L’acrofobia è definita come la paura dell’altezza. A differenza di una fobia specifica come l’aerofobia, che è la paura di volare, l’acrofobia può farti temere una varietà di cose legate all’essere lontano da terra. A seconda della gravità della fobia, potresti temere di trovarti su un piano alto di un edificio tanto quanto semplicemente salire su una scala.

Condizioni correlate

Le condizioni correlate all’acrofobia e che possono verificarsi con essa includono:

  • Vertigini: la vera vertigine è una condizione medica che provoca una sensazione di giramento di testa e vertigini. Illingofobia è una fobia in cui la paura di sviluppare vertigini può effettivamente portare a sintomi simili alle vertigini. L’acrofobia può indurre sentimenti simili, ma le tre condizioni non sono le stesse. Ti consigliamo di consultare un medico per i test se si verificano sintomi di vertigini. Gli esami medici possono includere analisi del sangue, tomografia computerizzata (TC) e risonanza magnetica (MRI), che possono escludere una varietà di condizioni neurologiche.
  • Batmofobia: la paura di pendii e scale, chiamata bathmofobia, è talvolta correlata all’acrofobia. Nella batmofobia , potresti farti prendere dal panico quando guardi un pendio ripido, anche se non hai bisogno di scalarlo. Sebbene molte persone con bathmofobia abbiano l’acrofobia, la maggior parte dei malati di acrofobia non sperimenta anche la bathmofobia.
  • Climacofobia:  questa paura è correlata alla bathmofobia, tranne per il fatto che generalmente si verifica solo quando stai pensando di fare una scalata. Se soffri di climacofobia , probabilmente non hai paura di vedere una ripida rampa di scale finché puoi rimanere al sicuro in fondo. Tuttavia, la climacofobia può verificarsi in tandem con l’acrofobia.
  • Aerofobia:  questa è la paura specifica di volare. A seconda della gravità della tua paura, potresti avere paura degli aeroporti e degli aeroplani, o potresti provare paura solo quando sei in aria. L’aerofobia può occasionalmente verificarsi insieme all’acrofobia.

Quali sono i sintomi dell’acrofobia?

Emotivamente e fisicamente, la risposta all’acrofobia è simile alla risposta a qualsiasi altra fobia. Si può verificare quanto segue con l’acrofobia:

  • Sintomi emotivi:  potresti provare un senso di panico quando percepisci di essere sollevato da terra. Potresti iniziare istintivamente a cercare qualcosa a cui aggrapparti e scoprire che non sei in grado di fidarti del tuo senso dell’equilibrio. Le reazioni comuni includono la discesa immediata, il gattonare a quattro zampe e l’inginocchiarsi o abbassare in altro modo il corpo.
  • Sintomi fisici: potresti iniziare a tremare, sudare, provare palpitazioni cardiache e persino piangere o urlare. Potresti sentirti terrorizzato e paralizzato. Potrebbe diventare difficile pensare.
  • Ansia ed evitamento: se soffri di acrofobia, è probabile che inizierai a temere situazioni che potrebbero farti passare del tempo in luoghi alti. Ad esempio, potresti temere che una vacanza imminente ti metta in una stanza d’albergo ai piani alti. Potresti rimandare le riparazioni a casa per paura di usare una scala. Potresti evitare di visitare le case degli amici se hanno balconi o finestre panoramiche al piano di sopra.

Quali sono i rischi?

Il pericolo più grande che presenta la maggior parte delle fobie è il rischio di limitare la tua vita e le tue attività per evitare la situazione temuta. Tuttavia, l’acrofobia è insolita in quanto avere un attacco di panico mentre si è in alto da terra potrebbe effettivamente portare al pericolo immaginario.

La situazione può essere sicura fintanto che vengono prese le normali precauzioni, ma il panico potrebbe portarti a fare mosse pericolose.

È estremamente importante che la tua acrofobia venga trattata professionalmente il più rapidamente possibile, in particolare se l’altezza è una parte normale della tua vita.

Quali sono le Cause dell’Acrofobia?

La ricerca mostra che una certa riluttanza intorno alle altezze è normale, non solo per gli esseri umani ma per tutti gli animali visivi. Nel 1960, i famosi psicologi di ricerca Eleanor J. Gibson e Richard D. Walk fecero l’esperimento “The Visual Cliff” che mostrava neonati striscianti, insieme a bambini di numerose specie, che si rifiutavano di attraversare uno spesso pannello di vetro che copriva un dislivello apparentemente acuto. La presenza della madre del bambino, che lo chiamava incoraggiante, non ha convinto il bambino che era al sicuro.

Pertanto, l’acrofobia sembra essere almeno parzialmente radicata, forse come meccanismo di sopravvivenza evolutiva. Tuttavia, la maggior parte dei bambini e degli adulti usa cautela ma non teme eccessivamente l’altezza. L’acrofobia, come tutte le fobie, sembra essere un’iper-reazione della normale risposta di paura. Questa può essere una risposta appresa a una caduta precedente o alla reazione nervosa di un genitore all’altezza.

Come viene diagnosticata l’Acrofobia o Paura delle Altezze?

Le fobie, inclusa l’acrofobia, possono essere diagnosticate solo da un professionista della salute mentale.

Probabilmente inizieranno chiedendoti di descrivere cosa succede quando ti trovi di fronte alle altezze. Assicurati di menzionare qualsiasi altro sintomo di salute mentale che hai riscontrato e da quanto tempo hai questa paura.

Generalmente, l’acrofobia viene diagnosticata se:

  • eviti attivamente le altezze
  • passi molto tempo a preoccuparti di incontrare altezze
  • scopri che questo tempo passato a preoccuparti inizia a influenzare la tua vita quotidiana
  • reagisci con paura e ansia immediate quando incontri altezze
  • avverti questi sintomi da più di sei mesi

Come guarire dall’acrofobia?

L’acrofobia può condividere alcuni sintomi con le vertigini, un disturbo medico con una varietà di possibili cause, nonché con altre fobie specifiche. Per questi motivi, se si verificano i segni dell’acrofobia, è estremamente importante cercare un aiuto professionale il prima possibile.

I trattamenti per l’acrofobia includono:

  • Psicoterapia:  la terapia cognitivo-comportamentale, o CBT, è il principale trattamento di scelta per le fobie specifiche. Sono spesso utilizzate tecniche comportamentali che ti espongono alla situazione temuta in modo graduale (desensibilizzazione sistematica) o rapidamente (allagamento). Inoltre, ti vengono insegnati modi per fermare la reazione di panico e riguadagnare il controllo emotivo.
  • Esposizione:  Tradizionalmente, l’esposizione effettiva alle altezze è la soluzione più comune. Tuttavia, uno studio di ricerca pubblicato nel 2017 ha dimostrato che la realtà virtuale può essere altrettanto efficace.  Uno dei principali vantaggi del trattamento con la realtà virtuale è il risparmio sia in termini di costi che di tempo, poiché non è necessario l’accompagnamento di un terapista “sul posto”. Questo metodo non è disponibile ovunque, ma con il calo dei costi delle apparecchiature per la realtà virtuale, sarà probabilmente più facile accedervi con il passare del tempo.
  • Farmaci: a volte possono essere usati sedativi o beta-bloccanti per un sollievo a breve termine in situazioni specifiche per alleviare il panico e l’ansia che provi. Il farmaco D-cicloserina è stato oggetto di studi clinici per il trattamento del disturbo d’ansia dal 2008. Uno studio nel 2012 ha rilevato che l’uso del farmaco in tandem con la terapia cognitivo-comportamentale può migliorare i risultati.  Tuttavia, gli autori dello studio ha detto era necessaria più ricerca sul dosaggio e la durata del tempo di trattamento.
  • Rilassamento:  fare yoga, respirazione profonda, meditazione o rilassamento muscolare progressivo può aiutarti a far fronte allo stress e all’ansia. Anche l’esercizio fisico regolare può aiutare.

Cerca il Professionista Giusto

Cerca uno psicoterapeuta esperto nel trattamento delle fobie per iniziare subito un percorso volto ad eliminare i sintomi di ansia e panico e consentirti di vivere la tua quotidianità in modo sereno.

  • Contatta uno Psicoterapeuta Specializzato nel Trattamento delle Fobie

In Conclusione

L’acrofobia è una delle fobie più comuni. Se hai paura delle altezze e ti ritrovi ad evitare determinate situazioni o a dedicare molto tempo a preoccuparti di come evitarle, potrebbe valere la pena contattare un terapeuta.

Un terapeuta può aiutarti a sviluppare strumenti che ti permetteranno di superare la tua paura e impedire che influisca sulla tua vita quotidiana.

 

Fonti dell’articolo:

  1. Verywellmind.com
  2. Healthline.com
  3. Thompson TL, Amedee R. Vertigo: una revisione dei disturbi vestibolari periferici e centrali comuni . Ochsner J . 2009;9(1):20-26.
  4. Associazione Psichiatrica Americana. Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali .  5a ed. Washington DC; 2013.
  5. Rodkey EN. Il serraglio dimenticato di Visual Cliff: ratti, capre, bambini e creazione di miti nella storia della psicologia . J Hist Behav Sci. 2015;51(2):113-140. doi:10.1002/jhbs.21712
  6. Donker T, Cornelisz I, Van Klaveren C, et al. Efficacia della terapia cognitivo-comportamentale basata su app autoguidate per l’acrofobia: una sperimentazione clinica randomizzata . Psichiatria JAMA. 2019;76(7):682-690. doi:10.1001/jamapsychiatry.2019.0219
  7. Botella C, Fernández-Álvarez J, Guillén V, García-Palacios A, Baños R. Recenti progressi nella terapia dell’esposizione alla realtà virtuale per le fobie: una revisione sistematica . Curr Psychiatry Rep. 2017;19(7):42. doi:10.1007/s11920-017-0788-4
  8. Bontempo A, Panza KE, Bloch MH. D-Cicloserina Aumento della terapia comportamentale per il trattamento dei disturbi d’ansia: una meta-analisi . Psichiatria J Clin . 2012;73(4):533-537. doi:10.4088/JCP.11r07356
  9. Saeed SA, Cunningham K, Bloch RM. Disturbi di depressione e ansia: benefici di esercizio fisico, yoga e meditazione . Sono un medico di famiglia . 2019;99(10):620-627.