Quasi tutti sperimentano sonnolenza a causa della mancanza di sonno di tanto in tanto, ma l’ipersonnia (eccessiva sonnolenza) è diversa dalla privazione del sonno. Questo perché con l’ipersonnia, la necessità di dormire non sembra dipendere dalla carenza effettiva di sonno. Inoltre, la condizione non si risolve recuperando il sonno perduto.

Cos’è l’ipersonnia?

L’ipersonnia è una condizione in cui si avverte un’eccessiva sonnolenza durante il giorno. Può verificarsi anche dopo lunghi periodi di sonno. Un altro nome per l’ipersonnia è eccessiva sonnolenza diurna (EDS).

L’ipersonnia può essere una condizione primaria o secondaria. L’ipersonnia secondaria è il risultato di un’altra condizione medica. Le persone con ipersonnia hanno difficoltà a funzionare durante il giorno perché sono spesso stanche, il che può influenzare la concentrazione e il livello di energia.

Quali sono i tipi di ipersonnia?

L’ipersonnia può essere primaria o secondaria.

L’ipersonnia primaria si verifica senza altre condizioni mediche presenti. L’unico sintomo è l’eccessiva stanchezza.

L’ipersonnia secondaria è dovuta ad altre condizioni mediche. Questi possono includere apnea notturna, morbo di Parkinson, insufficienza renale e sindrome da stanchezza cronica. Queste condizioni causano un sonno scarso durante la notte, portandoti a sentirti stanco durante il giorno.

L’ipersonnia non è la stessa cosa della narcolessia, che è una condizione neurologica che provoca attacchi di sonno improvvisi e non prevenibili durante il giorno. Le persone con ipersonnia possono rimanere sveglie da sole, ma si sentono stanche.

Quali sono i sintomi dell’ipersonnia?

Se avverti un’eccessiva sonnolenza o se ti senti privato del sonno anche dopo aver dormito 10 o più ore al giorno, potresti soffrire di ipersonnia. Può iniziare durante l’infanzia, l’adolescenza o l’età adulta.

Il sintomo principale dell’ipersonnia è la stanchezza costante. Le persone con ipersonnia possono fare dei sonnellini durante il giorno senza mai alleviare la sonnolenza. Hanno anche difficoltà a svegliarsi da lunghi periodi di sonno.

Altri sintomi di ipersonnia includono:

  • bassa energia
  • irritabilità
  • ansia
  • perdita di appetito
  • pensiero o discorso lenti
  • difficoltà a ricordare
  • irrequietezza

Quali sono le cause dell’ipersonnia?

Si pensa che l’ipersonnia primaria sia causata da problemi nei sistemi cerebrali che controllano le funzioni del sonno e della veglia.

L’ipersonnia secondaria è il risultato di condizioni che causano affaticamento o sonno insufficiente. Ad esempio, l’apnea notturna può causare ipersonnia perché può causare problemi di respirazione durante la notte, costringendo le persone a svegliarsi più volte durante la notte.

Alcuni farmaci possono anche causare ipersonnia. L’uso frequente di droghe e alcol può provocare sonnolenza durante il giorno. Altre possibili cause sono la funzione tiroidea bassa e il trauma cranico.

Altre condizioni Associate all’Ipersonnia

Se stai riscontrando ipersonnia, prima che il tuo medico ti diagnostichi l’ipersonnolenza, vorrà escludere le cause più comuni di eccessiva sonnolenza diurna.

Quando non esiste una spiegazione identificata per l’eccessiva sonnolenza, viene descritta come ipersonnia idiopatica o primaria. L’ipersonnolenza, tuttavia, viene spesso confusa con altre condizioni mediche simili.

Privazione del sonno

Può essere difficile distinguere l’ipersonnolenza dalla privazione del sonno. Se non dormi bene la notte o se il tuo sonno è periodicamente interrotto, potresti non notare i brevi episodi di veglia perché generalmente durano solo secondi o minuti alla volta. Tuttavia, brevi interruzioni del sonno possono influire sul raggiungimento di un sonno ristoratore sufficiente durante la notte.

Apnea notturna

Apnea notturna significa letteralmente mancanza di respiro durante il sonno: è la causa più comune di eccessiva sonnolenza diurna. L’apnea ostruttiva del sonno è il tipo più comune di apnea del sonno. Si verifica quando le vie aeree si bloccano temporaneamente durante il sonno, interrompendo brevemente la respirazione per alcuni secondi. Questo di solito è associato all’aumento di peso e al russare. 1

L’apnea centrale del sonno è un disturbo respiratorio caratterizzato da pause nella respirazione durante il sonno. Se si verificano interruzioni della respirazione dovute all’apnea notturna ostruttiva o centrale, ti sveglierai momentaneamente più volte durante la notte, il che interferisce con la tua capacità di ottenere un sonno adeguatamente ristoratore.

Per sentirti riposato, potresti aver bisogno di dormire per un periodo di tempo più lungo o di fare dei sonnellini durante il giorno. Se non riesci a dormire di più a causa del tuo programma e dei tuoi impegni, potresti sviluppare sintomi di ipersonnia come irritabilità e difficoltà di concentrazione.

Malattia della tiroide

L’ipotiroidismo (bassi livelli di ormone tiroideo) è un’altra causa comune di sonnolenza. 1  Se si dispone di ipotiroidismo si può sperimentare ipersonnia durante il giorno, anche se ha avuto abbastanza sonno. Spesso, la diagnosi e un trattamento adeguato delle malattie della tiroide possono ridurre la sonnolenza e l’affaticamento.

Altre condizioni che vengono spesso confuse con l’ipersonnolenza includono:

  • Sindrome da stanchezza cronica (recentemente ribattezzata malattia da intolleranza allo sforzo sistemico)
  • Sindrome post-concussiva (un grave trauma cranico che può causare cambiamenti di personalità, difficoltà di concentrazione e sonnolenza)
  • Insufficienza renale (l’affaticamento può verificarsi quando i reni non rimuovono correttamente le tossine)
  • Depressione
  • Malattie cardiache o aritmia (l’apporto di ossigeno alterato ai tessuti del corpo provoca una mancanza di energia)
  • Malattia respiratoria (problemi con la funzione polmonare riducono l’apporto di ossigeno)
  • Effetti collaterali dei farmaci
  • Insonnia
  • Droga e alcol

Se soffri di insonnia o di una ridotta capacità di addormentarti durante la notte a causa di irrequietezza, ansia, jet lag, uso di caffeina o disagio fisico, questo può interferire con il sonno ristoratore durante la notte. A sua volta, questo può provocare sonnolenza diurna.

Inoltre, l’alcol e alcuni farmaci possono causare eccessiva sonnolenza. Questo può influenzare alcune persone in modo diverso rispetto ad altre. Alcuni farmaci, come la cocaina e altri stimolanti, possono indurre una persona ad essere iper-allerta, interferendo con il sonno e possibilmente causando un “crollo” di eccessiva sonnolenza una volta che il farmaco svanisce.

Chi è a rischio di ipersonnia?

Le persone con condizioni che le rendono stanche durante il giorno sono più a rischio di ipersonnia. Queste condizioni includono apnea notturna, condizioni renali, condizioni cardiache, condizioni cerebrali, depressione atipica e bassa funzione tiroidea.

La condizione sembra essere più comune tra le donne.

Anche le persone che fumano o bevono regolarmente sono a rischio di sviluppare ipersonnia. I farmaci che causano sonnolenza possono avere effetti collaterali simili all’ipersonnia.

Depressione e Ipersonnia

I disturbi del sonno sono comuni tra le persone che soffrono di depressione. Alcune persone con depressione rimbalzano avanti e indietro tra estremi di insonnia e ipersonnia, mentre altre persone con depressione sono afflitte da sonnolenza cronica. L’ipersonnia può essere un tentativo di evitare un mondo apparentemente scoraggiante.

Altre volte, la depressione può far sentire le persone fisicamente malate o deboli, causando un sonno eccessivo. Anche l’esaurimento della tristezza cronica e il senso di vuoto possono contribuire all’ipersonnia. Alcune persone con depressione dormono tutto il giorno quasi tutti i giorni, fanno molti sonnellini, vanno a letto presto o dormono troppo al mattino in modo cronico.

In alcune persone, l’ipersonnia può esacerbare i sintomi della depressione. Il sonno cronico può rendere difficile fissare appuntamenti, completare le attività quotidiane di base o trascorrere del tempo con i propri cari. Nel tempo, questo isolamento può rendere molto più difficile la fuga dalla depressione e il desiderio di continuare a dormire può aumentare.

Come viene diagnosticata l’ipersonnia?

Per diagnosticare l’ipersonnia, un medico esaminerà i sintomi e l’anamnesi. Un esame fisico può testare la vigilanza.

I medici utilizzano diversi test per diagnosticare l’ipersonnia, tra cui:

  • diario del sonno: registri i tempi di sonno e veglia durante la notte per tenere traccia dei modelli di sonno.
  • Scala della sonnolenza di Epworth: valuti la tua sonnolenza per determinare la gravità della condizione.
  • test di latenza del sonno multiplo: fai un pisolino monitorato durante il giorno. Il test misura i tipi di sonno che provi.
  • polisonnogramma: rimani in un centro del sonno durante la notte. Una macchina monitora l’attività cerebrale, i movimenti oculari, la frequenza cardiaca, i livelli di ossigeno e la funzione respiratoria.