La formazione dei genitori o la terapia dei genitori o Parent Management Training è un’area in crescita di intervento psicologico per i genitori i cui figli sono stati diagnosticati con determinati disturbi mentali e comportamentali.

La PMT  è un approccio terapeutico basato sull’evidenza che fornisce ai genitori strumenti pratici per la gestione di bambini che manifestano comportamenti problema o elevata aggressività.

Cos’è il Parent Training?

Il Parent Training (PT) è un programma progettato per aiutare i genitori a sviluppare le competenze necessarie per gestire il comportamento e lo sviluppo dei propri figli. Le tecniche apprese in PT consentono ai genitori di identificare, definire e rispondere correttamente a comportamenti infantili disfunzionali e problematici.

La Storia del Parent Training

La PMT è iniziata negli anni ’60. La PMT è nata in parte dall’idea che i genitori, anche senza una formazione professionale, possono influenzare i comportamenti dei loro figli e aiutare i loro figli a superare le sfide e ad apprendere nuove abilità.

La PMT si è concentrata sul condizionamento operante e su come questo concetto si applica alla vita di tutti i giorni piuttosto che sul semplice trattamento di un bambino in un ambiente clinico.

PMT è stato fortemente influenzato dal lavoro di Gerald Patterson. Era interessato all’analisi del comportamento applicata, alla raccolta di dati e ai bambini con comportamenti aggressivi. Ha esaminato in particolare il concetto di coercizione.

La coercizione si riferisce a un particolare stile di interazione tra un genitore e un bambino. Questa interazione include una sequenza di comportamenti tra entrambi gli individui (azioni e reazioni) che aumentano la frequenza e l’intensità dei comportamenti aggressivi.

Ciò è stato rivoluzionario per le interazioni genitore-figlio e per comprendere come la natura dinamica di questa relazione possa essere influenzata positivamente e negativamente per migliorare o peggiorare la qualità della relazione, nonché i comportamenti effettivi.

Sia l’ABA che il PMT considerano come il rinforzo negativo svolga un ruolo nel mantenimento di comportamenti aggressivi per alcuni individui.

I 4 Principi del Parent Training

Sebbene il PMT sia un intervento complesso, si basa su quattro idee fondamentali:

  1. La PMT si basa su una visione concettuale specifica di come migliorare i comportamenti e le abilità nell’area del funzionamento sociale, emotivo e comportamentale.
  2. La PMT include un insieme di principi e strategie (tecniche di trattamento) che tengono conto del funzionamento umano e della relazione genitori-figli.
  3. Il PMT incorpora metodi di insegnamento attivo per aiutare i genitori ad apprendere abilità specifiche che li aiuteranno a migliorare i comportamenti e il funzionamento dei loro figli. Le strategie includono la pratica, il gioco di ruolo e altri metodi attivi.
  4. La PMT include la valutazione, il trattamento  e il monitoraggio dei progressi compiuti sugli obiettivi del trattamento.

Quando può essere utile ricorrere al Parent Training?

PT è altamente efficace per i seguenti problemi:

  • ADHD
  • Aggressione
  • Rabbia
  • Problemi di attenzione
  • Problemi di comportamento
  • Comportamenti di Sfida
  • Iperattività
  • Comportamenti impulsivi
  • Irritabilità
  • Conflitto genitore-figlio
  • Rifiuto della scuola

A Cosa Serve il Parent Training?

I disturbi comportamentali come il disturbo da deficit di attenzione e iperattività (ADHD), il disturbo della condotta (CD) e il disturbo oppositivo provocatorio (ODD) sono di gran lunga i disturbi dell’infanzia più studiati che traggono beneficio dalla formazione dei genitori o Parent Training.

Abbastanza comunemente questi disturbi si verificano in comorbidità, il che significa che un bambino può mostrare i sintomi di più di un disturbo (ad es. sia ADHD che ODD). È stato dimostrato che il comportamento di questi bambini migliora significativamente anche dopo che i loro genitori hanno implementato le abilità apprese durante le sessioni di formazione.

Anche i bambini con autismo, disturbi alimentari e ansia hanno dimostrato di trarre beneficio dai cambiamenti apportati a seguito di sessioni di Parent Training.

Come ogni genitore sarebbe d’accordo, le sfide associate all’educazione di un bambino, che soffra o meno di un disturbo psicologico, sono numerose e a volte opprimenti. Il Parent Training aiuta i genitori a gestire i loro livelli di stress e li aiuta a sviluppare migliori meccanismi di coping, che a loro volta forniscono un ambiente domestico più sano e controllato.

Il comportamento del bambino e dei genitori può essere descritto come avente una relazione bidirezionale, in cui l’uno influenza l’altro. Se i bambini sono iperattivi e provocatori, i genitori possono diventare stressati e arrabbiati.

Più i genitori diventano stressati e arrabbiati, più il bambino agirà e così via. Ciò si traduce in un circolo vizioso in cui sia il comportamento dei genitori che dei figli diventano peggiori e più ostili. Le sessioni di formazione dei genitori possono avere molto successo nell’arrestare questo ciclo.

Quanto Durano le Sessioni di Parent Training?

La formazione dei genitori non è una “soluzione rapida” per nessuna situazione. I genitori sono tenuti a frequentare sessioni di 75-90 minuti una volta alla settimana per 8-22 settimane a seconda delle circostanze individuali.

Sebbene sia l’ideale che entrambi i genitori partecipino alle sessioni, spesso non è possibile. È importante ricordare che, indipendentemente dallo stato relazionale dei genitori del bambino, sia le madri che i padri individualmente hanno dimostrato di fare la differenza nel comportamento del bambino. Quindi non scoraggiarti all’idea se sei un genitore single. Forse potresti portare a casa un amico che sta vivendo anche un problema comportamentale.

Cos’è il Parent Training di Gruppo?

C’è anche la formazione genitoriale di gruppo offerta da alcune cliniche, dove possono partecipare alle sessioni fino a dieci famiglie. In alcuni studi è stato dimostrato che queste sessioni di formazione di gruppo sono in effetti più efficaci, poiché i genitori di famiglie diverse possono fare affidamento l’uno sull’altro per supporto, guida e comprensione.

Le sessioni prevedono giochi di ruolo,  lezioni psicoeducative di psicologi, discussioni e compiti a casa. Ogni sessione proseguirà dalla precedente con una costante revisione delle competenze e delle informazioni apprese.

Come funziona il Parent Training?

Il PT funziona ed è gestito in modi diversi a seconda dei problemi che si affrontano in casa. Ci sono tre programmi principali:

  • Affrontare il comportamento problema
  • Affrontare i disturbi alimentari
  • Affrontare l’autismo

Sebbene i programmi per ciascuna problematica siano abbastanza separati, ci sono obiettivi comuni alla base del Parent Training, che sono la coerenza, il sostegno ai bambini e il trascorrere più tempo possibile con i bambini.

Parent Training per Problemi Comportamentali

La formazione per i genitori il cui bambino ha un problema comportamentale è una terapia focalizzata relativamente a breve termine (meno di un anno) che funziona esclusivamente sui genitori. Non è consigliabile che i bambini partecipino alle sessioni.

Nelle sessioni i genitori impareranno:

Informazioni sulle condizioni del loro bambino: è molto importante che i genitori capiscano qual è in realtà il disturbo comportamentale del loro bambino, quali sono i sintomi principali e cosa potrebbe provare il bambino.

Cosa aspettarsi dal proprio figlio: le aspettative sullo sviluppo di un bambino devono essere realistiche, altrimenti il ​​bambino si sentirà minacciato e potrebbe fare un “passo indietro” nell’apprendimento e nel comportamento. Ciò può portare a delusione da parte dei genitori, che avrà un impatto sull’autostima del bambino.

Come impartire comandi in modo appropriato, sia verbalmente che non verbalmente: Una voce ferma con un volume appropriato e un contatto visivo costante sono molto importanti quando si impartiscono comandi.

L’importanza della lode: altrettanto importante quanto sapere come affrontare un comportamento disobbediente è sapere come rinforzare positivamente un buon comportamento. Affinché i genitori stabiliscano un buon rapporto con il loro bambino, è imperativo che lodino costantemente il buon comportamento e incoraggino i bambini a impegnarsi in attività che apprezzano e in cui sono bravi. Premi e incentivi sono anche strumenti efficaci per incoraggiare un buon comportamento.

Come rimproverare in modo appropriato: quando un bambino si comporta per la prima volta, dovrebbe essere detto loro immediatamente di non continuare quel comportamento. Questo rimprovero deve essere fermo e serio, ma urla e grida non dovrebbero essere necessarie. Se i genitori urlano e gridano, lo faranno anche i loro figli.

Quando dare avvertimenti e quando agire: i bambini devono sapere quando stanno facendo qualcosa di inappropriato. Pertanto è del tutto accettabile che i genitori diano un avvertimento al proprio figlio. Tuttavia, un avvertimento è sufficiente. Se vengono dati troppi avvertimenti, perderanno significato.

Timeout: un aspetto importante del PT, in particolare con i bambini di età inferiore ai 10 anni, è il timeout. Il timeout deve essere coerente, della stessa quantità di tempo (di solito 1 minuto/anno di età del bambino) e deve essere applicato OGNI volta che il bambino agisce in modo inappropriato. Se questo è dieci volte in un’ora, così sia. Se non è coerente, il bambino “spingerà sempre i limiti” per vedere quando può farla franca con un cattivo comportamento.

Queste abilità vengono riviste continuamente durante le sessioni. I genitori sono coinvolti nel gioco di ruolo con lo psicologo e sono tenuti a praticare continuamente queste abilità a casa.

In tutto il Parent Training, l’idea dell’auto-colpa dei genitori è respinta. Questo non risolverà alcun problema. Il Parent Training aiuta a migliorare le capacità genitoriali, non a far sentire i genitori inadeguati o falliti.

Parent Training per Problemi Alimentari

PT per i disturbi alimentari si concentra su quanto segue;

Modellazione del ruolo dei genitori: è più probabile che i bambini mangino in modo più sano quando i genitori mangiano sano .
Stabilire buone abitudini alimentari e di esercizio: questo è l’obiettivo principale per i bambini più piccoli con obesità o eccesso di cibo, poiché è più facile cambiare le abitudini quando i bambini sono molto piccoli.
Incoraggiamento e lode per una buona alimentazione e per l’esercizio fisico: questo è un imperativo per cambiare le abitudini, soprattutto per i bambini di età superiore agli otto anni. Migliorare l’autostima dei bambini è essenziale per modificare i loro schemi alimentari. Se credono di poterlo fare, lo faranno. Questo è in gran parte influenzato dall’atteggiamento dei genitori.
Esistono tecniche simili per problemi di sottoalimentazione (es. anoressia nervosa , bulimia ). Sebbene questi disturbi siano opposti all’eccesso di cibo per quanto riguarda il peso, il principio generale è lo stesso. Una migliore autostima migliorerà le condizioni alimentari. Incoraggiare una buona alimentazione ed essere un buon modello di comportamento sono i primi passi per raggiungere questo obiettivo.

Parent Training per l’Autismo

Il PT per l’autismo è molto diverso rispetto gli altri programmi di parent training. Questa formazione è progettata per insegnare ai genitori come preparare i propri figli ai compiti e alle sfide che incontreranno nei loro ambienti quotidiani. Per raggiungere questo obiettivo, ai genitori viene insegnato come identificare gli interessi e i punti di forza del loro bambino. Ciò avviene principalmente attraverso brevi e frequenti sessioni di gioco immaginativo con il proprio bambino.

Attraverso il contatto uno a uno, i genitori apprendono vari metodi di intervento che sono unici per il loro bambino. Ad esempio, possono apprendere che il loro bambino è stimolato più da un gioco creativo tipo fattoria che dalle automobili. Impegnandosi in un gioco preferito dal loro bambino, i genitori hanno maggiori probabilità di vedere miglioramenti nel linguaggio e nell’interazione sociale. È molto importante che i genitori sviluppino aspettative realistiche sul potenziale del loro bambino.

I genitori impareranno come affrontare le seguenti aree di vita:

Area Linguistica: Ai genitori verranno insegnati alcuni esercizi verbali che possono eseguire con il loro bambino per aiutare le abilità linguistiche. Il contatto individuale aiuterà anche i genitori a comunicare meglio con il loro bambino.
Area Sensoriale: ai genitori viene insegnato come identificare i punti forti e deboli sensoriali e motori del loro bambino e come adattarsi a questi concentrandosi sui punti di forza. Ad esempio, se il bambino è bravo a lanciare le palle ma non ha l’abilità di vestire una barbie, è più importante concentrarsi sul lancio della palla piuttosto che cercare di migliorare la motricità fine associata a vestire una barbie.
Area Sociale: i bambini hanno maggiori probabilità di impegnarsi socialmente quando partecipano ad attività che apprezzano. Ai genitori viene insegnato a identificare queste attività e a concentrarsi su di esse durante la sessione individuale con il bambino.
Area Educativa: i genitori impareranno come selezionare i compiti di apprendimento appropriati per il loro bambino. Questo potrebbe continuare con il gioco di fantasia. I genitori sono inoltre incoraggiati attivamente a partecipare alla vita scolastica del bambino. Ciò include il volontariato, le visite in classe, la partecipazione agli incontri scolastici e la partecipazione alle organizzazioni scolastiche. L’interazione più importante che i genitori dovrebbero avere con la scuola è la comunicazione con l’insegnante e il preside del bambino. In questo modo insegnanti e genitori possono lavorare insieme per valutare lo sviluppo del bambino e discutere su quali aree è necessario concentrarsi, sia in classe che a casa.

Si suggerisce di trascorrere 25 ore settimanali di contatto individuale con un bambino autistico. Ciò non è sempre possibile, tuttavia, e i genitori dovrebbero cercare di trascorrere più tempo possibile con il proprio figlio, puntando ad almeno 15 ore settimanali.

Il Parent Training è Efficace?

Il Parent Training produce risultati molto positivi per i disturbi comportamentali e mentali nei bambini. Per qualsiasi formazione genitoriale, l’intervento precoce è la chiave.

I genitori con bambini di età inferiore ai 12 anni hanno mostrato il maggior successo nei disturbi comportamentali e al di sotto dei sei anni per l’autismo e disturbi alimentari.

Può ancora esserci successo nei bambini sopra i 12 anni, ma l’efficacia è indebolita. Quando i bambini sono nelle fasi dell’adolescenza, l’efficacia del Parent Training è significativamente ridotta. È molto difficile cambiare le abitudini genitoriali che durano da 15 anni circa, e ancora più difficile per il bambino accettare i cambiamenti.

Ci sono stati diversi studi che hanno dimostrato che la formazione dei genitori è molto efficace nel migliorare il comportamento dei bambini, migliorare le relazioni genitore-figlio e ridurre lo stress per i genitori. Questo a volte richiede un po’ di tempo una volta terminato l’allenamento, ma non scoraggiarti. Mantieniti coerente e continua a provare, e le tue abilità si svilupperanno e molto probabilmente vedrai dei cambiamenti.

Altri miglioramenti clinicamente mostrati includono:

  • Miglioramento dell’autostima e dell’autostima del bambino. Ciò è particolarmente importante nei disturbi alimentari come l’obesità, l’anoressia e la bulimia.
  • Miglioramento delle abitudini alimentari dei bambini piccoli che rifiutano di mangiare cibi “sani”
  • Miglioramento del rispetto del bambino con le regole della casa e le regole della scuola
    Aumento dell’attenzione del bambino
  • Miglioramento della percezione di sé da parte del bambino dei propri genitori

Molto spesso il successo e l’efficacia del PT dipendono dal lavoro svolto dai genitori a casa. Le abilità apprese al PT devono essere implementate costantemente, non solo quando fa comodo al genitore o al bambino. Questo non è sempre facile.

La coerenza è la chiave! Le stesse regole devono essere applicate ogni giorno in modo che il bambino sia molto chiaro sui confini delle proprie azioni.

A chi Rivolgersi?

Un percorso di parent training è condotto da psicologi specializzati nella formazione genitoriale e nei disturbi evolutivi come l’autismo o disturbi comportamentali. Il parent training può essere condotto presso studi o centri clinici pubblici o privati come anche a domicilio.

  • Contatta uno Psicologo Esperto di Parent Training

 

Fonti dell’Articolo:

  1. healthengine.com
  2. Lifford KJ, Harold GT, Thapar A. Relazioni genitore-figlio e sintomi dell’ADHD: un’analisi longitudinale. Giornale di psicologia infantile anormale . 2008; 36(2): 285-96.
  3. Disturbo da deficit di attenzione in età prescolare: nuovi studi dimostrano che sia i farmaci che la formazione dei genitori possono essere efficaci. La lettera sulla salute mentale di Harvard . 2007; 24(3): 1-3.
  4. Brown RT, Amler RW, Freeman WS, Perrin JM, Stein MT, Feldman HM, et al . Trattamento del disturbo da deficit di attenzione/iperattività: panoramica delle prove. Pediatria . 2005; 115(6): e749-57.
  5. Costin. Disturbo da deficit di attenzione e iperattività e ansia in comorbidità: problemi del professionista nella pianificazione del trattamento. Salute mentale di bambini e adolescenti . 2002; 7(1): 16-24.
  6. Danforth. L’esito della formazione genitoriale di gruppo per famiglie di bambini con disturbo da deficit di attenzione e iperattività e comportamento provocatorio/aggressivo. Journal of Behavior Therapy e Psichiatria Sperimentale . 2006; 37(3): 188-205.
  7. Fabiano GA. Partecipazione del padre alla formazione comportamentale dei genitori per l’ADHD: revisione e raccomandazioni per aumentare l’inclusione e il coinvolgimento. Giornale di Psicologia Familiare . 2007; 21(4): 683-93.
  8. Costin J, Lichte C, Hill-Smith A, Vance A, Luk E. Trattamenti di gruppo genitoriali per bambini con disturbo oppositivo provocatorio. Rivista elettronica australiana per il progresso della salute mentale . 2004; 3(1): 1-8.
  9. Costin. La formazione sulla gestione dei genitori come trattamento per i bambini con disturbo oppositivo provocatorio indirizzati a una clinica di salute mentale. Psicologia clinica e psichiatria infantile . 2007; 12(4): 511-24.
  10. Benson P, Karlof KL, Siperstein GN. Coinvolgimento materno nell’educazione dei bambini piccoli con disturbi dello spettro autistico. autismo . 2008; 12(1): 47-63.
  11. Crockett JL, Fleming RK, Doepke KJ, Stevens JS. Parent training: Acquisizione e generalizzazione di prove discrete di capacità di insegnamento con genitori di bambini con autismo. Ricerca in disabilità dello sviluppo . 2007; 28(1): 23-36.
  12. McConachie H, Diggle T. Parent ha implementato un intervento precoce per i bambini piccoli con disturbo dello spettro autistico: una revisione sistematica. Giornale di valutazione nella pratica clinica . 2007; 13(1): 120-9.
  13. Solomon R, Necheles J, Ferch C, Bruckman D. Studio pilota di un programma di formazione dei genitori per bambini piccoli con autismo: il programma di consultazione della casa del progetto PLAY. autismo . 2007; 11(3): 205-24.
  14. American Dietetic A. Posizione dell’American Dietetic Association: Interventi individuali, familiari, scolastici e comunitari per il sovrappeso pediatrico. Giornale dell’Associazione Dietetica Americana . 2006; 106(6): 925-45.
  15. Zucker NL, Marcus M, Bulik C. Un programma di formazione per genitori di gruppo: un nuovo approccio per la gestione dei disturbi alimentari. Disturbi alimentari e di peso . 2006; 11(2): 78-82.
  16. Dretzke J, Frew E, Davenport C, Barlow J, Stewart-Brown S, Sandercock J, et al . L’efficacia e l’economicità dei programmi di formazione/educazione dei genitori per il trattamento del disturbo della condotta, compreso il disturbo oppositivo provocatorio, nei bambini. Valutazione delle tecnologie sanitarie . 2005; 9(50): iii,ix-x,1-233.
  17. Bulik. Esito dell’anoressia nervosa: atteggiamenti alimentari, personalità e legame genitoriale. Giornale internazionale dei disturbi alimentari . 2000; 28(2): 139-47.
  18. Humphrey. Analisi strutturale delle relazioni genitore-figlio nei disturbi alimentari. Giornale di psicologia anormale . 1986; 95(4): 395-402.
  19. Jones K, Daley D, Hutchings J, Bywater T, Eames C. Efficacy of the Incredible Years Programma di formazione dei genitori di base come intervento precoce per i bambini con problemi di condotta e ADHD. Assistenza all’infanzia, salute e sviluppo . 2007; 33(6): 749-56.