Facebook pixel

Ictus

Ictus

Cos’è un ictus? | Tutto ciò che devi sapere

Un ictus si verifica quando un vaso sanguigno nel cervello si rompe e sanguina o quando c’è un blocco nell’afflusso di sangue al cervello. La rottura o il blocco impedisce al sangue e all’ossigeno di raggiungere i tessuti del cervello.

Senza ossigeno, le cellule cerebrali e i tessuti vengono danneggiati e iniziano a morire in pochi minuti.

Sintomi dell’ictus

La perdita di flusso sanguigno al cervello danneggia i tessuti all’interno del cervello. I sintomi di un ictus si manifestano nelle parti del corpo controllate dalle aree danneggiate del cervello.

Prima una persona che ha un ictus riceve cure, migliore sarà probabilmente il suo esito. Per questo motivo, è utile conoscere i segni di un ictus in modo da poter agire rapidamente. I sintomi dell’ictus possono includere:

  • paralisi
  • intorpidimento o debolezza del braccio, del viso e della gamba, specialmente su un lato del corpo
  • difficoltà a parlare o capire il discorso
  • confusione
  • discorso biascicato
  • problemi di vista, come difficoltà a vedere in uno o entrambi gli occhi con visione annerita o offuscata o visione doppia
  • difficoltà a camminare
  • perdita di equilibrio o coordinazione
  • vertigini
  • mal di testa grave e improvviso con una causa sconosciuta

Un ictus richiede cure mediche immediate. Se pensi di star avendo un ictus, chiama immediatamente il 118. Un trattamento tempestivo è la chiave per prevenire i seguenti risultati:

  • danno cerebrale
  • disabilità a lungo termine
  • Morte

È meglio prevenire che curare quando si ha a che fare con un ictus, quindi non aver paura di chiamare il 118 se pensi di riconoscere i segni di un ictus.

Agisci VELOCEMENTE e impara a riconoscere i segni dell’ictus.

Sintomi di un ictus nelle donne

L’ictus è la quinta causa di morte nelle donne statunitensi. Le donne hanno un rischio di ictus nel corso della vita più elevato rispetto agli uomini.

Mentre alcuni segni di ictus sono gli stessi nelle donne e negli uomini, alcuni sono più comuni nelle donne.

I segni di ictus che si verificano più spesso nelle donne includono:

  • nausea o vomito
  • allucinazione
  • dolore
  • debolezza generale
  • mancanza di respiro o difficoltà a respirare
  • svenimento o perdita di conoscenza
  • convulsioni
  • confusione, disorientamento o mancanza di reattività
  • improvvisi cambiamenti comportamentali, in particolare aumento dell’agitazione

Le donne hanno maggiori probabilità degli uomini di morire per un ictus, quindi è importante essere in grado di identificare un ictus il prima possibile.

Sintomi di  ictus negli uomini

L’ictus è la quinta causa di morte negli uomini. Gli uomini hanno maggiori probabilità di avere un ictus nella loro giovinezza rispetto alle donne, ma hanno meno probabilità di morire per questo, secondo l’Istituto Nazionale della Salute.

Uomini e donne possono avere alcuni degli stessi segni e sintomi di ictus (vedi sopra). Tuttavia, alcuni sintomi di ictus si verificano più spesso negli uomini. Questi includono:

  • lato del viso cadente o un sorriso irregolare
  • linguaggio confuso, difficoltà a parlare e difficoltà a comprendere discorsi
  • debolezza del braccio o debolezza muscolare su un lato del corpo

Sebbene alcuni sintomi possano differire tra uomini e donne, è altrettanto importante che entrambi siano in grado di individuare precocemente un ictus e ottenere aiuto.

Tipi di ictus

Gli ictus rientrano in tre categorie principali: attacco ischemico transitorio (TIA), ictus ischemico e ictus emorragico. Queste categorie sono ulteriormente suddivise in altri tipi di tratti, tra cui:

  • ictus embolico
  • ictus trombotico
  • ictus intracerebrale
  • ictus subaracnoideo

Il tipo di ictus che hai influisce sul trattamento e sul processo di recupero. Ulteriori informazioni sui diversi tipi di tratti.

Ictus ischemico

Durante un ictus ischemico, le arterie che forniscono sangue al cervello si restringono o si bloccano. Questi blocchi sono causati da coaguli di sangue o flusso sanguigno gravemente ridotto. Possono anche essere causati da pezzi di placca dovuti all’aterosclerosi che si staccano e bloccano un vaso sanguigno.

I due tipi più comuni di ictus ischemico sono trombotici ed embolici. Un ictus trombotico si verifica quando un coagulo di sangue si forma in una delle arterie che forniscono sangue al cervello. Il coagulo passa attraverso il flusso sanguigno e si deposita, bloccando il flusso sanguigno. Un ictus embolico si verifica quando un coagulo di sangue o altri detriti si formano in un’altra parte del corpo e quindi viaggiano al cervello.

Secondo il centro per la prevenzione e il controllo delle malattie, 87 per cento degli ictus sono ictus ischemici.

Ictus embolico

Un ictus embolico è uno dei due tipi di ictus ischemico. Si verifica quando un coagulo di sangue si forma in un’altra parte del corpo – spesso il cuore o le arterie nella parte superiore del torace e del collo – e si sposta attraverso il flusso sanguigno al cervello. Il coagulo si blocca nelle arterie del cervello, dove interrompe il flusso di sangue e provoca un ictus.

Un ictus embolico può essere il risultato di una condizione cardiaca. La fibrillazione atriale, un tipo comune di battito cardiaco irregolare, può causare lo sviluppo di coaguli di sangue nel cuore. Questi coaguli possono staccarsi e viaggiare attraverso il flusso sanguigno e nel cervello.

Attacco ischemico transitorio (TIA)

Un attacco ischemico transitorio, spesso chiamato TIA o ministroke, si verifica quando il flusso sanguigno al cervello viene temporaneamente bloccato. I sintomi, che sono simili a quelli di un ictus completo, sono tipicamente temporanei e scompaiono dopo pochi minuti o ore.

Un TIA è solitamente causato da un coagulo di sangue. Serve come avvertimento di un ictus futuro, quindi non ignorare un TIA. Cerca lo stesso trattamento che faresti per un ictus grave e chiama il 118.

Secondo il centro per la prevenzione e il controllo delle malattie, più di un terzo delle persone che subiscono un TIA e non ricevono cure hanno un ictus grave entro un anno. Dal 10 al 15 percento delle persone che subiscono un TIA hanno un ictus grave entro tre mesi. Ecco come capire i TIA e come prevenire un ictus più grave in futuro.

Ictus emorragico

Un ictus emorragico si verifica quando un’arteria cerebrale si apre o perde sangue. Il sangue di quell’arteria crea una pressione eccessiva nel cranio e gonfia il cervello, danneggiando cellule e tessuti cerebrali.

I due tipi di ictus emorragico sono intracerebrale e subaracnoideo. Un ictus emorragico intracerebrale, il tipo più comune di ictus emorragico, si verifica quando i tessuti che circondano il cervello si riempiono di sangue dopo l’esplosione di un’arteria. L’ictus emorragico subaracnoideo è meno comune. Provoca sanguinamento nell’area tra il cervello e i tessuti che lo ricoprono.

Secondo l’American Heart Association, circa il 13% degli ictus è emorragico.

Cosa causa un ictus?

La causa di un ictus dipende dal tipo di ictus. I tre tipi principali di ictus sono l’attacco ischemico transitorio (TIA), l’ictus ischemico e l’ictus emorragico.

Un TIA è causato da un blocco temporaneo in un’arteria che porta al cervello. Il blocco, tipicamente un coagulo di sangue, impedisce al sangue di fluire verso alcune parti del cervello. Un TIA in genere dura da pochi minuti a poche ore, quindi il blocco si sposta e il flusso sanguigno viene ripristinato.

Come un TIA, un ictus ischemico è causato da un blocco in un’arteria che porta al cervello. Questo blocco può essere un coagulo di sangue o può essere causato da aterosclerosi. In questa condizione, la placca (una sostanza grassa) si accumula sulle pareti di un vaso sanguigno. Un pezzo della placca può staccarsi e depositarsi in un’arteria, bloccando il flusso di sangue e causando un ictus ischemico.

Un ictus emorragico, d’altra parte, è causato da un’esplosione o dalla perdita di un vaso sanguigno. Il sangue penetra dentro o intorno ai tessuti del cervello, causando pressione e danneggiando le cellule cerebrali.

Ci sono due possibili cause di un ictus emorragico. Un aneurisma (una sezione indebolita e sporgente di un vaso sanguigno) può essere causato da ipertensione e può portare alla rottura di un vaso sanguigno. Meno spesso, una condizione chiamata malformazione artero-venosa, che è una connessione anormale tra le vene e le arterie, può portare a sanguinamento nel cervello.

Fattori di rischio dell’ictus

Alcuni fattori di rischio ti rendono più suscettibile all’ictus. Secondo il National Heart, Lung, and Blood Institute, più fattori di rischio hai, più è probabile che tu abbia un ictus. I fattori di rischio per l’ictus includono:

Dieta

Una dieta malsana che aumenta il rischio di ictus è quella ad alto contenuto di:

  • sale
  • grassi saturi
  • grassi trans
  • colesterolo

Inattività

Anche l’inattività o la mancanza di esercizio fisico possono aumentare il rischio di ictus.

L’esercizio fisico regolare ha una serie di benefici per la salute. Il CDC raccomanda che gli adulti facciano almeno 2,5 ore di esercizio aerobico ogni settimana. Questo può significare semplicemente una camminata veloce un paio di volte a settimana.

Consumo di alcool

Il rischio di ictus aumenta anche se si beve troppo alcol. Il consumo di alcol dovrebbe essere fatto con moderazione. Ciò significa non più di un drink al giorno per le donne e non più di due per gli uomini. Inoltre può aumentare i livelli di pressione sanguigna così come i livelli di trigliceridi , che possono causare aterosclerosi.

Uso del tabacco

L’uso del tabacco in qualsiasi forma aumenta anche il rischio di ictus, poiché può danneggiare i vasi sanguigni e il cuore. Questo aumenta ulteriormente quando si fuma, perché la pressione sanguigna aumenta quando si usa la nicotina.

Storia personale

Ci sono alcuni fattori di rischio personali per l’ictus che non puoi controllare. Il rischio di ictus può essere collegato a:

  • Storia famigliare. Il rischio di ictus è maggiore in alcune famiglie a causa di problemi di salute genetica, come l’ipertensione.
  • Sesso. Secondo il Centro per la prevenzione e il controllo delle malattie, mentre sia le donne che gli uomini possono avere ictus, sono più comuni nelle donne che negli uomini di tutte le età.
  • Età. Più sei vecchio, più è probabile che tu abbia un ictus.
  • Razza ed etnia. I caucasici, gli americani asiatici e gli ispanici hanno meno probabilità di avere un ictus rispetto agli afroamericani, ai nativi dell’Alaska e agli indiani d’America.

Storia della salute

Alcune condizioni mediche sono legate al rischio di ictus. Questi includono:

  • un precedente ictus o TIA
  • ipertensione
  • colesterolo alto
  • disturbi cardiaci, come la malattia coronarica
  • difetti delle valvole cardiache
  • camere cardiache allargate e battiti cardiaci irregolari
  • anemia falciforme
  • diabete

Per scoprire i tuoi fattori di rischio specifici per l’ictus, parla con il tuo medico.

Diagnosi di ictus

Test Veloce Ictus

Se noti segni di ictus in qualcuno (o anche in te se riesci) devi pensare “velocemente” e fare 3 prove:

  • Viso. Chiedi alla persona di sorridere. Un lato del viso non si alza?
  • Braccia. Chiedi alla persona di alzare entrambe le braccia. Un braccio non è in grado di alzarsi?
  • Discorso. Chiedi alla persona di ripetere una semplice frase. Il suo modo di parlare è confuso o strano?
    In questi casi raggiungi immediatamente l’ospedale.

Subito dopo l’arrivo avrai una TAC o un altro test di imaging.

Il medico chiederà a te o a un membro della famiglia quali sono i tuoi sintomi e cosa stavi facendo quando si sono verificati. Ascolteranno la tua storia medica per scoprire i tuoi fattori di rischio di ictus. Inoltre:

  • chiede quali farmaci prendi
  • controlla la pressione sanguigna
  • ascolta il tuo cuore

Ti sarà fatto anche un esame fisico, durante il quale il medico ti valuterà per:

  • equilibrio
  • coordinazione
  • debolezza
  • intorpidimento delle braccia, del viso o delle gambe
  • segni di confusione
  • problemi di vista

Il medico eseguirà quindi alcuni test. Una varietà di test viene utilizzata per aiutare nella diagnosi di un ictus. Questi test possono aiutare i medici a determinare:

  • se hai avuto un ictus
  • cosa potrebbe averlo causato
  • quale parte del cervello è interessata
  • se hai un’emorragia cerebrale

Questi test possono anche determinare se i tuoi sintomi sono causati da qualcos’altro.

Test per diagnosticare gli ictus

Puoi eseguire vari test per aiutare ulteriormente il tuo medico a determinare se hai avuto un ictus o per escludere un’altra condizione. Questi test includono:

Analisi del sangue

Gli esami del sangue possono determinare:

  • i tuoi livelli di zucchero nel sangue
  • se ha un’infezione
  • i livelli delle piastrine
  • quanto velocemente il tuo sangue coagula

Risonanza magnetica e TC

È possibile sottoporsi a una risonanza magnetica (MRI) e/o una tomografia computerizzata (TC) .

La risonanza magnetica aiuterà a vedere se qualche tessuto cerebrale o cellule cerebrali sono stati danneggiati. Una scansione TC fornirà un’immagine dettagliata e chiara del tuo cervello che mostra eventuali emorragie o danni nel cervello. Potrebbe anche mostrare altre condizioni cerebrali che potrebbero causare i tuoi sintomi.

ECG

Il medico può anche ordinare un elettrocardiogramma (ECG). Questo semplice test registra l’attività elettrica nel cuore, misurandone il ritmo e registrando la velocità con cui batte. Può determinare se soffri di malattie cardiache che potrebbero aver portato a un ictus, come un precedente infarto o fibrillazione atriale.

Angiogramma cerebrale

Un altro test che il tuo medico potrebbe prescrivere per determinare se hai avuto un ictus è un angiogramma cerebrale. Questo offre uno sguardo dettagliato alle arterie del collo e del cervello. Il test può mostrare blocchi o coaguli che potrebbero aver causato sintomi.

Ecografia carotidea

Un’ecografia carotidea, chiamato anche un carotidea duplex scansione, può mostrare grassi depositi (placca) nelle arterie carotidi, che forniscono il sangue al viso, collo, e il cervello. Può anche mostrare se le tue arterie carotidi sono state ristrette o bloccate.

Ecocardiogramma

Un ecocardiogramma può trovare fonti di coaguli nel tuo cuore. Questi coaguli potrebbero aver raggiunto il tuo cervello e causato un ictus.

Trattamento dell’ictus

Una corretta valutazione medica e un trattamento tempestivo sono fondamentali per riprendersi da un ictus. Secondo l’ American Heart Association , “Il tempo perso è cervello perso”. Chiama i servizi di emergenza non appena ti rendi conto che potresti avere un ictus o se sospetti che una persona cara stia avendo un ictus.

Il trattamento per l’ictus dipende dal tipo di ictus:

Ictus ischemico e TIA

Questi tipi di ictus sono causati da un coagulo di sangue o da un altro blocco nel cervello. Per questo motivo, sono in gran parte trattati con tecniche simili, che includono:

Anti-piastrine e anticoagulanti

L’aspirina da banco è spesso una prima linea di difesa contro i danni da ictus. I farmaci anticoagulanti e antipiastrinici devono essere assunti entro 24-48 ore dall’inizio dei sintomi dell’ictus.

Farmaci rompi coaguli

I farmaci trombolitici possono rompere i coaguli di sangue nelle arterie del cervello, che ancora arrestano l’ictus e riducono i danni al cervello.

Uno di questi farmaci, l’attivatore del plasminogeno tissutale (tPA) o Alteplase IV r-tPA, è considerato il gold standard nel trattamento dell’ictus ischemico. Agisce dissolvendo rapidamente i coaguli di sangue, se somministrato entro le prime 3 o 4,5 ore dall’inizio dei sintomi dell’ictus. Le persone che ricevono un’iniezione di tPA hanno maggiori probabilità di riprendersi da un ictus e meno probabilità di avere una disabilità permanente a seguito dell’ictus.

Trombectomia meccanica

Durante questa procedura, il medico inserisce un catetere in un grande vaso sanguigno all’interno della tua testa. Quindi usano un dispositivo per estrarre il coagulo dalla nave. Questo intervento ha più successo se viene eseguito da 6 a 24 ore dopo l’inizio dell’ictus.

Stent

Se il medico scopre dove le pareti delle arterie si sono indebolite, può eseguire una procedura per gonfiare l’arteria ristretta e sostenere le pareti dell’arteria con uno stent.

Chirurgia

Nei rari casi in cui altri trattamenti non funzionano, il medico può eseguire un intervento chirurgico per rimuovere un coagulo di sangue e le placche dalle arterie. Questo può essere fatto con un catetere o, se il coagulo è particolarmente grande, il medico può aprire un’arteria per rimuovere il blocco.

Ictus emorragico

Gli ictus causati da sanguinamenti o perdite nel cervello richiedono strategie di trattamento diverse. I trattamenti per l’ictus emorragico includono:

Farmaci

A differenza di un ictus ischemico, se hai un ictus emorragico, l’obiettivo del trattamento è far coagulare il sangue. Pertanto, potresti ricevere farmaci per contrastare eventuali fluidificanti del sangue che prendi.

Potrebbero anche essere prescritti farmaci che possono ridurre la pressione sanguigna, abbassare la pressione nel cervello, prevenire convulsioni e prevenire la costrizione dei vasi sanguigni.

Avvolgimento

Durante questa procedura, il medico guida un lungo tubo nell’area dell’emorragia o del vaso sanguigno indebolito. Quindi installano un dispositivo simile a una bobina nell’area in cui la parete dell’arteria è debole. Questo blocca il flusso sanguigno nell’area, riducendo il sanguinamento.

Bloccaggio

Durante i test di imaging, il medico potrebbe scoprire un aneurisma che non ha ancora iniziato a sanguinare o si è fermato. Per prevenire ulteriori sanguinamenti, un chirurgo può posizionare un piccolo morsetto alla base dell’aneurisma. Questo interrompe l’afflusso di sangue e previene un possibile vaso sanguigno rotto o una nuova emorragia.

Chirurgia

Se il medico vede che un aneurisma è esploso, può eseguire un intervento chirurgico per agganciare l’aneurisma e prevenire ulteriori sanguinamenti. Allo stesso modo, potrebbe essere necessaria una craniotomia per alleviare la pressione sul cervello dopo un grande ictus.

Oltre al trattamento di emergenza, gli operatori sanitari ti consiglieranno i modi per prevenire futuri ictus.

Farmaci per l’ictus

Diversi farmaci sono usati per trattare gli ictus. Il tipo prescritto dal medico dipende in gran parte dal tipo di ictus che hai avuto. L’obiettivo di alcuni farmaci è prevenire un secondo ictus, mentre altri mirano a prevenire un ictus in primo luogo.

I farmaci per l’ictus più comuni includono:

  • Attivatore del plasminogeno tissutale (tPA). Questo farmaco di emergenza può essere somministrato durante un ictus per rompere un coagulo di sangue che causa l’ictus. È l’unico farmaco attualmente disponibile in grado di farlo, ma deve essere somministrato entro 3 o 4, 5 ore dall’inizio dei sintomi di un ictus. Questo farmaco viene iniettato in un vaso sanguigno in modo che il farmaco possa iniziare a funzionare il più rapidamente possibile, riducendo il rischio di complicazioni dall’ictus.
  • Anticoagulanti. Questi farmaci riducono la capacità di coagulazione del sangue. L’anticoagulante più comune è il warfarin (Jantoven, Coumadin). Questi farmaci possono anche prevenire la crescita dei coaguli di sangue esistenti, motivo per cui possono essere prescritti per prevenire un ictus o dopo che si è verificato un ictus ischemico o un TIA.
  • Farmaci antipiastrinici. Questi farmaci prevengono la formazione di coaguli di sangue rendendo più difficile l’adesione delle piastrine del sangue. I farmaci antipiastrinici più comuni includono l’aspirina e il clopidogrel (Plavix). Possono essere usati per prevenire l’ictus ischemico e sono particolarmente importanti nella prevenzione dell’ictus secondario. Se non hai mai avuto un ictus prima, dovresti usare l’aspirina come farmaco preventivo solo se hai un alto rischio di malattie cardiovascolari aterosclerotiche (ad esempio infarto e ictus) e un basso rischio di sanguinamento.
  • Statine. Le statine , che aiutano ad abbassare i livelli elevati di colesterolo nel sangue, sono tra i più comunemente prescritti negli Stati Uniti. Questi farmaci prevengono la produzione di un enzima che può trasformare il colesterolo in placca, la sostanza densa e appiccicosa che può accumularsi sulle pareti delle arterie e causare ictus e attacchi di cuore. Le statine comuni includono rosuvastatina (Crestor), simvastatina (Zocor) e atorvastatina (Lipitor).
  • Farmaci per la pressione sanguigna. L’ipertensione può causare la rottura di pezzi di placca nelle arterie. Questi pezzi possono bloccare le arterie, provocando un ictus. Di conseguenza, il controllo della pressione alta può aiutare a prevenire un ictus.

Il medico può prescrivere uno o più di questi farmaci per trattare o prevenire un ictus, a seconda di fattori come la tua storia di salute e i tuoi rischi.

Recupero da un ictus

L’ictus è una delle principali cause di disabilità a lungo termine negli Stati Uniti. Tuttavia, la National Stroke Association riferisce che il 10% dei sopravvissuti all’ictus ottiene un recupero quasi completo, mentre un altro 25% guarisce solo con menomazioni minori.

È importante che il recupero e la riabilitazione da un ictus inizino il prima possibile. In effetti, il recupero dell’ictus dovrebbe iniziare in ospedale. Lì, un team di assistenza può stabilizzare la tua condizione, valutare gli effetti dell’ictus, identificare i fattori sottostanti e iniziare la terapia per aiutarti a recuperare alcune delle tue capacità colpite.

Il recupero dell’ictus si concentra su quattro aree principali:

Logopedia

Un ictus può causare disturbi della parola e del linguaggio. Un logopedista lavorerà con te per imparare di nuovo a parlare. Oppure, se trovi difficile la comunicazione verbale dopo un ictus, ti aiuteranno a trovare nuovi modi di comunicazione.

Terapia cognitiva

Dopo un ictus, molti sopravvissuti hanno cambiato le loro capacità di pensiero e di ragionamento. Ciò può causare cambiamenti comportamentali e dell’umore. Un terapista occupazionale può aiutarti a recuperare i tuoi precedenti modelli di pensiero e comportamento e per controllare le tue risposte emotive.

Riapprendimento delle abilità sensoriali

Se la parte del cervello che trasmette i segnali sensoriali è interessata durante l’ictus, potresti scoprire che i tuoi sensi sono “offuscati” o non funzionano più. Ciò potrebbe significare che non senti bene le cose, come temperatura, pressione o dolore. Un terapista può aiutarti a imparare ad adattarti a questa mancanza di sensazioni.

Fisioterapia

Il tono e la forza muscolare possono essere indeboliti da un ictus e potresti scoprire di non essere in grado di muovere il tuo corpo come prima. Un fisioterapista lavorerà con te per ritrovare la forza e l’equilibrio e trovare modi per adattarsi a qualsiasi limitazione.

La riabilitazione può avvenire in una clinica di riabilitazione, in una casa di cura qualificata o nella propria casa. Ecco cosa puoi aspettarti durante un efficace processo di recupero dall’ictus.

Come prevenire un ictus

Puoi prendere provvedimenti per aiutare a prevenire l’ictus vivendo uno stile di vita sano. Ciò include le seguenti misure:

  • Smettere di fumare. Se fumi, smettere ora ridurrà il rischio di ictus.
  • Consumare alcol con moderazione. Se bevi eccessivamente, cerca di ridurre l’assunzione. Il consumo di alcol può aumentare la pressione sanguigna.
  • Ridurre il peso. Mantieni il tuo peso a un livello sano. Essere obesi o in sovrappeso aumenta il rischio di ictus. Per aiutarti a gestire il tuo peso: segui una dieta ricca di frutta e verdura, mangia cibi a basso contenuto di colesterolo, grassi trans e grassi saturi.
  • Rimanere fisicamente attivi. Questo ti aiuterà a mantenere un peso sano e ti aiuterà a ridurre la pressione sanguigna e i livelli di colesterolo.
  • Sottoporsi a controlli. Rimani al top della tua salute. Ciò significa sottoporsi a controlli regolari e rimanere in contatto con il medico. Assicurati di eseguire i seguenti passaggi per gestire la tua salute: Fai controllare il colesterolo e la pressione sanguigna, parla con il tuo medico per modificare il tuo stile di vita, discuti le tue opzioni di farmaco con il tuo medico, affronta eventuali problemi cardiaci che potresti avere. Se hai il diabete, prendi provvedimenti per gestirlo

Prendere tutte queste misure ti aiuterà a metterti in forma migliore per prevenire l’ictus.

Ictus| Gli Specialisti da Contattare

Se hai dubbi sui sintomi o necessiti di altre informazioni sull’ictus, il cardiologo ed il neurologo sono gli specialisti più appropriati per questo genere di evento, un videoconsulto cardiologico online oppure un videoconsulto neurologico on line possono essere di aiuto.

  • Consulta il cardiologo

  • Consulta il neurologo

Il Verdetto Finale

Se sospetti di avere i sintomi di un ictus, è fondamentale che tu cerchi cure mediche di emergenza. I farmaci per la coagulazione possono essere somministrati solo nelle prime ore dopo l’inizio dei segni di un ictus e il trattamento precoce è uno dei modi più efficaci per ridurre il rischio di complicanze a lungo termine e disabilità.

La prevenzione è possibile, sia che tu stia prevenendo un primo ictus o cercando di prevenire un secondo. I farmaci possono aiutare a ridurre il rischio di coaguli di sangue, che portano a ictus.

Collabora con il tuo medico per trovare una strategia di prevenzione che funzioni per te, inclusi interventi medici e cambiamenti nello stile di vita.

 

Fonte: Healthline

Vuoi collaborare all'articolo?

Vuoi apportare il tuo importante contributo all'articolo? Sentiti libero di scrivere il tuo pensiero e ne faremo tesoro.

Diventa uno 'Specialist
Articoli correlati