La necrofobia è un tipo di fobia specifica che comporta la paura delle cose morte e delle cose associate alla morte. Una persona con questo tipo di fobia può avere paura dei cadaveri e di cose come bare, lapidi e cimiteri.

La parola necrofobia deriva dal greco nekros (“cadavere”) e phobos (“paura”).

Sebbene la necrofobia non sia un disturbo distinto riconosciuto dal Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali (DSM-5), a una persona che ha questa paura può essere diagnosticata una fobia specifica. Una fobia specifica è definita come una paura irrazionale ed eccessiva di un oggetto o una situazione specifici.

Cause, fattori scatenanti e fattori di rischio

I ricercatori non sono del tutto sicuri delle cause esatte di fobie specifiche come la necrofobia. Credono, tuttavia, che la genetica, gli eventi della vita e persino la cultura possano svolgere un ruolo nello sviluppo di queste paure.

Alcune culture, ad esempio, credono che gli spiriti possano tornare e perseguitare i vivi. Tali convinzioni possono svolgere un ruolo nel contribuire alla necrofobia. In altri casi, essere stati esposti a un evento traumatico, come la morte di una persona cara, potrebbe contribuire all’ossessione o alla paura delle cose morte e della morte.

Le situazioni che potrebbero essere collegate alla necrofobia includono assistere a una morte, partecipare a un funerale, entrare in contatto con un animale morto o un corpo umano, partecipare a un funerale o persino vedere cadaveri raffigurati nei media popolari.

Le fobie specifiche sono probabilmente il risultato di una combinazione di fattori genetici, biologici, psicologici e ambientali.

I ricercatori hanno anche scoperto che gli insetti e gli animali acquatici mostrano comportamenti necrofobici come evitare i membri morti della loro stessa specie, forse come mezzo per evitare le malattie.

Segni e sintomi

I sintomi della necrofobia sono simili ai sintomi di altri tipi di fobie specifiche. Mentre coloro che hanno la necrofobia possono riconoscere che la fonte della loro paura non rappresenta una vera minaccia, provano ancora una paura estrema quando vedono, o talvolta pensano, cadaveri o altre cose associate alla morte.

Le persone con necrofobia possono sperimentare:

  • Vertigini
  • Fiato corto
  • Battito cardiaco accelerato
  • Respirazione rapida
  • Bocca asciutta
  • tremori
  • Nausea
  • Disagio
  • Un senso di terrore
  • Sudorazione
  • Sensazioni di irrealtà
  • Una preoccupazione per la morte o cose morte
  • Paura di morire

Necrofobia e Attacchi di Panico

In alcuni casi, questa reazione di paura può diventare così grave che le persone sperimentano un attacco di panico. Un attacco di panico è una risposta di paura improvvisa caratterizzata da sintomi come battito cardiaco accelerato, mancanza di respiro, tremori, sensazioni di soffocamento, sensazioni di formicolio, sensazioni di irrealtà o distacco, brividi e paura di perdere il controllo o morire.

Gli attacchi di panico sono spesso estremamente spiacevoli, quindi le persone che possono iniziare a evitare qualsiasi situazione in cui potrebbero incontrare la fonte di paura che scatena un attacco. Ad esempio, una persona con necrofobia potrebbe evitare di prendere una determinata strada in modo da non dover passare da un cimitero o da un’impresa di pompe funebri.

Diagnosi

È importante ricordare che una fobia specifica come la necrofobia non è la stessa di una paura normale. Molte persone hanno una quantità abbastanza normale di paura o ansia legata alla morte, al morire e alle cose morte. La normale paura delle cose morte potrebbe comportare la sensazione di un po’ di nausea o disagio quando sei vicino a qualcosa associato alla morte. Ma se hai una seria reazione di paura quando vedi un animale morto sul ciglio della strada, allora potresti avere la necrofobia.

Se sospetti di avere la necrofobia, dovresti parlare con un medico o un professionista della salute mentale. Molti professionisti della salute mentale e medici utilizzano i criteri delineati nel DSM-5 quando diagnosticano i disturbi mentali. Per essere diagnosticati con una fobia specifica, è necessario sperimentare quanto segue:

  • Paura o ansia significative legate all’oggetto della paura
  • L’oggetto innesca immediatamente e costantemente la risposta di paura
  • La paura e l’ansia sono sproporzionate rispetto al pericolo reale che l’oggetto paura presenta object
  • Fai di tutto per evitare l’oggetto della paura; se costretto a sopportare la paura, crea estremo disagio
  • Il tuo disagio ha un impatto significativo sulla tua vita
  • I tuoi sintomi devono essere presenti per sei mesi o più
  • I tuoi sintomi non devono essere meglio spiegati da un altro disturbo, come un disturbo d’ansia

Un medico o un professionista della salute mentale inizierà ponendoti domande sul tipo di sintomi che stai riscontrando, da quanto tempo li hai e quanto sono gravi. Il medico potrebbe anche farti domande su altre cose che stanno accadendo nella tua vita, come eventi recenti che potrebbero aver avuto un ruolo nell’innescare i tuoi sintomi. Dovresti anche informare il tuo medico di eventuali farmaci o integratori che potresti assumere.

Trattamenti

Non esiste un trattamento specificamente progettato per la necrofobia, ma è probabile che i trattamenti comunemente usati per altri tipi di fobie specifiche siano efficaci. Alcune delle opzioni di trattamento più comuni per questo tipo di fobia includono la terapia cognitivo-comportamentale (CBT) , la terapia dell’esposizione, i farmaci e le tecniche di rilassamento.

La CBT affronta i pensieri e i comportamenti irrazionali che mantengono la risposta alla paura. Attraverso la CBT, una persona può imparare a identificare i pensieri negativi automatici che portano a una reazione fobica. Cambiando il modo in cui pensi alla situazione, puoi quindi sostituire sentimenti e comportamenti di paura con reazioni più adattive, calme e realistiche.

La terapia dell’esposizione in vivo, che può includere l’esposizione graduale o l’allagamento (esposizione alla paura più grande), si è dimostrata efficace se utilizzata per trattare fobie specifiche.

In alcuni casi, medici e psichiatri possono prescrivere antidepressivi o farmaci ansiolitici per aiutare a trattare alcuni dei sintomi associati alle reazioni fisiche ed emotive che le persone sperimentano. In molti casi, può essere utilizzata una combinazione di psicoterapia e farmaci.

Altre tecniche che potrebbero essere utilizzate per trattare le fobie includono la ristrutturazione cognitiva, l’esposizione sistematica, l’addestramento alla consapevolezza e la terapia virtuale (che comporta l’esposizione all’oggetto della paura tramite lo schermo di un computer o un dispositivo di realtà virtuale).

Cerca lo Specialista Giusto

Contatta uno psicoterapeuta esperto nel trattamento delle fobie specifiche

Possibili Complicazioni

Fobie specifiche come la necrofobia possono avere un grave impatto sulla capacità di una persona di funzionare e farcela. La reazione di paura può rendere difficile il funzionamento dell’individuo in contesti come la scuola e il lavoro.

Potenziali complicanze della necrofobia:

  • Isolamento: poiché la condizione spesso porta all’evitamento di qualsiasi situazione che potrebbe mettere l’individuo in contatto con la propria paura, può portare all’isolamento sociale. In alcuni casi, le persone possono isolarsi dagli altri.
  • Altri disturbi: non è raro che le persone con fobie specifiche abbiano condizioni di comorbilità, inclusi disturbi depressivi o ansiosi.
  • Uso di sostanze: a volte le persone possono tentare di automedicarsi con alcol o altre sostanze per cercare di ridurre i propri sentimenti di paura.

Prognosi e prevenzione

La prognosi per le persone con fobie specifiche come la necrofobia è buona con trattamenti comportamentali, supporto e farmaci appropriati.

Sebbene non sia possibile eliminare tutti i fattori di rischio per la necrofobia, ottenere un trattamento precoce è importante per evitare che la condizione influisca seriamente sulla vita e sul funzionamento di una persona.

Come far fronte alla Necrofobia

Ci sono anche cose che puoi fare che potrebbero aiutarti a rendere più facile affrontare la tua paura delle cose morte. Alcuni passaggi che puoi eseguire includono:

  • Pratica tecniche di rilassamento. Imparare a controllare la tua risposta alla paura può aiutarti a rimanere calmo di fronte alla fonte della tua paura. Strategie come la meditazione consapevole, il rilassamento muscolare progressivo e la respirazione profonda possono essere utili per calmare le reazioni del tuo corpo.
  • Evita l’elusione. Anche se potresti essere tentato di evitare semplicemente la fonte della tua paura, farlo può portare a complicazioni come l’isolamento e le interruzioni della vita. Invece, lavora per affrontare le tue paure, anche se significa dover affrontare un po’ di angoscia.
  • Usa le distrazioni. Se ti trovi di fronte alla tua paura, cerca dei modi per distrarti dall’oggetto e dalla risposta di paura del tuo corpo. Concentrare la mente su qualcosa, giocare al telefono o fare una breve passeggiata intorno all’isolato potrebbe aiutarti a distogliere la mente dalla paura.

In Conclusione

La necrofobia può portare a sintomi gravi che possono potenzialmente interferire con molti aspetti della tua vita quotidiana. Con un trattamento appropriato, puoi affrontare o addirittura superare i tuoi sentimenti di paura.