Cos’è l’emetofobia?

L’emetofobia, o paura di vomitare, è sorprendentemente comune. La fobia può iniziare a qualsiasi età, anche se molti adulti hanno sofferto per tutto il tempo che possono ricordare. L’emetofobia può anche essere correlata ad altre paure, come la paura del cibo, nonché a condizioni come i disturbi alimentari e il disturbo ossessivo-compulsivo.

Cause di emetofobia

La paura del vomito è spesso, ma non sempre, innescata da un’esperienza negativa con il vomito. Anche se i casi di influenza allo stomaco, gli eccessi di alcol e di intossicazione alimentare capitano a tutti, è facile sentirsi soli. Il rischio di emetofobia può essere maggiore se ricordi di aver vomitato in pubblico o di aver vissuto una lunga notte di vomito incontrollabile.

Alcuni esperti ritengono che l’emetofobia possa essere collegata alle preoccupazioni per la mancanza di controllo 1  Molte persone cercano di controllare se stesse e il loro ambiente in ogni modo possibile, ma il vomito è difficile o impossibile da controllare. A volte accade in momenti e luoghi imbarazzanti o scomodi, che possono essere molto angoscianti.

Sintomi

È interessante notare che la maggior parte delle persone con emetofobia raramente, se non mai, vomita. Alcuni malati riferiscono di non aver vomitato dall’infanzia. Eppure si preoccupano costantemente che possa accadere.

Se soffri di emetofobia, potresti aver sviluppato determinati modelli comportamentali o persino ossessioni nel tentativo di tenerti al sicuro. Potresti sentirti più a tuo agio in una particolare stanza della tua casa, o anche fuori. Potresti dormire con un asciugamano accanto a te in caso di malattia durante la notte.

Probabilmente ti senti obbligato a imparare il percorso più diretto per un bagno in qualsiasi nuovo edificio. Potresti essere estremamente ansioso per i lunghi viaggi in macchina. Molti malati riferiscono di sentirsi più sicuri quando guidano. Alcuni sono riluttanti a trasportare passeggeri perché potrebbero vederli vomitare se non riescono a raggiungere un bagno in tempo.

Panoramica

Molti malati di emetofobia sperimentano frequenti nausee e disturbi digestivi. Questi sono sintomi estremamente comuni di ansia e possono portare a un ciclo che si ripete. Hai paura di vomitare e la paura provoca nausea e mal di stomaco.

Questo ti fa venire voglia di vomitare, il che a sua volta ti fa più paura. La ricerca indica che questo ciclo può essere il risultato di una sensibilità ipervigilante ai sintomi gastrointestinali e di una valutazione errata della nausea e di altri sintomi gastrointestinali 2.

Complicazioni

Nel tempo, potresti sviluppare ulteriori paure o ossessioni. La cibofobia , o paura del cibo, è comune tra molti affetti da emetofobia. Potresti preoccuparti che gli alimenti non vengano cotti o conservati correttamente, il che potrebbe portare a possibili intossicazioni alimentari.

Potresti iniziare a limitare severamente la tua dieta o rifiutarti di mangiare fino a quando non sei completamente sazio. Molti malati sentono che essere sazi può portare a nausea e vomito. In casi estremi, le persone potrebbero persino sviluppare tendenze all’anoressia.

Molti di coloro che soffrono di emetofobia sviluppano ansia sociale o addirittura agorafobia, che è la paura di luoghi o situazioni che potrebbero farti sentire ansioso, in preda al panico o fuori controllo. Potresti essere riluttante a trascorrere del tempo con le persone per paura di vomitare davanti a loro.

In alternativa, potresti aver paura che qualcuno vomiti davanti a te. Non è insolito avere molta paura del vomito degli altri oltre che del proprio.

Trattamento per l’emetofobia

L’emetofobia può essere alquanto complicata da diagnosticare e trattare poiché molte persone sperimentano contemporaneamente altre fobie e disturbi d’ansia. Pertanto, è importante lavorare con un terapista di fiducia con una vasta gamma di esperienza.

La terapia cognitivo-comportamentale  (CBT) può aiutarti ad affrontare le tue paure e sostituire i tuoi pensieri negativi sul vomito.

L’ipnosi e le tecniche di rilassamento possono aiutare a ridurre le sensazioni ei sintomi dell’ansia. I farmaci possono essere indicati in alcuni casi.

Anche se ci vorrà molto lavoro, l’emetofobia può essere sconfitta. Non c’è motivo per cui la tua vita debba essere controllata da questa fobia potente ma curabile.

Emetofobia | Gli Specialisti

  • contatta lo psicologo
  • contatta lo psicoterapeuta
  • contatta lo psichiatra

Fonti: VerywellMind,

  1. Sykes M, Boschen MJ, Conlon EG. Comorbidità nell’emetofobia (fobia specifica del vomito) . Clin Psychol psicoterapeuta. 2016;23(4):363-367. doi:10.1002/cpp.1964
  2. Boschen MJ. Riconcettualizzare l’emetofobia: una formulazione cognitivo-comportamentale e un’agenda di ricerca . J Disturbo d’ansia . 2007;21(3):407-419. doi:10.1016/j.janxdis.2006.06.007
  3. MedlinePlus. Agorafobia . Aggiornato il 23 marzo 2020.
  4. Hunter PV, Antony MM. Trattamento cognitivo-comportamentale dell’emetofobia: il ruolo dell’esposizione interocettiva . Pratica cognitiva e comportamentale . 2009;16(1):84-91. doi:10.1016/j.cbpra.2008.08.002