppo. Questa condizione permanente influisce sulle capacità motorie grossolane e fini e talvolta sulla funzione cognitiva.

Non dovrebbe essere confuso con un disturbo intellettuale. In effetti, le persone con disprassia possono avere un’intelligenza media o superiore alla media.

Non esiste una cura per la disprassia, ma può essere gestita con successo. Con le giuste terapie, puoi migliorare le capacità organizzative e motorie in modo da poter vivere la vita al massimo.

 

Fonte: Healthline

 

Bibliografia:

Aprassia. (2003).
rarediseases.org/rare-diseases/apraxia/
Disturbo della coordinazione dello sviluppo (disprassia) nei bambini. (2019).
nhs.uk/conditions/developmental-coordination-disorder-dyspraxia/
Gibbs J, et al. (2007). Disprassia o disturbo della coordinazione dello sviluppo? Svelare l’enigma.
ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC2066137/
Harris SR, et al. (2015). Diagnosi e gestione del disturbo della coordinazione dello sviluppo.
ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4467929/
Lingam R, et al. (2010). L’associazione tra disturbo della coordinazione dello sviluppo e altri tratti dello sviluppo. DOI:
10.1542 / ped.2009-2789
Rossiaky E. (2019). Colloquio.

Cos’è la disprassia? (nd).
dds.qmul.ac.uk/dyslexia/whatisdyspraxia/index.html

 

Vuoi collaborare all'articolo?

Vuoi apportare il tuo importante contributo all'articolo? Sentiti libero di scrivere il tuo pensiero e ne faremo tesoro.

Diventa uno 'Specialist
Articoli correlati