Facebook pixel

Miocardite

Miocardite

Panoramica

La miocardite è una malattia caratterizzata dall’infiammazione del miocardio, che è la componente muscolare del cuore. Quando questo muscolo si infiamma, la sua capacità di pompare il sangue diventa meno efficace.

Normalmente, le infiammazioni sono risposte del corpo ad un qualsiasi tipo di ferita o infezione, e questo vale anche per il cuore. Immagina quando ti tagli il dito: in breve tempo, il tessuto attorno al taglio si gonfia e diventa rosso, che sono i classici segni di infiammazione. Il sistema immunitario del tuo corpo sta producendo cellule speciali per precipitarsi sul sito della ferita e attuare riparazioni. Succede la stessa cosa al cuore infiammato.

La cosa pericolosa della miocardite è che può colpire chiunque, manifestarsi a qualsiasi età e può procedere senza mostrare alcun sintomo.

Capiamo meglio di cosa si tratta.

Miocardite primaria e miocardite secondaria

La prima grande distinzione va fatta tra miocardite primaria e miocardite secondaria. La miocardite primaria è causata da un’infezione di tipo virale acuta o da una risposta autoimmune conseguente all’esposizione del virus.

Un’infezione virale sembra essere la causa più plausibile delle cosiddette “miocarditi idiopatiche”, così definite poiché generalmente il paziente arriva all’osservazione dello specialista solo dopo diverse settimane dall’infezione, fase in cui il suo sistema immunitario ha già rimosso ogni residuo del virus.

La miocardite secondaria, invece, è data da un’infiammazione del miocardio conseguente all’azione di determinati agenti patogeni come ad esempio batteri, funghi, spirochete, sostanze esogene o agenti fisici, farmaci, malattie autoimmuni.

Quali sono le cause della miocardite?

In molti casi, la causa esatta della miocardite non viene trovata. Quando viene trovata la causa della miocardite, di solito è un’infezione che si è fatta strada nel muscolo cardiaco, come un’infezione virale (la più comune) o un’infezione batterica, parassitaria o fungina.

Mentre l’infezione cerca di prendere piede, il sistema immunitario reagisce, cercando di sbarazzarsi della malattia. Ciò si traduce in una risposta infiammatoria che può indebolire il tessuto muscolare cardiaco. Alcune malattie autoimmuni, come il lupus ( LES ), possono far ruotare il sistema immunitario contro il cuore, provocando infiammazione e danno miocardico.

Spesso è difficile determinare esattamente cosa sta causando la miocardite, ma i potenziali colpevoli includono le seguenti cause.

Virus

Secondo la Myocarditis Foundation, i virus sono una delle cause più comuni di miocardite infettiva. I virus più comuni che causano la miocardite includono il Coxsackievirus gruppo B (un enterovirus), l’herpes virus umano 6 e il Parvovirus B19 (che causa la quinta malattia ).

Altre possibilità includono gli echovirus (noti per causare infezioni gastrointestinali), il virus Epstein-Barr (causa la mononucleosi infettiva) e il virus della rosolia (causa il morbillo tedesco).

Batteri

La miocardite può anche derivare da un’infezione da Staphylococcus aureus o Corynebacterium diptheriae. Lo Staphylococcus aureus è il batterio che può causare impetigine ed essere un ceppo resistente alla meticillina (MRSA). Il Corynebacterium diptheriae è il batterio che causa la difterite , un’infezione acuta che distrugge le tonsille e le cellule della gola.

Fungo

Infezioni da lieviti, muffe e altri funghi a volte possono causare miocardite.

Parassiti

I parassiti sono microrganismi che vivono di altri organismi per sopravvivere. Possono anche causare miocardite. Questo è raro negli Stati Uniti ma più comunemente visto in Centro e Sud America (dove il parassita Trypanosoma cruzi causa una condizione nota come malattia di Chagas).

Malattie autoimmuni

Anche le malattie autoimmuni che causano infiammazione in altre parti del corpo, come l’artrite reumatoide o il LES, a volte possono causare miocardite.

Classificazione di miocardite

Per la miocardite primaria è stata presentata una classificazione che prevede la suddivisione in:

  • Miocardite fulminante
  • Miocardite subacuta
  • Miocardite cronica attiva
  • Miocardite cronica persistente

I pazienti che rientrano nella classificazione di miocardite fulminante hanno generalmente già superato una fase di infezione locale virale ben distinta. A qualche giorno di distanza presentano grave disfunzione del ventricolo sinistro che appare ispessito, fino allo shock cardiogeno con necessità di supporto amminico e di ventilazione meccanica.

La prognosi non lascia indecisioni: il paziente o muore entro le due settimane o recupera completamente con una risoluzione totale e ripristino della normale attività (e dimensione) cardiaca valutata nel corso del follow-up.

I pazienti con miocardite subacuta invece non presentano nessun’infezione virale ben identificata prima dell’esordio. Mostrano una disfunzione ventricolare grave e il loro recupero è parziale. Non di rado sviluppano una miocardiopatia dilatativa che secondo alcuni ricercatori può derivare dalla persistenza subdola del virus.

I pazienti con una forma di miocardite cronica attiva presentano un esordio latente come quello della miocardite subacuta, mostrano una disfunzione lieve e lieve anche la dilatazione del ventricolo sinistro. Con il passare del tempo, questi pazienti però sviluppano una miocardiopatia restrittiva non dilatativa data da un quadro infiammatorio assiduo.

La miocardite cronica persistente non ha un esordio chiaro e di solito i pazienti hanno un’anamnesi positiva per disturbi cardiaci che si protraggono da diversi mesi o anni. La sintomatologia continua non è correlata ad un quadro di scompenso cardiaco e non presentano disfunzione ventricolare sinistra nonostante l’infiammazione attiva. È per questo che generalmente vengono sottoposti a biopsia.

I sintomi di miocardite lieve

Spesso assomigliano a quei sintomi che si potrebbero provare con l’influenza, come ad esempio:

  • fatica
  • fiato corto
  • febbre e mal di gola
  • dolori articolari
  • gonfiore degli arti inferiori
  • sensazione di dolore al petto

I sintomi di miocardite grave

mostrano già un processo di infiammazione avanzato ed importante includono:

  • dolore al petto
  • mancanza di respiro
  • battiti irregolari ed accelerati
  • insufficienza cardiaca

L’evoluzione della miocardite

Molte volte, la miocardite può regredire da sola senza trattamento, proprio come un taglio sul dito alla fine guarisce. Ma spesso il segno rimane ed i danni eventuali al miocardio possono manifestarsi col tempo.

In base alla causa dell’infezione e dallo stato di salute generale di chi ne è colpito: in alcuni casi si può guarire completamente, in altri lo scompenso può cronicizzare.

Fra le altre possibili complicazioni sono inclusi lo sviluppo di cardiomiopatie e l’estensione dell’infiammazione al pericardio con conseguente pericardite.

In casi estremi, può causare coaguli di sangue che portano a un infarto o ictus.

Come viene diagnosticata la miocardite?

Sebbene la miocardite possa essere difficile da diagnosticare, il medico può utilizzare diversi test per restringere la fonte dei sintomi. Questi test includono:

  • analisi del sangue: per verificare la presenza di segni di infezione o fonti di infiammazione
  • radiografia del torace: per mostrare l’anatomia del torace e potenziali segni di insufficienza cardiaca
  • elettrocardiogramma (ECG): per rilevare frequenze e ritmi cardiaci anormali che possono indicare un muscolo cardiaco danneggiato
  • ecocardiogramma: per aiutare a rilevare problemi strutturali o funzionali nel cuore e nei vasi adiacenti
  • biopsia miocardica (prelievo di tessuto muscolare cardiaco): in alcuni casi, può essere eseguita durante un cateterismo cardiaco per consentire al medico di esaminare un piccolo pezzo di tessuto muscolare dal cuore

Cosa fare

Se c’è un sospetto di miocardite bisogna diagnosticarla precocemente, in quanto, almeno nelle fasi iniziali, può sortire effetto una terapia con antinfiammatori, antibiotici ed anche cortisone se necessario, e farmaci atti a trattare lo scompenso cardiaco se già presente.

La terapia, se presa in tempo, può fare regredire il danno miocardico e lo scompenso.

Quindi, in presenza di un sospetto di miocardite, sarebbe opportuno prenotare una visita da un cardiologo.

Come viene trattata la miocardite?

Il trattamento per la miocardite può includere:

  • terapia con corticosteroidi (per aiutare a ridurre l’infiammazione)
  • farmaci cardiaci, come un beta-bloccante, un ACE inibitore o un ARB
  • cambiamenti comportamentali, come riposo, restrizione di liquidi e una dieta a basso contenuto di sale
  • terapia diuretica per trattare il sovraccarico di liquidi
  • terapia antibiotica

Il trattamento dipende dalla fonte e dalla gravità dell’infiammazione miocardica. In molti casi, questo migliora con misure adeguate e ti riprenderai completamente.

Se la miocardite persiste, il medico può prescriverti un corticosteroide per ridurre l’infiammazione. Probabilmente consiglieranno anche riposo, restrizione di liquidi e una dieta a basso contenuto di sale. La terapia antibiotica può aiutare a trattare l’infezione se si soffre di miocardite batterica. La terapia diuretica può essere prescritta per rimuovere il fluido in eccesso dal corpo. Il medico può anche prescrivere farmaci che aiutano il cuore a lavorare più facilmente.

Quasi tutti questi trattamenti lavorano per alleviare il carico di lavoro sul cuore in modo che possa guarire da solo.

Se il cuore sta cedendo, altre procedure più invasive possono essere eseguite in ospedale. Potrebbe essere necessario l’impianto di un pacemaker e/o di un defibrillatore. Quando il cuore è estremamente danneggiato, i medici possono raccomandare un trapianto di cuore.

Qualora la compromissione cardiaca fosse molto rilevante è necessario ricoverare il paziente in ambiente ospedaliero e somministrare la terapia dello scompenso cardiaco. Nelle forme più gravi si impongono la degenza in terapia intensiva e i trattamenti farmacologici e meccanici del caso (inclusi il posizionamento di un pace-maker temporaneo o definitivo e l’impiego di un defibrillatore).

Prevenzione

La vaccinazione antinfluenzale può ridurre la comparsa di infezione virale o ne riduce l’intensità, è perciò importante soprattutto negli anziani e nei pazienti affetti da malattie croniche, come diabete o  insufficienza renale.

Miocardite: La storia di Sofia

miocardite

Una giocatrice di calcio e basket di talento, Sophia, 10 anni, lamenta improvvisamente dolori al petto e un battito cardiaco accelerato.

Qualche istante dopo, Sophia va in pieno arresto cardiaco. Con mamma Carole e papà Michael che guardano scioccati, i dottori Aziz e Boyle eseguono immediatamente la rianimazione cardiopolmonare (CPR). Sofia sopravvive.

I medici del pronto soccorso intuiscono che probabilmente ha contratto una forma di miocardite, un’infiammazione del muscolo cardiaco solitamente causata da un’infezione virale, come l’influenza. Ulteriori test e biopsie cardiache confermano presto la sua gravità.

“Sophia ha dimostrato in quel momento, e continua a dimostrare, di essere un’anima speciale”, ha osservato il dottor Boyle. “Non si è mai lasciata definire dalla malattia. Fin dall’inizio, era determinata a tornare a fare sport “.

Secondo il dottor Boyle, Sophia è andata di nuovo in arresto cardiaco quel fatidico giorno (ed è stata nuovamente rianimata) mentre aspettava di essere sottoposta all’ossigenazione extracorporea della membrana venoarteriosa (ECMO), un dispositivo a misura di stanza che spesso funge da ponte per i pazienti in attesa di cuore o trapianti di polmone.

miocardite

E’ stato a questo punto che ulteriori test hanno confermato l’ipotesi iniziale: Sophia ha una forma della malattia chiamata miocardite fulminante, che in genere si traduce in morte improvvisa o si risolve da sola in pochi giorni. Fortunatamente, Sophia ha avuto quest’ultimo risultato. Era fuori dall’ECMO dopo cinque giorni ed è stata dimessa subito dopo, tornando a casa con i suoi genitori e due fratelli maggiori, John e Catie.

Per la sua tenacia nel superare le sue gravi condizioni cardiache e tornare allo stato atletico di livello elitario, Sophia, che ora ha 15 anni, è stata nominata vincitrice del Cleveland Clinic Sports Health Courage Award . Conferito ogni anno dalla Greater Cleveland Sports Commission in collaborazione con Cleveland Clinic Sports Health, il premio onora uno studente atleta che ha affrontato una sfida medica nella sua vita e ha affrontato la situazione con coraggio e determinazione per rimettersi in gioco.

miocardite
Sophia, mesi dopo essere stata dimessa, viene sottoposta a test per assicurarsi che sia abbastanza sana da cavalcare sulle montagne russe con la sua famiglia durante le vacanze

“Non mi è mai passato per la mente che non sarei stata in grado di suonare di nuovo”, ha detto Sophia, una matricola alla Lake Catholic High School nella sua città natale di Mentor, Ohio. “Quando le persone scoprono cosa è successo, rimangono un po ‘scioccate dal fatto che sto bene ora. Immagino che il mio caso fosse molto fuori dall’ordinario.

La ripresa è stata senza dubbio lunga e faticosa. All’inizio estremamente debole per gli effetti del virus e dei suoi eventi cardiaci, Sofia ha sopportato mesi di riabilitazione fisica.

“A volte, anche senza sforzarsi, il cuore di Sophia batteva all’impazzata”, ricorda Michael. “Ogni volta che non si sentiva del tutto a posto, le misuravamo i battiti del polso. La preoccupazione era costante”.

Alla fine, con l’aiuto dei farmaci (che ora non deve più prendere), gli episodi cardiaci sono diminuiti e alla fine si sono fermati. Sophia è guarita completamente ed è tornata agli sport che ama.

Miocardite | Lo specialista da contattare

La diagnosi precoce può rivelarsi utile. In presenza di sospetti, quindi, è utile ribadirlo, sarebbe il caso di rivolgersi ad un cardiologo. Sebbene la miocardite possa essere difficile da diagnosticare, il cardiolgo, dopo la visita cardiologica  può utilizzare diversi esami per giungere ad una diagnosi: elettrocardiogramma, ecocardiogramma, analisi del sangue, radiografia del torace.

  • Prenota una visita con il cardiologo

 

Fonte: Healthline

 

Vuoi collaborare all'articolo?

Vuoi apportare il tuo importante contributo all'articolo? Sentiti libero di scrivere il tuo pensiero e ne faremo tesoro.

Diventa uno 'Specialist
Articoli correlati