Nel corso della tua vita finora, probabilmente hai fatto una cosa o due di cui ti penti.

La maggior parte delle persone lo ha fatto, poiché gli errori sono normali per la crescita umana. Tuttavia, il senso di colpa che si insinua e occupa spazio nella tua coscienza può causare notevole disagio emotivo e fisico.

Il senso di colpa è la convinzione persistente di aver fatto qualcosa di sbagliato o di poter fare qualcosa di sbagliato. Quando al senso di colpa si unisce la preoccupazione costante, sentimenti di ansia e vergogna, si può parlare di un complesso di colpa, una condizione mentale che può portare a diversi altri sintomi di malessere psicofisico.

Cos’è il Complesso di Colpa?

Un complesso di colpa può essere il risultato di un danno reale che una persona può aver causato, ma può anche incentrarsi sulla colpa immaginata o percepita. La persona può pensare di aver fatto qualcosa di sbagliato, anche se non l’ha fatto. In altri casi, l’individuo può sopravvalutare il proprio ruolo in una situazione, credendo che i propri errori minori abbiano avuto un impatto molto più grave di quanto non abbiano realmente fatto.

È importante notare che mentre un senso di colpa persistente anche se può portare significativo disagio psicofisico, non è riconosciuto come una condizione clinica separata nel Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali, quinta edizione (DSM-5) .

Cause Comuni del Senso di Colpa Persistente

Alcune cause comuni di colpa includono:

  • sopravvivere a traumi o disastri
  • conflitto tra i valori personali e le scelte che hai fatto
  • problemi di salute mentale o fisica
  • pensieri o desideri che ritieni di non dover avere
  • prendersi cura dei propri bisogni quando si crede di dover concentrarsi sugli altri

Sintomi Psicofisici

La colpa è descritta come un’emozione autocosciente che implica valutazioni negative di sé, sentimenti di angoscia e sentimenti di fallimento. Alcuni dei sintomi che potresti riscontrare con un complesso di colpa includono:

  • Ansia
  • Pianto
  • Insonnia
  • Tensione muscolare
  • Preoccupazione per gli errori del passato
  • Rimpiangere
  • Mal di stomaco
  • Preoccupazione

Altre Conseguenze del Senso di Colpa Persistente

Un complesso di colpa può avere un grave impatto sul benessere generale di una persona. Nel tempo, le persone possono iniziare a sviluppare un senso di inadeguatezza che rende loro difficile perseguire gli obiettivi. Possono pensare di non meritare di andare avanti e possono impegnarsi in comportamenti progettati per punirsi per i loro errori.

I sentimenti di vergogna sono un’altra conseguenza comune di un complesso di colpa. Come risultato

Senso di Colpa o Vergogna?

Quando ti senti in colpa per la cosa sbagliata che hai fatto, puoi prendere provvedimenti per rimediare e lasciartelo alle spalle. Ma provare vergogna, o essere convinti di essere la cosa sbagliata, non offre un modo chiaro per “tornare” a sentirsi più positivi con se stessi. Questa è una differenza tra vergogna e senso di colpa.

senso di colpa o vergogna

Fonte: verywellmind

Come Affrontare il Senso di Colpa

Al momento, ignorare il tuo senso di colpa o cercare di allontanarlo potrebbe sembrare una strategia utile. Se non ci pensi, potresti ragionare, alla fine diminuirà e scomparirà. Giusto?

In realtà, no.

Come altre emozioni, il senso di colpa non affrontato può aumentare e intensificarsi, facendoti sentire peggio nel tempo.

Rifiutare di riconoscere la tua colpa potrebbe temporaneamente impedire che si riversi nella tua vita di tutti i giorni, ma mascherare le tue emozioni generalmente non funziona come strategia permanente. Affrontare veramente il senso di colpa richiede che tu accetti prima quei sentimenti, per quanto spiacevoli siano.

Prova questo esercizio

  • Metti da parte un po’ di tempo tranquillo per te stesso.
  • Porta con te un diario per tenere traccia dei tuoi pensieri.
  • Dì a te stesso o scrivi cosa è successo: “Mi sento in colpa perché ho urlato contro i miei figli”. “Ho infranto una promessa”. “Ho tradito un’aspettativa”
  • Apri mentalmente la porta al senso di colpa, alla frustrazione, al rimpianto, alla rabbia e a qualsiasi altra emozione che potrebbe sorgere. Scrivere ciò che ritieni possa aiutare.
  • Siediti con quei sentimenti ed esplorali con curiosità invece che con giudizio. Molte situazioni sono più complesse di quanto appaiano a prima vista e sciogliere il nodo dell’angoscia può aiutarti a capire meglio ciò che provi veramente.

Ricorri all’Aiuto di uno Specialista

Un percorso di psicoterapia può aiutarti a gestire i sentimenti negativi legati ad un senso di colpa persistente. Insieme al terapeuta sarà possibile esplorare i motivi del tuo disagio fisico e mentale e comprendere il modo migliore per liberartene e riprendere il controllo sulla tua vita.

  • Contatta uno Psicoterapeuta

Esplora la Fonte del Senso di Colpa

Prima di poter affrontare con successo il senso di colpa, devi riconoscere da dove viene.

È normale sentirsi in colpa quando sai di aver fatto qualcosa di sbagliato, ma il senso di colpa può anche mettere radici in risposta a eventi con cui non hai avuto molto o niente a che fare.

Riconoscere gli errori è importante, anche se li ammetti solo a te stesso. È altrettanto importante, tuttavia, prendere nota quando ti incolpi inutilmente per cose che non puoi controllare.

Le persone spesso provano sensi di colpa per cose che non dipendono realmente da loro. Potresti sentirti in colpa per aver rotto con qualcuno che tiene ancora a te, o perché hai un buon lavoro e il tuo migliore amico non riesce a trovarne uno.

Il senso di colpa può anche derivare dalla convinzione di non aver soddisfatto le aspettative che tu o altri ti sei prefissato. Naturalmente, questo senso di colpa non riflette lo sforzo che hai fatto per superare le sfide che ti impediscono di raggiungere quegli obiettivi.

Chiedi Scusa e Fai Ammenda

Scuse sincere possono aiutarti a iniziare a riparare il danno dopo un’azione illecita. Chiedendo scusa, trasmetti rimorso e rimpianto alla persona che hai ferito e fai sapere loro come intendi evitare di commettere lo stesso errore in futuro.

Potresti non ricevere il perdono immediatamente – o mai – poiché le scuse non sempre riparano la fiducia infranta.

Scusarsi sinceramente ti aiuta comunque a guarire, poiché ti offre la possibilità di esprimere i tuoi sentimenti..

Per scusarti efficacemente, ti consigliamo di:

  • riconoscere il tuo ruolo nella situazione
  • mostrare rimorso
  • evitare di trovare spiegazioni alternative
  • chiedere perdono

Le scuse più sincere non significano nulla se non fai mai le cose in modo diverso.

In Conclusione: Liberati dal Senso di Colpa Cambiando Te Stesso

Fare ammenda significa impegnarsi a cambiare. Forse ti senti in colpa per non aver passato abbastanza tempo con i tuoi cari o per non essergli stato vicino quando avevano bisogno di supporto. Dopo esserti scusato con le persone che pensi di aver ferito, potresti dimostrare il tuo desiderio di cambiare chiedendo “Cosa posso fare per aiutarti?” o “Come posso essere lì per te?”

Potresti non essere sempre in grado di scusarti direttamente. Se non riesci a metterti in contatto con la persona che hai ferito, prova invece a scrivere una lettera. Mettere le tue scuse su carta può comunque essere utile, anche se la persona interessata potrebbe non vederle mai.

Impara ad accettare i tuoi errori e ricorda: nessuno fa sempre tutto bene.

Se non riesci a liberarti dal senso di colpa contatta uno psicoterapeuta.

 

 

 

Fonti

  1. Healthline.com
  2. VeryWellMind.com
  3. Guimón J, Las Hayas C, Guillén V, Boyra A, González-Pinto A. Vergogna, sensibilità alla punizione e disturbi psichiatrici . Il Giornale Europeo di Psichiatria . 2007 Jun;21(2):124-33.
  4. Dearing RL, Stuewig J, Tangney JP. Sull’importanza di distinguere la vergogna dalla colpa: relazioni con l’uso problematico di alcol e droghe . Comportamento tossicodipendente . 2005;30(7):1392-404. doi:10.1016/j.addbeh.2005.02.002
  5. Mulini RS. Fare il punto sulla letteratura evolutiva sulla vergogna . Revisione dello sviluppo . 1 marzo 2005; 25 (1): 26-63. doi:10.1016/j.dr.2004.08.001
  6. Brown MZ, Linehan MM, Comtois KA, Murray A, Chapman AL. La vergogna come potenziale predittore di lesioni autoinflitte nel disturbo borderline di personalità: un’analisi multimodale . Comportarsi Res Ther . 2009;47(10):815-22. PMID: 19596223