Facebook pixel

Le Persone Religiose Stanno Meglio?La risposta della Scienza

Visualizzazioni0Voto medio0/5Condivisioni0
Le Persone Religiose Stanno Meglio?La risposta della Scienza

La storia dell’umanità, in tutte le sue tappe evolutive, è sempre stata segnata da alcuni interrogativi fondamentali: “chi siamo?”, “da dove veniamo?”, ma soprattutto: “Dio esiste?”. Numerosi filosofi e teologi hanno provato a dare delle risposte a queste domande.

Oggi, la tendenza sta cambiando. La comunità scientifica, infatti, sta spostando l’attenzione della società su un tipo diverso di domanda:

A cosa serve essere religiosi?

Eh già, perché, a quanto pare, a prescindere dall’ effettiva esistenza di un’entità superiore che avrebbe creato noi e il mondo, e, sicuramente, a prescindere dal tipo di religione in cui crediamo, secondo gli scienziati il semplice fatto di aderire ad un credo religioso può migliorare la salute psicofisica delle persone.

Quindi le persone religiose stanno meglio.

Ma perchè?

I Benefici della Religione sulla Salute Mentale

Le persone religiose stanno meglio

Si potrebbe pensare sia solo una credenza appartenente al senso comune, ma sono state fatte delle ricerche, e i dati scientifici parlano chiaro: le persone particolarmente  religiose presentano una minore probabilità di  soffrire di depressione, di commettere suicidio e, se depresse, presentano una maggiore probabilità di remissione dei sintomi  PUBMED(1).

Alcune prove scientifiche, ad esempio, hanno dimostrato come frequentare i servizi religiosi possa ridurre i livelli di stress e persino abbassare la pressione sanguigna, dato che molte funzioni religiose si basano sulla promozione di valori come l’amore, la capacità del perdono, la gratitudine e l’ottimismo – tutti aspetti associati ad una buona salute emotiva  PUBMED(2).

In effetti questa connessione tra salute mentale e credo religioso può essere facilmente spiegata attraverso fattori psicologici che, generalmente, “proteggono” dalla depressione: avere un senso di appartenenza ad una comunità (in questo caso religiosa), avere legami, e quindi una rete sociale, con persone che condividono i propri stessi valori e gli stessi ideali, partecipare ad attività sociali in maniera più o meno regolare, sono tutti fattori che sono associati ad un benessere emotivo.

Infatti, è stato scientificamente dimostrato come la presenza di un sistema di supporto sociale sia importante per il mantenimento del benessere psico-fisico  PUBMED(3). Per questo motivo, quando si abbandona un gruppo religioso particolarmente unito, per la perdita del proprio network di supporto sociale si può avvertire una riduzione dei livelli di salute.

Tutti questi dati, in sostanza, indicano che le persone religiose stanno meglio grazie al  senso di comunità,  e che, quindi, sia il sentire di avere una rete sociale a proteggere dalla depressione, piuttosto che la dottrina religiosa di per sè.

I Benefici della Religione sulla Salute Fisica

Le persone religiose stanno meglio

Le persone religiose stanno meglio persino fisicamente. Ma il motivo non è di tipo “mistico-religioso” (insomma…non è per grazia divina), anzi, le ragioni sono molto più “terrene” e possiamo facilmente immaginarcele.

Pensiamo alla prescrizione religiosa che richiede di astenersi dall’uso di quelle sostanze in grado di alterare le capacità naturali della mente. Mentre è ampiamente consentito bere del vino a tavola, molte religioni credono che un’eccessiva intossicazione da sostanze psicoattive, e in generale, assumere comportamenti che possano danneggiare il corpo, sia fondamentalmente immorale, vada contro i principi religiosi e rappresenti un modo di annebbiare la connessione tra uomo e Dio.

E anche in questo caso non si tratta solo di associazioni logiche, ma la scienza ce lo dimostra. Molti studi hanno dimostrato che, indipendentemente dal tipo di credo, una maggiore religiosità si associa ad un minore rischio di abuso di sostanze e potrebbe persino aiutare molte persone a resistere alla tentazione di consumare il cibo poco salutare. PUBMED(4)

In questo caso, la religiosità funge da potente fattore motivante, che favorisce l’adesione ad uno stile di vita sano. In assenza di una forte motivazione, può essere difficile rinunciare al consumo dell’alcol o all’abitudine di fumare. La religione, pertanto, può essere estremamente utile per fornire alle persone la necessaria forza di volontà per seguire uno stile di vita salutare.

Persino coloro che seguono una religione sporadicamente possono ottenere dei benefici per la salute fisica. Secondo uno studio condotto, le persone che seguono la religione Buddista, Mussulmana, Ebraica o Cristiana, tendono ad esibire una maggiore velocità di recupero dalle malattie o dagli incidenti  PUBMED(5) Gli autori dello studio sottolineano che non esiste alcuna differenza tra le diverse religioni, per quanto riguarda i benefici per la salute, ed evidenziano come la spiritualità possa essere un tratto di personalità importante per aiutare le  persone a gestire efficacemente lo stress e l’ansia esistenziale.

In Conclusione

Le persone religiose stanno meglio

La religione può avere un ruolo importante per il nostro benessere fisico e mentale. L’ essere religiosi ci fornisce una fortissima motivazione ad assumere comportamenti salutari, ma l’aspetto piú importante della religiosità riguarda la sua capacità di favorire una maggiore aggregazione sociale e creare una rete di supporto amicale. In breve:

Le persone tendono ad essere più sane quando sentono di essere amate.

Chiaramente, le conclusioni sono che i benefici di avere un supporto sociale non riguardano soltanto le comunità religiose. Bisogna riconoscere che l’uomo è un animale sociale e necessita dell’appoggio di altre persone per rimanere in salute. Che la rete e il supporto sociale provenga da una comunità religiosa o meno…poco importa.

Per coloro che non seguono un credo religioso, è importante ricordarsi di trovare una fonte alternativa di interconnessione con qualcosa di “piú grande”. È importante poter socializzare con le persone che possiedono una mentalità e degli obiettivi simili ai propri. Si può pensare di frequentare un gruppo sportivo, un gruppo politico, un corso di cucina oppure fare del volontariato. In questo modo si evitano sentimenti di isolamento e di ansia, e si migliora  il proprio benessere psicofisico.

 

Visualizzazioni0Voto medio0/5Condivisioni0

    Vuoi collaborare all'articolo?

    Vuoi apportare il tuo importante contributo all'articolo? Sentiti libero di scrivere il tuo pensiero e ne faremo tesoro.

    Diventa uno 'Specialist

    Articoli correlati