Un malinteso comune è che le condizioni psicosomatiche siano immaginarie o “tutte nella testa”. In realtà, i sintomi fisici delle condizioni psicosomatiche sono reali e richiedono un trattamento proprio come farebbe qualsiasi altra malattia.

Una malattia psicosomatica ha origine o è aggravata dallo stress emotivo e si manifesta nel corpo come dolore fisico e altri sintomi.

Cosa Sono i Disturbi Psicosomatici?

Il termine psicosomatico si riferisce a sintomi fisici reali che derivano o sono influenzati dalla mente e dalle emozioni piuttosto che da una causa organica specifica nel corpo (come una ferita o un’infezione).  La depressione può anche contribuire alla malattia psicosomatica, soprattutto quando il sistema immunitario  è stato indebolito da uno stress grave e / o cronico.

È necessario, quindi, chiarire almeno alcuni dei significati che il termine “psicosomatico” assume quando viene utilizzato in contesti precisi di carattere clinico o di ricerca.

a) Può riferirsi alla convinzione o al sospetto che un disturbo corporeo abbia un’origine psicologica. Con l’appellativo di malattia psicosomatica si è indicato per lungo tempo una categoria di patologie mediche che si riteneva avessero una causa psicologica per distinguerle dalle altre in cui l’origine era considerata completamente organica. In questo modo psicosomatico diventa sinonimo di «psicogeno». Un conflitto emotivo, ad esempio, può essere considerato la causa di una malattia allo stesso modo in cui un batterio può provocare un’infezione.

b) In senso più ampio, il termine può indicare l’influenza delle emozioni e dello stress sui processi corporei. In questo caso si parla anche di sintomi psicofisiologici. Gli aspetti psicologici vengono studiati in relazione a quelli corporei e valutati, assieme ad altri di natura sociale o ambientale, all’interno di una prospettiva multifattoriale.

 

Sintomi psicosomatici

Nelle situazioni impegnative ognuno di noi utilizza comportamenti e difese psicologiche più o meno validi per affrontare il problema (eventualmente trasformandolo in una condizione favorevole) e diminuire il disagio da esso sollecitato.

Quando invece lo stress non può essere affrontato adeguatamente a livello psicologico si attivano reazioni difensive più antiche che si basano su sistemi biologici di emergenza sviluppati dalla nostra specie per la protezione dell’organismo nelle situazioni di pericolo. Anche all’essere umano più sano ed equilibrato, quindi, può capitare di accusare disturbi di natura psicologica (come ansia, insonnia, irritabilità, umore depresso) accompagnati da fenomeni di somatizzazione (alterazioni del ritmo cardiaco o respiratorio, cefalea, difficoltà digestive), come risposta ad un evento, anche banale, che viene vissuto intimamente come un pericolo.

I segni fisici comuni di stress includono:
  • Disturbi gastrointestinali
  • Battito Cardiaco Accelerato
  • Mani sudate
  • Muscoli tesi

I segni fisici di stress possono essere diversi a seconda che tu sia maschio o femmina. Ad esempio, le donne spesso riferiscono sintomi come affaticamento nonostante dormano a sufficienza, irritabilità, gonfiore addominale e cambiamenti nei loro cicli mestruali. Segni e sintomi di stress negli uomini , d’altra parte, comprendono dolore al petto, aumento della pressione sanguigna e cambiamenti nel desiderio sessuale.

I sintomi dello stress variano anche in base all’età. I bambini spesso mostrano stress attraverso i loro corpi perché non hanno ancora sviluppato il linguaggio di cui hanno bisogno per comunicare come si sentono. Ad esempio, un bambino che sta attraversando un periodo difficile a scuola può avere frequenti mal di stomaco e può essere rimandato a casa o chiedere di restare a casa.

Lo stress nell’adolescenza può essere particolarmente intenso, in particolare durante i periodi di maggiore adattamento sociale e cambiamenti ormonali. A volte, i segni di stress nelle persone in questa fascia di età possono essere ignorati o attribuiti a “angoscia adolescenziale” quando è davvero un segno di depressione adolescenziale .

Gli anziani sono anche inclini alla depressione, poiché spesso sono alle prese con diversi fattori di aggravamento, come isolamento, perdita e dolore e problemi di salute cronici o gravi. Se ti prendi cura di una persona cara che invecchia, assicurati di conoscere i segni della depressione negli anziani .

Lo scompenso psicosomatico

Le modificazioni corporee associate alle emozioni e allo stress non implicano solitamente condizioni di malattia. Quando però una persona si trova impegnata in situazioni troppo intense o che si protraggono troppo a lungo superando la sua capacità di equilibrio omeostatico, oppure quando il suo organismo è già indebolito da malattie precedenti, le stesse risposte possono comportare danni organici e scompensi di natura patologica.

Ad esempio un’intensa reazione di attacco o fuga in un paziente cardiopatico può favorire l’insorgenza di una crisi ipertensiva, di un infarto cardiaco o di un ictus.

Oppure l’eccessivo protrarsi di una reazione di ritiro-conservazione può pregiudicare le difese corporee favorendo lo sviluppo di un’infezione, di una malattia immunitaria o di una neoplasia.

Cause di malattia psicosomatica

In realtà esistono diversi tipi di stress, alcuni dei quali possono essere positivi. L’eustress è o stress positivio,  che rende la vita rinvigorente e interessante. È una sensazione che ti fa venir voglia di alzarti la mattina e ti mantiene motivato.

Se hai mai provato il brivido di una corsa sulle montagne russe o hai provato un senso di eccitazione e appagamento durante il completamento di un progetto, hai sperimentato uno stress benefico. D’altra parte, se hai mai subito una grave perdita, un grande cambiamento di vita o hai sopportato altri fattori di stress, sai anche come ci si sente con lo stress nocivo.

Gli effetti negativi dello stress nocivo possono essere avvertiti nella mente e nel corpo. Sebbene i meccanismi esatti non siano completamente compresi, i ricercatori sanno che lo stress e la depressione possono essere espressi come dolore fisico e malattia. È un processo complesso, ma ecco un’analogia che potrebbe aiutare.

Possiamo paragonare il corpo ad una pentola a pressione. Se gli viene permesso di sfogare il vapore, funziona in modo efficiente. Se non riesce a scaricare il vapore, la pressione continua ad aumentare fino a quando il coperchio non si solleva. Ora, immagina che la pentola sia già sotto pressione e applichi più pressione per mantenere il coperchio. Quando il contenitore non riesce più a trattenere tutta la pressione, si romperà nel punto più debole.

Qualcuno che è sotto stress e non è in grado di “sfogare” le proprie emozioni o che cerca di “tenere tutto dentro” alla fine raggiungerà un punto di rottura emotiva. Può manifestarsi come sintomi fisici o innescare un episodio di depressione maggiore .

In retrospettiva, potresti renderti conto che c’erano alcuni segnali di avvertimento o “indizi” che una tale interruzione stava arrivando, specialmente in termini di sintomi fisici che provi. Ad esempio, se il tuo collo è sempre stato la tua debolezza fisica, potresti scoprire che il tuo dolore aumenta quando sei stressato. Mal di schiena, disturbi di stomaco e mal di testa sono altri modi comuni in cui lo stress può farsi sentire nel corpo.

o stress può anche compromettere la tua immunità. Alcune persone scoprono che quando sono stressate hanno maggiori probabilità di contrarre il raffreddore o l’influenza. Possono anche contrarre più infezioni o impiegare più tempo per migliorare.

Queste sostanze chimiche sono una parte importante della risposta “combatti o fuggi” del corpo allo stress e possono essere molto utili. Tuttavia, se il corpo ne ha quantità elevate o vengono rilasciate continuamente per un periodo di tempo prolungato , queste sostanze chimiche possono fare più male che bene.

 

Diagnosi di malattia psicosomatica

Quando vai dal tuo medico con sintomi fisici, generalmente cercano prima una spiegazione fisica per il tuo dolore. Se non esiste una causa fisica evidente che possa facilmente verificare, elaborare una diagnosi e un piano di trattamento può essere complicato.

Quando ciò accade, le persone potrebbero pensare che il loro medico non stia prendendo sul serio i loro sintomi, pensi che la persona lo stia inventando o che sia “tutto nella loro testa”. Quando il tuo medico non riesce a trovare una chiara causa fisica del tuo dolore (come un infortunio o un’infezione), potrebbe chiederti come ti senti emotivamente.

La speranza è che se una fonte di stress può essere identificata, può essere trattata (proprio come verresti curato per un infortunio o una malattia). Quando ti chiedono informazioni sullo stress nella tua vita, un medico non intende implicare che il tuo dolore non sia reale. I sintomi causati dallo stress che senti nel tuo corpo sono molto reali, sono solo causati da un meccanismo diverso che, diciamo, se ti rompi un osso.

Trattamento per la malattia psicosomatica

Il medico potrebbe chiederti di parlare con un professionista della salute mentale, ma questo non vuol dire che i tuoi sintomi fisici necessitino solo di un trattamento psicologico.  È importante imparare a gestire efficacemente lo stress , ma spesso è un processo e può richiedere tempo. Nel frattempo, devi trattare il tuo dolore fisico e altri sintomi. Ad esempio, se hai dolore al collo, imparare a far fronte a fattori scatenanti stressanti può certamente aiutare a prevenire il verificarsi, ma il dolore non è solo nella tua mente.

Anche se potrebbe iniziare nel tuo cervello, lo stress può causare una cascata di sostanze chimiche nel corpo che produce infiammazione nei muscoli del collo, che a sua volta ti provoca dolore.  Potresti aver bisogno di farmaci antinfiammatori o di un altro tipo di trattamento, come il massaggio e la terapia fisica per gestire il dolore.

Un’altra utile analogia è pensare alla malattia psicosomatica come a un fiume allagato che si verifica dopo la rottura di una diga. Il passo più importante per prevenire ulteriori inondazioni è riparare la diga. Tuttavia, è anche necessario gestire l’allagamento che è già avvenuto durante la riparazione.

 

Gli Specialisti da Consultare

Il trattamento dei disturbi psicosomatici può richiedere il consulto di diversi specialisti. Se ti è già stato accertato un disturbo psicosomatico, allora è necessario iniziare un percorso di psicoterapia per trattare le cause psicologiche sottostanti.

  • Richiedi la consulenza di uno psicoterapeuta

Come Gestire lo Stress

Esistono innumerevoli metodi per affrontare in modo sano, è solo questione di trovare ciò che funziona meglio per te. Ecco alcune idee per iniziare.

  • Sii onesto con gli altri (e con te stesso).
  • Confidati con un amico.
  • Fai qualcosa di carino per qualcun altro (e assicurati di fare cose carine anche per te stesso).
  • Segui una dieta equilibrata , fai esercizio fisico regolare e crea uno spazio rilassante per dormire.
  • Esplora nuovi modi divertenti per affrontare lo stress .
  • Unisciti a un gruppo di supporto .
  • Impara le tecniche di rilassamento.
  • Lascia andare rancori, schemi di pensiero o relazioni che non sono salutari o utili per te.
  • Trova il tempo per le attività ricreative che ti piacciono.
  • Fai una pausa se ti trovi in ​​una situazione stressante.

Ricorda che tutti gestiscono lo stress a modo loro . Due persone nella stessa situazione stressante reagiranno in modo molto diverso. Una volta compreso il modo unico in cui lo stress ti colpisce sia emotivamente che fisicamente, puoi lavorare allo sviluppo di modi sani ed efficaci per gestirlo.

 

Il Verdetto Finale

Il corpo e la mente sono inestricabilmente legati. Uno stress eccessivo può influenzare anche la tua salute fisica e per questo è importante prendersi cura di sè a 360°. Se ti è già stato diagnosticato un disturbo psicosomatico, un percorso di psicoterapia ti può aiutare a liberarti dalle cause psicologiche dietro al disturbo fisico. Non esitare ad iniziare una psicoterapia.

 

 

 

 

Fonti:

 

  1. von dem Knesebeck O, Lehmann M, Löwe B, Makowski AC. Stigma pubblico nei confronti di individui con disturbi da sintomi somatici – Risultati del sondaggio dalla Germania . J Psychosom Res . 2018; 115: 71-75. doi: 10.1016 / j.jpsychores.2018.10.014
  2. Hahn SR, Thompson KS, Wills TA, Stern V, Budner NS. Il difficile rapporto medico-paziente: somatizzazione, personalità e psicopatologia . Giornale di epidemiologia clinica . 1994; 47 (6): 647-657. doi: 10.1016 / 0895-4356 (94) 90212-7
  3. Fava GA, Sonino N. Medicina psicosomatica: tendenze e prospettive emergenti . Psychother Psychosom . 2000; 69 (4): 184-97. doi: 10.1159 / 000012393
  4. Golbidi S, Frisbee J, Laher I. Lo stress cronico influisce sul sistema cardiovascolare: modelli animali e risultati clinici . American Journal of Physiology-Heart and Circulatory Physiology . 2015; 308 (12): H1476-H1498. doi: 10.1152 / ajpheart.00859.2014
  5. Anziani e depressione . Istituto Nazionale di Salute Mentale.
  6. Bieliauskas L.  Stress e il suo rapporto con la salute e la malattia . New York: Routledge; 2019.
  7. Vachon-Presseau E, Roy M, Martel MO, et al. Il modello di stress del dolore cronico: prove dal cortisolo basale e dalla struttura e funzione dell’ippocampo negli esseri umani . Cervello . 2013; 136 (Pt 3): 815-27. doi: 10.1093 / brain / aws371
  8. Fava GA, Cosci F, Sonino N. Attuale pratica psicosomatica . Psychother Psychosom . 2017; 86 (1): 13-30. doi: 10.1159 / 000448856
  9. Kendall-Tackett K. La psiconeuroimmunologia delle malattie croniche: esplorare i legami tra infiammazione, stress e malattia . American Psychological Association: 2010. doi: 10.1037 / 12065-000
  10. Affrontare lo stress . Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie. Recensito il 3 settembre 2019.
  11. Stress . Biblioteca nazionale di medicina degli Stati Uniti. Aggiornato il 3 dicembre 2019.