Facebook pixel

Disturbi Alimentari

Disturbi Alimentari

Cosa sono i disturbi alimentari

I disturbi alimentari sono condizioni gravi legate a comportamenti alimentari persistenti che hanno un impatto negativo sulla salute, sulle emozioni e sulla  capacità di funzionare in aree importanti della vita. I disturbi alimentari più comuni sono l’anoressia nervosa, la bulimia nervosa e il disturbo da alimentazione incontrollata.

La maggior parte dei disturbi alimentari comporta una concentrazione eccessiva sul peso, sulla forma del corpo e sul cibo, portando a comportamenti alimentari pericolosi.

I disturbi alimentari si sviluppano spesso negli anni dell’adolescenza e della prima età adulta, sebbene possano svilupparsi  anche ad altre età.

Con il trattamento, è possibile tornare ad abitudini alimentari più sane e talvolta invertire gravi complicazioni causate dal disturbo alimentare.

 

Sintomi

I sintomi variano a seconda del tipo di disturbo alimentare. L’anoressia nervosa, la bulimia nervosa e il disturbo da alimentazione incontrollata sono i disturbi alimentari più comuni. Altri disturbi alimentari includono disturbo della ruminazione e disturbo evitante / restrittivo dell’assunzione di cibo.

Vediamoli nello specifico.

 

Anoressia nervosa

L’anoressia nervosa – spesso chiamata semplicemente anoressia – è un disturbo alimentare potenzialmente pericoloso per la vita caratterizzato da un peso corporeo anormalmente basso, un’intensa paura di ingrassare e una percezione distorta del peso o della forma del corpo. Le persone con anoressia fanno sforzi estremi per controllare il loro peso e la loro forma, il che spesso interferisce in modo significativo con la loro salute e le attività della vita.

Quando hai l’anoressia, limiti eccessivamente le calorie o usi altri metodi per perdere peso, come l’esercizio fisico eccessivo, l’uso di lassativi o aiuti dietetici o il vomito dopo aver mangiato. Gli sforzi per ridurre il proprio peso, anche se sottopeso, possono causare gravi problemi di salute, a volte fino al punto di morire di fame.

 

Bulimia nervosa

La bulimia nervosa – comunemente chiamata bulimia – è un disturbo alimentare grave e potenzialmente letale. Quando si soffre di bulimia, si verificano episodi di abbuffate e purghe che comportano una mancanza di controllo sulla propria alimentazione. Molte persone con bulimia limitanol’assunzione di cibo durante il giorno, il che spesso porta a più abbuffate e purghe.

Durante questi episodi, di solito mangi una grande quantità di cibo in breve tempo e poi cerchi di liberarti delle calorie in eccesso in modo malsano. A causa del senso di colpa, della vergogna e di un’intensa paura di aumentare di peso a causa dell’eccesso di cibo, potresti forzare il vomito o esercitarti troppo o usare altri metodi, come i lassativi, per eliminare le calorie.

Se hai la bulimia, probabilmente sei preoccupato per il tuo peso e la forma del tuo corpo e potresti giudicarti severamente e duramente per i tuoi difetti auto-percepiti. Potresti avere un peso normale o anche un po ‘sovrappeso.

 

Disturbo da alimentazione incontrollata

Quando si soffre di disturbo da alimentazione incontrollata, si mangia regolarmente troppo cibo (abbuffata) e si avverte una mancanza di controllo sul proprio mangiare. Puoi mangiare velocemente o mangiare più cibo del previsto, anche quando non hai fame, e puoi continuare a mangiare anche molto tempo dopo che sei sazio a disagio.

Dopo un’abbuffata, potresti sentirti in colpa, disgustato o vergognarti del tuo comportamento e della quantità di cibo ingerito. Ma non cerchi di compensare questo comportamento con un esercizio fisico eccessivo o l’eliminazione, come potrebbe fare qualcuno con bulimia o anoressia. L’imbarazzo può portare a mangiare da soli per nascondere le abbuffate.

Un nuovo ciclo di abbuffate di solito si verifica almeno una volta alla settimana. Potresti essere di peso normale, sovrappeso o obeso.

 

Disturbo della ruminazione

Chi soffre di disturbo della ruminazione rigurgita ripetutamente e persistentemente il cibo dopo aver mangiato, ma non è dovuto a una condizione medica o ad un altro disturbo alimentare come l’anoressia, la bulimia o il disturbo da alimentazione incontrollata. Il cibo viene riportato in bocca senza nausea o vomito e il rigurgito potrebbe non essere intenzionale. A volte il cibo rigurgitato viene masticato e ingoiato di nuovo o sputato.

Il disturbo può provocare malnutrizione se il cibo viene sputato o se la persona mangia molto meno per prevenire il comportamento. Il verificarsi di disturbi della ruminazione può essere più comune nell’infanzia o nelle persone con disabilità intellettiva.

 

Disturbo evitante / restrittivo dell’assunzione di cibo

Questo disturbo è caratterizzato dal mancato soddisfacimento del fabbisogno nutrizionale giornaliero minimo perché non si ha interesse a mangiare; eviti cibi con determinate caratteristiche sensoriali, come colore, consistenza, odore o sapore; o sei preoccupato per le conseguenze del mangiare, come la paura di soffocare. Il cibo non è evitato per paura di ingrassare.

Il disturbo può provocare una significativa perdita di peso o il mancato aumento di peso durante l’infanzia, nonché carenze nutrizionali che possono causare problemi di salute.

 

Quando vedere un dottore

Un disturbo alimentare può essere difficile da gestire o superare da soli. I disturbi alimentari possono virtualmente prendere il sopravvento sulla tua vita. Se stai riscontrando uno di questi problemi o se pensi di avere un disturbo alimentare, consulta un medico.

 

Disturbi del comportamento alimentare | Gli Specialisti

  • psichiatra
  • psicologo

 

Cause

La causa esatta dei disturbi alimentari è sconosciuta. Come con altre malattie mentali, possono esserci molte cause, come ad esempio:

  • Genetica e biologia. Alcune persone possono avere geni che aumentano il rischio di sviluppare disturbi alimentari. Fattori biologici, come i cambiamenti nelle sostanze chimiche del cervello, possono svolgere un ruolo nei disturbi alimentari.
  • Salute psicologica. Le persone con disturbi alimentari possono avere problemi psicologici ed emotivi che contribuiscono al disturbo. Possono avere bassa autostima, perfezionismo, comportamento impulsivo e relazioni problematiche.

 

Fattori di rischio

Le ragazze adolescenti e le giovani donne hanno maggiori probabilità rispetto ai ragazzi e ai giovani uomini di soffrire di anoressia o bulimia, ma anche i maschi possono avere disturbi alimentari. Sebbene i disturbi alimentari possano verificarsi in un’ampia fascia di età, spesso si sviluppano negli adolescenti e nei primi anni ’20.

Alcuni fattori possono aumentare il rischio di sviluppare un disturbo alimentare, tra cui:

  • Storia famigliare. È molto più probabile che i disturbi alimentari si manifestino nelle persone che hanno genitori o fratelli che hanno avuto un disturbo alimentare.
  • Altri disturbi di salute mentale. Le persone con un disturbo alimentare hanno spesso una storia di disturbo d’ansia, depressione o disturbo ossessivo-compulsivo.
  • Dieta e fame. La dieta è un fattore di rischio per lo sviluppo di un disturbo alimentare. La fame colpisce il cervello e influenza i cambiamenti dell’umore, la rigidità del pensiero, l’ansia e la riduzione dell’appetito. Ci sono prove evidenti che molti dei sintomi di un disturbo alimentare sono in realtà sintomi di fame. La fame e la perdita di peso possono cambiare il modo in cui il cervello funziona negli individui vulnerabili, il che può perpetuare comportamenti alimentari restrittivi e rendere difficile il ritorno alle normali abitudini alimentari.
  • Stress. Che si tratti di andare al college, trasferirsi, trovare un nuovo lavoro o un problema familiare o di relazione, il cambiamento può portare stress, il che può aumentare il rischio di un disturbo alimentare.

 

Complicazioni

I disturbi alimentari causano un’ampia varietà di complicazioni, alcune delle quali pericolose per la vita. Più il disturbo alimentare è grave o di lunga durata, più è probabile che tu abbia gravi complicazioni, come:

  • Gravi problemi di salute
  • Depressione e ansia
  • Pensieri o comportamenti suicidari
  • Problemi con la crescita e lo sviluppo
  • Problemi sociali e di relazione
  • Disturbi da uso di sostanze
  • Problemi di lavoro e scuola
  • Morte

 

Prevenzione

Sebbene non esista un modo sicuro per prevenire i disturbi alimentari, ecco alcune strategie per aiutare il tuo bambino a sviluppare comportamenti alimentari sani:

  • Parla con tuo figlio. Ad esempio, ci sono numerosi siti web che promuovono idee pericolose, come vedere l’anoressia come una scelta di stile di vita piuttosto che come un disturbo alimentare. È fondamentale correggere eventuali percezioni errate come questa e parlare con tuo figlio dei rischi di scelte alimentari malsane.
  • Coltiva e rafforza un’immagine del corpo sana nel tuo bambino, qualunque sia la sua forma o dimensione. Parla a tuo figlio dell’immagine di sé e offri la rassicurazione che le forme del corpo possono variare. Evita di criticare il tuo corpo di fronte a tuo figlio. I messaggi di accettazione e rispetto possono aiutare a costruire una sana autostima e resilienza che accompagneranno i bambini attraverso i periodi difficili dell’adolescenza.
  • Chiedi l’aiuto del medico di tuo figlio. Durante le visite di bambini sani, i medici possono essere in grado di identificare i primi indicatori di un disturbo alimentare. Ad esempio, possono porre ai bambini domande sulle loro abitudini alimentari e sulla soddisfazione per il loro aspetto durante gli appuntamenti medici di routine. Queste visite dovrebbero includere controlli dei percentili di altezza e peso e dell’indice di massa corporea, che possono avvisare te e il medico di tuo figlio di eventuali cambiamenti significativi.

 

Diagnosi

I disturbi alimentari vengono diagnosticati in base a segni, sintomi e abitudini alimentari. Se il tuo medico sospetta che tu abbia un disturbo alimentare, probabilmente eseguirà un esame e richiederà test per individuare una diagnosi. Potresti consultare sia il tuo medico di base che un professionista della salute mentale per una diagnosi.

Le valutazioni e i test generalmente includono:

  • Esame fisico. Il tuo medico probabilmente ti esaminerà per escludere altre cause mediche per i tuoi problemi alimentari. Può anche ordinare test di laboratorio.
  • Valutazione psicologica. Un medico o un professionista della salute mentale probabilmente chiederà informazioni sui tuoi pensieri, sentimenti e abitudini alimentari. Potrebbe anche esserti chiesto di completare questionari di autovalutazione psicologica.
  • Altri studi. È possibile eseguire ulteriori test per verificare eventuali complicazioni legate al disturbo alimentare.

Il tuo professionista della salute mentale può anche utilizzare i criteri diagnostici nel Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali (DSM-5), pubblicato dall’American Psychiatric Association.

 

Trattamento

Il trattamento di un disturbo alimentare generalmente include un approccio di squadra. Il team include tipicamente fornitori di cure primarie, professionisti della salute mentale e dietisti, tutti con esperienza nei disturbi alimentari.

Il trattamento dipende dal tipo specifico di disturbo alimentare. Ma in generale, include tipicamente educazione alimentare, psicoterapia e farmaci. Se la tua vita è a rischio, potresti aver bisogno di un ricovero immediato.

Mangiare sano

Indipendentemente dal tuo peso, i membri del tuo team possono lavorare con te per progettare un piano che ti aiuti a raggiungere abitudini alimentari sane.

Psicoterapia

La psicoterapia, chiamata anche terapia della parola, può aiutarti a imparare a sostituire le abitudini malsane con altre sane. Ciò può includere:

  • Terapia basata sulla famiglia. Trattamento basato sull’evidenza per bambini e adolescenti con disturbi alimentari. La famiglia è coinvolta nell’assicurarsi che il bambino o un altro membro della famiglia segua schemi alimentari sani e mantenga un peso sano.
  • Terapia cognitivo comportamentale (CBT). La CBT è comunemente usata nel trattamento dei disturbi alimentari, in particolare per la bulimia e il disturbo da alimentazione incontrollata. Impari a monitorare e migliorare le tue abitudini alimentari e il tuo umore, a sviluppare capacità di risoluzione dei problemi ed esplorare modi sani per far fronte a situazioni stressanti.

Farmaci

I farmaci non possono curare un disturbo alimentare. Tuttavia, alcuni farmaci possono aiutarti a controllare gli impulsi di abbuffarsi o di purgarsi o per gestire le preoccupazioni eccessive con il cibo e la dieta. Farmaci come antidepressivi e farmaci anti-ansia possono aiutare con i sintomi di depressione o ansia, che sono spesso associati a disturbi alimentari.

Ricovero in ospedale

In caso di gravi problemi di salute, come l’anoressia che ha provocato una grave malnutrizione, il medico può raccomandare il ricovero in ospedale. Alcune cliniche sono specializzate nel trattamento di persone con disturbi alimentari. Alcuni possono offrire programmi giornalieri, piuttosto che il ricovero completo. Programmi specializzati in disturbi alimentari possono offrire un trattamento più intensivo per periodi di tempo più lunghi.

 

La riflessione dello psicologo | Dott. Marco D’Alisa

La suddivisione dei disturbi del comportamento alimentare in categorie è necessaria, per rendere la comunicazione della diagnosi il più chiara possibile. Tuttavia, nella mia esperienza, l’Anoressia Nervosa e la Bulimia Nervosa non sono altro che due facce della stessa medaglia, dove l’anoressia indica la realizzazione dell’Ideale del soggetto, mentre la bulimia indica il suo naufragio legato all’irruzione di qualcosa che sfugge al controllo del soggetto e che non permette di sovrapporre l’immagine del corpo reale a quello ideale.

Per questo motivo, si può parlare di posizione anoressico-bulimica, poiché vi è un’origine psicodinamica comune. Questo traspare dal fatto che molte persone presentano contemporaneamente sia anoressia che bulimia, oppure alternano le due forme, hanno inoltre in comune l’idea fissa per il peso corporeo e l’importanza attribuita all’immagine estetica.

All’origine del discorso anoressico-bulimico c’è un’incomunicabilità di fondo tra un’idea di corpo ideale (anoressia) e una forza non dominata dal soggetto che spinge a comportamenti disturbanti nella sfera alimentare (bulimia). M. D’Alisa

Per un approfondimento sul significato nascosto dietro ai segni e ai sintomi dei disturbi del comportamento alimentare, leggi anche Disturbi del Comportamento Alimentare e Società, un interessante articolo a cura del dottor D’Alisa, che ci offre numerosi spunti di riflessione anche sul ruolo che la nostra società occidentale ricopre nella genesi e nel significato più profondo di questi disturbi.

Dott. Marco D’Alisa – Psicologo – Coautore e Medical Review

bulimia e terapia psicologica d'alise
Dottor Marco D’Alisa – esperto in disturbi alimentari

 

Durante la mia carriera mi sono confrontato con realtà molto diverse tra loro, dalle prime esperienze in ospedale all’ambiente scolastico. Mi sono occupato di orientamento, prevenzione di disturbi e disagi a sostegno del benessere individuale e sociale. Ho utilizzato test e colloqui per comprendere meglio le caratteristiche di ogni individuo e individuare l’approccio più adeguato. Ho sempre pensato che l’incontro con uno Psicologo per molti può essere una possibilità per ripartire

 

 

Contatta il Dott. D’Alisa Marco, Psicologo ed esperto in bulimia e di terapia psicologiche per i disturbi alimentari.

  • Prenota una consulenza di psicoterapia on line, telefonica o via chat, con il dott.Marco D’Alisa ;
  • Prenota una prima seduta di psicoterapia con il dott. D’Alisa.
Vuoi collaborare all'articolo?

Vuoi apportare il tuo importante contributo all'articolo? Sentiti libero di scrivere il tuo pensiero e ne faremo tesoro.

Diventa uno 'Specialist
Articoli correlati