Sebbene gli adulti spesso dicano cose come: “Era così giovane quando è successo, non lo ricorderà nemmeno da adulto”, il trauma infantile può avere un effetto per tutta la vita. E mentre i bambini sono resistenti, non sono fatti di pietra.

Questo non vuol dire che tuo figlio sarà segnato emotivamente per tutta la vita se sopporta un’esperienza orribile. 1 Ma è importante riconoscere quando tuo figlio potrebbe aver bisogno di un aiuto professionale per affrontare un trauma. Un intervento precoce può anche impedire a tuo figlio di sperimentare gli effetti in corso del trauma da adulto.

Che cos’è il trauma infantile?

Ci sono molte esperienze diverse che possono costituire un trauma. Il trauma infantile è un evento vissuto da un bambino che minaccia la sua vita o l’integrità fisica. L’abuso fisico o sessuale, ad esempio, può essere chiaramente traumatico per i bambini. Eventi occasionali come un incidente d’auto, un disastro naturale (come un uragano) o un trauma medico possono avere un impatto psicologico anche sui bambini.

Lo stress continuo, come vivere in un quartiere pericoloso o essere vittima di bullismo, può essere traumatico, anche se per un adulto sembra la vita quotidiana.

Anche il trauma infantile non deve verificarsi direttamente al bambino. Ad esempio, anche guardare una persona cara soffrire può essere estremamente traumatico. Anche l’esposizione a media violenti può traumatizzare i bambini.

Solo perché un’esperienza è sconvolgente, tuttavia, non è necessariamente traumatica. Il divorzio dei genitori, ad esempio, probabilmente influenzerà un bambino, ma non è necessariamente traumatizzante, non per tutti i bambini almeno.

Trauma infantile e disturbo da stress post-traumatico

Molti bambini sono esposti a eventi traumatici prima o poi. Mentre la maggior parte di loro sperimenta angoscia a seguito di un evento traumatico, la stragrande maggioranza di loro ritorna a uno stato normale di funzionamento in un periodo di tempo relativamente breve. Alcuni bambini sono molto meno colpiti dalle loro circostanze rispetto ad altri.

Tra il 3% e il 15% delle ragazze e dall’1% al 6% dei ragazzi sviluppano un disturbo da stress post-traumatico (PTSD) a seguito di un evento traumatico.1

I bambini con disturbo da stress post – traumatico possono rivivere il trauma nella loro mente più e più volte. Possono anche evitare tutto ciò che ricorda loro il trauma o possono rievocare il trauma nel loro gioco.

A volte i bambini credono di aver mancato i segnali di pericolo che predicevano l’evento traumatico. Nel tentativo di prevenire traumi futuri, diventano iper-vigili nel cercare segnali di avvertimento che qualcosa di brutto sta per accadere di nuovo.

I bambini con disturbo da stress post-traumatico possono anche avere problemi con:

  • Rabbia e aggressività
  • Ansia
  • Depressione
  • Difficoltà a fidarsi degli altri
  • Paura
  • Sensazioni di isolamento
  • Scarsa autostima
  • Comportamento autodistruttivo

Anche i bambini che non sviluppano PTSD possono comunque presentare problemi emotivi e comportamentali a seguito di un’esperienza traumatica. Qui ci sono alcune cose da guardare fuori per durante le settimane e mesi dopo un evento sconvolgente:

  • Problemi di rabbia
  • Problemi di attenzione
  • Cambiamenti nell’appetito
  • Sviluppo di nuove paure
  • Aumento dei pensieri sulla morte o sulla sicurezza
  • Irritabilità
  • Perdita di interesse per le normali attività
  • Problemi a dormire
  • Tristezza
  • Rifiuto della scuola
  • Disturbi somatici come mal di testa e mal di stomaco

Conseguenze sulla salute a lungo termine

Gli eventi traumatici possono influenzare lo sviluppo del cervello di un bambino e ciò può avere conseguenze per tutta la vita. Uno studio pubblicato nel 2015 ha mostrato che più esperienze infantili avverse una persona ha, maggiore è il rischio di problemi di salute e benessere più avanti nella vita.

Il trauma infantile può aumentare il rischio di un individuo di:

  • Asma
  • Malattia coronarica
  • Depressione
  • Diabete
  • Ictus

Uno studio pubblicato nel 2016 su Psychiatric Times ha osservato che la prevalenza di tentativi di suicidio era significativamente più alta negli adulti che hanno subito traumi, come abusi fisici, abusi sessuali e violenza domestica dei genitori, da bambini. 2

Attaccamento e relazioni

La relazione di un bambino con il suo caregiver, che si tratti dei suoi genitori, nonni o altro, è vitale per la sua salute emotiva e fisica. Questa relazione e attaccamento aiutano il piccolo a imparare a fidarsi degli altri, gestire le emozioni e interagire con il mondo che lo circonda.

Quando un bambino sperimenta un trauma che gli insegna che non può fidarsi o fare affidamento su quel caregiver, tuttavia, è probabile che creda che il mondo intorno a lui sia un posto spaventoso e che tutti gli adulti siano pericolosi, e questo rende incredibilmente difficile formare relazioni per tutta la loro infanzia, anche con i coetanei della loro stessa età, e fino all’età adulta.

È probabile che anche i bambini che lottano per mantenere un sano attaccamento ai caregiver lotti con le relazioni romantiche durante l’età adulta. Uno studio australiano del 2008 su oltre 21.000 sopravvissuti agli abusi sui minori di età pari o superiore a 60 anni ha riportato un tasso più elevato di matrimoni e relazioni fallite.

Come aiutare

Il sostegno familiare può essere la chiave per ridurre l’impatto che il trauma ha su un bambino. Ecco alcuni modi per sostenere un bambino dopo un evento sconvolgente:

  • Incoraggia tuo figlio a parlare dei suoi sentimenti e a convalidare le sue emozioni.
  • Rispondi alle domande onestamente.
  • Rassicura tuo figlio che farai tutto il possibile per tenerlo al sicuro.
  • Attieniti il ​​più possibile alla tua routine quotidiana.

Gli Specialisti

Se pensi che tuo figlio stia affrontando una situazione traumatica, o sospetti che tu stesso sia ancora in lotta con un trauma del passato, potrebbe essere di enorme aiuto contattare uno specialista.

  • contatta lo psicologo
  • contatta lo psicoterapeuta

Il Verdetto Finale

Non è mai troppo tardi per chiedere aiuto. Sia che tu abbia adottato un adolescente che è stato abusato più di dieci anni fa, sia che tu non abbia mai ricevuto aiuto per le esperienze traumatiche che hai vissuto 40 anni fa, il trattamento può ancora essere efficace.

Fonti: Verywellmind,

  1. Associazione Americana di Psicologia. Bambini e trauma . 2011.
  2. De Bellis MD, Zisk A. Gli effetti biologici del trauma infantile . Child Adolesc Psychiatr Clin N Am . 2014;23(2):185-vii. doi:10.1016/j.chc.2014.01.002
  3. Violenza virtuale . Pediatria . 2016;138(2):e20161298. doi:10.1542/peds.2016-1298
  4. La rete nazionale per lo stress traumatico infantile. Che cos’è un evento traumatico? .
  5. Dipartimento degli affari dei veterani degli Stati Uniti. Quanto è comune il disturbo da stress post-traumatico nei bambini e negli adolescenti? .
  6. Associazione Psichiatrica Americana. Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali .  5a ed. Washington DC; 2013.
  7. Gilbert LK, Breiding MJ, Merrick MT, et al. Avversità dell’infanzia e malattie croniche degli adulti: un aggiornamento da dieci stati e dal Distretto di Columbia, 2010 . Sono J Prev Med . 2015;48(3):345-349. doi:10.1016/j.amepre.2014.09.06
  8. Wagner KD. Effetti del trauma infantile sulla depressione e suicidalità in età adulta . Tempi psichiatrici . 2016.
  9. Eh HJ, Kim SY, Yu JJ, Chae JH. Traumi infantili e problemi di relazione interpersonale adulta in pazienti con depressione e disturbi d’ansia . Ann Gen Psichiatria . 2014;13:26. doi:10.1186/s12991-014-0026-y
  10. Draper B, Pfaff JJ, Pirkis J, et al. Effetti a lungo termine dell’abuso infantile sulla qualità della vita e sulla salute delle persone anziane: risultati del progetto Depressione e prevenzione precoce del suicidio in medicina generale . J Am Geriatr Soc . 2008;56(2):262-271. doi:10.1111/j.1532-5415.2007.01537.x
  11. Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie. Disturbo post-traumatico da stress nei bambini . Aggiornato il 30 marzo 2020.