Facebook pixel

Encopresi

Encopresi

L’encopresi si verifica quando un bambino addestrato alla toilette passa le feci (movimenti intestinali) nella sua biancheria intima. Per avere l’encopresi, il bambino deve avere almeno quattro anni, l’età in cui la maggior parte dei bambini può controllare i movimenti intestinali. L’encopresi è anche chiamata incontinenza fecale. L’encopresi può essere frustrante per i genitori e imbarazzante per il bambino. Tuttavia, con pazienza e rinforzo positivo, il trattamento per l’encopresi di solito ha successo.

Cos’è l’Encopresi?

L’encopresi è una condizione in cui un bambino di età superiore ai 4 anni defeca ripetutamente in luoghi inappropriati, come i vestiti o il pavimento. Alcuni bambini con encopresi possono avere problemi con il loro funzionamento intestinale, inclusa costipazione e incontinenza.

In alcuni casi, spesso per ragioni sconosciute, un bambino può resistere ai movimenti intestinali; questo fa sì che le feci si accumulino nel colon e nel retto e fuoriescano le feci liquide. Questo liquido è difficile da controllare per il bambino, quindi si parla di incontinenza fecale.

Nei casi in cui la stitichezza o il trattenimento delle feci non sono in discussione, le feci hanno una consistenza più normale e la defecazione avviene in momenti e luoghi inappropriati. Può essere correlato a molti disturbi a carattere psicologico o emotivo, inclusi disturbi dello sviluppo o disturbo oppositivo provocatorio o disturbo della condotta.

Sintomi

Segni e sintomi di encopresi possono includere:

  • Perdita di feci o feci liquide sulla biancheria intima, che può essere scambiata per diarrea
  • Costipazione con feci secche e dure
  • Passaggio di grande sgabello che intasa o quasi intasa il wc
  • Prevenzione dei movimenti intestinali
  • Lunghi periodi di tempo tra i movimenti intestinali
  • Mancanza di appetito
  • Dolore addominale
  • Problemi con l’enuresi diurna o l’enuresi notturna (enuresi)
  • Ripetute infezioni della vescica, tipicamente nelle ragazze

 

Come si Sviluppa l’Encopresi

Nella maggior parte dei bambini con encopresi, il problema inizia con il passaggio doloroso di feci molto grandi. Ciò potrebbe essere accaduto molto prima dell’inizio dell’encopresi e il bambino potrebbe non ricordarlo quando gli viene chiesto. Nel tempo, il bambino diventa riluttante a passare i movimenti intestinali e lo trattiene per evitare il dolore. Questo “trattenere” diventa un’abitudine che spesso rimane a lungo dopo che la stitichezza o il dolore con i movimenti intestinali si sono risolti.Man mano che sempre più feci si raccolgono nell’intestino inferiore del bambino ( colon ), il colon si allunga lentamente (a volte chiamato megacolon).

  • Man mano che il colon si allunga sempre di più, il bambino perde la naturale voglia di passare un movimento intestinale.
  • Alla fine, feci più sciolte e parzialmente formate dalla parte superiore dell’intestino fuoriescono attorno alla grande raccolta di feci più dure e formate nella parte inferiore del colon (retto) e quindi fuoriescono dall’ano (l’apertura dal retto verso l’esterno del colon). il corpo).
  • Spesso all’inizio fuoriescono solo piccole quantità di feci, producendo strisce nella biancheria intima del bambino. In genere, i genitori presumono che il bambino non si stia asciugando molto bene dopo aver passato un movimento intestinale e non sono preoccupati.
  • Col passare del tempo, il bambino è sempre meno in grado di trattenere le feci – sempre più perdite di feci, e alla fine il bambino passa interi movimenti intestinali nella biancheria intima.
  • Spesso il bambino non è consapevole di aver passato un movimento intestinale.
  • Poiché le feci non passano normalmente attraverso il colon, spesso diventano molto scure e appiccicose e possono avere un odore molto sgradevole.

Encopresi | Cause

Raramente, l’encopresi è causata da un’anomalia anatomica o da una malattia con cui nasce il bambino. Nella grande maggioranza dei casi, l’encopresi si sviluppa a causa di costipazione cronica. A causa della stitichezza, le feci del bambino risultano dure, secche e possono essere dolorose da passare. Di conseguenza, il bambino evita di andare in bagno, peggiorando il problema.

Più a lungo le feci rimangono nel colon, più difficile è per il bambino espellerle. Il colon si riempie, influenzando alla fine i nervi che segnalano quando è ora di andare in bagno. Quando il colon diventa troppo pieno, le feci molli o liquide possono fuoriuscire intorno alle feci trattenute o può verificarsi la perdita di controllo sui movimenti intestinali.

Alcune cause di stitichezza includono:

  • Trattenere le feci per paura di usare il bagno (soprattutto quando si è lontani da casa) o perché le feci sono dolorose
  • Non voler interrompere il gioco o altre attività
  • Mangiare poca fibra
  • Non bere abbastanza liquidi
  • Bere troppo latte vaccino o, raramente, un’intolleranza al latte vaccino

Encopresi e Problemi emotivi

Lo stress emotivo può innescare l’encopresi. Un bambino può provare stress da:

  • Educazione igienica prematura, difficile o piena di conflitti
  • Cambiamenti nella vita del bambino, come cambiamenti nella dieta, addestramento alla toilette, inizio della scuola
  • Fattori di stress emotivo, ad esempio, il divorzio di un genitore o la nascita di un fratello

Fattori di rischio

L’encopresi è più comune nei ragazzi. Questi fattori di rischio possono aumentare le possibilità di avere l’encopresi:

  • Uso di farmaci che possono causare stitichezza, come i sedativi della tosse
  • Disturbo da deficit di attenzione / iperattività (ADHD)
  • Disturbo dello spettro autistico
  • Ansia o depressione

Quando Rivolgersi ad uno Specialista

Occorre rivolgersi al pediatra se il bambino presenta:

  • Costipazione grave, persistente o ricorrente
  • Dolore durante i movimenti intestinali
  • Riluttanza ad avere movimenti intestinali, incluso sforzarsi di trattenere le feci
  • Feci o Residui fecali nella biancheria nei bambini al di sopra dei 4 anni
  •  Il bambino inizia a far cadere o imbrattare intenzionalmente le feci ovunque, anche in casa o a scuola.

Encopresi | Diagnosi e Test

Nella maggior parte dei casi, il medico può diagnosticare l’encopresi in base a:

  • Età
  • Storia e sintomi di stitichezza cronica
  • Esame fisico

Di solito non sono necessari ulteriori test. A volte viene eseguita una radiografia dell’addome per vedere quante feci sono presenti. Se il medico ritiene che il problema possa essere correlato ad anomalie nel tratto digerente inferiore del bambino, può ordinare ulteriori test. Questi possono includere una procedura a raggi X chiamata clistere di bario o una procedura chiamata biopsia rettale.

In una biopsia, un piccolo pezzo di tessuto dal retto viene rimosso per essere esaminato in un laboratorio. Se tuo figlio ha segni di ipotiroidismo, il medico può prescriverti esami del sangue per misurare i livelli di ormone tiroideo.

Manometria Rettale

L’obiettivo principale della manometria è confermare l’aumento della pressione all’interno dell’ano. La manometria può anche mostrare se i nervi che controllano lo sfintere anale, l’ano e il retto sono presenti e funzionano misurando i riflessi in quest’area. La manometria può misurare quanto è disteso il retto e se la sensazione in quest’area è normale. Le contrazioni anormali dei muscoli del pavimento pelvico possono essere documentate utilizzando la manometria.

La manometria anorettale può anche essere utile per escludere la malattia di Hirschsprung , una causa molto rara di costipazione senza encopresi. Se la malattia di Hirschsprung è seriamente considerata una causa dell’encopresi, potrebbe essere necessaria una biopsia del retto. Una biopsia è la rimozione di un minuscolo pezzo di tessuto per l’esame al microscopio. Questo viene fatto per cercare l’assenza di funzione nervosa nel retto, un segno caratteristico della malattia di Hirschsprung.

Trattamento

Il trattamento per l’encopresi coinvolgerà tipicamente la pulizia del colon e del retto, utilizzando agenti ammorbidenti delle feci e cominciando a sviluppare l’abitudine di avere movimenti intestinali frequenti e sani. La pulizia iniziale del colon e del retto viene eseguita utilizzando clisteri, lassativi o entrambi. Durante la fase successiva, un medico molto probabilmente continuerà a prescrivere una dose giornaliera di ammorbidenti o lassativi delle feci, per mantenere le feci morbide del bambino mentre il suo intestino ritorna da “allungato” a dimensioni normali.

La terza parte del trattamento si concentra sull’imparare, o riapprendere, abitudini sane di movimento intestinale. I medici raccomandano che un bambino in cura per encopresi debba sedersi sul water per 10-15 minuti al giorno a un orario regolarmente programmato, di solito dopo un pasto, e tentare di avere un movimento intestinale. I medici possono anche raccomandare cambiamenti dietetici come l’aumento delle fibre e la riduzione dei cibi che causano la stitichezza. Nel tempo, con una guida adeguata, i bambini possono sviluppare nuovamente un’associazione positiva con movimenti intestinali regolari e sani.

Se un bambino ha provato sentimenti di vergogna, colpa o depressione a seguito di encopresi, uno psicoterapeuta esperto può aiutarlo sia a comprendere quei sentimenti che a sviluppare tecniche per avere movimenti intestinali sani e regolari.

  • Richiedi la consulenza di uno Psicoterapeuta

  • Contatta un pediatra

Cambiamento delle Abitudini

Il passo finale è lavorare con il bambino per sviluppare abitudini intestinali regolari. Questo passaggio è altrettanto critico dei primi due passaggi e non deve essere abbandonato solo perché lo sporco è migliorato dopo i passaggi precedenti.

  • Stabilire orari regolari per il bagno: il bambino dovrebbe sedersi sul water per 5-10 minuti dopo la colazione e di nuovo dopo cena OGNI GIORNO. Alcune famiglie devono modificare la loro routine quotidiana per ottenere questo risultato, ma è un passaggio cruciale, in particolare per i bambini in età scolare. Sedersi sul water subito dopo un pasto sfrutta il “riflesso gastrocolico”, le contrazioni intestinali che si verificano naturalmente dopo aver mangiato.
  • Tecniche comportamentali: offrire un rinforzo positivo appropriato all’età per lo sviluppo di abitudini igieniche regolari. Per i bambini piccoli, può essere utile una tabella con stelle o adesivi. Per i bambini più grandi, può essere utile guadagnare privilegi, come tempo extra per la televisione o per i videogiochi.
  • Allenamento: i bambini possono rispondere all’insegnamento sull’uso appropriato dei muscoli e altre risposte fisiche durante la defecazione. Questo li aiuta a imparare a riconoscere l’impulso di avere un movimento intestinale e di defecare in modo efficace.
  • Biofeedback : questa tecnica è stata utilizzata con successo per insegnare ad alcuni bambini come utilizzare al meglio i muscoli dello sfintere addominale, pelvico e anale, che hanno spesso utilizzato per trattenere le feci.

 

Gli Specialisti da Consultare

  • pediatra
  • psicoterapeuta

Il Verdetto Finale

Non bisogna sottovalutare l’encopresi. Questo problema insorge nei bambini dai 4 anni in su e può indicare l’esistenza di disturbi gastrointestinali dovuti ad una scorretta alimentazione, ma può essere anche sintomo di malessere psicologico, disturbi emotivi o relazionali che il bambino esprime attraverso questo comportamento. L’aiuto del pediatra e dello psicologo evolutivo possono essere cruciali per risolvere i problema ed eliminare le sue cause.
Fonti:
  1. AskMayoExpert. Encopresi. Rochester, Minnesota: Mayo Foundation for Medical Education and Research; 2014.
  2. Sood MR. Incontinenza fecale funzionale: definizione, manifestazioni cliniche e valutazione. http://www.uptodate.com/home. Accesso 8 agosto 2016.
  3. Sood MR. Costipazione funzionale cronica e incontinenza fecale nei neonati e nei bambini: trattamento. http://www.uptodate.com/home. Accesso 8 agosto 2016.
  4. Turner TL, et al. Formazione sui servizi igienici. http://www.uptodate.com/home. Accesso 8 agosto 2016.
  5. Tabbers MM, et al. Valutazione e trattamento della costipazione funzionale nei neonati e nei bambini: raccomandazioni basate sull’evidenza per ESPGHAN e NASPGHAN. Giornale di gastroenterologia e nutrizione pediatrica. 2014; 58: 258.
  6. Nurko S, et al. Valutazione e trattamento della stitichezza nei bambini e negli adolescenti. Medico di famiglia americano. 2014; 90: 82.
  7. Encopresi. In: Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali DSM-5. 5a ed. Arlington, Virginia: American Psychiatric Association; 2013. http://www.psychiatryonline.org. Accesso 8 agosto 2016.
  8. Manini ML (perizia). Mayo Clinic, Rochester, Minn. 12 agosto 2016.
Vuoi collaborare all'articolo?

Vuoi apportare il tuo importante contributo all'articolo? Sentiti libero di scrivere il tuo pensiero e ne faremo tesoro.

Diventa uno 'Specialist
Articoli correlati