Facebook pixel

La riatletizzazione post riabilitazione

La riatletizzazione post riabilitazione

La riatletizzazione è la rieducazione funzionale dopo la fase riabilitativa acuta.

Quindi è l’ultima fase del percorso rieducativo, nella quale, utilizzando i principi dell’allenamento sportivo specifico, si raggiunge il completo recupero delle capacità condizionali e delle abilità sport-specifiche dell’atleta.

La riatletizzazione avviene nella fase immediatamente successiva alla riabilitazione, ecco tutte le fasi del recupero funzionale:

  1. Diagnosi post infortunio > Medico
  2. Cura (farmacologica-chirurgia) > Medico
  3. Riabilitazione > Fisioterapista
  4. Riatletizzazione  > Preparatore atletico
  5. Ritorno incondizionato all’attività sportiva > Allenatore
  6. Follow-Up durante post ripresa  >Medico

 

Approfondimento sulla Procedura del Recupero Funzionale Post-infortunio

 

In che condizioni psicologiche arriviamo alla fase di riatletizzazione?

In alcuni casi, alla fine della fase di riabilitazione spesso l’atleta si sente pronto a ripartire, questo status abbassa la percezione del rischio individulae. La pratica conseguenza spesso risulta essere un ridotto impegno nella fase di riatletizzazione e ciò espone lo sportivo al rischio di recidiva o al rischio di non tornare ai livelli tecnico- atletici antecedenti l’infortunio.

In altri casi invece persistono dei blocchi psicologici non giustificati dalla condizione clinica dello sportivo, e sono dovuti a:

  • Paura di incorrere nuovamente in un infortunio o che si ripresenti il dolore;
  • Frustrazione di non riuscire a ritornare velocemente ai livelli atletici e tecnici precedente al trauma;
  • Dubbio di non essere in condizione psicofisica ottimale per fare tutto come prima;

 

In che condizioni fisiche arriviamo alla fase di riatletizzazione?

Le condizioni fisiche più frequenti post riabilitazione fisioterapica includono dolore o fastidio che ancora persiste in determinati movimenti e minor livello di forza dell’arto leso rispetto al controlaterale.

 

Il preparatore atletico

È da queste considerazioni che nasce l’esigenza di programmare degli allenamenti personalizzati che tengano in considerazione la natura dell’infortunio, i disturbi che persistono e lo sport specifico del soggetto. Ecco quindi che entra in gioco la figura del preparatore atletico.

Il preparatore atletico è la figura che funge da collante tra lo staff medico-fisioterapico ed il ritorno allo sport.

Questi programmerà gli allenamenti, in particolare svilupperà dei protocollo di recupero funzionale dinamici, adattabili e modificabili sulla base dei feedback  del fisioterapista, del medico e della quotidiana risposta dello sportivo.

 

Quali sono gli obiettivi della fase di riatletizzazione?

La funzione delle riatletizzazione non è solo quella di riportarti nella condizione in cui eri prima dell’infortunio, ma, se possibile, in una condizione addirittura superiore se la tua condizione precedente non è stata sufficiente a proteggere dal trauma.

Il preparatore atletico seguirà passo passo i miglioramenti dell’atleta valutando e monitorando periodicamente la quantità e la qualità dei progressi compiuti e riadattando gli obiettivi di breve e medio termine in base alla risposta  ed ai tempi a disposizione che spesso sappiamo non essere illimitati.

 

Le tre fasi della riatletizzazione

Il percorso di Riatletizzazione Post Infortunio solitamente è composto da 3 fasi:

  1. Consulenza e Valutazione – fase 1
    E’ una seduta valutativa, si svolge in studio ed è composta da un breve colloquio con finalità di anamnesi seguito da uno specifico protocollo di test per individuare le priorità su cui concentrare le energie.
  2. Allenamento Generale – Fase 2
    a) Miglioramento del tono/trofismo e forza muscolare;
    b) controllo del movimento;
    c) miglioramento della resistenza;
  3. Allenamento specifico – Fase 3
    Consiste in esercitazioni che riproducono situazioni reali di sport, partendo da intensità blande fino ad elevate.

 

I test per professionisti e semi-professionisti

Prima del rientro in campo verranno effettuati test di forza, controllo motorio e resistenza in modo da assicurarsi che siano stati raggiunti i valori necessari all’attività agonistica.

La riatletizzazione in assenza di infortunio

Protocolli di  riatletizzazione sono utili anche dopo periodi di lungo riposo  atletico o in momenti pre-competizione. Ecco un video che mostra un protocollo di riatletizzazione dei Chicago Bulls in seguito ad un lungo stop.

Conclusioni

Dopo le fasi di riabilitazione e riatletizzazione, seguono le fasi di reinserimento graduale “in campo” ed infine la ripresa completa dell’attività sportiva.

Una volta tornati in campo è fondamentale eseguire un follow-up, ovvero una visita medica di controllo  successivo alla riabilitazione al fine testare ed accertare la ripresa totale delle competenze fisiche funzionali.

Vuoi collaborare all'articolo?

Vuoi apportare il tuo importante contributo all'articolo? Sentiti libero di scrivere il tuo pensiero e ne faremo tesoro.

Diventa uno 'Specialist
Articoli correlati