Cos’è il disturbo borderline di personalità?

Il disturbo borderline di personalità (BPD) è una malattia mentale. Si sviluppa durante l’adolescenza o la prima età adulta. È caratterizzato da uno schema di instabilità emotiva, comportamento impulsivo, immagine di sé distorta e relazioni instabili. Secondo il National Institute of Mental Health, circa l’ 1,6% degli adulti negli Stati Uniti ha BPD.

Sintomi e diagnosi di BPD

Secondo il Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali (DSM) dell’American Psychiatric Association, i seguenti criteri sono tutti segni e sintomi di BPD.

  • Cerchi freneticamente di evitare l’abbandono reale o immaginario.
  • Hai uno schema di relazioni instabili. Alterna l’idealizzazione e la svalutazione degli altri nelle tue relazioni.
  • Hai un’immagine di te instabile o un’identità personale.
  • Agisci impulsivamente in almeno due aree della tua vita in modi che possono essere autolesionistici. Ad esempio, potresti spendere troppi soldi o abusare di sostanze.
  • Hai una storia di comportamento suicida o auto-mutilante.
  • Hai frequenti sbalzi d’umore. Di solito durano poche ore, ma possono durare alcuni giorni o più.
  • Hai una sensazione di vuoto grave ea lungo termine.
  • Hai difficoltà a controllare la tua rabbia o ti arrabbi gravemente senza motivo. Potresti sentirti sempre arrabbiato, manifestare spesso la tua rabbia o avere frequenti scontri fisici.
  • Hai periodi di paranoia correlata allo stress o sperimenta una grave dissociazione. La dissociazione si verifica quando ti senti come se la tua mente fosse staccata dalle tue emozioni o dal tuo corpo.

Devi soddisfare almeno cinque dei criteri ufficiali del DSM per essere diagnosticato con BPD.

Se il tuo medico pensa che potresti avere la BPD, probabilmente ti indirizzerà a un professionista della salute mentale. Possono fare una diagnosi. Ti faranno domande e analizzeranno la tua storia emotiva e comportamentale.

Quali sono le cause BPD?

I ricercatori stanno ancora cercando di scoprire la causa esatta della BPD. Molteplici fattori possono contribuire al disturbo, inclusi fattori genetici, ambientali e anomalie della serotonina.

Genetica

La BPD può essere una condizione genetica. Uno studio su gemelli e BPD pubblicato suJournal of Personality DisordersFonte attendibile suggerisce che il disturbo abbia una componente genetica sostanziale.

Fattori ambientali

Crescere in un ambiente instabile, violento o negligente può aumentare il rischio di sviluppare BPD.

Anomalie della serotonina

La serotonina è un ormone che aiuta a regolare l’umore. Anomalie nella produzione di serotonina possono renderti suscettibile alla BPD.

Chi è a rischio di BPD?

Potresti essere a rischio di sviluppare BPD se:

  • hai un membro della famiglia con BPD
  • ti sei sentito emotivamente instabile o emotivamente vulnerabile da bambino
  • le persone della tua famiglia erano impulsive quando eri bambino
  • sei stato abusato emotivamente da bambino

Come viene trattata la BPD?

Il tuo professionista della salute mentale può raccomandare uno o più trattamenti per la BPD, inclusa la psicoterapia, i farmaci o il ricovero in ospedale.

Psicoterapia

La psicoterapia è il trattamento principale per la BPD. Il tuo professionista della salute mentale può raccomandare uno dei seguenti tipi: terapia cognitivo comportamentale (CBT), terapia comportamentale dialettica (DBT) e terapia incentrata sullo schema.

La CBT ti aiuta a identificare e modificare convinzioni malsane, comportamenti e percezioni imprecise che potresti avere su te stesso o sugli altri. Ti insegna modi sani per reagire quando ti senti arrabbiato, insicuro, ansioso o suicida.

DBT ti insegna come riconoscere, essere consapevole e accettare le tue convinzioni e comportamenti. Impari anche risposte sane a questi comportamenti.

La terapia incentrata sullo schema ti aiuta a vedere te stesso e il mondo in un modo più positivo.

Farmaco

I farmaci non curano la BPD, ma possono alleviare i sintomi. Il medico può prescrivere farmaci oltre al trattamento psicoterapeutico. Ad esempio, possono prescrivere:

  • antidepressivi per curare la depressione
  • antipsicotici per trattare i sintomi aggressivi
  • farmaci ansiolitici per trattare l’ansia

Ricovero in ospedale

Se i sintomi sono gravi, il medico potrebbe consigliarti di rimanere temporaneamente in ospedale per il trattamento. Potresti anche essere ricoverato in ospedale per comportamento suicidario, pensieri suicidi o per pensare di fare del male a te stesso o agli altri.

Quali sono le possibili complicanze della BPD?

La BPD può aumentare il rischio di altri disturbi, come:

  • depressione
  • disturbi d’ansia
  • problemi alimentari
  • disordine bipolare
  • abuso di sostanze

I sintomi della BPD possono anche aumentare il rischio di:

  • problemi di lavoro
  • problemi di relazione
  • essere in una relazione abusiva, come abusato o abusante
  • infezioni trasmesse sessualmente
  • ferita autoinflitta
  • suicidio
  • subire un incidente automobilistico
  • entrare in lotte fisiche
  • diventare vittima di crimini violenti

Quali sono le prospettive per qualcuno con BPD?

Le prospettive per le persone con BPD variano. Potresti dover affrontare sfide per tutta la vita associate al tuo BPD. A volte, potresti lottare con pensieri suicidi o comportamenti autolesionistici. È essenziale seguire il piano di trattamento prescritto dal medico. Può ridurre la gravità dei sintomi e aiutarti a condurre una vita sicura e appagante.

Fonte: Healthline

Bibliografia:

  • American Psychiatric Association. (2013). Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali (5a ed.). Arlington, VA: American Psychiatric Publishing.
  • Bornovalova, M., Gratz, KL, Delany-Brumsey, A., Paulson, A. e Lejeuz, CW (2006, giugno). Fattori di rischio temperamentali e ambientali per il disturbo borderline di personalità tra i consumatori di sostanze nei centri urbani in trattamento residenziale. Journal of Personality Disorders ,  20 (3), 218-231
    guilfordjournals.com/doi/abs/10.1521/pedi.2006.20.3.218
  • Coolidge, FL, Thede, LL e Jang, KL (2001, febbraio). Ereditabilità dei disturbi di personalità nell’infanzia: un’indagine preliminare. Journal of Personality Disorders , 15 (1), 33-40
    ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/11236813
  • Ni, X., Chand, D., Chan, K., McMain, S. e Kennedy, JL (2009, 1 febbraio). Geni della serotonina e interazioni gene-gene nel disturbo borderline di personalità in uno studio caso-controllo abbinato. Progress in Neuro-Psychopharmacology & Biological Psychiatry ,  33 (1), 128-133
    sciencedirect.com/science/article/pii/S027858460800328X
  • Abuso di sostanze e amministrazione dei servizi di salute mentale. (2011). Relazione al congresso sul disturbo borderline di personalità . Washington, DC: SAMHSA.
  • Torgersen, S., Lygren, S., Oien, PA, Skre, I., Onstad, S., Edvardsen, J.,. . . Kringlen, E. (2000, novembre – dicembre). Uno studio gemello sui disturbi della personalità. Comprehensive Psychiatry , 41 (6), 416-425
    sciencedirect.com/science/article/pii/S0010440X00982841
  • Zanarini, MC, & Frankenburg, FR (2003, gennaio). Trattamento con acidi grassi omega-3 di donne con disturbo borderline di personalità: uno studio pilota in doppio cieco, controllato con placebo. American Journal of Psychiatry , 160 (1), 167–169
    ajp.psychiatryonline.org/doi/abs/10.1176/appi.ajp.160.1.167?url_ver=Z39.88-2003&rfr_id=ori%3Arid%3Acrossref.org&rfr_dat=cr_pub % 3Dpubmed