Facebook pixel

Pressione alta – Ipertensione

Pressione alta – Ipertensione

Panoramica

L’ipertensione è una condizione comune in cui la forza del sangue contro le pareti delle arterie è abbastanza alta da causare problemi di salute, come malattie cardiache.

La pressione sanguigna è determinata sia dalla quantità di sangue che il cuore pompa sia dalla quantità di resistenza al flusso sanguigno nelle arterie. Più sangue pompa il tuo cuore e più strette sono le arterie, maggiore è la pressione sanguigna.

Puoi avere la pressione alta (ipertensione) per anni senza alcun sintomo. Anche senza sintomi, i danni ai vasi sanguigni e al cuore continuano e possono essere rilevati. L’ipertensione arteriosa incontrollata aumenta il rischio di gravi problemi di salute, inclusi infarto e ictus.

L’ipertensione si sviluppa generalmente nel corso di molti anni e alla fine colpisce quasi tutti. Fortunatamente, l’ipertensione può essere facilmente rilevata. E una volta che sai di avere la pressione alta, puoi lavorare con il tuo medico per controllarla.

 

Sintomi

La maggior parte delle persone con pressione alta non ha segni o sintomi, anche se le letture della pressione sanguigna raggiungono livelli pericolosamente alti.

Alcune persone con pressione alta possono avere mal di testa, mancanza di respiro o sangue dal naso, ma questi segni e sintomi non sono specifici e di solito non si verificano fino a quando la pressione alta non ha raggiunto uno stadio grave o pericoloso per la vita.

 

Quando vedere un dottore

Probabilmente ti verrà misurata la pressione sanguigna come parte di un appuntamento medico di routine.

Chiedi al tuo medico una lettura della pressione sanguigna almeno ogni due anni a partire dai 18 anni.

Se hai 40 anni o più, o hai tra i 18 ei 39 anni con un alto rischio di ipertensione, chiedi al tuo medico una pressione sanguigna leggendo ogni anno.

La pressione sanguigna generalmente dovrebbe essere controllata in entrambe le braccia per determinare se c’è una differenza. È importante utilizzare un bracciale di dimensioni adeguate.

Il medico probabilmente consiglierà letture più frequenti se ti è già stata diagnosticata la pressione alta o hai altri fattori di rischio per malattie cardiovascolari. I bambini di età pari o superiore a 3 anni di solito devono misurare la pressione sanguigna come parte dei loro controlli annuali.

Se non vedi regolarmente il tuo medico, potresti ottenere uno screening gratuito della pressione sanguigna presso una fiera delle risorse sanitarie o in altri luoghi della tua comunità. In alcuni negozi puoi anche trovare macchine che misurano la tua pressione sanguigna gratuitamente.

Gli apparecchi per la pressione sanguigna pubblici, come quelli che si trovano nelle farmacie, possono fornire informazioni utili sulla pressione sanguigna, ma possono avere alcune limitazioni. La precisione di queste macchine dipende da diversi fattori, come la misura corretta del bracciale e il corretto utilizzo delle macchine. Chieda consiglio al medico sull’uso di apparecchi per la pressione sanguigna pubblici.

 

Cause

Esistono due tipi di ipertensione.

Ipertensione primaria (essenziale)

Per la maggior parte degli adulti, non esiste una causa identificabile dell’ipertensione. Questo tipo di ipertensione, chiamata ipertensione primaria, tende a svilupparsi gradualmente nel corso di molti anni.

Ipertensione secondaria

Alcune persone hanno la pressione alta causata da una condizione sottostante. Questo tipo di ipertensione, chiamata ipertensione secondaria, tende ad apparire improvvisamente e causare una pressione sanguigna più alta rispetto all’ipertensione primaria. Varie condizioni e farmaci possono portare a ipertensione secondaria, tra cui:

  • Apnea ostruttiva del sonno
  • Problemi ai reni
  • Tumori della ghiandola surrenale
  • Problemi alla tiroide
  • Alcuni difetti con cui sei nato (congenito) nei vasi sanguigni
  • Alcuni farmaci, come pillole anticoncezionali, rimedi contro il raffreddore, decongestionanti, analgesici da banco e alcuni farmaci da prescrizione
  • Droghe illegali, come cocaina e anfetamine

 

Fattori di rischio

L’ipertensione ha molti fattori di rischio, tra cui:

  • Età. Il rischio di ipertensione aumenta con l’avanzare dell’età. Fino all’età di 64 anni, l’ipertensione è più comune negli uomini. Le donne hanno maggiori probabilità di sviluppare la pressione alta dopo i 65 anni.
  • Razza. L’ipertensione è particolarmente comune tra le persone di origine africana, che spesso si sviluppa in età precoce rispetto ai bianchi. Anche complicazioni gravi, come ictus, infarto e insufficienza renale, sono più comuni nelle persone di origine africana.
  • Storia famigliare. La pressione alta tende a funzionare nelle famiglie.
  • Essere in sovrappeso o obesi. Più pesi, più sangue hai bisogno per fornire ossigeno e sostanze nutritive ai tuoi tessuti. All’aumentare del volume di sangue circolato attraverso i vasi sanguigni, aumenta anche la pressione sulle pareti delle arterie.
  • Non essere fisicamente attivi. Le persone inattive tendono ad avere una frequenza cardiaca più elevata. Più alta è la tua frequenza cardiaca, più il tuo cuore deve lavorare con ogni contrazione e più forte è la forza sulle tue arterie. La mancanza di attività fisica aumenta anche il rischio di essere in sovrappeso.
  • Usare il tabacco. Non solo fumare o masticare tabacco aumenta immediatamente la pressione sanguigna, ma le sostanze chimiche nel tabacco possono danneggiare il rivestimento delle pareti delle arterie. Ciò può causare il restringimento delle arterie e aumentare il rischio di malattie cardiache. Il fumo passivo può anche aumentare il rischio di malattie cardiache.
  • Troppo sale (sodio) nella dieta. Troppo sodio nella dieta può indurre il corpo a trattenere i liquidi, il che aumenta la pressione sanguigna.
  • Troppo poco potassio nella dieta. Il potassio aiuta a bilanciare la quantità di sodio nelle cellule. Se non assumi abbastanza potassio con la tua dieta o mantieni abbastanza potassio, potresti accumulare troppo sodio nel sangue.
  • Bere troppo alcol. Col tempo, bere molto può danneggiare il tuo cuore. Bere più di un drink al giorno per le donne e più di due drink al giorno per gli uomini può influire sulla pressione sanguigna. Se bevi alcolici, fallo con moderazione. Per gli adulti sani, ciò significa fino a un drink al giorno per le donne e due drink al giorno per gli uomini. Una bevanda equivale a 12 once di birra, 5 once di vino o 1,5 once di liquore a prova di 80.
  • Fatica. Livelli elevati di stress possono portare a un aumento temporaneo della pressione sanguigna. Se cerchi di rilassarti mangiando di più, usando tabacco o bevendo alcolici, potresti solo aumentare i problemi di ipertensione.
  • Alcune condizioni croniche. Alcune condizioni croniche possono anche aumentare il rischio di ipertensione, come malattie renali, diabete e apnea notturna.
  • A volte la gravidanza contribuisce anche all’ipertensione.

Sebbene la pressione alta sia più comune negli adulti, anche i bambini possono essere a rischio. Per alcuni bambini, l’ipertensione è causata da problemi ai reni o al cuore. Ma per un numero crescente di bambini, cattive abitudini di vita, come una dieta malsana, l’obesità e la mancanza di esercizio, contribuiscono all’ipertensione.

 

Complicazioni

L’eccessiva pressione sulle pareti delle arterie causata dall’ipertensione può danneggiare i vasi sanguigni e gli organi del corpo. Maggiore è la pressione sanguigna e più a lungo rimane incontrollata, maggiore è il danno.

L’ipertensione arteriosa incontrollata può portare a complicazioni tra cui:

  • Attacco di cuore o ictus. La pressione alta può causare l’indurimento e l’ispessimento delle arterie (aterosclerosi), che possono portare a un attacco di cuore, ictus o altre complicazioni.
  • Aneurisma. L’aumento della pressione sanguigna può causare l’indebolimento e il rigonfiamento dei vasi sanguigni, formando un aneurisma. Se un aneurisma si rompe, può essere pericoloso per la vita.
  • Insufficienza cardiaca. Per pompare il sangue contro la pressione più alta nei vasi, il cuore deve lavorare di più. Ciò provoca l’ispessimento delle pareti della camera di pompaggio del cuore (ipertrofia ventricolare sinistra). Alla fine, il muscolo ispessito potrebbe avere difficoltà a pompare abbastanza sangue per soddisfare le esigenze del tuo corpo, il che può portare a insufficienza cardiaca.
  • Vasi sanguigni indeboliti e ristretti nei reni. Ciò può impedire a questi organi di funzionare normalmente.
  • Vasi sanguigni ispessiti, ristretti o lacerati negli occhi. Ciò può causare la perdita della vista.
  • Sindrome metabolica. Questa sindrome è un insieme di disturbi del metabolismo del corpo, inclusa una maggiore circonferenza della vita; alti trigliceridi; colesterolo basso delle lipoproteine ​​ad alta densità (HDL), il colesterolo “buono”; ipertensione e livelli elevati di insulina. Queste condizioni aumentano le probabilità di sviluppare diabete, malattie cardiache e ictus.
  • Problemi con la memoria o la comprensione. La pressione alta incontrollata può influire sulla capacità di pensare, ricordare e imparare. Problemi con la memoria o la comprensione dei concetti sono più comuni nelle persone con ipertensione.
  • Demenza. Le arterie ristrette o bloccate possono limitare il flusso sanguigno al cervello, portando a un certo tipo di demenza (demenza vascolare).  Anche un ictus che interrompe il flusso sanguigno al cervello può causare demenza vascolare.

 

Diagnosi

Per misurare la pressione sanguigna, il medico o uno specialista di solito posizionano un bracciale gonfiabile attorno al braccio e misurano la pressione sanguigna utilizzando un misuratore di pressione.

Una lettura della pressione sanguigna, espressa in millimetri di mercurio (mm Hg), ha due numeri. Il primo o il numero superiore misura la pressione nelle arterie quando il cuore batte (pressione sistolica). Il secondo numero, o inferiore, misura la pressione nelle arterie tra i battiti (pressione diastolica).

Le misurazioni della pressione sanguigna rientrano in quattro categorie generali:

  • Pressione sanguigna normale. La tua pressione sanguigna è normale se è inferiore a 120/80 mm Hg.
  • Elevata pressione sanguigna. La pressione sanguigna elevata è una pressione sistolica compresa tra 120 e 129 mm Hg e una pressione diastolica inferiore a 80 mm Hg. La pressione sanguigna elevata tende a peggiorare nel tempo a meno che non vengano prese misure per controllare la pressione sanguigna.
  • Ipertensione di stadio 1. L’ipertensione allo stadio 1 è una pressione sistolica compresa tra 130 e 139 mm Hg o una pressione diastolica compresa tra 80 e 89 mm Hg.
  • Ipertensione di stadio 2. Ipertensione più grave, l’ipertensione allo stadio 2 è una pressione sistolica di 140 mm Hg o superiore o una pressione diastolica di 90 mm Hg o superiore.

Entrambi i numeri in una lettura della pressione sanguigna sono importanti. Ma dopo i 50 anni, la lettura sistolica è ancora più significativa. L’ipertensione sistolica isolata è una condizione in cui la pressione diastolica è normale (meno di 80 mm Hg) ma la pressione sistolica è alta (maggiore o uguale a 130 mm Hg). Questo è un tipo comune di ipertensione arteriosa tra le persone di età superiore ai 65 anni.

Il medico probabilmente eseguirà da due a tre letture della pressione sanguigna ciascuna in tre o più appuntamenti separati prima di diagnosticare la pressione alta. Questo perché la pressione sanguigna normalmente varia durante il giorno e può essere elevata durante le visite dal medico (ipertensione da camice bianco).

La pressione sanguigna generalmente dovrebbe essere misurata in entrambe le braccia per determinare se c’è una differenza. È importante utilizzare un bracciale di dimensioni adeguate.

Il medico potrebbe chiederti di registrare la pressione sanguigna a casa per fornire ulteriori informazioni e confermare se soffri di pressione alta.

Il medico può raccomandare un test di monitoraggio della pressione sanguigna di 24 ore chiamato monitoraggio della pressione sanguigna ambulatoriale per confermare se hai la pressione alta. Il dispositivo utilizzato per questo test misura la pressione sanguigna a intervalli regolari nell’arco di 24 ore e fornisce un’immagine più accurata delle variazioni della pressione sanguigna durante il giorno e la notte medi. Tuttavia, questi dispositivi non sono disponibili in tutti i centri medici e potrebbero non essere rimborsati.

Se soffri di qualsiasi tipo di pressione alta, il medico esaminerà la tua storia medica e effettuerà un esame fisico.

Il medico può anche raccomandare test di routine, come un test delle urine (analisi delle urine), esami del sangue, un test del colesterolo e un elettrocardiogramma, un test che misura l’attività elettrica del cuore. Il medico può anche raccomandare ulteriori test, come un ecocardiogramma, per verificare ulteriori segni di malattie cardiache.

 

Misurare la pressione sanguigna a casa

pressione alta, ipertensione

Un modo importante per verificare se il trattamento della pressione sanguigna sta funzionando, per confermare se si soffre di pressione alta o per diagnosticare un peggioramento della pressione alta, è monitorare la pressione sanguigna a casa.

I misuratori di pressione sanguigna domestici sono ampiamente disponibili e poco costosi e non è necessaria una prescrizione per acquistarne uno. Il monitoraggio della pressione sanguigna a casa non sostituisce le visite dal medico e i monitor della pressione sanguigna a casa potrebbero avere alcune limitazioni.

Assicurati di utilizzare un dispositivo convalidato e controlla che il bracciale si adatti. Portare il monitor con sé presso l’ambulatorio del medico per verificarne l’accuratezza una volta all’anno. Parla con il tuo medico su come iniziare a controllare la pressione sanguigna a casa.

 

Trattamento

Cambiare il tuo stile di vita può fare molto per controllare la pressione alta. Il medico potrebbe consigliarti di apportare modifiche allo stile di vita, tra cui:

  • Seguire una dieta salutare per il cuore con meno sale
  • Fare attività fisica regolare
  • Mantenere un peso sano o perdere peso se sei in sovrappeso o obeso
  • Limitare la quantità di alcol che bevi

Ma a volte i cambiamenti nello stile di vita non sono sufficienti. Oltre alla dieta e all’esercizio fisico, il medico può raccomandare farmaci per abbassare la pressione sanguigna.

Il tuo obiettivo di trattamento della pressione sanguigna dipende da quanto sei sano.

Il tuo obiettivo di trattamento della pressione sanguigna dovrebbe essere inferiore a 130/80 mm Hg se:

  • Sei un adulto in buona salute di 65 anni o più
  • Sei un adulto sano di età inferiore ai 65 anni con un rischio del 10% o più di sviluppare malattie cardiovascolari nei prossimi 10 anni
  • Hai una malattia renale cronica, diabete o malattia coronarica

Sebbene 120/80 mm Hg o inferiore sia l’obiettivo ideale per la pressione sanguigna, i medici non sono sicuri se sia necessario un trattamento (farmaci) per raggiungere quel livello.

Se hai 65 anni o più e l’uso di farmaci produce una pressione sanguigna sistolica inferiore (ad esempio meno di 130 mm Hg), i tuoi farmaci non dovranno essere cambiati a meno che non causino effetti negativi sulla tua salute o sulla qualità della vita.

La categoria di farmaci prescritti dal medico dipende dalle misurazioni della pressione sanguigna e da altri problemi medici. È utile collaborare con un team di professionisti medici esperti nel fornire cure per l’ipertensione per sviluppare un piano di trattamento personalizzato.

 

Farmaci per il trattamento della pressione alta

  • Diuretici tiazidici. I diuretici, a volte chiamati pillole per l’acqua, sono farmaci che agiscono sui reni per aiutare il corpo a eliminare sodio e acqua, riducendo il volume del sangue. I diuretici tiazidici sono spesso la prima, ma non l’unica, scelta tra i farmaci per l’ipertensione. I diuretici tiazidici includono clortalidone, idroclorotiazide (Microzide) e altri. Se non stai assumendo un diuretico e la tua pressione sanguigna rimane alta, parla con il tuo medico di aggiungerne uno o di sostituire un farmaco che stai assumendo con un diuretico. I diuretici o i bloccanti dei canali del calcio possono funzionare meglio per le persone di origine africana e gli anziani rispetto ai soli inibitori dell’enzima di conversione dell’angiotensina (ACE). Un effetto collaterale comune dei diuretici è l’aumento della minzione.
  • Inibitori dell’enzima di conversione dell’angiotensina. Questi farmaci – come il lisinopril (Zestril), il benazepril (Lotensin), il captopril (Capoten) e altri – aiutano a rilassare i vasi sanguigni bloccando la formazione di una sostanza chimica naturale che restringe i vasi sanguigni. Le persone con malattia renale cronica possono trarre vantaggio dall’avere un ACE inibitore come uno dei loro farmaci.
  • Bloccanti del recettore dell’angiotensina II. Questi farmaci aiutano a rilassare i vasi sanguigni bloccando l’azione, non la formazione, di una sostanza chimica naturale che restringe i vasi sanguigni. Gli ARB includono candesartan (Atacand), losartan (Cozaar) e altri. Le persone con malattia renale cronica possono trarre vantaggio dall’avere un ARB come uno dei loro farmaci.
  • Calcio antagonisti. Questi farmaci, tra cui amlodipina (Norvasc), diltiazem (Cardizem, Tiazac, altri) e altri, aiutano a rilassare i muscoli dei vasi sanguigni. Alcuni rallentano il tuo battito cardiaco. I bloccanti dei canali del calcio possono funzionare meglio per le persone anziane e le persone di origine africana rispetto ai soli ACE-inibitori.

Il succo di pompelmo interagisce con alcuni bloccanti dei canali del calcio, aumentando i livelli ematici del farmaco e aumentando il rischio di effetti collaterali. Parla con il tuo medico o il farmacista se sei preoccupato per le interazioni.

 

Farmaci aggiuntivi a volte usati per trattare la pressione alta

Se hai problemi a raggiungere il tuo obiettivo di pressione sanguigna con le combinazioni dei farmaci descritte sopra, il medico può prescriverti:

  • Alfa bloccanti. Questi farmaci riducono gli impulsi nervosi ai vasi sanguigni, riducendo gli effetti delle sostanze chimiche naturali che restringono i vasi sanguigni. Gli alfa-bloccanti includono doxazosina (Cardura), prazosina (Minipress) e altri.
  • Alfa-beta-bloccanti. Oltre a ridurre gli impulsi nervosi ai vasi sanguigni, gli alfa-beta bloccanti rallentano il battito cardiaco per ridurre la quantità di sangue che deve essere pompato attraverso i vasi. Gli alfa-beta-bloccanti includono carvedilolo (Coreg) e labetalolo (Trandate).
  • Beta bloccanti. Questi farmaci riducono il carico di lavoro del cuore e aprono i vasi sanguigni, facendo battere il cuore più lentamente e con meno forza. I beta bloccanti includono acebutololo (Sectral), atenololo (Tenormin) e altri. I beta-bloccanti di solito non sono raccomandati come l’unico farmaco che ti viene prescritto, ma possono essere efficaci se combinati con altri farmaci per la pressione sanguigna.
  • Antagonisti dell’aldosterone. Esempi sono lo spironolattone (Aldactone) e l’eplerenone (Inspra). Questi farmaci bloccano l’effetto di una sostanza chimica naturale che può portare a ritenzione di sale e liquidi, che può contribuire all’ipertensione.
  • Inibitori della renina. Aliskiren (Tekturna) rallenta la produzione di renina, un enzima prodotto dai reni che avvia una catena di passaggi chimici che aumenta la pressione sanguigna. Aliskiren agisce riducendo la capacità della renina di iniziare questo processo. A causa del rischio di gravi complicazioni, incluso l’ictus, non deve assumere aliskiren con ACE inibitori o ARB.
  • Vasodilatatori. Questi farmaci, tra cui l’idralazina e il minoxidil, agiscono direttamente sui muscoli delle pareti delle arterie, prevenendo il restringimento dei muscoli e il restringimento delle arterie.
  • Agenti ad azione centrale. Questi farmaci impediscono al cervello di segnalare al sistema nervoso di aumentare la frequenza cardiaca e restringere i vasi sanguigni. Gli esempi includono la clonidina (Catapres, Kapvay), la guanfacina (Intuniv, Tenex) e la metildopa.

Per ridurre il numero di dosi giornaliere di farmaci necessarie, il medico può prescrivere una combinazione di farmaci a basso dosaggio piuttosto che dosi maggiori di un singolo farmaco. In effetti, due o più farmaci per la pressione sanguigna spesso sono più efficaci di uno. A volte trovare il farmaco o la combinazione di farmaci più efficace è una questione di tentativi ed errori.

 

Ipertensione resistente: quando la pressione sanguigna è difficile da controllare

Se la pressione sanguigna rimane ostinatamente alta nonostante l’assunzione di almeno tre diversi tipi di farmaci per la pressione alta, uno dei quali di solito dovrebbe essere un diuretico, potresti soffrire di ipertensione resistente.

Anche le persone che hanno la pressione alta controllata ma assumono contemporaneamente quattro diversi tipi di farmaci per ottenere tale controllo sono considerate ipertensione resistente. La possibilità di una causa secondaria dell’ipertensione dovrebbe essere generalmente riconsiderata.

Avere ipertensione resistente non significa che la tua pressione sanguigna non si abbasserà mai. In effetti, se tu e il tuo medico potete identificare cosa c’è dietro la vostra pressione sanguigna costantemente alta, ci sono buone probabilità che possiate raggiungere il vostro obiettivo con l’aiuto di un trattamento più efficace.

Il medico o lo specialista dell’ipertensione può:

  • Valutare le potenziali cause della tua condizione e determina se possono essere trattate
  • Rivedere i farmaci che stai assumendo per altre condizioni e consigliare di non prendere quelli che peggiorano la pressione sanguigna
  • Consigliare di monitorare la pressione sanguigna a casa per vedere se la pressione sanguigna non si alzi proprio nello studio del medico (ipertensione da camice bianco)
  • Suggerire cambiamenti nello stile di vita sano, come seguire una dieta sana con meno sale, mantenere un peso sano e limitare la quantità di alcol che si beve
  • Apportare modifiche ai farmaci per la pressione alta per ottenere la combinazione più efficace
  • Considerare l’aggiunta di un antagonista dell’aldosterone come lo spironolattone (Aldactone), che può portare al controllo dell’ipertensione resistente

Sono allo studio alcune terapie sperimentali come l’ablazione a radiofrequenza con catetere dei nervi simpatici renali (denervazione renale) e la stimolazione elettrica dei barocettori del seno carotideo.

Se non prendi i farmaci per la pressione alta esattamente come indicato, la pressione sanguigna può pagarne il prezzo. Se salti le dosi perché non puoi permetterti i farmaci, perché hai effetti collaterali o semplicemente perché dimentichi di prendere i farmaci, parla con il tuo medico delle soluzioni. Non modificare il trattamento senza la guida del medico.

 

Stile di vita e rimedi casalinghi

I cambiamenti nello stile di vita possono aiutarti a controllare e prevenire l’ipertensione, anche se stai assumendo farmaci per la pressione sanguigna. Ecco cosa puoi fare:

  • Mangia cibi sani. Segui una dieta salutare per il cuore. Aumenta l’introito di frutta, verdura, cereali integrali, pollame, pesce e latticini a basso contenuto di grassi. Assumi molto potassio, che può aiutare a prevenire e controllare l’ipertensione. Mangia meno grassi saturi e grassi trans.
  • Diminuisci il sale nella tua dieta. Cerca di limitare il sodio a meno di 2.300 milligrammi (mg) al giorno o meno. Tuttavia, un apporto di sodio inferiore – 1.500 mg al giorno o meno – è l’ideale per la maggior parte degli adulti. Mentre puoi ridurre la quantità di sale che mangi appoggiando la saliera, in genere dovresti anche prestare attenzione alla quantità di sale presente negli alimenti trasformati che mangi, come zuppe in scatola o cene surgelate.
  • Mantieni un peso sano. Mantenere un peso sano o perdere peso se sei sovrappeso o obeso può aiutarti a controllare la pressione alta e a ridurre il rischio di problemi di salute correlati. In generale, puoi ridurre la pressione sanguigna di circa 1 mm Hg per ogni chilogrammo (circa 2,2 libbre) di peso che perdi.
  • Aumenta l’attività fisica. Un’attività fisica regolare può aiutare ad abbassare la pressione sanguigna, gestire lo stress, ridurre il rischio di diversi problemi di salute e mantenere il peso sotto controllo. Raggiungi almeno 150 minuti alla settimana di attività aerobica moderata o 75 minuti alla settimana di attività aerobica intensa, o una combinazione di attività moderata e vigorosa. Ad esempio, prova a camminare a ritmo sostenuto per circa 30 minuti quasi tutti i giorni della settimana. Oppure prova l’interval training, in cui alterni brevi periodi di attività intensa a brevi periodi di recupero di attività più leggera. Cerca di fare esercizi di rafforzamento muscolare almeno due giorni a settimana.
  • Limita l’alcol. Anche se sei sano, l’alcol può aumentare la pressione sanguigna. Se scegli di bere alcolici, fallo con moderazione. Per gli adulti sani, ciò significa fino a un drink al giorno per le donne e fino a due drink al giorno per gli uomini.
  • Non fumare. Il tabacco può danneggiare le pareti dei vasi sanguigni e accelerare il processo di accumulo di placca nelle arterie. Se fumi, chiedi al tuo medico di aiutarti a smettere.
  • Gestisci lo stress. Riduci il più possibile lo stress. Pratica tecniche di coping sane, come il rilassamento muscolare, la respirazione profonda o la meditazione. Anche fare attività fisica regolare e dormire molto può aiutare.
  • Tieni sotto controllo la pressione sanguigna a casa. Il monitoraggio della pressione sanguigna a domicilio può aiutarti a capire se i farmaci funzionano e persino avvisare te e il tuo medico di potenziali complicazioni. Il monitoraggio della pressione sanguigna a casa non sostituisce le visite dal medico e i monitor della pressione sanguigna a casa potrebbero avere alcune limitazioni. Anche se ottieni letture normali, non interrompere o cambiare i farmaci o modificare la tua dieta senza prima parlare con il tuo medico. Se la tua pressione sanguigna è sotto controllo, consulta il tuo medico per sapere quanto spesso devi controllarla.
  • Pratica il rilassamento o la respirazione lenta e profonda. Esercitati a fare respiri lenti e profondi per rilassarti. Sono disponibili alcuni dispositivi che promuovono la respirazione lenta e profonda. Secondo l’American Heart Association, la respirazione guidata dal dispositivo può essere un’opzione ragionevole non farmacologica per abbassare la pressione sanguigna, specialmente quando l’ansia accompagna l’ipertensione oi trattamenti standard non sono ben tollerati.
  • Controlla la pressione sanguigna durante la gravidanza. Se sei una donna con pressione sanguigna alta, discuti con il tuo medico come controllare la pressione sanguigna durante la gravidanza.

 

Come prepararsi per l’appuntamento con il medico

Se pensi di avere la pressione alta, fissa un appuntamento con il tuo medico di famiglia per farti controllare la pressione sanguigna.

Non sono necessarie preparazioni speciali per controllare la pressione sanguigna. Potresti indossare una maglietta a maniche corte al tuo appuntamento in modo che il bracciale per la pressione sanguigna possa adattarsi correttamente al tuo braccio. Evita di mangiare, bere bevande contenenti caffeina e fumare subito prima del test. Pianifica di andare in bagno prima di farti misurare la pressione sanguigna.

Poiché alcuni farmaci, come farmaci da banco per il raffreddore, farmaci per il dolore, antidepressivi, pillole anticoncezionali e altri, possono aumentare la pressione sanguigna, potrebbe essere una buona idea portare un elenco di farmaci e integratori che prendi. Non interrompere l’assunzione di farmaci su prescrizione che ritieni possano influire sulla pressione sanguigna senza il consiglio del medico.

Poiché gli appuntamenti possono essere brevi e poiché spesso c’è molto da discutere, è una buona idea essere preparati per l’appuntamento. Ecco alcune informazioni per aiutarti a prepararti per il tuo appuntamento e cosa aspettarti dal tuo medico.

Cosa puoi fare

  • Annota i sintomi che stai riscontrando. L’ipertensione ha raramente sintomi, ma è un fattore di rischio per le malattie cardiache. Informare il medico se si hanno sintomi come dolori al petto o mancanza di respiro può aiutare il medico a decidere con quale aggressività deve essere trattata la pressione alta.
  • Annota le informazioni personali chiave, inclusa una storia familiare di ipertensione, colesterolo alto, malattie cardiache, ictus, malattie renali o diabete e qualsiasi stress importante o recente cambiamento di vita.
  • Fai un elenco di tutti i farmaci, vitamine o integratori che stai assumendo.
  • Porta con te un familiare o un amico, se possibile. A volte può essere difficile ricordare tutte le informazioni fornite durante un appuntamento. Qualcuno che ti accompagna potrebbe ricordare qualcosa che ti sei perso o dimenticato.
  • Preparati a discutere della tua dieta e delle tue abitudini di esercizio. Se non segui già una dieta o un esercizio di routine, sii pronto a parlare con il tuo medico di eventuali difficoltà che potresti incontrare all’inizio.
  • Scrivi le domande da porre al tuo medico.

Il tuo tempo con il tuo medico è limitato, quindi preparare un elenco di domande ti aiuterà a sfruttare al meglio il tuo tempo insieme. Elenca le tue domande dalla più importante alla meno importante nel caso in cui il tempo scada. Per la pressione alta, alcune domande fondamentali da porre al medico includono:

  • Di che tipo di test avrò bisogno?
  • Ho bisogno di farmaci?
  • Quali cibi dovrei mangiare o evitare?
  • Qual è il livello appropriato di attività fisica?
  • Quanto spesso devo programmare appuntamenti per controllare la mia pressione sanguigna?
  • Devo monitorare la mia pressione sanguigna a casa?
  • Quali sono le alternative all’approccio primario che stai suggerendo?
  • Ho altre condizioni di salute. Come posso gestirli al meglio insieme?
  • Ci sono restrizioni che devo seguire?
  • Dovrei vedere uno specialista?
  • Esiste un’alternativa generica al medicinale che mi stai prescrivendo?
  • Ci sono opuscoli o altro materiale stampato che posso portare a casa con me?
  • Quali siti consigli di visitare?

Oltre alle domande che ti sei preparato a porre al tuo medico, non esitare a fare domande durante il tuo appuntamento ogni volta che non capisci qualcosa.

Cosa aspettarsi dal proprio medico

È probabile che il medico ti ponga una serie di domande. Essere pronti a rispondere può riservare del tempo per esaminare i punti a cui si desidera dedicare più tempo. Il tuo medico potrebbe chiedere:

  • Hai una storia familiare di colesterolo alto, ipertensione o malattie cardiache?
  • Come sono la tua dieta e le tue abitudini di esercizio?
  • Bevi alcolici? Quanti drink bevi in ​​una settimana?
  • Fumi?
  • Quando è stata controllata l’ultima volta la pressione sanguigna? Qual è stata la tua misurazione della pressione sanguigna allora?

Cosa puoi fare nel frattempo

Non è mai troppo presto per apportare cambiamenti salutari allo stile di vita, come smettere di fumare, mangiare cibi sani e diventare più attivi fisicamente. Queste sono le principali linee di difesa contro l’ipertensione e le sue complicanze, inclusi infarto e ictus.

 

Tiriamo le somme | Lo specialista

L’ipertensione si sviluppa generalmente per molti anni e alla fine colpisce quasi tutti.

Fortunatamente, l’ipertensione può essere facilmente rilevata anche attraverso esami come l’Holter pretorio delle 24h.

E una volta che sai di avere la pressione alta, puoi lavorare con il tuo cardiologo per gestirla.

I cardiologi bravi riescono con le dovute terapie farmacologiche a tenere la tua pressione arteriosa costantemente entro i limiti fisiologici.

  • Prenota una visita con il cardiologo

 

Fonte: MayoClinic

Vuoi collaborare all'articolo?

Vuoi apportare il tuo importante contributo all'articolo? Sentiti libero di scrivere il tuo pensiero e ne faremo tesoro.

Diventa uno 'Specialist
Articoli correlati