I nostri anni dell’adolescenza sono i più noti per essere il momento in cui scopriamo parti importanti della nostra identità come la sessualità, ma mettere in discussione il proprio orientamento sessuale può effettivamente verificarsi a qualsiasi età.

Non solo è comune per molte persone essere maggiormente in grado di conoscere la propria identità in età adulta, quando non sono più fortemente influenzate dagli sbalzi d’umore e dai drammi indotti dagli ormoni , ma anche la sessualità può cambiare con l’età.

Uno studio 1 che ha esaminato gli orientamenti sessuali delle persone dall’adolescenza alla prima età adulta ha mostrato che i cambiamenti si sono verificati per tutta la durata, osservando che “Cambiamenti sostanziali erano comuni non solo dalla tarda adolescenza ai primi anni ’20, ma anche dai primi anni ’20 alla fine degli anni ’20, indicando che lo sviluppo dell’orientamento sessuale continua per tutta l’età adulta emergente”.

Le identità più conosciute: LGBTQIA+

Non importa che età hai, o quale sia la tua relazione e il tuo background sessuale, va benissimo che tu approfondisca ulteriormente la comprensione del tuo orientamento. Per aiutarti a capire meglio cosa potresti provare, abbiamo analizzato le varie identità sessuali conosciute, insieme a come trovare le risorse che possono guidarti al meglio attraverso la scoperta di te stesso.

Ci sono più opzioni per quanto riguarda l’orientamento sessuale rispetto a quelle rappresentate nell’acronimo LGBTQIA, ma quel termine è il più noto. Ecco cosa significano le parole in quell’acronimo.

 Lesbica

Una lesbica è una donna che è attratta da persone del suo stesso sesso. Di solito, le persone che si identificano come lesbiche non collaborano con persone diverse dalle donne. Il Centro nazionale per i diritti delle lesbiche lavora per promuovere i diritti delle lesbiche e di altre persone emarginate.

 Gay

Una persona gay è qualcuno che è attratto da persone dello stesso sesso e il termine è spesso usato per descrivere gli uomini che sono attratti da altri uomini. Tuttavia, le donne possono identificarsi come gay invece o in aggiunta a identificarsi come lesbiche.

 Bisessuale

Chi è bisessuale è attratto da più di un genere. Prima dell’uscita del ” Manifesto Bisessuale ” nel 1990, si pensava spesso che le persone bisessuali fossero attratte solo da uomini e donne cis.

Tuttavia, da allora il termine è arrivato a includere le persone che sono attratte da più di un genere, punto. Se qualcuno pensa di essere bisessuale ma non è ancora sicuro, potrebbe identificarsi come bi-curioso.

Transgender

Una persona trans, o transgender, è qualcuno la cui identità di genere è diversa dal sesso a cui è stata assegnata alla nascita. L’identità di genere non è la stessa cosa dell’orientamento sessuale.

A causa della sovrapposizione dei due argomenti, però, in particolare per quanto riguarda la lotta per i diritti umani in quanto persone emarginate, l’etichetta transgender è inclusa in LGBTQIA+. Anche le identità non binarie e genderqueer rientrano in questo ombrello.

Queer

Queer è un termine generico per chiunque non sia eterosessuale. Essere queer significa che una persona non è etero, ma non fornisce alcun dettaglio su chi è o non è attratta. Sebbene la parola queer fosse usata una volta come un insulto, è stata reclamata negli ultimi anni da molti nella comunità LGBTQIA+.

Intersessuale

Le persone intersessuali sono nate con corpi che non si adattano completamente al binario di genere maschile/femminile. Proprio come l’etichetta transgender, l’intersessualità non è un’identità sessuale.

Il termine viene inserito con gli orientamenti sessuali per lo stesso motivo per cui viene inserito il transgender, perché la difesa è necessaria per questo gruppo emarginato.

Asessuale

L’asessualità è il termine per una persona che non prova attrazione sessuale per altre persone. È considerato uno spettro, il che significa che alcune persone asessuali sperimenteranno più attrazione di altre, ma essere nello spettro asessuale implica che l’attrazione sessuale non è una parte tipica della tua vita quotidiana.

Più (+)

Il simbolo + alla fine di LGBTQIA indica che ci sono più identità oltre a quelle in quell’acronimo. Diamo un’occhiata a cosa sono.

Altri orientamenti sessuali

Per alcune persone, nessuno dei termini in LGBTQIA descrive accuratamente la propria sessualità. Queste sono alcune identità meno conosciute, ma ugualmente reali.

Pansessuale

La persona pansessuale è attratta da tutti i sessi di persone. Potrebbe sembrare simile al bisessuale, ma è diverso. Ad esempio, qualcuno che si identifica come bisessuale non è necessariamente attratto da tutti i sessi delle persone (solo perché è attratto da più di un genere). Al contrario, una persona pansessuale potrebbe essere attratta da chiunque, indipendentemente dal sesso.

Demisessuale

Una persona che diventa attratta da altre persone solo dopo aver formato un legame emotivo può essere descritta come demisessuale. Simile alle persone asessuali e pansessuali, un individuo demisessuale potrebbe essere di qualsiasi genere.

Sapiosessuale

Il cervello conta più della bellezza fisica per alcune persone quando si tratta di attrazione. Per quegli individui, la chimica intellettuale è fondamentale e la loro attrazione per gli altri è più incentrata su questo che sulla fisicità. Le persone la cui attrazione per gli altri si basa sull’intelletto si identificano come sapiosessuali.

Skoliosessuale

Questo nuovo termine si riferisce a coloro che di solito sono attratti da persone che cadono al di fuori del tipico binario di genere. Ciò significa che le persone trans, non binarie o genderqueer possono essere quelle da cui una persona skoliosessuale è generalmente attratta.

Attrazione romantica contro attrazione sessuale

Quando si parla di orientamento sessuale, a volte entra in gioco la distinzione tra attrazione romantica e attrazione sessuale.

È bene capire le differenze tra loro perché anche se tendono ad andare insieme, nel senso che di solito le persone vogliono relazioni romantiche con lo stesso sesso genere delle persone da cui sono sessualmente attratte, ci sono alcuni individui per i quali i due mondi sono separati.

Una persona può essere sessualmente attratta da un genere ma non apprezzare il modo in cui si svolgono le relazioni con loro, oppure può apprezzare la dinamica della relazione con un certo genere ma non godere degli atti sessuali con loro.

Fluidità

L’orientamento sessuale può cambiare in qualsiasi momento della tua vita. Se stai sperimentando un cambiamento nelle tue attrazioni, la tua sessualità potrebbe cambiare. Non c’è niente di sbagliato in questo. Per prima cosa, invecchiando impariamo a conoscerci meglio e potremmo essere in grado di riconoscere aspetti di noi stessi che prima non conoscevamo.

Inoltre, con l’avanzare dell’età le nostre priorità cambiano. Ciò che una volta trovavi attraente negli altri potrebbe ora essere scoraggiante. Per alcune persone, la loro sessualità non smette mai di cambiare. Quelle persone potrebbero considerarsi sessualmente fluide per tutta la vita.

Passi da compiere per discernere la tua identità

Se stai mettendo in dubbio il tuo orientamento sessuale, ci sono una serie di esercizi emotivi facili che puoi condurre per comprendere meglio te stesso e la tua attrazione a un livello più profondo. Inizia ponendoti queste domande:

  1.  Quali immagini ti risuonano: quando vedi foto di coppie o famiglie, quali ti toccano le corde del cuore o la tua libido? Provi sentimenti di invidia o di speranza quando vedi coppie dello stesso sesso?
  2. Cosa c’è nella tua immaginazione: quando chiudi gli occhi e immagini il tuo partner perfetto, è di un genere specifico?
  3. Separa il dogma che hai imparato dal tuo vero io: mentre attraversiamo la vita, assorbiamo molte ideologie su ciò che è “giusto” o “buono”. Se ti concentri sul toglierli di mezzo, la tua idea di chi sei attratto cambia?

Risorse per aiutarti a capire il tuo orientamento sessuale

Non importa quello che stai vivendo in relazione alla tua sessualità, non c’è bisogno di affrontarlo da solo. Mettere in discussione la tua sessualità è un’attività perfettamente sana e parlarne con altre persone può aiutarti a risolverla in modo più efficace.

Se ti senti a tuo agio nel discutere il problema con una persona cara, solleva l’argomento con loro. Scegli un amico o un familiare di cui sai di poterti fidare, che non abbia tendenze omofobe e che abbia in mente il tuo interesse.

Condividi i tuoi sentimenti con loro, facendogli sapere che non sei sicuro del tuo orientamento. Non sentirti obbligato ad abbandonare la conversazione con un’etichetta: hai tutto il tempo che vuoi per capirlo, se mai ne hai bisogno.

Se parlare con una persona cara non è sufficiente, considera di parlare con un professionista. Se hai ventitré anni o meno, la LGBT Youth Hotline offre supporto telefonico riservato e gratuito; se sei più grande, anche il Centro assistenza nazionale LGBT ha una hotline. Inoltre, puoi parlare con un terapista e la maggior parte delle principali città ha centri LGBTQ, molti dei quali hanno gruppi di supporto gratuiti.

Il Verdetto Finale

Mettere in discussione la propria sessualità può accadere a qualsiasi età. Esistono molte identità sessuali diverse e trovare quella più adatta a te potrebbe richiedere del tempo. La tua identità potrebbe anche cambiare nel tempo durante la tua vita.

Ci sono molte risorse per aiutarti a capire il tuo orientamento, da organizzazioni dedicate a identità specifiche a call center specializzati che offrono aiuto per qualsiasi domanda tu possa avere.

Prenditi il tuo tempo e richiedi tutto il sostegno possibile nel viaggio verso la scoperta di te stesso.

  • Consulta uno psicologo

Fonti:

  1. VeryWellMind
  2. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/31030560/