L’obesità è una vera e propria malattia che può portare a serie complicazioni per la salute. Dieta scorretta, stile di vita sedentario e genetica sono i principali fattori che aumentano il rischio di obesità.
Tuttavia, non bisogna trascurare il ruolo dei fattori psicologici nel comportamento alimentare. Molto spesso le scorrette abitudini alimentari possono essere un modo per gestire conflitti e disagi emotivi, problemi relazionali in famiglia e altre condizioni di sofferenza psicologica.

Cos’è l’obesità?

L’indice di massa corporea (BMI) è un calcolo che prende in considerazione il peso e l’altezza di una persona per misurare le dimensioni del corpo.

Negli adulti, l’obesità è definita come avente un BMI di30.0 o più.

L’obesità è associata a un rischio più elevato di malattie gravi, come il diabete di tipo 2, malattie cardiache e cancro.

Ma il BMI non è tutto. Fattori come età, sesso, etnia e massa muscolare possono influenzare la relazione tra BMI e grasso corporeo. Inoltre, l’IMC non distingue tra massa grassa, muscolare o ossea in eccesso, né fornisce alcuna indicazione sulla distribuzione del grasso tra gli individui.

Nonostante queste limitazioni, il BMI continua ad essere ampiamente utilizzato come metodo per misurare le dimensioni del corpo.

 

Cosa causa l’obesità?

Mangiare più calorie di quelle che si bruciano nell’attività quotidiana e nell’esercizio fisico, a lungo termine, può portare all’obesità. Nel tempo, queste calorie extra si sommano e causano un aumento di peso.

Ma non si tratta sempre solo di calorie dentro e fuori o di avere uno stile di vita sedentario. Sebbene queste siano effettivamente cause dell’obesità, alcune cause non possono essere controllate.

Le cause specifiche comuni dell’obesità includono:

  • genetica, che può influenzare il modo in cui il corpo trasforma il cibo in energia e il modo in cui il grasso viene immagazzinato
  • invecchiamento, che può portare a una minore massa muscolare e un tasso metabolico più lento, rendendo più facile aumentare di peso
  • non dormire abbastanza, il che può portare a cambiamenti ormonali che ti fanno sentire più affamato e bramano determinati cibi ipercalorici
  • gravidanza, poiché il peso acquisito durante la gravidanza può essere difficile da perdere e potrebbe alla fine portare all’obesità

Alcune condizioni di salute possono anche portare ad un aumento di peso, che può portare all’obesità. Questi includono:

  • sindrome dell’ovaio policistico (PCOS), una condizione che causa uno squilibrio degli ormoni riproduttivi femminili
  • Sindrome di Prader-Willi, una rara condizione presente alla nascita che causa una fame eccessiva
  • Sindrome di Cushing , una condizione causata dall’avere livelli elevati di cortisolo (l’ormone dello stress) nel sistema
  • ipo tiroidismo(tiroide ipoattiva), una condizione in cui la ghiandola tiroidea non produce una quantità sufficiente di alcuni importanti ormoni
  • artrosi (OA) e altre condizioni che causano dolore che possono portare a una riduzione dell’attività

Fattori psicologici

Gli psicologi affrontano l’obesità considerando le persone nel contesto in cui vivono, l’influenza della rete sociale, delle norme e del contesto culturali, nonché il ruolo dei fattori fisiologici. In termini generali, questo è indicato come il “Modello biopsicosociale” . Solo un approccio biopsicosociale può spiegare il fatto che sia l’individuo che l’ambiente hanno entrambi un ruolo importante nello sviluppo dell’obesità e si influenzano a vicenda.

Ci sono anche una serie di influenze cognitive, comportamentali ed emotive che determinano comportamenti alimentari  associati allo sviluppo dell’obesità.

Comportamento alimentare

Le preferenze alimentari giocano un ruolo importante nel determinare quali alimenti le persone scelgono di acquistare e consumare.  Le preferenze alimentari iniziano a svilupparsi all’inizio della vita e mostrano una notevole stabilità dall’infanzia all’età adulta.

Ciò sottolinea l’importanza di educare i bambini sin dalla tenera età alla corretta alimentazione.

La Fame “Emotiva”

Cibo ed emozioni sono legati. Le persone usano il cibo per rispondere alle emozioni (sia quelle positive che quelle negative). Tuttavia, mangiare in risposta alle emozioni può diventare problematico quando è frequente e
regolare. L’ipotesi del mascheramento suggerisce che gli individui tentano di mascherare le emozioni negative mangiando troppo per aumentare l’umore, il comfort e la distrazione. Ciò è particolarmente vero per
coloro che tentano di limitare la propria alimentazione attraverso comportamenti dietetici (restrizioni dietetiche).
Inoltre, la teoria della fuga suggerisce che il binge eating è una forma di evasione dal disagio emotivo e dalla percezione negative di sè.

Obesità e Depressione

La depressione a volte può portare ad un aumento di peso, poiché alcune persone possono rivolgersi al cibo per il comfort emotivo. Alcuni antidepressivi possono anche aumentare il rischio di aumento di peso.

L’impatto degli Eventi di Vita Avversi

Esperienze infantili avverse (ACE) come abusi, un genitore o un caregiver che sperimenta stress, malattie mentali, traumi e conflitti familiari sono stati tutti associati a comportamenti che sono noti per essere correlati all’aumento di peso. Le avversità sono associate ad un aumentato rischio di sviluppare l’obesità a causa della attivazione cronica del sistema di risposta allo stress.
I percorsi causali tra le avversità nell’infanzia e l’eccessivo aumento di peso sono complessi. Riflettono le influenze reciproche tra il modo in cui i genitori e gli assistenti nutrono i propri figli, come i bambini rispondono a tale alimentazione, così come a vari fattori sociali e culturali che ne derivano.
Le avversità psicologiche durante l’infanzia sono una causa comune di una serie di disturbi emotivi e difficoltà comportamentali nell’adolescenza e nell’età adulta, alcune delle quali possono influenzare il peso.
Esperienze di stress in età adulta, come l’insicurezza finanziaria o problemi psicologici, sono state ugualmente collegate ad un aumento del rischio di obesità.

Come viene diagnosticata l’obesità?

L’IMC è un calcolo approssimativo del peso di una persona in relazione alla sua altezza.

Altre misure più accurate del grasso corporeo e della distribuzione del grasso corporeo includono:

  • test di spessore delle pliche cutanee
  • confronti dalla vita ai fianchi
  • test di screening, come ultrasuoni , scansioni TC e scansioni MRI

Il medico può anche ordinare alcuni test per diagnosticare i rischi per la salute legati all’obesità. Questi possono includere:

  • esami del sangue per esaminare i livelli di colesterolo e glucosio
  • test di funzionalità epatica
  • uno screening del diabete
  • test della tiroide
  • test cardiaci, come un elettrocardiogramma (ECG o EKG)

Una misurazione del grasso intorno alla vita è anche un buon predittore del rischio di malattie legate all’obesità.

Quali sono le complicazioni dell’obesità?

Avere un alto rapporto tra grasso corporeo e muscoli mette a dura prova le ossa e gli organi interni. Aumenta anche l’ infiammazione nel corpo, che si pensa sia un fattore di rischio per il cancro. L’obesità è anche un importante fattore di rischio per il diabete di tipo 2.

L’obesità è stata collegata a una serie di complicazioni di salute , alcune delle quali possono essere pericolose per la vita se non trattate:

  • diabete di tipo 2
  • cardiopatia
  • ipertensione
  • alcuni tipi di cancro ( mammella , colon e endometriale )
  • colpo
  • malattia della cistifellea
  • malattia del fegato grasso
  • colesterolo alto
  • apnea notturna e altri problemi respiratori
  • artrite
  • infertilità

A Chi Rivolgersi

Se hai l’obesità e non sei riuscito a perdere peso da solo, devi richiedere l’assistenza medica. Gli specialisti che si occupano di obesità comprendono:

  • L’Endocrinologo
  • Dietologo
  • Auxologo
  • Psicoterapeuta Cognitivo-Comportamentale
  • Psicoterapeuta Sistemico-Relazionale

In alcuni casi, il trattamento dell’obesità comprende anche farmaci da prescrizione volti ad abbassare l’appetito e / o la chirurgia bariatrica come il bypass gastrico.

 

Il Verdetto Finale

L’obesità è una patologia complessa, in cui interagiscono fattori psicologici, abitudini di vita e fattori organici. Il migliore trattamento dell’obesità prevede un approccio integrato. Specialisti in endocrinologia e dietologia possono essere utili per affrontare possibili cause organiche dell’obesità mentre un percorso di psicoterapia può correggere abitudini alimentari scorrette e affrontare le cause emotive coinvolte nel disturbo alimentare.

 

 

 

Fonti:

 

  1. Jameson JL, et al., eds. Pathobiology of obesity. In: Harrison’s Principles of Internal Medicine. 20th ed. New York, N.Y.: The McGraw-Hill Companies; 2018. https://accessmedicine.mhmedical.com. Accessed March 6, 2019.
  2. Jameson JL, et al., eds. Evaluation and management of obesity. In: Harrison’s Principles of Internal Medicine. 20th ed. New York, N.Y.: The McGraw-Hill Companies; 2018. https://accessmedicine.mhmedical.com. Accessed March 6, 2019.
  3. Usatine RP, et al., eds. Obesity. In: The Color Atlas and Synopsis of Family Medicine. 3rd ed. New York, N.Y.: McGraw-Hill Education; 2019. https://accessmedicine.mhmedical.com. Accessed March 6, 2019.
  4. McKean SC, et al., eds. Surgical management of obesity. In: Principles and Practice of Hospital Medicine. 2nd ed. New York, N.Y.: McGraw-Hill Education; 2017. https://accessmedicine.mhmedical.com. Accessed March 6, 2019.
  5. Perreault L, et al. Obesity in adults: Prevalence, screening, and evaluation. https://www.uptodate.com/contents/search. Accessed March 6, 2019.
  6. Perreault L, et al. Obesity in adults: Overview of management. https://www.uptodate.com/contents/search. Accessed March 6, 2019.
  7. Melmed S, et al. Obesity. In: Williams Textbook of Endocrinology. 13th ed. Philadelphia, Pa.: Elsevier; 2016. https://www.clinicalkey.com. Accessed March 6, 2019.
  8. Vagal blocking therapy for obesity. American Society for Metabolic and Bariatric Surgery. https://asmbs.org/resources/vagal-blocking-therapy-for-obesity. Accessed April 19, 2019.
  9. Acosta AJ (expert opinion). Mayo Clinic, Rochester, Minn. May 5, 2019.
    Losing weight. Centers for Disease Control and Prevention. https://www.cdc.gov/healthyweight/losing_weight/index.html. Accessed June 14, 2019.
  10. About adult BMI. Centers for Disease Control and Prevention. https://www.cdc.gov/healthyweight/assessing/bmi/adult_bmi/index.html#Interpreted. Accessed July 25, 2019.
  11. Coronavirus disease 2019 (COVID-19): People with certain medical conditions. Centers for Disease Control and Prevention. https://www.cdc.gov/coronavirus/2019-ncov/need-extra-precautions/people-with-medical-conditions.html. Accessed Nov. 16, 2020.