L’odontofobia, o paura dei dentisti, è una fobia comune tra le persone di tutte le età. A volte è correlato alla iatrofobia, o paura dei medici, così come tripanofobia, o paura degli aghi. L’odontofobia può essere lieve o grave e alla fine può portare a gravi problemi di salute.

Tipi di odontofobia

L’odontofobia può racchiudere al suo interno diverse categorie di elementi temuti. La maggior parte delle persone con questa fobia teme più di un elemento, mentre quelli con grave odontofobia possono temere tutti o la maggior parte degli elementi contemporaneamente.

Elementi che possono essere oggetti specifici di fobie:

  •  Il dentista: come i medici, i revisori dei conti dell’IRS e altri nelle professioni comunemente temute, “il dentista” è spesso irrazionalmente ed erroneamente definito freddo e insensibile nel migliore dei casi, o sadico nel peggiore dei casi. Se hai avuto un’esperienza personale negativa con un particolare dentista, potresti essere più incline a questa fobia. 2
  • Dolore: fino a tempi relativamente recenti, l’odontoiatria completamente indolore era difficile o impossibile. Anche oggi, alcune procedure possono comportare una leggera quantità di dolore. Molte persone sono estremamente sensibili al dolore alla bocca e temono che il dolore possa essere lancinante.
  • Intorpidimento o bavaglio: alcune persone, in particolare quelle che hanno sperimentato soffocamento o difficoltà respiratorie, hanno paura di avere la bocca insensibile. Potresti preoccuparti di non essere in grado di respirare o deglutire.
  • Suoni e odori: molte persone, in particolare quelle che hanno avuto precedenti brutte esperienze con i dentisti, hanno paura dei suoni e degli odori dello studio dentistico, in particolare del suono del trapano.
  • Aghi: se hai una fobia per gli aghi, potresti essere estremamente spaventato dalle iniezioni che i dentisti usano per intorpidire la bocca.

Complicazioni

A causa della genetica o del comportamento, la salute dentale varia notevolmente da persona a persona. Alcune persone sono in grado di resistere per anni tra le visite dal dentista con un impatto minimo o nullo sui denti o sulle gengive. Altri sono soggetti a carie e malattie gengivali, indipendentemente dalla frequenza con cui si lavano i denti e usano il filo interdentale.

Se non sei uno dei pochi fortunati, l’odontofobia può avere conseguenze reali nella tua vita.

La carie dentaria peggiora nel tempo. Piccole cavità che una volta avrebbero potuto essere facilmente riempite possono portare a denti rotti e marci, che richiedono una terapia canalare costosa e invasiva e un lavoro ricostruttivo. Questa conoscenza può, a sua volta, renderti ancora meno propenso a cercare un trattamento, creando un circolo vizioso.

Nel mondo moderno ci si aspetta di avere denti puliti, sani e lucenti. Se un dente si rompe e marcisce a causa del decadimento e dell’abbandono, potresti sperimentare lo stigma sociale. Può diventare più difficile ottenere determinati lavori. Gli appuntamenti potrebbero essere influenzati e anche i tuoi amici potrebbero iniziare a parlare. Questo può portare a isolamento, depressione, ansia sociale e persino ritiro sociale.

In alcuni casi, i problemi dentali possono causare infezioni. Il mancato trattamento dell’infezione potrebbe causarne la diffusione, causando malattie mediche. Anche i tessuti infetti fanno male, quindi il dolore non è un effetto raro dell’odontofobia.

Come gestire l’odontofobia

Se la tua odontofobia è grave e paralizzante, è meglio consultare un professionista della salute mentale qualificato prima di iniziare un trattamento odontoiatrico. Terapia cognitivo-comportamentale , farmaci , e l’ipnosi può aiutare a ottenere la vostra paura sotto controllo.

Contatta lo Specialista

  • psicologo

Una volta che la tua fobia è a un livello gestibile, potrai visitare il dentista. Tuttavia, è importante scegliere il dentista giusto. L’odontoiatria di oggi è molto diversa da quella che potresti ricordare. Tuttavia, non tutti i dentisti utilizzano gli stessi metodi e tecniche per assistere i pazienti con fobie.

È sempre accettabile programmare una consultazione iniziale senza un esame completo. Quando chiami per l’appuntamento, spiega che soffri di odontofobia e che non sei pronto per prenotare un esame completo. Questo primo appuntamento ti permetterà di sviluppare un rapporto con il dentista e di abituarti ai suoi modi e al suo comportamento.

Man mano che passi a ulteriori appuntamenti, ricorda che hai sempre il controllo. Elabora un segnale con il tuo dentista che puoi usare quando hai bisogno di una pausa e un segnale diverso per far sapere al dentista che hai bisogno di più anestetico. Anche questioni come l’inclinazione all’indietro della sedia e l’ordine del lavoro svolto possono essere discusse in anticipo. Parla con il tuo dentista della disponibilità di sedativi che ti permetteranno di dormire durante la procedura dentale.

A molte persone piace portare un lettore musicale portatile o persino un sistema DVD per i loro appuntamenti (ricorda gli auricolari!). Alcuni dentisti offrono questi dispositivi o persino sistemi di realtà virtuale. Questi oggetti possono distrarti e aiutarti a rilassarti.

 L’odontofobia è una fobia comune e curabile. Non trattata, tuttavia, può portare a una serie di difficoltà fisiche. Consulta prima un professionista della salute mentale per tenere sotto controllo la tua fobia, quindi cerca un dentista che ti faccia sentire a tuo agio. Vale la pena trovare un dentista di cui ti fidi completamente.

Fonti: VerywellMind,

  1. Wiener RC. Paura dentale e cure dentistiche ritardate in Appalachia-West Virginia . J Dent Hyg . 2015;89(4):274–281.
  2. Yahyaoglu O, Baygin O, Yahyaoglu G, Tuzuner T. Effetto dell’aspetto dei dentisti correlato alla paura dentale e alla carie aStatus nei bambini di 6-12 anni. J Clin Pediatr Dent. 2018;42(4):262-268. doi:10.17796/1053-4628-42.4.4
  3. Kılıç C, Ak S, Ak HB. Sensibilità all’ansia: un altro motivo per separare le paure dentali dalle paure di lesioni del sangue?. J Disturbo d’ansia. 2014;28(2):280-282. doi:10.1016/j.janxdis.2014.01.001
  4. Hakim H, Razak IA. Paura dentale tra laureandi in medicina e odontoiatria. ScientificWorld Journal . 2014;2014:747508. doi:10.1155/2014/747508
  5. Griffiths M. Ipnosi per l’ansia dentale . Aggiornamento ammaccature . 2014;41(1):78-80. doi:10.12968/denu.2014.41.1.78
  6. Armfield JM, Heaton LJ. Gestione della paura e dell’ansia nella clinica odontoiatrica: una revisione. Aust Dent J . 2013;58(4):390-407. doi:10.1111/agg.12118
  7. Marco AM. Abilità di coping per affrontare le paure dentali . J Am Dent Assoc.  2017 febbraio;148(2):130. doi:10.1016/j.adaj.2016.12.003
  8. Schneider A, Andrade J, Tanja-dijkstra K, Moles DR. Immagini mentali in odontoiatria: fenomenologia e ruolo nell’ansia dentale . J Disturbo d’ansia. 2018;58:33-41. doi:10.1016/j.janxdis.2018.06.009